Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Celibato e Sacerdozio: un legame necessario?

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
IlDucaBianco
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
La tradizione cattolica fa risalire l'ideale del celibato come forma di piena dedizione al servizio divino a un passo del Vangelo di Matteo (19,12): “... ci sono di quelli che si son fatti eunuchi da sé in vista del regno dei cieli. Chi può comprendere, comprenda”.
Alle origini non esisteva alcun tipo di vincolo in tal senso e non ve n’è traccia nelle delibere del Concilio di Nicea. Poi, l’influenza sempre più forti delle correnti monastiche di stampo ascetico iniziò a rendere l’idea di un sacerdote coniugato sempre meno accettabile, visto che doveva armeggiare durante la liturgia con il corpo e il sangue di Cristo. Eppure si giunge al medioevo senza una linea costante e precisa in merito. La tendenza è quella di ribadire il valore del celibato, sancito nuovamente nell’anno 1000 durante il Sinodo di Reims, ma non mancano voci contrarie. Il celibato infondo, diventa indiscutibile soltanto dopo il Concilio di Trento . In precedenza si parlava dell’obbligo di non contrarre matrimonio e non convivere. Da questo momento in poi, le regole sono molto più precise e dettagliate. Il legame tra sacerdozio e celibato è stabilito per legge, cioè la vocazione al sacerdozio e il dono del celibato sono due cose distinte e la legge stabilisce che chi ha solo la vocazione al sacerdozio non debba essere ordinato. La vocazione al sacerdozio senza il dono del celibato significa vocazione al sacerdozio con vocazione matrimoniale.



Quali possono essere state secondo voi le ragioni che hanno portato all’introduzione di questo vincolo?
Esso ha fondamenti religiosi? O piuttosto si tratta di una scelta politica?
La presenza del celibato, aggiunge qualcosa al valore del servizio di un prete?
Siete favorevoli o contrari alla sua presenza?
Si tratta per voi di una scelta necessaria?

Vedi il profilo dell'utente
2
ThanksGod
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Secondo me, è dovuta ad un fatto economico; non credo che un prete riesca a portare avanti una famiglia senza uno stipendio dall'alto.
E ho sentito che il prete dovrebbe dedicarsi alla comunità e farsi alla famiglia sarebbe meno seguito il popolo....mhà;
a mio avviso, i preti potrebbero sposarsi tranquillamente.

Vedi il profilo dell'utente
3
Zadig
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@ThanksGod ha scritto:Secondo me, è dovuta ad un fatto economico; non credo che un prete riesca a portare avanti una famiglia senza uno stipendio dall'alto.
E ho sentito che il prete dovrebbe dedicarsi alla comunità e farsi alla famiglia sarebbe meno seguito il popolo....mhà;
a mio avviso, i preti potrebbero sposarsi tranquillamente.
si, il celibato è per un fatto economico, ma non quello che dici tu: la Chiesa, avida e spregevole com'è, non vuole che un prete abbia famiglia sennò poi deve mantenere la moglie e gli eventuali figli.
E poi dicono che gli ebrei sono avidi...

Vedi il profilo dell'utente
4
ThanksGod
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Si Zadig, è quello che intendevo dire, ma solo in modo meno cruento cool

Vedi il profilo dell'utente
5
Zadig
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
avere tatto è la mia miglior dote...
Pensa tu come sono i difetti.

Vedi il profilo dell'utente
6
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
inchino
Nell'anno 1079,papa Gregorio 7° istituisce il celibato dei preti.
In totale contrasto con la dottrina di S.Paolo:

http://www.cristianesimo.it/lista.htm

inchino

Vedi il profilo dell'utente
7
Cenere79
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
@IlDucaBianco ha scritto: In precedenza si parlava dell’obbligo di non contrarre matrimonio e non convivere. ?

In effetti il matrimonio nel clero fu osteggiato fin dall'età tardo-antica (per es. disposizioni sinodali imponevano al chierico ammogliato che diventava diacono o sacerdote di separarsi dalla moglie o astenersi dall'avere con essa rapporti sessuali) mentre, nei fatti, era assai tollerato il concubinato monogamico (che divergeva dal matrimonio soprattutto per due aspetti fondamentali: 1) i figli naturali non avevano diritto all'eredità 2) non ci si impegnava esplicitamente a convivere), che anzi, durante il Medioevo, dilagò (mentre il matrimonio del clero diventava più raro), specialmente nel clero che operava nelle campagne (e avveniva anche che i figli naturali non solo godessero dei beni ecclesiastici ma addirittura esercitassero le funzioni religiose legate allo sfruttamento di tali beni).




Ultima modifica di cenere79 il Lun 29 Ago 2011 - 10:46, modificato 1 volta

Vedi il profilo dell'utente
8
Cenere79
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
@hakimsanai43 ha scritto: inchino
Nell'anno 1079,papa Gregorio 7° istituisce il celibato dei preti.
In totale contrasto con la dottrina di S.Paolo:

http://www.cristianesimo.it/lista.htm

inchino


Vero.
Il pontificato di Gregorio VII e, in generale, il grande
movimento riformatore dell'XI secolo, rappresenta una tappa
fondamentale nell'istituzione del celibato ecclesiastico.

Vedi il profilo dell'utente
9
Cenere79
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
@IlDucaBianco ha scritto:Siete favorevoli o contrari alla sua presenza?

Più che al celibato ecclesiastico (che comunque non condivido, anche per la relazione che pare
abbia con certe forme di devianza sessuale che colpiscono i preti) sono contraria
al battesimo dei bambini. Quello sì che mi indigna parecchio!!!!!

Vedi il profilo dell'utente
10
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@cenere79 ha scritto:
@IlDucaBianco ha scritto:Siete favorevoli o contrari alla sua presenza?

Più che al celibato ecclesiastico (che comunque non condivido, anche per la relazione che pare
abbia con certe forme di devianza sessuale che colpiscono i preti) sono contraria
al battesimo dei bambini. Quello sì che mi indigna parecchio!!!!!
nascondersi
Il Maestro indiano Osho Rajneesh definisce il battesimo dei neonati:"Crimine contro l'umanità."

E della stessa idea era S.Filippo Apostolo.
Nel suo omonimo Vangelo Gnostico scriveva:

"Se uno esce dall'acqua battesimale , E NON E' SUCCESSO NIENTE,lui
RUBA il nome di Cristiano."

Infatti il Cristiano dovrebbe essere colui che entra nell'acqua da ignorante e ne esce da illuminato.
E non si trattava di miracolo ma di tecnica tipo quella dei maestri Zen.

inchino

Vedi il profilo dell'utente
11
Faust
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Ascoltare prego


Vedi il profilo dell'utente
12
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
cool
Sentiamo cosa dice lo psichiatra:

"Lo Stato e la Chiesa avevano bisogno di guerrieri da mandare al massacro e nessuna

persona sessualmente soddisfatta,ha voglia di andare in guerra a uccidere per poi

stuprare e squartare ." (Wilhelm Reich)

NB: quando Stato e Chiesa non avevano soldi per pagare i loro mercenari,la paga era la possibilità di stupro e di rapina.

commosso

Vedi il profilo dell'utente
13
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum