Libero forum di discussione, attualità e dibattiti, cultura, sentimenti, arte, psicologia, giochi, hobbies e tanto spazio per i tuoi pensieri

Le Iniziative in corso nella Valle dell'Eco forum



Nella Valle dell'Eco nasce Fake Collettivo, figlio di un audace esperimento di procreazione virtuale.
Per informazioni cliccate Qui


È in corso il I° Gioco di Ruolo della Valle Dell'Eco
Ambientazione: Il Medioevo -
Iniziativa proposta da Diego - Narratore: Zievatron
Per partecipare clicca Qui



Babel's Land opened.
Click here to visit it.
To register, please use the button "Registrati".

"Nome utente" means user name and "parola chiave" means password.


L'idea di Lucio Musto diventa ebook !
Se vuoi contribuire ad illustrarlo posta Qui la tua creazione grafica.

Relazioni a distanza?

Condividere

xmanx
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem

Relazioni a distanza?

Messaggio Da xmanx il Dom 5 Giu - 11:21

Considerazione del tutto personale.

Ma per favore...maddai. Ma siamo uomini o caporali? scratch
Ci sta se la cosa nasce in modo del tutto casuale.
Ma infilarsi in una relazione a distanza consapevolmente è una cosa priva di senso. E' solo sesso? Embè? Uno si fa 5 o 6 cento km per farsi una scopata? Maddai. scratch

Internet è uno strumento che favorisce la regressione allo stato adolescenziale. A 12 o 13 anni si avevano gli amichetti "di penna". Ma una relazione tra persone adulte è ben altra cosa. E che relazione potrà mai essere se due persone hanno vite differenti? Mondi differenti?

Ovviamente questa è una cosa che si matura solo dopo averla vissuta. Ti rendi conto, cioè, che non è una relazione. E' una cosa finta. Perchè non c'è una reale interconnessione dei due mondi, che rimangono inevitabilmente separati. Non c'è condivisione reale. Nè ci puo' essere un reale progetto comune.

C'è chi dice: non è vero. Io amo il mio partner, anche se siamo a 800km di distanza. E quando ci vediamo scopiamo come ricci.
Vabbè, vabbè. Ci credo. Ma per scopare come ricci non è necessario fare 800km.
Con l'esperienza si viene poi a scoprire che le relazioni a distanza funzionano se e solo se si desidera tenere l'altra persona "fuori dalla propria vita".
Quando poi succede che incontri una persona vicina con la quale ti va di condividere qualcosa....la persona che vive "distante" la si scarica in un batter di ciglia.

E' tutto così banale. pietra
Quando maturi il rispetto per le persone e per te stesso, ti accorgi che è una cosa assolutamente banale. Si puo' dunque dire che diventa una questione di serietà e di maturità.

Cenere79
Viandante Mitico
Viandante Mitico

Re: Relazioni a distanza?

Messaggio Da Cenere79 il Dom 5 Giu - 12:11

xmanx ha scritto:Considerazione del tutto personale.

Ma per favore...maddai. Ma siamo uomini o caporali? scratch
Ci sta se la cosa nasce in modo del tutto casuale.
Ma infilarsi in una relazione a distanza consapevolmente è una cosa priva di senso. E' solo sesso? Embè? Uno si fa 5 o 6 cento km per farsi una scopata? Maddai. scratch

Internet è uno strumento che favorisce la regressione allo stato adolescenziale. A 12 o 13 anni si avevano gli amichetti "di penna". Ma una relazione tra persone adulte è ben altra cosa. E che relazione potrà mai essere se due persone hanno vite differenti? Mondi differenti?

Ovviamente questa è una cosa che si matura solo dopo averla vissuta. Ti rendi conto, cioè, che non è una relazione. E' una cosa finta. Perchè non c'è una reale interconnessione dei due mondi, che rimangono inevitabilmente separati. Non c'è condivisione reale. Nè ci puo' essere un reale progetto comune.

C'è chi dice: non è vero. Io amo il mio partner, anche se siamo a 800km di distanza. E quando ci vediamo scopiamo come ricci.
Vabbè, vabbè. Ci credo. Ma per scopare come ricci non è necessario fare 800km.
Con l'esperienza si viene poi a scoprire che le relazioni a distanza funzionano se e solo se si desidera tenere l'altra persona "fuori dalla propria vita".
Quando poi succede che incontri una persona vicina con la quale ti va di condividere qualcosa....la persona che vive "distante" la si scarica in un batter di ciglia.

E' tutto così banale. pietra
Quando maturi il rispetto per le persone e per te stesso, ti accorgi che è una cosa assolutamente banale. Si puo' dunque dire che diventa una questione di serietà e di maturità.

Diciamo, xmanx, che il tuo è solo uno degli scenari possibili.
Ma non credo che la serietà e la maturità c'entrino granché.
Cioè se io sto bene con una persona ma non mi sento di costruire qualcosa con lei, significa che non sono seria e matura?
Poi, non so se ci sono quelli che si vanno a cercare la storia a distanza con il lanternino perché la trovano congeniale alla lora necessità (per me legittima) di viversi un rapporto all'insegna del disimpegno, ma so che capita di incontrare una persona che vive lontana da noi e di innamorarsene e non è che si possa decidere di innamorarsi di quella piuttosto che di un'altra sulla base di una valutazione preventiva delle condizioni in cui si svolgerebbe la storia.
La tirata contro internet che c'azzecca? scratch
è un mezzo di comunicazione e di conoscenza come gli altri.
E anche in internet posso conoscere una persona interessante.
E se la trovo tale, non me ne frega una ceppa se vive a chilometri e chilometri di distanza da me.
Di sicuro non mi lascio scappare l'opportunità di avere un rapporto con lei.

Non è questione di maturità e serietà.
Semmai è questione di coraggio.
Perché coltivare un rapporto a distanza può richiedere molto
più impegno e fatica e fiducia reciproca di uno che si svolge quotidianemente sotto
i nostri occhi e che per cioò stesso ci appare rassicurante.

pensaci Sorriso Scemo

xmanx
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem

Re: Relazioni a distanza?

Messaggio Da xmanx il Dom 5 Giu - 12:54

uhm scratch
Nel mio 3d parlavo di una "relazione". Nella mia concezione della vita una relazione coinvolge l'aspetto emotivo, il desiderio, la condivisione e la progettualità. E anche l'esclusività. Se amo una donna desidero starle accanto. Desidero che la sua presenza nella mia vita sia una presenza anche "reale" e "quotidiana". Nelle piccole e grandi cose. E non solo sogno e immaginazione.
Per come la vedo io, in una relazione a distanza, tutto questo è impossibile.

Cosa assai diversa è una "trombamica". Una bella amicizia dove, tra l'altro, si tromba. Gran bella cosa. Ma non c'è alcun coinvolgimento emotivo nella sua vita. E non c'è alcun coinvolgimento suo nella mia vita. Le nostre vite sono separate e rimangono separate.

PEr quanto mi riguarda, la maturità e la serietà, consistono nel non confondere le due cose. Che sono cose assai diverse. Confondere una trombamicizia con una relazione non è auspicabile. Come non è auspicabile confondere una relazione con una trombamicizia. Non c'è alcun investimento emotivo in una trombamicizia. In una relazione, invece, si.

Le "relazioni a distanza" sono delle ottime trombamicizie. Nulla di più.
E, oggi come oggi, l'idea di farmi 800km per farmi una trombata mi appare assai banale.

Questa è una valutazione del tutto soggettiva, che riguarda solo me, ed è frutto della mia personalissima esperienza. Poi ognuno vive come vuole, percaritadidio. pietra

Cenere79
Viandante Mitico
Viandante Mitico

Re: Relazioni a distanza?

Messaggio Da Cenere79 il Dom 5 Giu - 13:05

Messa così effettivamente non fa una piega.

Giustissimo il discorso sullo stare attenti a non confondere le cose!


Cenere79
Viandante Mitico
Viandante Mitico

Re: Relazioni a distanza?

Messaggio Da Cenere79 il Dom 5 Giu - 13:10

attenzione solo, per i miei personalissimi gusti, a che troppa vicinanza non soffochi e restringa troppo gli spazi di libertà individuale.

LiQuiRizia91
Viandante Storico
Viandante Storico

Re: Relazioni a distanza?

Messaggio Da LiQuiRizia91 il Mar 7 Giu - 21:45

xmanx ha scritto:Considerazione del tutto personale.

Ma per favore...maddai. Ma siamo uomini o caporali? scratch
Ci sta se la cosa nasce in modo del tutto casuale.
Ma infilarsi in una relazione a distanza consapevolmente è una cosa priva di senso. E' solo sesso? Embè? Uno si fa 5 o 6 cento km per farsi una scopata? Maddai. scratch

Internet è uno strumento che favorisce la regressione allo stato adolescenziale. A 12 o 13 anni si avevano gli amichetti "di penna". Ma una relazione tra persone adulte è ben altra cosa. E che relazione potrà mai essere se due persone hanno vite differenti? Mondi differenti?

Ovviamente questa è una cosa che si matura solo dopo averla vissuta. Ti rendi conto, cioè, che non è una relazione. E' una cosa finta. Perchè non c'è una reale interconnessione dei due mondi, che rimangono inevitabilmente separati. Non c'è condivisione reale. Nè ci puo' essere un reale progetto comune.

C'è chi dice: non è vero. Io amo il mio partner, anche se siamo a 800km di distanza. E quando ci vediamo scopiamo come ricci.
Vabbè, vabbè. Ci credo. Ma per scopare come ricci non è necessario fare 800km.
Con l'esperienza si viene poi a scoprire che le relazioni a distanza funzionano se e solo se si desidera tenere l'altra persona "fuori dalla propria vita".
Quando poi succede che incontri una persona vicina con la quale ti va di condividere qualcosa....la persona che vive "distante" la si scarica in un batter di ciglia.

E' tutto così banale. pietra
Quando maturi il rispetto per le persone e per te stesso, ti accorgi che è una cosa assolutamente banale. Si puo' dunque dire che diventa una questione di serietà e di maturità.

Ti dirò, ne sono uscita per la seconda volta e adesso la vedo esattamente come te.
Però mentre c'ero in mezzo ci credevo veramente.
Il fatto è che se una storia continuerà ad essere a distanza per tempo X indefinito la cosa inizia a diventare pesante sul serio.
Io ho 20 anni, ho conosciuto il mio ex a 17 e siamo stati insieme 2 anni. I km erano solo 130, ma di contro io sapevo che vivevamo due realtà praticamente parallele che si congiungevano solo la domenica. E che con l'andare avanti del tempo non era nemmeno sicuro che le strade si sarebbe unite.
Le nostre vite stavano inseguendo obiettivi diversi e stavamo cercando di inseguire anche noi stessi.
Purtroppo questo lo vedevo solo io, dall'altra parte il problema non se lo era posto. Allorchè ho giustamente pensato di non essere abbastanza presa perchè si dice che l'amore superi tutti gli ostacoli.

Però come si fa a vivere così? Io ormai non ne potevo più.
Sesso a comando perchè ti vedi il week end e quindi sembra normale progettarlo in relazione alla scopata settimanale, c'hai da fare un week end tu e l'altro c'ha da fare lui e ti vedi dopo un mese. Spendi barcate di soldi................


Mia sorella sta a Bologna, il suo lui è di Napoli, ma hanno 29 anni, stanno insieme da mi pare 2, ma hanno dei progetti che metteranno (credo) presto in cantiere ed in effetti è tutta un'altra cosa!

NinfaEco
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem


Gioco di Ruolo - MEDIOEVO
NOME:: Ermengarda (Femina Stressa Catzum)
SQUADRA:: Maleficiorum Maleficiensis

Re: Relazioni a distanza?

Messaggio Da NinfaEco il Gio 9 Giu - 7:36

@Liquirizia

Ricorre la parola progetto. Mi sa che infondo nel tuo caso il punto è stato quello a prescindere dal resto.

Mi illumineresti sul rapporto tra amore e progetti?
Ci apro un thread però, se no qui si va O.T.
http://www.lavalledelleco.net/t3325-amore-e-progetti#65199
Se ti va, rispondimi qui.

Jester
Viandante Storico
Viandante Storico

Re: Relazioni a distanza?

Messaggio Da Jester il Gio 9 Giu - 14:27

l'amore a distanza é come l'acqua in un paniere pietra

Akasha
Viandante Residente
Viandante Residente

Re: Relazioni a distanza?

Messaggio Da Akasha il Gio 9 Giu - 15:38

cenere79 ha scritto:attenzione solo, per i miei personalissimi gusti, a che troppa vicinanza non soffochi e restringa troppo gli spazi di libertà individuale.
Il chè sarebbe come mettere un piede nella fossa del rapporto; ognuno deve avere modo di coltivare le proprie passioni ed avere i propri spazi a prescindere dall'altro, quindi anche troppa vicinanza storpia. Poi, se un rapporto a distanza vale la pena di essere vissuto, perchè l'altro ci fa stare bene anche se solo per un giorno alla settimana, ben venga. Per quattro anni io e il mio lui, ci siamo visti solo la domenica, e i km erano solo 40, cusa motivi di lavoro miei e suoi; eppure la cosa è andata avanti, ed anche ora che siamo sposati da sei anni, ogni tanto ci prendiamo i nostri spazi per stare con vecchi amici e staccare anche da noi stessi; a volte i litigi arrivano proprio perchè a forza di stare troppo insieme c'è bisogno di spezzare la routine.
Poi ovviamente si fa pace, e allora... come due fidanzatini che non si vedono da una settimana!

ThanksGod
Viandante Storico
Viandante Storico

Re: Relazioni a distanza?

Messaggio Da ThanksGod il Ven 10 Giu - 14:05

La lontananza porta solo tristezza e al contempo spegne il fuoco dell'amore.

Cenere79
Viandante Mitico
Viandante Mitico

Re: Relazioni a distanza?

Messaggio Da Cenere79 il Ven 10 Giu - 14:14

ThanksGod ha scritto:La lontananza porta solo tristezza e al contempo spegne il fuoco dell'amore.

A me aumentava la voglia di vederlo.
E causava non tristezza bensì malinconia, che è uno stato
d'animo molto bello (secondo me)

animegemelle
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato

Re: Relazioni a distanza?

Messaggio Da animegemelle il Lun 18 Lug - 20:35

xmanx ha scritto:Considerazione del tutto personale.

Ma per favore...maddai. Ma siamo uomini o caporali? scratch
Ci sta se la cosa nasce in modo del tutto casuale.
Ma infilarsi in una relazione a distanza consapevolmente è una cosa priva di senso. E' solo sesso? Embè? Uno si fa 5 o 6 cento km per farsi una scopata? Maddai. scratch

Internet è uno strumento che favorisce la regressione allo stato adolescenziale. A 12 o 13 anni si avevano gli amichetti "di penna". Ma una relazione tra persone adulte è ben altra cosa. E che relazione potrà mai essere se due persone hanno vite differenti? Mondi differenti?

Ovviamente questa è una cosa che si matura solo dopo averla vissuta. Ti rendi conto, cioè, che non è una relazione. E' una cosa finta. Perchè non c'è una reale interconnessione dei due mondi, che rimangono inevitabilmente separati. Non c'è condivisione reale. Nè ci puo' essere un reale progetto comune.

C'è chi dice: non è vero. Io amo il mio partner, anche se siamo a 800km di distanza. E quando ci vediamo scopiamo come ricci.
Vabbè, vabbè. Ci credo. Ma per scopare come ricci non è necessario fare 800km.
Con l'esperienza si viene poi a scoprire che le relazioni a distanza funzionano se e solo se si desidera tenere l'altra persona "fuori dalla propria vita".
Quando poi succede che incontri una persona vicina con la quale ti va di condividere qualcosa....la persona che vive "distante" la si scarica in un batter di ciglia.

E' tutto così banale. pietra
Quando maturi il rispetto per le persone e per te stesso, ti accorgi che è una cosa assolutamente banale. Si puo' dunque dire che diventa una questione di serietà e di maturità.


Scolta Max che dici su quelle con appena( Sorriso Scemo ) 250 Km di mezzo ......?
Esson troppi uguale? Suspect ma no,sono pochi? Sorriso Scemo .........non ne hai la piu' pallida idea?.......

PS: Il riciclo sentimentale lo trovo disgustoso...anche prima di appellarsi al diritto dell'impossibilita' causa TROPPA distanza!
Voglio dire..la donna-uomo che ti interessa stava ad 800 KM anche prima che ti accorgessi che fossero troppi!...ma tu ndo' cazzo stavi pero' con la testa? :_-_:

TRADOTTO: A me sembra tutta una immane stronzata!




Animegemelle

xmanx
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem

Re: Relazioni a distanza?

Messaggio Da xmanx il Gio 21 Lug - 17:00

Sai che non ti ho mica seguita nel tuo ragionamento. scratch
Che cos'è il "riciclo sentimentale"? scratch

animegemelle
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato

Re: Relazioni a distanza?

Messaggio Da animegemelle il Gio 21 Lug - 20:09

La distanza è commisurata al tipo di rapporto che ne consegue.
Si è troppo distanti,alle volte, anche vivendo nella stessa casa.I corpi si incontrano ma non si toccano.
Ecco questo è il concetto di RICICLO-SENTIMENTALE come la vedo io.
Tutto cambia,noi cambiamo....i rapporti cambiano.Distanti,vicini,la quotidianita'non ha unita' di misura.
La fisicita' come la hai descritta te........NON è la garanzia definitiva della relazione perfetta-duratura e stabile.........solo perche' ci si puo' vedere tutti i giorni..............e il sesso si puo' definire "fare l'amore" e non "trombata".....sempre per lo stesso fattore.
Una STORIA va' creata protetta e custodita.........questa io la definisco MATURITA'.

Ti faccio una domanda:
Definiscimi il senso di "AMORE VERO".

( Solo quello che ti abita ad un isolato o due?)........(No!.........non puo' essere cosi banale dai!)

Ci potrei stare tutta la sera a disquisire....la chiudo qua vah!........altrimenti rischio pure che mi accusi di essere tastiera-logorroica nascondersi

Buonaserata Max imbarazzo


Animegemelle

xmanx
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem

Re: Relazioni a distanza?

Messaggio Da xmanx il Ven 22 Lug - 13:28

La fisicita' come la hai descritta te........NON è la garanzia definitiva della relazione perfetta-duratura e stabile.........solo perche' ci si puo' vedere tutti i giorni..............e il sesso si puo' definire "fare l'amore" e non "trombata".....sempre per lo stesso fattore.
Una STORIA va creata protetta e custodita.........questa io la definisco MATURITA'.


Sono d'accordo con te, ovviamente. Quoto e sottoscrivo ogni parola.


Definiscimi il senso di "AMORE VERO".

Partiamo da un dato di fatto. Ognuno di noi ha una immagine di "persona ideale". Sia per l'aspetto fisico che per quello caratteriale e mentale. "L'amore vero" non puo' prescindere da questi fattori. Poi c'è il senso di appartenenza. Sì. E' amore vero se c'è senso di appartenenza. E il punto è questo: impossibile provare senso di appartenenza per una persona che è, costantemente, fuori dalla tua vita...cioè per un fantasma.

In my opinion, of course.

animegemelle
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato

Re: Relazioni a distanza?

Messaggio Da animegemelle il Ven 22 Lug - 13:43

xmanx ha scritto:La fisicita' come la hai descritta te........NON è la garanzia definitiva della relazione perfetta-duratura e stabile.........solo perche' ci si puo' vedere tutti i giorni..............e il sesso si puo' definire "fare l'amore" e non "trombata".....sempre per lo stesso fattore.
Una STORIA va creata protetta e custodita.........questa io la definisco MATURITA'.


Sono d'accordo con te, ovviamente. Quoto e sottoscrivo ogni parola.


Definiscimi il senso di "AMORE VERO".

Partiamo da un dato di fatto. Ognuno di noi ha una immagine di "persona ideale". Sia per l'aspetto fisico che per quello caratteriale e mentale. "L'amore vero" non puo' prescindere da questi fattori. Poi c'è il senso di appartenenza. Sì. E' amore vero se c'è senso di appartenenza. E il punto è questo: impossibile provare senso di appartenenza per una persona che è, costantemente, fuori dalla tua vita...cioè per un fantasma.

In my opinion, of course.



Vero Max!
Pero' è anche un dato di fatto che.........se una persona E' costantemente presente nel tuo cuore e nella mente..........come è possibile crederla fuori dalla nostra vita a prescindere?
Cenare tutte le sere insieme NON implica, anche, la completa residenza l'uno nella vita dell'altra.

Come giustamente sottolinei anche te..........questa è una mia personale visione!


PS:Bella la tua definizione di "amore vero".


Animefantasmagemelle.

luci62
Viandante Storico
Viandante Storico

Re: Relazioni a distanza?

Messaggio Da luci62 il Sab 23 Lug - 16:52

l'amore,se è vero,non finisce perchè si è distanti,così come è vero che essere sempre vicini non è garanzia perchè duri.anzi...a volte proprio la vicinanza costante e la noia della quotidianità finiscono per rendere tutto scontato. e l'amore muore

    La data/ora di oggi è Ven 24 Ott - 15:39