Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Iper razionalizzazione e disumanizione: ma quanto è grande un Lager

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Come molti credo, mi sono a lungo immaginata la realtà dei lager come un ambiente di violenza e morte. Poi ho letto Primo Levi e ho capito che non poteva esisterne immagine più sbagliata. La chiave per comprenderne la logica ed il funzionamento è un'altra: la razionalizzazione sistematica della morte.

Questa tecnica non fu applicata da subito. Molto prima dei lager e di Wann See si praticavano fucilazioni di massa, direttamente sulle sponde di apposite fosse comuni. Purtroppo però questa tecnica, oltre a rivelarsi dispendiosa per via del notevole numero di proiettili spesi, aveva conseguenze emotive molto pesanti nei soldati che con l’odore del sangue e la prossimità all’ucciso percepivano la loro responsabilità in tutta quella morte. Si passò allora ai furgoncini mobili, ma anche in questo caso i costi economici e umani erano notevoli. Era difficile sigillarli bene e spesso occorreva completare in altro modo l’eliminazione dei soggetti, i cui cadaveri erano poi complessi da smaltire. Da quest’ordine di considerazioni nacque un’industria di morte altamente differenziata. Esistevano campi deputati al semplice concentramento, campi di lavoro, campi di sterminio e campi misti, come quello di Primo Levi.
Tutti i tipi di lager prevedevano una rigida organizzazione degli spazi e dei tempi. La prassi di svolgimento di ogni singola attività non prevedeva spazi di improvvisazione. In poche parole, non era lasciato alcuno spazio di manifestazione all’umanità, intesa come libertà di decidere, esprimere e manifestare. Cosa resta dell’uomo, nel momento in cui egli non è più il centro intenzionale dei propri atti? Resta un esecuture, un’automa che non può nemmeno nutrire sentimenti di ribellione verso il sistema che lo aliena perché l’opera di spersonalizzazione ha agito a monte, in modo preventivo rispetto alla sua protesta. La razionalizione estrema del sistema lager ha un peso decisivo nello spiegare come tali orrori abbiano potuto essere portati avanti da persone assolutamente normali e come altre persone le abbiano subite senza tentativi di ribellione. Iniziava a sparire il nome, sostituito da un numero. Insieme ad esso sparivano i legami, gli affetti, gli oggetti, l’aspetto e infine l’identità. La condizione di necessità si faceva tanto pressante da indurre all’abolizione del ricordo della precedente vita umana, perché la sua presenza avrebbe reso il quotidiano intollerabile. L’organizzazione rigida, totalitaria e accerchiante impediva la rappresentazione di un’alternativa, già estirpata in termini di passato dall’abolizione del ricordo e in termini di presente dall’estinzione dell’identità, anche in termini di futuro.

L’iper razionalizzazione è la chiave per comprendere sia come i carnefici abbiano potuto agire, sia come le vittime abbiano potuto subire. L’iper razionalizzazione implica spersonalizzazione e soltanto l’essere umano è capace di rotture, di dissenso e di nuovi inizi creativi.

Dovremmo credo riflettere almeno un po’ sulla potenza di questo meccanismo. Lo viviamo ogni giorno in piccola scala ed ha su di noi più potere di quanto crediamo. Forse sarà allora un po’ più chiaro comprendere da dove nascono quelli che amiamo chiamare mostri, per allontanarli da noi.

Visualizza il profilo
2
Lostboy
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Più che altro è un discorso di razionalizzazione "globale" e "individuale".
Pensa alle fabbriche dove si fanno i turni, la notte da che mondo è mondo è fatta perchè l'uomo riposi, ma evidentemente il bisogno "globale" di produrre è più forte del bisogno indivuduale di dormire di notte, la maggior parte delle persone durante la propria vita non arriva mai ad un livello di razionalizzazione individuale, si agisce quasi sempre per un bene comune e superiore che in realtà nessuno sa bene cosa sia.
In quest' ottica anche le situazioni piú disumane come quelle dei lager finiscono per avere una logica.

Visualizza il profilo
3
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@ Lost

... e se disumanizzarsi infondo fosse un bisogno dell'uomo?
Essere umani pesa a volte

Visualizza il profilo
4
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@NinfaEco ha scritto:@ Lost

... e se disumanizzarsi infondo fosse un bisogno dell'uomo?
Essere umani pesa a volte
cool
la psicologa e poetessa Soshanna ben-Itzaq sopravissuta al Lager,ha scritto una poesia che inizia così:

"Tornavamo dai Lager
come torrenti in piena
verso la terra del sole.

Tutti i volti erano in pianto
e il cuore impazziva
nella PAURA
DI SENTIRCI LIBERI.............."

Capito? Dalla paura di SENTIRCI liberi,non di ESSERE liberi.
Sarebbe troppo no? ESSERE liberi.

nascondersi

Visualizza il profilo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum