Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Cannibalismo e psicologia

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Faust
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato


Il termine cannibalismo è utilizzato per definire il comportamento di tutte quelle speci che si cibano di con simili.

Si possono distinguere diverse tipologie di cannibalismo: il cannibalismo guerriero, perpetrato ad danni dei vinti in guerra ( spesso la testa diviene un feticcio); il cannibalismo religioso, in cui il corpo delle vittime viene consumato in un pasto rituale( in questo caso può trattarsi di persone già morte, e si parla allora di necrofagia) o di vittime sacrificali. Si consumano in genere visceri, cuore e cervello); cannibalismo per indigenza ( la consumazione è circoscritta alle parti muscolari); cannibalismo per condanna ( allo smembramento pubblico segue la consumazione del corpo del reo); cannibalismo culinario ( tipico di popoli poveri e circoscritto); cannibalismo per vendetta ( si riscontra in popolazioni con un forte culto della vendetta e viene agito in genere da soggetti devianti. L’uccisione prevede smembramento); cannibalismo psicopatologico ( è agito da persone devianti, spesso in forma seriale. La matrice è in genere sessuale e relazionale. I soggetti, incapaci di rapportarsi con il sesso desiderato, uccidono e divorano le parti desiderate compiendo spesso atti sessuali sul cadavere).

Ma quali sono le sue radici?
In termini psicoanalitici mangiare un proprio simile significa possederlo affettivamente. La dinamica è riconducibile alla fase sadico-orale, in cui il bimbo conosce il mondo attraverso la bocca e ricerca l’appagamento incorporando l’oggetto parziale seno. Nel cannibalismo psicopatologico, questa dinamica si associa ad inabilità relazionale che dischiude l’incorporarzione dell’altro come unica possibilità di possesso affettivo. Il cannibalismo psicopatologico è in altre parole molto vicino al cannibalismo sessuale, una pratica che si può osservare in alcune specie animali i quali si mangiano, letteralemente parlando, il proprio partner durante o dopo la copula, ma chiama in causa la dimensione simbolica.
Amore e potere sfumano l’uno nell’altro, non a caso abbiamo parlato di “possesso affettivo”. Negli atti di cannibalismo è presente il desiderio di esprimere potere sulla vittima. Eisterebbero quindi anche forti sentimenti di ostilità e paura che condurrebbero l’antropofago a cercare vendetta contro gli altri per rafforzare la sua posizione di potere.
Da quanto osservato emerge come ciò che si manifesta nel cannibalismo psicopatologica sia anche presente nelle forme culturali di cannibalismo citate sopra. Anche nel cannibalismo religioso e in quello guerriero ad esempio, per ragioni differenti, si desidera assimilare una qualità della vittima ed il pasto è quindi un veicolo di possesso. Ma c’è una profonda differenza. In questi due casi la pratica è ratificata dalla società e agita secondo certe regole, mentre negli altri casi è agita sulla base di un bisogno privato di tipo compulsivo. La maggioranza degli psicologi coincide sul fatto che queste pratiche sono il risultato di un trauma infantile che sfocia in frustrazione e aggressività. Insomma, il pasto cannibale sarebbe un atto simbolico, che coinvolgerebbe attraverso le vittime figure molto vicine a loro, e che a causa dei legami sentimentali molto stretti non possono divenire vittime dirette.

Quest’idea implica che l’antropofago molte volte ricorre alla reificazione per poter commettere i sui crimini, e cioè che cerca di eliminare dalle persone le loro caratteristiche umane per poterle considerare come degli oggetti, in questo modo non gli è difficile commettere i sui crimini e si sente libero dai sensi di colpa. Tuttavia, esiste una piccola percentuale di casi che non si spiega con la teoria dei traumi infantili, ed allora soltanto la spiegazione in chiave sessuale resta efficace: il cannibalismo sarebbe il massimo livello di sadismo e una miscela di sadismo e necrofilia. L’origine in ogni caso resta da ricercare nella fase sadico-orale.



Quanto ci terrorizzano queste pratiche?
Eppure la dinamica psicologica che le sostiene non ci è estranea, ed è soltanto una recente trasformazione culturale ad averle escluse dal nostro modo rendendole tabù.
Cosa ha reso il cannibalismo un tabù? Forse il timore di diventare il pasto di qualcun altro? Le diverse forme di cannibalismo, vi fanno lo stesso effetto o le valutate diversamente? Perché la cultura ha quasi sempre seguito un percorso che l'ha portata a condannare e a rendere tbù il cannibalismo? Perché poi alcuni individui deviano da tale percorso trasformandosi in cacciatori di altri uomini?


Vedi il profilo dell'utente
2
victorinox
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Il cannibalismo si realizza a prezzo di una trasposizione fantasmatica di un oggetto esterno da fuori a dentro. Si tratta nello specifico di un procedimento studiato dai teorici delle relazioni oggettuali, in cui si ipotizza che un modello relazionale possa essere introiettato e divenire un prototipo interno, oppure (un po' peticamente) una parte della propria personalità, estroflessa all'esterno dopo essere stata scissa, viene elaborata e processata dal terapeuta e poi introiettata in maniera modificata. Insomma, un oggetto o evento esterno viene a far parte del nostro impianto mentale: introiezione.
Credo che questa base sia comune. Ma è profondamente differente la posizione psicologica di un soggetto che agisce colto da raptus tale comportamento opponendosi alla sua comunità, e chi invece nel farlo partecipa ad un rito con i suoi consimili. L'aggressività è sempre in gioco, ma nel secondo caso non è eversiva e si trasforma il altro nell'atto del rito. Il cannibale psicopatologico invece la sfoga per ciò che è senza mai appagarsi e senza trasmutarla. Questo perchè agisce per compulsione e perchè la sua vera meta rimossa è un'altra.
Se aggiungo questa considerazione, ad altre di ordine etico, il mio giudizio non può che essere differente, pur aborrendo per provenienza culturale il cannibalismo in ogni sua forma.

Vedi il profilo dell'utente
3
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
scratch

La logica del cannibale:

1 :Io vivo nella paura della morte.
2 :Gli dei sono immortali.
3 :Io sono ciò che mangio.
4: E allora? Allora catturo un dio,lo ammazzo,lo mangio e così divento immortale come quel Dio.
5 :Problema:"Ma dove vado a pescare un dio?"
6 :Soluzione del problema:"Catturo un nemico qualsiasi,poi vado dallo stregone il quale lo trasforma in un dio,lo ammazzo e gli mangio il cuore e così diventerò anch'io immortale."
7 : "E se mi avanza qualcosa,lo darò a qualche mio amico dicendogli :"Corpo
e sangue di nostro Signore Ubar Tutu."

nascondersi

Vedi il profilo dell'utente
4
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum