Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Il mare che non c'è

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
marimba
avatar
Direttore del Corriere della Pera
Direttore del Corriere della Pera
Diario francese

Mont Saint Michel

Mi mancava, la Francia del Nord. Avevo solo uno sbiadito ricordo del porto di Calais prima di imbarcarmi per l’Inghilterra, con le barche e i battelli curiosamente adagiati di fianco all’asciutto cinque metri più in basso del molo, in attesa della successiva alta marea.
E’ veramente una stravaganza, quella dell’alta marea, per noi del Sud Europa. Percorrendo le coste normanne e bretoni si possono incontrare splendidi paesini di mare, con tutti gli ingredienti tipici del caso: gli ombrelloni, le sdraio, l’Ambra solare, i bambini che schiamazzano e il venditore di gelati. Manca una sola cosa, il mare, per il momento laggiù all’orizzonte a qualche chilometro di distanza. Pazienti e impassibili, i bagnanti nordici continuano le loro attività vacanziere in un clima surreale di finzione cinematografica, fino a quando uno sciacquio li avverte che è loro concesso immergersi fino a metà polpaccio in un’acqua nervosa e ribollente. Poi, veloce com’era arrivato, il mare si ritira lasciando una distesa di chiazze fangose.

Tipico e famoso è il caso dell’isolotto di Mont Saint Michel, dominato da un castello che sembra la bella copia di quello di Disneyland, e circondato ad intermittenza dalle acque della Manica che ne carezzano le mura. Vi è ospitato uno splendido monastero medievale che resistette alla guerra dei cent’anni contro gli inglesi e fu utilizzato come carcere politico durante la Rivoluzione.
La strada che lo collega alla terraferma è perennemente invasa da centinaia di camper, alcuni dei quali campeggiano (o parcheggiano?) incautamente sul terrapieno sottostante per ritrovarsi il mattino dopo il Mare del Nord in camera da letto.
Dev’essere bello, per un occupante di questi invasivi mezzi di trasporto, mentre la moglie cucina e il figlio si rovina la vista sui giochini elettronici, vedere inquadrata nell’oblò del cubicolo la visione mozzafiato di un simile spettacolo di arte e natura. Questo però avviene solo per chi riesce a conquistarsi la prima fila; a quelli dietro non resta che accontentarsi della consapevolezza di essere in un posto famoso, e pazienza se l’impressione è quella di trovarsi in un accampamento di baraccati di qualche terremoto dimenticato.
Il modo migliore per godersi Mont Saint Michel è, non per dire, quello che abbiamo adottato noi. Campeggiare a Genéts, un paese della costa vicina austero e gradevole come solo i paesini normanni sanno essere, ed aspettare il tramonto.
E’ in quel momento che la magia prende vita. Sapientemente illuminato, Mont Saint Michel emerge dalla penombra con le sue mura e i suoi pinnacoli e si staglia contro il cielo come un’apparizione fantastica.
Da lontano, le luci dei camper e delle auto che si affollano al suo ingresso ricordano solo l’agitarsi confuso di uno sciame di insetti notturni attratti dal chiarore di un magnifico lampadario liberty.

***

Il capoluogo della zona è Avranches, una cittadina graziosa e pulita posta sulla collina che domina il golfo, patria appunto di quel Sant’Uberto che nell’ottavo secolo fondò l’abbazia di Mont Saint Michel. Una curiosità del posto è il monumento al generale Patton, comandante della terza armata americana che liberò la città nel ’44.
Tutti conosciamo i monumenti che celebrano gli eroi del Risorgimento, con Garibaldi o Vittorio Emanuele a cavallo e la sciabola alzata. Oppure quelli che ricordano i caduti della prima guerra mondiale, in cui un gruppo di fantaccini va all’assalto alla baionetta mentre una dea alata e seminuda indica loro la strada. Ebbene, niente di tutto questo. Il monumento con cui i francesi hanno voluto ricordare il loro liberatore è un enorme carro armato americano, credo uno Sherman, montato su di un piedistallo che ne esalta l’imponenza.
E a ben vedere non stona affatto con quello che fu realmente il generale. Un militare di ferro tutto d’un pezzo, amato e odiato in ugual maniera dai suoi soldati ai quali prometteva di far sputare sangue, promessa in gran parte mantenuta.

Vedi il profilo dell'utente
2
Bumble-bee
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Mont saint Michel ci sono stato... esattamente nell'Ottobre del 2000... in viaggio di nozze!

Il carro armato Sherman invece l'ho visto a Bastogne, in Belgio, in una piazza... sempre a Bastogne ho visto un Konigtiger tedesco... un carro armato davvero possente.

Per quanto riguarda Patton... fu davvero un generale di ferro con tre stelle e una rivoltella con il manico di madreperla... portata come un cowboy, infilata nella fondina attaccata al cinturone... rigorosamente a destra.

Fu sfortunato. Morì poco dopo essere andato in pensione a causa di un incidente stradale.

p.s. era molto rude con i suoi uomini... è vero, ma ad uno in particolare dovette chiedere scusa. A quel soldato che in Sicilia, colto da un attacco di panico, rifiutò di ritornare in battaglia e lui lo spronò a calci.
Un giornalista ne fece un articolo che lo mise in cattiva luce, se non ricordo male, e dovette in seguito scusarsi.



Ultima modifica di Bumble-bee il Gio 6 Gen 2011 - 11:41, modificato 3 volte

Vedi il profilo dell'utente
3
marimba
avatar
Direttore del Corriere della Pera
Direttore del Corriere della Pera
@Bumble-bee ha scritto:Per quanto riguarda Patton... fu davvero un generale di ferro con tre stelle e una rivoltella con il manico di madreperla... portata come un cowboy, infilata nella fondina attaccata al cinturone... rigorosamente a destra.

Fu sfortunato. Morì poco dopo essere andato in pensione a causa di un incidente stradale.
Certo una bella sfiga. Sarebbe stato più contento di morire a vent'anni con una palla in fronte, immagino.


_________________
***
Vedi il profilo dell'utente
4
Bumble-bee
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@marimba ha scritto:
@Bumble-bee ha scritto:Per quanto riguarda Patton... fu davvero un generale di ferro con tre stelle e una rivoltella con il manico di madreperla... portata come un cowboy, infilata nella fondina attaccata al cinturone... rigorosamente a destra.

Fu sfortunato. Morì poco dopo essere andato in pensione a causa di un incidente stradale.
Certo una bella sfiga. Sarebbe stato più contento di morire a vent'anni con una palla in fronte, immagino.

Rettifico... non era in pensione. Era un vero duro... nonostante si ruppe l'osso del collo visse ben dieci giorni prima che una complicazione peggiorasse le cose.

In genere quando si sente dire che qualcuno si rompe l'osso del collo, vuol dire che è morto subito o quasi...

e dubito che qualsiasi pallottola tedesca potesse perforare il suo cranio... di ferro!!

Destino! Probabilmente era scritto che doveva morire in quel modo.


Vedi il profilo dell'utente
5
falansterio
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
@Bumble-bee ha scritto:In genere quando si sente dire che qualcuno si rompe l'osso del collo, vuol dire che è morto subito o quasi...
L'osso del collo, di per sé, è un osso come un altro. Il problema sono i fasci nervosi contenuti all'interno, nel tronco encefalico e nel midollo spinale.
Date le dinamiche degli incidenti stradali, in molti casi è lecito sospettare un trauma di colonna. In tali casi un soccorritore occasionale non dovrebbe mai spostare l'infortunato, a meno che non sussista un pericolo di morte immediata. Chi non è in grado di muoversi viene spostato con la barella a cucchiaio, in modo da mantenere la colonna in asse, e anche chi è in grado di muoversi viene invitato a farlo con molta cautela, sempre che rimanere in loco non comporti ulteriore pericolo.
Questo perché può essersi rotta una vertebra, ma nel caso raro in cui il midollo all'interno non è lesionato la frattura si salda senza conseguenze. Se invece il midollo si rovina, ad esempio sfregando contro i monconi ossei, i problemi ci sono eccome, anche a distanza di tempo.
Patton è morto per un edema polmonare provocato da insufficienza cardiaca. Evidentemente, nonostante la sua forte fibra, il quadro era già compromesso in modo irreparabile.

Vedi il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum