Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Paura, fobia e xenofobia: cosa spaventa davvero in chi è "estraneo" e diverso?

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem


Cosa sono le fobie? Perché insorgono?

Si tratta di paure difficili da eliminare, ricorrenti, intense e non apparentemente giustificate dalla situazione che appare legata al loro manifestarsi.
Secondo la psicoanalisi classica sarebbero sintomi nevrotici, derivanti cioè da uno spostamento, la cui vera causa è inconscia e legata a desideri sessuali o a spinte aggressive che il soggetto condanna. L’oggetto fobico sta alla vera causa della paura, come il simbolo sta a ciò a cui rimanda.

La differenza tra fobia e paura sarebbe quindi nella qualità dell’elemento di realtà che contengono: la paura è connessa ad un oggetto reale per via diretta, mentre la fobia lo è per via indiretta tramite un simbolo, ovvero un oggetto reale differente da quello che davvero spaventa. Tale oggetto inoltre nella fobia è interno e in virtù del camuffamento non ne è consapevole.

Anche il razzismo, per quanto sostenuto da teorie elaborate in modo cosciente poggia su una forma di fobia, che ne giustifica la concepibilità: la xenofobia.
La xenofobia indica paura verso ciò che è estraneo e quindi diverso. Si manifesta come razzismo e intolleranza nei confronti di gruppi umani che hanno caratteristiche differenti dal nostro e che non ci sono familiari.


Se è vero che ogni fobia poggia in realtà su qualcosa di rimosso che è la reale causa del nostro timore e che appartiene a noi stessi, cosa può essere questo qual cosa in questo caso? Qualsiasi cosa sia, deve essere qualcosa di ampiamente condiviso e di cui in un’ottica di economia psichica appare molto poco conveniente rendersi conto. Cosa spaventa nel diverso? Cosa il diverso minaccia di noi? Quale può essere quella cosa che è nostra, che temiamo e che esorcizziamo attraverso l’odio per il diverso?

Vedi il profilo dell'utente
2
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
E io?
Da dove viene il vostro razzismo nei miei confronti?
Ha un motivo razziale che voi intuite ma non siete in grado di spiegarlo giusto?
Ed è così facile.......

Shalom !

scratch

Vedi il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum