Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Legami extra-ordinari

Condividere 

Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 2 di 3]

26
Cleden
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
La frase della mia firma si riferisce a coloro che non hanno mai dubbi, a quelli che espongono i propri pensieri come se fossero Verità infusa, come dogmi, certo non si riferisce a chi esprime le proprie ipotesi o intuizioni e accetta il confronto, quindi nel caso tuo l'ipotesi della telepatia non la trovo né fuori luogo né scontata, so che ci sono studi che dimostrano come in particolari circostanze possa accadere che due cervelli entrino talmente in sintonia da presentare tracciati sovrapponibili.

Per me tutto questo è tanto affascinante!



Ultima modifica di Cleden il Mar 21 Giu 2011 - 13:37, modificato 1 volta

Vedi il profilo dell'utente
27
Cleden
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Lucio Musto ha scritto:(PS - penso tu sappia che è ormai provato che i ricordi sono sempre una rielaborazione approssimata di informazioni essenziali registrate nella memoria. Ogni volta che ricordiamo qualcosa facciamo un restiling dell'esperienza iniziale)

Cordialmente

Lucio Musto

Sì, certo è così, ma in questo caso ho il conforto ed il confronto di altre persone che hanno visto accadere le cose così come le ho descritte. Specialmente mi riferisco al fatto del pianto senza apparente motivo che è cominciato e finito come se avessi premuto un interruttore.

Vedi il profilo dell'utente
28
Lucio Musto
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Cleden ha scritto:...

Ecco, questo suo dire che il sesto senso ormai è dimostrato mi ha dato l'idea di provare a cercare qualcuno che possa saperne più di me e di cercarlo proprio qui perché so che ci sono persone che non si fermano all'apparenza.


io mi appassiono abbastanza di scienza a livello divulgativo (ormai non ho più l'età e l'elasticità mentale per andare oltre la divulgazione ai minimi livelli e spesso anche gli articoli de "le Scienze" quelli che ti arrivano online sono troppo profondi per me, ma questo "sesto senso dimostrato" (nonché il settimo, perché non lo cita?) non hanno proprio niente a vedere con le comunicazioni di tipo extrasensoriali.

Se ti prendi la briga anche solo di consultare Wikipedia ce li trovi tutti spiegati.
Il sesto senso ha il nome emblematico di "propriocezione" e fa capo a ben individuati recettori nervosi; permette di conoscere la posizione del proprio corpo indipendentemente dalla gravità, dalla vista e dal tatto. Per esempio se sei nello spazio, o anche solo completamente immersa in acqua, conosci perfettamente (salvo patologie) la posizione del tuo corpo.
Il settimo è il senso dell'equilibrio che trova la sua sede nei canali semicircolari dell'orecchio e le relative complesse dinamiche che probabilmente conosci benissimo.

Come intuirai dalle mie parole io sono per natura (e per preparazione culturale) abbastanza scettico sulle presunte "dimostrazioni", ed ancor più sulle facili affermazioni. E questo lo dico ad onore dell'ospite di Voyager (purtroppo quella puntata me la sono persa, ero in viaggio) che interlocutoriamente dice appunto "potrebbero aver sviluppato", coprendosi le spalle.

Si, esistono certe cose inspiegabili, per ora almeno, e decisamente bizzarre, per la nostra esperienza. Ma prendiamole così, in sospeso e a scatola chiusa, in attesa di nuove certezze.
Altrimenti finiamo per allinearsi a Giove Pluvio che lanciava i fulmini; cose realissime e visibili, ma misteriose senza contezza dei fenomeni elettrici.

Grazie di avermi letto; buon pomeriggio.
(io sono pronto per la canonica, irrinunciabile pennichella! )

Vedi il profilo dell'utente
29
Cleden
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Ti ho letto volentieri, anche se un po' stupita perché io uso la propriocezione nella mia professione, ma nel nostro ambiente nessuno l'ha mai definita sesto senso, invece per noi fa parte, insieme alla sensibilità tattile, termica e dolorifica discriminativa, al solletico, alla sensibilità vibratoria ed altre, delle funzioni sensitive lemniscali.
Penso che anche la maggior parte della gente ritenga il sesto senso qualcosa di diverso dalla propriocezione.

Anch'io non ho visto in Tv quella trasmissione, bensì in internet, posto il primo e l'ultimo dei filmati inerenti la storia del bambino che visse due volte:http://www.youtube.com/watch?v=YhEexvqJFDk&feature=related
http://www.youtube.com/watch?v=UGVtgdu4sEg&feature=related

E' vero, gli antichi credevano fosse Giove a scagliare i fulmini sulla terra, ma se avessero accettato il fenomeno senza porsi il problema di comprenderlo è probabile che ancora oggi crederemmo la stessa cosa anche noi.

Vedi il profilo dell'utente
30
Lucio Musto
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Cleden ha scritto:Ti ho letto volentieri, anche se un po' stupita perché io uso la propriocezione nella mia professione, ma nel nostro ambiente nessuno l'ha mai definita sesto senso, invece per noi fa parte, insieme alla sensibilità tattile, termica e dolorifica discriminativa, al solletico, alla sensibilità vibratoria ed altre, delle funzioni sensitive lemniscali.
Penso che anche la maggior parte della gente ritenga il sesto senso qualcosa di diverso dalla propriocezione.

Anch'io non ho visto in Tv quella trasmissione, bensì in internet, posto il primo e l'ultimo dei filmati inerenti la storia del bambino che visse due volte:http://www.youtube.com/watch?v=YhEexvqJFDk&feature=related
http://www.youtube.com/watch?v=UGVtgdu4sEg&feature=related

E' vero, gli antichi credevano fosse Giove a scagliare i fulmini sulla terra, ma se avessero accettato il fenomeno senza porsi il problema di comprenderlo è probabile che ancora oggi crederemmo la stessa cosa anche noi.


Ti ringrazio per i due link. sono andato a vedere e naturalmente i due filmati mi hanno intrigato, ma soprattutto mi sono piaciute due espressione del Presidente intervistato Giorgio Cozzi. Una è il suo approccio ai fenomeni è di tipo "filoscientifico", cioè non scientifico ma intuitivo benché strutturato come il metodo scientifico.
L'altra, del secondo filmato all'inizio, in cui semplicemente afferma "molte spiegazioni potrebbero essere possibili".
In effetti, in tutto il secondo filmato (compreso quando parla di sesto e settimo senso) lui usa sempre il condizionale, a mio avviso molto correttamente, come del resto si fa nel formulare ipotesi scientifiche che aspettano di essere dimostrate.

C'è insomma una grande differenza fra dire: "Penso che potrebbe essere questo o quello", ed affermare "E' questo o quello (perché lo penso io)".

L'errore degli antichi non fu quello di dire: "Per quanto ne sappiamo, potrebbe anche essere un Dio a lanciare sul mondo irriverente strali di fuoco", ma di affermare che quella era la dinamica, e nessun altra!.

Che ci siano cose inspiegabili... siamo tutti d'accordo. Sulla presunzione di avere le risposte, molto meno.
Perciò ho apprezzato il corretto intervento del presidente dell'AISM

Vedi il profilo dell'utente
31
Cleden
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Lucio Musto ha scritto:In effetti, in tutto il secondo filmato (compreso quando parla di sesto e settimo senso) lui usa sempre il condizionale, a mio avviso molto correttamente, come del resto si fa nel formulare ipotesi scientifiche che aspettano di essere dimostrate.

C'è insomma una grande differenza fra dire: "Penso che potrebbe essere questo o quello", ed affermare "E' questo o quello (perché lo penso io)".

L'errore degli antichi non fu quello di dire: "Per quanto ne sappiamo, potrebbe anche essere un Dio a lanciare sul mondo irriverente strali di fuoco", ma di affermare che quella era la dinamica, e nessun altra!.

La penso esattamente come te!

Lucio Musto ha scritto:
Che ci siano cose inspiegabili... siamo tutti d'accordo. Sulla presunzione di avere le risposte, molto meno.
Perciò ho apprezzato il corretto intervento del presidente dell'AISM

Qui per favore spiegami perché non ho capito se ti riferisci a me parlando di presunzione, cioè, non capisco se tu creda che cercare di ottenere delle risposte (in questo senso avere?) sia da presuntuosi.

Vedi il profilo dell'utente
32
Lucio Musto
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Cleden ha scritto:
Lucio Musto ha scritto:In effetti, in tutto il secondo filmato (compreso quando parla di sesto e settimo senso) lui usa sempre il condizionale, a mio avviso molto correttamente, come del resto si fa nel formulare ipotesi scientifiche che aspettano di essere dimostrate.

C'è insomma una grande differenza fra dire: "Penso che potrebbe essere questo o quello", ed affermare "E' questo o quello (perché lo penso io)".

L'errore degli antichi non fu quello di dire: "Per quanto ne sappiamo, potrebbe anche essere un Dio a lanciare sul mondo irriverente strali di fuoco", ma di affermare che quella era la dinamica, e nessun altra!.

La penso esattamente come te!

Lucio Musto ha scritto:
Che ci siano cose inspiegabili... siamo tutti d'accordo. Sulla presunzione di avere le risposte, molto meno.
Perciò ho apprezzato il corretto intervento del presidente dell'AISM

Qui per favore spiegami perché non ho capito se ti riferisci a me parlando di presunzione, cioè, non capisco se tu creda che cercare di ottenere delle risposte (in questo senso avere?) sia da presuntuosi.

no la presunzione non è presuntuosità.
La presunzione dovrebbe essere semplicemente la posizione transitoria di fatti non ancora accertati (vedi per es nel diritto la "presunzione di innocenza". Un indagato è presunto innocente fino a dimostrazione della sua colpevolezza).
Diventa presuntuosa quando si confonde quella con la certezza, che ancora non c'è, e quindi la si afferma come se fosse già stata dimostrata.

Naturalmente non mi riferisco a te (e come potrei? su quali basi?... io non so nulla!) Ma in generale.
Nello specifico elogiavo il dottor Cozzi per i suoi approcci dubitativi. Incontri tanti pseudo santoni, fattucchiere e servette infatuate che invece affermano di saperle con certezza, certe cose, e le risposte giuste!

Vedi il profilo dell'utente
33
Cleden
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Lucio Musto ha scritto:no la presunzione non è presuntuosità.
La presunzione dovrebbe essere semplicemente la posizione transitoria di fatti non ancora accertati (vedi per es nel diritto la "presunzione di innocenza". Un indagato è presunto innocente fino a dimostrazione della sua colpevolezza).
Diventa presuntuosa quando si confonde quella con la certezza, che ancora non c'è, e quindi la si afferma come se fosse già stata dimostrata.

Naturalmente non mi riferisco a te (e come potrei? su quali basi?... io non so nulla!) Ma in generale.
Nello specifico elogiavo il dottor Cozzi per i suoi approcci dubitativi. Incontri tanti pseudo santoni, fattucchiere e servette infatuate che invece affermano di saperle con certezza, certe cose, e le risposte giuste!

Feeew, no, sai, ho preferisto rassicurarmi perché è da un po' che mi dici che qui non troverò risposte e che è meglio prendere questi fenomeni a scatola chiusa... io invece resto dell'idea di non escludere che possa accadere e anzi rifaccio la domanda: vi è mai successo di avere percezioni/intuizioni apparentemente inspiegabili, ma che incredibilmente si sono rivelate vere?

Vedi il profilo dell'utente
34
Lucio Musto
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Cleden ha scritto:...

... io invece resto dell'idea di non escludere che possa accadere e anzi rifaccio la domanda: vi è mai successo di avere percezioni/intuizioni apparentemente inspiegabili, ma che incredibilmente si sono rivelate vere?

Si, scusa... ma io credevo di averti risposto subito a questo, proprio all'inizio del mio (credo) secondo intervento, quando ho detto : "io ai miracoli non ci credo, ma quelli avvengono lo stesso", e sono certo che chiunque sia un poco attento alle cose e viva da un po' di tempo possa portare esempi personali.

Magari non eclatanti o vitali, ma anche cose piccole o usuali, ma assolutamente eccezionali.

Come per esempio (successo a me) di sentire una repulsione inspiegabile a prendere la macchina un giorno, pur usandola sempre, e beccarsi un bel tamponamento giusto quel giorno. Caso eccezionale per uno come me che di incidenti ne ha avuti pochissimi.

o trovarsi a scontrarsi un ateo convinto sconvolto per la tragedia di Vermicino, e "sentire" che quello era sull'orlo di una profonda conversione di fede... puntualmente verificata solo qualche mese dopo...

Ce ne sono innumerevoli, di cose inspiegabili. Solo che restano tali, cose inspiegabili, "miracoli", se ti piace la parola. L'errore è voler dar loro una spiegazione a tutti costi!... non li sappiamo, i perché. Tutto qui

Vedi il profilo dell'utente
35
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
io come buona parte del genere umano (che il santone residenziale mi dice che apparteniamo a classi infime: cittadini di serie c p zeta) non percepisco neppure tutto quello che mi dicono i sensi, ossia tu chiedi su percezioni extra sensoriali, a me già i sensi mi mandano una tale valanga di elementi che non riesco neppure a vagliarli tutti ed infatti sbaglio sempre, sbatto contro le pareti, cado per terra, voto il partito sbagliato e parlo su cose che non conosco con la presunzione di prenderci per caso, ci sono poi alcune cose che mi riescono forse quelle per cui ho pochi dati sensoriali, a volte capisco di più le persone che non vedo che quelle che vedo........comunque un legame che sfugge alle nostre capacità di comprensione scientifiche c'è ed è numericamente rilevante nella casistica dei gemelli, innumerevoli volte fra gemelli ha avuto luogo un tipo di comunicazione a distanza (che non oso chiamare telepatia perchè son troppo ignorante sull'argomento) inspiegabile per la scienza

Vedi il profilo dell'utente
36
Cleden
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Lucio Musto ha scritto:Si, scusa... ma io credevo di averti risposto subito a questo, proprio all'inizio del mio (credo) secondo intervento, quando ho detto : "io ai miracoli non ci credo, ma quelli avvengono lo stesso", e sono certo che chiunque sia un poco attento alle cose e viva da un po' di tempo possa portare esempi personali.
Infatti non avevo capito sadness Quando hai parlato di miracoli ho pensato che facessi dell'ironia perché definirli così mi sembra già decidere a quale sfera di influenza attribuirli, mi sembra che dire "è un miracolo" sia già definire il perché di un fenomeno, ossia commettere quello che tu
chiami errore. A te no? Ma poi, perché sarebbe un errore cercare spiegazioni a ciò che viviamo? [/quote]

Lucio Musto ha scritto:
Magari non eclatanti o vitali, ma anche cose piccole o usuali, ma assolutamente eccezionali.

Come per esempio (successo a me) di sentire una repulsione inspiegabile a prendere la macchina un giorno, pur usandola sempre, e beccarsi un bel tamponamento giusto quel giorno. Caso eccezionale per uno come me che di incidenti ne ha avuti pochissimi.

o trovarsi a scontrarsi un ateo convinto sconvolto per la tragedia di Vermicino, e "sentire" che quello era sull'orlo di una profonda conversione di fede... puntualmente verificata solo qualche mese dopo...

Ce ne sono innumerevoli, di cose inspiegabili. Solo che restano tali, cose inspiegabili, "miracoli", se ti piace la parola. L'errore è voler dar loro una spiegazione a tutti costi!... non li sappiamo, i perché. Tutto qui
Il fatto dell'auto è sorprendente! Voglio dire, mentre per l'ateo hai avuto la possibilità di raccogliere dei dati nel corso della comunicazione per cui potresti aver intuito (l'intuito è la più alta forma di intelligenza, no?) ciò che stava vivendo emotivamente, cercare una spiegazione logica per il tamponamento mi risulta impossibile.
Credo che tu sia un ottimo ascoltatore, è così?

Vedi il profilo dell'utente
37
Cleden
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
BIGbossSTIGAZZI ha scritto:io come buona parte del genere umano (che il santone residenziale mi dice che apparteniamo a classi infime: cittadini di serie c p zeta) non percepisco neppure tutto quello che mi dicono i sensi, ossia tu chiedi su percezioni extra sensoriali, a me già i sensi mi mandano una tale valanga di elementi che non riesco neppure a vagliarli tutti ed infatti sbaglio sempre, sbatto contro le pareti, cado per terra, voto il partito sbagliato e parlo su cose che non conosco con la presunzione di prenderci per caso, ci sono poi alcune cose che mi riescono forse quelle per cui ho pochi dati sensoriali, a volte capisco di più le persone che non vedo che quelle che vedo........comunque un legame che sfugge alle nostre capacità di comprensione scientifiche c'è ed è numericamente rilevante nella casistica dei gemelli, innumerevoli volte fra gemelli ha avuto luogo un tipo di comunicazione a distanza (che non oso chiamare telepatia perchè son troppo ignorante sull'argomento) inspiegabile per la scienza

Scrivi cose per me molto interessanti, Boss, ti riferisci a persone con cui parli al telefono oppure a persone di cui leggi gli scritti, come nel forum?
E' possibile, secondo te, che tu sia una persona che nella comunicazione predilige l'ascolto piuttosto che la vista o il tatto?

E' vero, ai gemelli non avevo proprio pensato, ma è proprio un esempio di legame stra-ordinario.
Leggendoti ho pensato ai delfini e ad altri animali, così da una piccola ricerca ho trovato questo, lo posto:

"Esperimenti con animali sembrano indicare che la telepatia o risonanza morfica (riconoscendo per ora la difficoltà di distinguere fra le due cose) avviene non solo fra esseri umani ma anche fra esseri umani e animali, o tra gli stessi animali come dimostra questo specifico esperimento del quale nessun ricercatore parla volentieri. La prima volta se ne parlò negli anni Settanta quando i parapsicologi sovietici cercarono di dimostrare sperimentalmente la trasmissione del pensiero. Essi presero una nidiata di conigli neonati e l'allontanarono dalla madre: poi uccisero i piccoli a tempi prestabiliti e registrati. La madre era collegata ad un elettroencefalografo con il quale venivano monitorati i suoi stati cerebrali. I rapporti ufficiali dichiararono che la madre presentava forti risposte elettriche nel preciso momento in cui ciascuno dei piccoli veniva ucciso. Successivamente questo esperimento è stato spesso ripetuto con gli stessi esiti in molti laboratori occidentali.
" http://www.performancetrading.it/Documents/LaRealta/LaR_Conclusioni.htm

Forse aver appreso il linguaggio ci ha privati di una risorsa comunicativa preziosa...

Vedi il profilo dell'utente
38
Lucio Musto
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Cleden ha scritto:
Lucio Musto ha scritto:... : "io ai miracoli non ci credo, ma quelli avvengono lo stesso", ...
Infatti non avevo capito sadness Quando hai parlato di miracoli ho pensato che facessi dell'ironia perché definirli così mi sembra già decidere a quale sfera di influenza attribuirli, mi sembra che dire "è un miracolo" sia già definire il perché di un fenomeno, ossia commettere quello che tu
chiami errore. A te no? Ma poi, perché sarebbe un errore cercare spiegazioni a ciò che viviamo?

Miracolo possiamo semplicemente definirlo come un evento che non trova nella nostra esperienza una spiegazione razionale.
E sarà bene fermarci qua.
Perché volerne parlare in senso religioso o mistico ci porterebbe assai lontano (ed opportunamente limitando il campo potrebbe essere argomento di grande interesse!).
Ma basterà pensare questo: se per miracolo intendiamo intervento divino del creatore dell'universo, non è certo la materia del miracolo che può stupirci!... per uno capace di creare costellazioni e galassie, piante e animali, angeli e demoni... che fatica sarebbe aggiustare un cuore o resuscitare un morto?... il discorso andrebbe spostato a ben altre considerazioni!

Quello che io chiamo errore non sta certo nel cercare spiegazioni a ciò che viviamo! tutt'altro! la capoccia col cervello più differenziato del pianeta ce l'abbiamo apposta per speculare e ricercare!
L'errore sta nel dare delle risposte come certe senza che certe non lo siano affatto!

Vedi il profilo dell'utente
39
Lucio Musto
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Cleden ha scritto:

Lucio Musto ha scritto:
Magari non eclatanti o vitali, ma anche cose piccole o usuali, ma assolutamente eccezionali.

Come per esempio (successo a me) di sentire una repulsione inspiegabile a prendere la macchina un giorno, pur usandola sempre, e beccarsi un bel tamponamento giusto quel giorno. Caso eccezionale per uno come me che di incidenti ne ha avuti pochissimi.

o trovarsi a scontrarsi un ateo convinto sconvolto per la tragedia di Vermicino, e "sentire" che quello era sull'orlo di una profonda conversione di fede... puntualmente verificata solo qualche mese dopo...

Ce ne sono innumerevoli, di cose inspiegabili. Solo che restano tali, cose inspiegabili, "miracoli", se ti piace la parola. L'errore è voler dar loro una spiegazione a tutti costi!... non li sappiamo, i perché. Tutto qui
Il fatto dell'auto è sorprendente! Voglio dire, mentre per l'ateo hai avuto la possibilità di raccogliere dei dati nel corso della comunicazione per cui potresti aver intuito (l'intuito è la più alta forma di intelligenza, no?) ciò che stava vivendo emotivamente, cercare una spiegazione logica per il tamponamento mi risulta impossibile.
Credo che tu sia un ottimo ascoltatore, è così?

Nemmeno ci siamo, perché a voler restare nel campo delle ipotesi e dei condizionali, anche la storia dell'incidente "potrebbe" trovare una soluzione logica. Per esempio la mia ripugnanza "avrebbe potuto" essere un segnale fisico di una mia indisponibilità non manifesta a guidare correttamente la macchina, ed io forse ebbi una guida anomala tale da provocare confusione nel guidatore che poi materialmente mi venne addosso...
Si può ipotizzare, ma non dire, immaginare, ma non dimostrare... infatti la sua assicurazione pagò e basta.

Ecco perché io sono scettico e vado coi piedi di piombo. A parole, nei discorsi, giocando di numeri e probabilità si possono fare molte ipotesi affascinanti... ma i fatti dimostrabili sono altro... secondo me.
Anche nei casi dei gemelli che dice BIG. Accadono cose incomprensibili... nel senso che non le comprendiamo...senz'altro! Però sappiamo anche che due gemelli monozigoti sono assai più simili fra loro di quanto sia qualunque altra coppia di persone.
Conosciamo poco il sistema uomo, possiamo stupirci facilmente di un sistema-uomo assai simile ad un altro.
Probabilmente, quando avremo la clonazione umana, dovremo aspettarci ancora altre sorprese!

Io, un ottimo ascoltatore?... non lo so.
Certamente ho ascoltato molto, nella mia vita, perché un sacco di gente mi ha onorato di eligermi suo confidente, e quindi certo una certa esperienza me la sono fatta; e certamente metto ogni attenzione nell'ascoltare, perché ho molto rispetto per gli altri. Ma temo di capire poco, e sono prudente nei giudizi. Mi violento a cercare di intuire il meno possibile e non amo "leggere fra le righe"; esperienza mi insegna che a leggere fra le righe e a presumere intuizione di cose non dette... si prendono cantonate mostruose.
Cerco perciò di attenermi ai fatti, a quello che mi si dice, e cerco di essere chiaro e completo in quello che dico io.
Ma naturalmente sono fallibile come tutti, e per di più vecchio ed alquanto rincoglionito...

Con simpatia

Lucio Musto 24 giugno 2011

Vedi il profilo dell'utente
40
Akasha
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
sesto senso, percezione, telepatia...non so, in effetti conosciamo ben
poco del funzionamento del nostro cervello, se non sbaglio appena l'un
per cento o giù di lì... In ogni caso, a me capita spesso, sopratutto
con mio figlio ma non solo, di rispondere a domande non fatte, che
percepisco con lo sguardo; a volte mi è capitato addirittura di sentire,
senza rendermi conto, ciò che il mio interlocutore stava pensando e di
rispondergli come se avesse proferito parola, lasciando lui interdetto e
me stessa incredula, anche scettica, pensando che mi stesse prendendo
in giro; quando poi la cosa si é ripetuta con altre persone ho fatto
finta di nulla, quasi giustificandomi con un "scusa, non ho capito
bene". Non capita spesso, e di certo non è volontario, se sapessi come
funzionasse la cosa a quest'ora ne avrei già tratto immensi benefici... a
volte sogno persino dei numeri, scritti o pronunciati, e guardando i
risultati del lotto...ci sono! Solo che non mi piace giocare, o se lo
faccio punto poco; mio marito all'inizio insisteva per fare puntate
alte, ma io che nonostante tutto sono scettica, penso sempre che sia
solo una casualità, un elaborazione del mio cervello che mi spinge a
sognare determinate cose. In effetti quello che per molti ha del
paranormale, ritornando al discorso che si sa ben poco di come funziona
il nostro cervello, credo che in realtà sia proprio un sistema
sconosciuto di elaborazione dati che esso compie e che ci porta ad avere
il cosiddetto sesto senso, solo che è più bello pensare che ci sia
qualcosa di superiore a darci questo dono...per come la vedo io, si
chiama intuito.

Per te, Cleden, tutta la mia stima. Come te sono mamma e
nel mio piccolo so cosa vuol dire aver paura; per tre anni mio figlio
appena iniziava a piangere, per qualsiasi motivo, fosse stato solo
perché non andavo subito da lui appena chiamava, andava in apnea;
smetteva di respirare, diventava blu e perdeva i sensi, ed io a dovergli
soffiare in bocca per farlo riprendere. Per tre anni non ho dormito la
notte, con la paura di non sentirlo. Ora va bene, ma il ricordo ancora
mi fa tremare. Non ti do inutili parole di incoraggiamento, sei una
mamma, hai già tutta forza che serve: te la dà tua figlia. permettimi però di mandarti un forte
abbraccio e un bacio per la tua piccola stella.

Vedi il profilo dell'utente
41
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
ti dirò di più (ma mi sto facendo prendere la mano dall'entusiasmo) hai notato che non smettiamo mai di pensare? Anche quando a richiesta risponderemmo che non stiamo pensando a niente perchè non c'è un pensiero principale che ci assorbe, ma quel chicchiericcio di fondo c'è sempre nella nostra mente?
Ebbene se fossimo capaci di stare in perfetto silenzio mentale, forse potremmo percepire sottili sfumature, dati sub o sovra-sensoriali che si potrebbero anche chiamare percezioni extra sensoriali, dire telepatia è una scorciatoia del cervello in effetti tante specie animali hanno forme di trasmissione delle informazioni a distanza, con ultrasuoni, sistemi radar, vibrazioni, mutamenti di pressione atmosferica.........non è detto che il rapporto profondo che si crea fra una madre ed un figlio non possa affinare percezioni normalmente sepolte

Vedi il profilo dell'utente
42
Cleden
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Akasha ha scritto:.... In effetti quello che per molti ha del
paranormale, ritornando al discorso che si sa ben poco di come funziona
il nostro cervello, credo che in realtà sia proprio un sistema
sconosciuto di elaborazione dati che esso compie e che ci porta ad avere
il cosiddetto sesto senso, solo che è più bello pensare che ci sia
qualcosa di superiore a darci questo dono...per come la vedo io, si
chiama intuito.

.... Per tre anni non ho dormito la
notte, con la paura di non sentirlo. Ora va bene, ma il ricordo ancora
mi fa tremare. Non ti do inutili parole di incoraggiamento, sei una
mamma, hai già tutta forza che serve: te la dà tua figlia. permettimi però di mandarti un forte
abbraccio e un bacio per la tua piccola stella.

Cara Akasha, grazie per la vicinanza che mi fai sentire con la tua testimonianza.
Sembra paradossale ma è vero, quando andavo da lei in Patologia Neonatale e potevo finalmente abbracciarla e darle il mio latte... io lì mi risanavo e mi rigeneravo, stare a contatto con lei mi dava forza, sia fisica che mentale. Naturalmente la cosa era reciproca, io ritengo che l'allattamento ci abbia salvate entrambe, ma per quanto riguarda me di certo mi salvato dalla depressione dandomi la forza che tu conosci. BeautyfulSuina

Sì, suppongo che pensare che questi fatti siano interventi e/o doni di un'entità superiore faccia sentire più speciali, mentre l'ipotesi che non si tratti di altro se non di nostre potenzialità in nuce, o peggio, in decadenza, farebbe vacillare più di una certezza...

Intuito senz'altro sì, unito alla capacità di cogliere la comunicazione non verbale dell'altro, su questo ti seguo e anch'io potrei portare tanti esempi di dialoghi in cui non è servito parlare, specie coi miei figli... Sui numeri invece non mi capita da un sacco di tempo... mi è successo solo una volta tanti anni fa di sognare più volte di seguito 3 numeri, così li ho giocati ed ho vinto, ma anch'io come te avevo puntato pochissimo!! Mad2
Comunque, avendo conosciuto una persona che era convinta di possedere qualità taumaturgiche per dono divino, preferisco di gran lunga gli scettici ai creduloni, sono decisamente meno pericolosi!

Vedi il profilo dell'utente
43
Cleden
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
BIGbossSTIGAZZI ha scritto:ti dirò di più (ma mi sto facendo prendere la mano dall'entusiasmo) hai notato che non smettiamo mai di pensare? Anche quando a richiesta risponderemmo che non stiamo pensando a niente perchè non c'è un pensiero principale che ci assorbe, ma quel chicchiericcio di fondo c'è sempre nella nostra mente?
Ebbene se fossimo capaci di stare in perfetto silenzio mentale, forse potremmo percepire sottili sfumature, dati sub o sovra-sensoriali che si potrebbero anche chiamare percezioni extra sensoriali, dire telepatia è una scorciatoia del cervello in effetti tante specie animali hanno forme di trasmissione delle informazioni a distanza, con ultrasuoni, sistemi radar, vibrazioni, mutamenti di pressione atmosferica.........non è detto che il rapporto profondo che si crea fra una madre ed un figlio non possa affinare percezioni normalmente sepolte

C'è un chicchiericcio continuo dato di certo dai pensieri, ma anche dai continui stimoli che provengono dal corpo.
Secondo me stare in perfetto silenzio mentale è pressoché impossibile, proprio perché il cervello è continuamente elaborante, e infatti mi sono fatta l'idea che certe persone siano convinte di intuire i pensieri altrui, mentre invece si tratta solo di loro proiezioni.

Credo che per percepire ed intuire l'altro sia necessario conoscere bene se stessi tanto da sapere quali emozioni, quali pensieri e sentimenti appartengano sicuramente a noi, e poi metterli da parte per ascoltare l'altro.

Vedi il profilo dell'utente
44
PorceDi
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
L'umana mania di categorizzare a volte può far scoprire fenomeni curiosi.
Ad esempio il fatto che i sensi sono ben di più dei famosi cinque.
Non so se questo giustifichi il suicidio, come nel caso di alcuni pitagorici.
Che per aver scoperto l'esistenza dei numeri irrazionali, si tolsero la vita.

Vedi il profilo dell'utente
45
Cleden
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Ti riferisci a quello che Lucio ha riportato da Wikipedia?

Vedi il profilo dell'utente
46
PorceDi
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Non lo so, non l'ho letto.
Però dicono che i settimini siano sensitivi.

Vedi il profilo dell'utente
47
Cleden
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Se lo dicono sarà vero di sicuro.

Vedi il profilo dell'utente
48
latino
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
...fin dalla notte dei tempi, si parla di questo profondo legame che ci sta tra madre e figli...ho letto di esperienze del genere, accadute durante le ultime guerre, tra cui una mamma che sentì il saluto dolente del figlio mentre stava morendo al fronte; e a seguito di alcuni riscontri, le date coincidevano...e perchè poi meravigliarsi?...le religioni non sono in grado di dare nessuna risposta nel merito...ma una cosa però è certa...se questo legame ci sta, ed è reale, su quale base si sviluppa, se non in chiave spirituale?...dentro di noi ci stanno poteri ancora ignoti alle masse...tra i quali comunicare a distanza...la telepatia...e questi fenomeni sono stati, anche, riscontrarti frequentemente tra i gemelli...quindi, non credo tu ti debba preoccupare più di tanto di queste meravigliose percezioni,se mai il contrario...e ti assicuro, che al di là della tua esperienza dolorosa, molte mamme, invidierebbero, sicuramente, la tua innata capacità di collegamento mentalmente con tua figlia...
...un abbraccio fraterno...e tanti auguri di una vera guarigione per tua figlia...
...Latino

Vedi il profilo dell'utente
49
Cleden
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Grazie Latino, per l'abbraccio, ma soprattutto per gli auguri per mia figlia. BeautyfulSuina
(Che, fra parentesi, è me-ra-vi-glio-sa!!)

Voglio chiarire che non sono preoccupata, per nulla, ma curiosa sì, moltissimo.

Per ciò che tu chiami "spirituale" secondo me la scienza troverà, presto o tardi, una spiegazione concreta, basata su fenomeni fisici. Ne sono convinta.

Vedi il profilo dell'utente
50
latino
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
...allora tantissimi auguri: perchè tua figlia è meravigliosa (credo come la mamma), e perchè tu non sei,poi, preoccupata...
devo però contraddirti, per quanto riguarda l'aspetto scientifico...spiritualismo e scienza, che dovrebbero camminare a braccetto, fanno sovente a pugni, a causa, soprattutto della scienza, che di fronte a certe argomentazioni, come queste, infila la testa nella sabbia...in ogni caso, da quel poco di studi che ho fatto nel settore, i fenomeni" paranormali", paranormali non sono...perchè sono sempre attribuzioni dell'Anima...e qui non ci sta scienza che tenga...se scienza è, lo sarà solo dal punto di vista "Mistico"...dove scienza, religione e filosofia si possono incontrare per trovare punti di solida convergenza...in ogni caso, nel tuo in specie, si tratta sempre di legami psichici, tra te e tua figlia...e credo che,se andiamo ad analizzare, ti sarai spesso trovata anche in altre circostanze, dove avrai tirato fuori, in maniera spontanea, altre qualità, quali sogni premonitori, o casi di chiara telepatia...
...ciao da Latino...a presto.

Vedi il profilo dell'utente
51
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 2 di 3]

Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum