Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Sogni (Akira Kurosawa)

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Sogni è un film pittorico, se mi passate il termine.
E' suddiviso in 8 episodi concepito ciascuno come un quadro che compone un percorso all'interno di una galleria: la vita.
I primi due episodi hanno tratteggiano un mondo antico in cui uomo e mondo sono ancora in equilibrio, in cui le tradizioni sono forti e mito e realtà sfumano l'uno nell'altro. Non a caso il protagonista è un bambino. Nel primo episodio viola il divieto della madre assistendo allo sposalizio delle Volpi e nel secondo assiste alla sofferenza di un pescheto tagliato. C'è colpa, ma c'è riparazione.
Nel terzo episodio la dimensione del mito è ancora presente ma il protagonista è un adulto. Sta scalando una montagna e lo sorprende la stanchezza. Cade nella neve ed arriva la morte nella forma di una donna candida che lo stringerebbe nell'abbraccio del gelo. L'uomo però resiste, ricordando la sua strada e gli amici vincendo la morte. Nel quarto il mito scompare e l'oltremondo entra in gioco per manifestare una rottura tra l'uomo e l'ordine delle cose. Un Generale, di ritorno dalla guerra incontra i fantasmi dei suoi soldati, preannunciati da un cane latrante. Sono giovani e non sanno di essere morti. Stanno tornando a casa, ma non possono perchè sono morti sotto i suoi comandi. Intanto la dimensione temporale d'ambientazione si fa prossima ai giorni nostri fino a giungere al presente nel quinto episodio. Il protegonista viaggia attraverso i quadri di Van gogh messo in fuga infine da uno stormo di corvi? cosa son o i corvi? Qualcosa di cupo, di agoscioso e di umano... come l'errore. Eccoci così negli episodi sesto e settimo, quelli che amo di più forse, che narrano di un catastrofico mondo atomico. Gli uomini che non hanno rispettato il loro mondo, che hanno rotto l'equilibrio dipindo nei primi quadri, si sono mutati in demoni, ad uno, due o tre corna. Questi demoni sono tormentati dai dolori che le corna provocano loro e sopravvivono l'un l'altro. I demoni con tre corna mangiano quelli con due che sono meno potenti , e quelli con due corna divorano quelli con un solo corno. La loro vita è l'inferno a cui nemmeno possono sceglere di porre fine con la morte, essendo demoni a meno che non divengano pasto di altri demoni. Rimpiangono l'esistenza umana che hanno gettato. Ricordano le occasioni sprecate e quanta bellezza passava loro intorno inavvertita. Ricordano acome hanno rotto l'armonia con gli altri uomini e con il mondo, con la menzogna, coltivando l'odio e perseguendo l'utile più cieco.
L' ottavo e ultimo episodio , è il risveglio dall'incubo in cui il film ci ha precipitato. E' l'alternativa possibile all'inferno accessibile se l'uomo compie scelte davvero umane. Il protagonista per caso giunge ad un villaggio di contadini, dove il tempo scorre lento. Quin incontra un vecchio che gli parla della follia dell’uomo e della saggezza di accettare la vita per ciò che è. Qui gli uomini muoiono anziani e i funerali sono feste, perchè ogni vita è stata ben spesa e non ci sono rimpianti.


Sono tante... tantissime le cose che possono renderci disumani.
Paradossalmente possono farlo le nostre debolezze più umane se non sappiamo riconoscere il nostro posto nel mondo e definire il limite che non è bene varcare.


Chi l'ha visto? Sorriso Scemo
Se volete parlare di queste ed altre sciocchezze, sto in giro.



Dall'episodio 7: il Demone che Piange

Scena dei demoni... e tu... sei umano?




Visualizza il profilo
2
Magonzo
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
uno di miei film preferiti di sempre inchino

Visualizza il profilo
3
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
capolavoro..ma tutto kurosawa festa

Visualizza il profilo
4
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
si, a me i suoi film piacciono molto...
anche quelli molto vecchi... tipo "Il trono di Sangue" o "Cane Randagio"...
..non avverto nemmeno il fatto che siano lenti...

La metamorfosi degli uomini in demoni,
che vi fa pensare?

Visualizza il profilo
5
purplebunny
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Umm non lo so, non è tra i miei film preferiti di Kurosawa. Tra quelli dell'ultimo periodo, credo mi fosse piaciuto di più Madadayo. Oppure Ran e Kagemusha. Anche se Sogni ha quella qualità sfuggente e trasognata che per dire Madadayo non ha. Però sono sempre rimasta sospesa tra l'abbandono a quella particolare modalità narrativa per ellissi e richiami e la sensazione che fosse un qualcosa di troppo costruitamente e consapevolmente "esotico", cioè compiaciuto-compiacente il pubblico - non so come spiegarmi.
Però secondome i film più belli di Kurosawa sono i precedenti, quelli degli anni '50 e '60.
Ma scrivendolo mi rendo conto che soprattutto in questo caso fare una classifica, cioè una classificazione, è davvero poco sensato. Uffaecco.

Visualizza il profilo
6
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Si, certamente questo non è l'unico film di Akira ad essere bellissimo.
Ran che hai nominato ad esempio è uno dei miei preferiti...
mi incantano tutte le sfaccettature degli esseri umani che vengono fuori nella lotta tra i tre fratelli e nel confronto tra le due spose. Poi ci sono le figure del giullare e delo principe cieco che passano indenni attraverso gli affanni che uccidono gli altri...
Poi forse per me viene Barbarossa, insieme a L'angelo Ubriaco.
Non so se li hai visti.
I protagonosti sono medici che non hanno scelto la strada dell'affermazione sociale, sono personaggi imperfetti, irascibili e forti bevitori. Vivono calati nei bassifondi, dove i mali dello spirito infettano il corpo, a loro dire.
In Barbarossa poi ha colpito la figura della mantide, la donna rinchiusa perchè dopo una violenza subita uccide gli uomini con il suo spillone per capelli. Non c'è giudizio su nessuno in questi due film, ma forse un'idea di cosa è bene c'è.


Ran




Barbarossa ( uccidete il commentatore del trailer)


Visualizza il profilo
7
Orb
avatar
Viandante Forestiero
Viandante Forestiero
Bello bello bello!! Veramente un gran bel film, questa è arte!!

Visualizza il profilo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum