Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Apologia del racconto breve

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Lucio Musto
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
.

Apologia del racconto breve



- Saggio -


Il racconto breve… come il sonetto, l’aforisma, il verso sciolto…
E’ quello che lascia a te, lettore, d’intuire tutto il resto; quel che si sottintende e quello che la storia sottende, quel che si è detto e quel che non si è osato dire… Ricordi il Poeta? “E fu subito sera…”

E’ uno spunto di pensiero il racconto breve, il germe di un’idea che ti viene offerta ancora in boccio, perché tu possa immaginarla schiusa, perché la tua fantasia ci possa ricamare sopra, perché tu ci infonda la tua anima.

E’ discreto, è delicato, è pudico… il racconto breve. Non ti occupa a lungo, non ruba il tuo tempo, non t’infastidisce. Non impone alla tua pazienza di condividere il pensiero dell’autore o sopportare la descrizione delle sue visioni. Ti lascia spazio. Ti lascia ossigeno…

… Il racconto breve è insomma il succo, il concentrato di un’ispirazione… o, come è per me, il prodotto di colui che non ha molto da dire.



Lucio Musto 6 settembre 2001 parole 172

Vedi il profilo dell'utente
2
Cloroformio

Viandante Residente
Viandante Residente
Si vede che l'hai scritto nel 2001... E' datato ormai!
Il racconto breve in questa decade è decaduto.
E' diventato obsoleto. Ora va di moda il bestseller!

Vedi il profilo dell'utente
3
Massimo Vaj
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Oggi è il best sellers brevissimo che domina, quello dove in cento e una parola sta racchiuso il senso del creato. Nell'epoca degli sms il racconto breve tedia gli animi strafatti di cocaina. I tossici vogliono tutto subito e io glielo do. Certo i tossici hanno il difetto di non pagare subito per via delle strisce che costan care, ma io do loro fiducia e scrivo lo stesso. Magari invece che best sellers li chiamerò best unselled. Ecco un esempio della mia arte (si dice per dire):
Il titolo è: Il Saggio

—Okkey, ragazzi, pronti… via!— era il solito saggio di fine anno che partiva, quello della scuola per co-creatori celesti dell’Olimpo. Uno spettacolo di dubbio gusto del quale nessuno si era mai chiesto la provenienza.

I partecipanti, tre in tutto, si fiondarono sul materiale a disposizione, cercando di accaparrarsi quello migliore.

Una creatrice, l’unica femmina della scuola, prese un rotolo di stoffa pregiata e un paio di forbici luccicanti, l’altro una pannocchia di granturco e l’ultimo un panetto d’argilla.

Non sarebbe stato facile, per la giuria, decidere il vincitore, ma fu subito
chiaro che con quel pezzo d’argilla avrebbe fatto una cagata.

Vedi il profilo dell'utente
4
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum