Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Arte, bellezza e crazione: riflessioni a partire dalla storia di un'idea

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
victorinox
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
L'idea di bellezza non è un concetto statico, ma una realtà plastica, che si è formata trasformata e modificata a partire da un substrato formato dalla sensibilità umana e dalla cultura contenente.
In principio fù il bello come ordine, equilibrio e misura. Bello era ciò che ben imitava (mimesis) il reale riportandolo all'ordine (razionale) che si supponeva esserne il sostrato ontologico.


Il bello come mancanza d'ordine, o come gioco realizzato attraverso l'ordine è invece una scoperta molto più recente, resa concepibile dall'introduzione dell'idea di interioriorità. Il viaggio all'interno dell'uomo, iniziato per tutt'altre ragioni da S.Agostino, introduce nella cultura l'idea di profondità interiore in luogo della frammentazione dell'interiorità classica, luogo di caos e disordine. I sentimenti, degni d'ascolto e portatori di messaggi iniziano ad essere ascoltati ma non trovano subito posto nell'arte asservita ad altre finalità. Perchè il bello divenga una questione interiore occorrono altri passi ed essi verranno compiuti lentamente a partire dal 400'. L'idea di genio, diventa espressione dell'originalità irripetibile dell'artista e successivamente tale idea si salda con quella di mondo interiore dell'artista. Il primo passaggio si realizza attraverso una sorta di "individualizzazione" dell'arte. Il secondo invece si compie per "trasferimento". Laddove prima si imitava la natura fuori di noi, ora si imita la natura in noi, e lo si fa perchè essa è degna di ascolto e perchè il mondo interiore di ogni uomo costituisce un unicum.


In questo modo il bello diventa sempre più qualcosa di emotivo e come talepassibile di legittimo disordine e portatore di un intrinseca varietà. Non esiste un unico bello, ma molte bellezze e tale bellezza può essere "ordinata", "disorganizzata", "deforme"...
Questo processo è alla radice della "producibilità" e della compresibilità della bellezza grottesca, astratta, surreale...
Mentre il bello si fa intimo e personale, si allenta un altro rapporto, o meglio una diade di rapporti: quello tra idea e materia, e quello tra opera e pubblico.
Quanto più l'arte è intima, tanto meno deve piegarsi ad esigenze di comprensibilità, cioè sacrificarsi ai vincoli che impone la realizzazione dell'idea in una materia e rendersi fruibile ad un pubblico. L'arte è arte per se, una produzione autoreferenziale. La tecnica è trascurabile, i termini di recezione anche. L'arte da opera diviene creazione assoluta.




Qual'è la vostra idea di bellezza? Quali i parametri del vostro giudizio sul bello?
E' esso soltanto una questione di gusto, oppure esistono dei parametri di riferimento in grado di stabilire cosa è bello?
In che misura l'idea dell'artista determina tale bello? E' essa sufficiente a rendere bella un opera a prescindere dalla sua "incarnazione" o al contrario bello è l'incontro dei due elementi, o l'elemento materiale prescindendo dall'idea?
L'arte deve fare lo sforzo di farsi capire, o al contrario non deve farlo?
Rispondendo a queste domande si toccano molte questioni, come quella del valore dell'originalità, quella del senso d'appartenenza, dell'impegno, dell'individuo....
L'arte infatti manifesta qualcosa, ma di per sè non è nulla e ciò che manifesta è infondo il valore che noi attribuiamo al nostro essere qui.

Vedi il profilo dell'utente
2
Zadig
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
non è bello ciò che è bello, ma che bello che bello che bello.

Vedi il profilo dell'utente
3
Massimo Vaj
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico

Vedi il profilo dell'utente
4
Zadig
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem

Vedi il profilo dell'utente
5
Faust
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Il bello è una sensazione

Vedi il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum