Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

CDP - LA BIBBIA ILLUSTRATA

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
marimba
avatar
Direttore del Corriere della Pera
Direttore del Corriere della Pera
La Valle dell'Eco e Il Corriere della Pera sono orgogliosi di presentarvi:



il primo poema interamente prodotto all'interno del forum
autori del testo: Sora Lella e Er Cuggino
autore delle illustrazioni: BigBoss Stigazzi
curatrice: marimba


L'opera è scritta in vernacolo romanesco, che a dispetto di Dante e di Bossi è l'unica lingua che unifica l'Italia. Si tratta di una versione succinta degli episodi salienti del Vecchio Testamento. Non potendo pagare i diritti d'autore a Chi la scrisse la prima volta, ci affidiamo contriti alla Sua benevolenza.


_________________
***
Visualizza il profilo dell'utente
2
marimba
avatar
Direttore del Corriere della Pera
Direttore del Corriere della Pera


Introduzione
Sora Lella si rivolge a Manlio Spertichini, il di lei cugino.



Manlio, stavo a guardà ste righe tue
pensanno ar Serpe, a Eva e Adamo pure
e un'idea me venne, che noi due
riscrivessimo le Sacre Scritture.

Magari pe' no rompe li cojoni
potrebbimo infarcì co' frizzi e lazzi
e pe la storia de l'illustrazzioni
se famo dà una mano da Stigazzi

Idea brasfema, dici. E che tte frega?
dei artri pure ce se so' provati
Nun zo, però, di' un po', chi ce lo nega
magari pure a noi ce fan beati...

che tanto, prima o dopo, er Padreterno
ce caccia de sicuro Lui, all'Inferno.


_________________
***
Visualizza il profilo dell'utente
3
marimba
avatar
Direttore del Corriere della Pera
Direttore del Corriere della Pera

Prologo

i tre autori nella visione di Stigazzi...

Certo, Lui cia' creato l'Universo
mica 'no scherzo, e pure in sette ggiorni
na sciocchezzuola, fatta a tempo perso
per aspetta' che un giorno ce ritorni.

S'era Onnisciente, già ce lo sapeva
ch'er Fijo che Lui in tera cia' inviato
na bbrutta fine poi certo faceva,
mannanno pure lui a mori' ammazzato!

Se er Padre tratta così Gesùcristo
capisco poi ste guere e ammazzamenti
Nun è che sto concetto va rrivisto?
Ce vo' più amore, e meno sacramenti!

Se er prete nun è bono de sarvacce
e no co' du preghiere ed un miserere
che se semo stufati de frescacce,
s'annassene a ttrova' n'antro mestiere.


_________________
***
Visualizza il profilo dell'utente
4
marimba
avatar
Direttore del Corriere della Pera
Direttore del Corriere della Pera


LA GGENESI



Un dì che se stufava er Padreterno
ce penza, e dice: - "Un uzzolo me pija
di inventamme sta storia de l'Inferno."
E nfatti mette su casa e famija.

"Pè ccasa, visto che so' Onnipotente,
ar minimo ce vole er Firmamento
che nun se dica che so' poco abbiente.
Nun è gran che, però me ci accontento".

Fiat Lux, dicette, e scocca na saetta.
Er primo sponsor de la storia intera
de n'auto e puro de na saponetta:
Domineddio in persona, e bonasera.

Creò la luce, er buio, er brutto e er bello
er sole, l'aria, er mare, er pane e er pesce
er cane, er gatto, er sorcio e er somarello
"Chissà se puro l'Omo me riesce".

Dopo ste stelle, mijardi e mijardi
create co' no schiocco de li diti,
(ormai a pentisse stava pure tardi)
creò st'umanità de parassiti.

"Pure se nun ciò moje (e sto bbenone),
questa è la mi famija, er posto mio"
disse guardanno la sua Creazzione,
"Sò propio un figo, quant'è vero Iddio"

Larga la foja è, stretta la via
annate pure in pace, e così sia.





Copyright La Valle dell'Eco (traduzione: CHI CE COPIA LO POSSINO CECA')


_________________
***
Visualizza il profilo dell'utente
5
marimba
avatar
Direttore del Corriere della Pera
Direttore del Corriere della Pera


ER PARADISO TERESTRE



L'unica cosa che non ze po' ddì
che fosse fij'endrocchia sora Eva
perchè la mamma sua nun ce l'aveva
e er Babbo, quello, be', lassamoo lì.

Però, sta mollicona scriteriata
cor serpente s'è mmessa, l'impunita
senza foja de fico s'è esibbita
ner bosco tutta ignuda s'è infrattata.

Puro l'Adamo poi, tontodemamma
(pure se manco lui da mamma è nnato)
se divorò la mela der peccato.
Dio morto s'ingrugnò, e scoppiò er dramma

Dar Paradiso furono cacciati
a tribolà costretti mane e ssera
dovettero girà de tera en tera
proppio come du' zingheri sfollati.

Già se capisce come da sti fatti
n'uscì n'umanità de trucidoni
tutti che stanno a rrompese i cojoni
pe' corpa de sta coppia de coatti.

Chissà, piacenno a Dio madonne e ssanti
Eva, s'ar posto de fa' sto peccato
un fico d'India a Adamo avrebbe dato
sarebbimo in Paradiso tutti quanti.

Sto peccatuccio fu causa der Male?
P'esse un Peccato, fu assai Origginale!





Copyright La Valle dell'Eco (traduzione: CHI CE COPIA LO POSSINO CECA')


_________________
***
Visualizza il profilo dell'utente
6
marimba
avatar
Direttore del Corriere della Pera
Direttore del Corriere della Pera


LA VERA STORIA DE SODOMA



Ce stava na città ne' tempi annati
quanno nun c'era la telivisione
pe' passa' er tempo en sta situazzione
tutti se nchiappettaveno beati.

Dio se lagno' parlanno co' San Pietro
"Possibile che quanno giro l'occhio
te sarta sempre fori un quar finocchio
pe' ccui devi tene' na mano dietro?

Stavo a penza' de mannà giù mi' Fijo
pe' redime sta massa de ricchioni.
Ma se lo metton poi giù a pecoroni?
Spedimolo sur Gorgota, ch'è mejo!

Anche se poi ce lascia la pellaccia
pe' convertì i giudii ad ogni costo
piuttosto che pijasselo in quer posto
è mejo armeno che se sarva la faccia.

Tanto, zoccole, froci, amici e amanti,
ch'assai ve divertite a fa' sto gioco
ve mannerò giu' na pioggia de foco
sur serio ite affanculo tutti quanti."

Er Fijo mio direte? Mica è morto.
Ce sta er trucco: ar terzo dì è risorto!





Copyright La Valle dell'Eco (traduzione: CHI CE COPIA LO POSSINO CECA')


_________________
***
Visualizza il profilo dell'utente
7
marimba
avatar
Direttore del Corriere della Pera
Direttore del Corriere della Pera


ABBRAMO



Ce stava n’omo arquanto vecchierello
N’certo Abbramo, e poi su’ moje Sara
Che pora donna pè la sorte amara
Nun poteva avè manco n’bambinello

Ma n’giorno lui sentì nà voce forte
Che je disse “Io sò er Signore, Abbrà
E te dico che te ne devi annà
Perché piena de gloria è la tua sorte”

“Ma n’do vado de grazzia, o mio Signore?
Io nun conosco gnente de sto monno
E poi so’ vecchio e ciò sempre l’affanno
Lasciame in santa pace a fà er pastore”

“Vai ho detto, Abbramo, nun fà tante storie
Che quanno avrai bisogno ce sto io
Mica n’fesso qualunque, ma er tu Dio
Che te prometto fiji maschi e glorie”

E allora parti, senza esitazzione
Vai a Cana, Abbramo, poi corri in Egitto
Usa pure tù moje pe’ profitto
Falla trombà cor Sacro Faraone

Poi damme retta, nun stà a fa er fedele
A’ vedi Agar la schiava? Facce n’fijo
È pure bbona, e allora tanto mejo
Si nasce un maschio chiamelo Ismaele

E quanno te sei messo cheto cheto
Ecco ch’Iddio te fa la gran sorpresa
Te ritrovi tù moje n’dorce attesa
E ariva Isacco, n’antro evento lieto

Tutto a posto? Macché, caccia er fijastro
E pure Agar, che Sara nun cià pace
Poi ariva Iddio cor suo comanno atroce
“Ammazza Isacco”… n’somma, n’gran disastro

Nun c’è gnente da fà, tocca abbozzà
Così sali sur monte cor fanciullo
Ma quanno stai lì pronto cor cortello
Riecco Iddio “Ahò, stavo a scherzà!”

Però chiedo a quarcuno inteliggente
Se in mezzo a tutti stì bibblici eventi
Ce trova poi dei bboni insegnamenti
Perché, lo ggiuro, io n’ciò capito gnente

Nun ce se crede, sto rompicojoni
Divenne er guru de tre religgioni!





Copyright La Valle dell'Eco (traduzione: CHI CE COPIA LO POSSINO CECA')


_________________
***
Visualizza il profilo dell'utente
8
marimba
avatar
Direttore del Corriere della Pera
Direttore del Corriere della Pera


NOE’



Er Padreterno stava assai abbacchiato
Quell’Omo che je stava tanto a core
J’era venuto n’sacco difettato
Violento, pigro e gran fornicatore

Pieno de furia e de scojonamento
Un giorno che s’era svejato male
Tuonò “Me so stufato, e mò v’anniento
Faccio venì er Giudizzio Universale!”

Ce stava solo n’omo probbo e retto
Che poteva scampà ar gran putiferio
Noè fijo de Lamech fu l’eletto
E allora Iddio je disse serio serio

“Nun stà a dormì, Noè, ma vaffall’arca
Portaci tutti quanti l’animali
Dal gufo alla vigogna al luccioperca
Dal porco allo scoiattolo coll’ali

Poi n’tè dimenticà de la famija
Dovemo da pensà pure ar domani
Sinnò vedi n’po’ te che meravija
Er futuro der monno senza umani!”

Er diluvione venne pe' davero
I ggiorni je parevano infiniti
A Noè ch’era sempre n’pieno sclero
Tra starnazzi, cucù, ragli e muggiti

Dopo dodici mesi de st’andazzo
S’aritrovò arenato su quer monte
Dar nome propio strano, n’po’ der cazzo
Che pare er verso d’uno balbuziente

Nun je sembrava vero d’escì fori
E de fa annà via libbere le bestie
Ner monno nuovo, senza peccatori
Pronto pe’ rindossà la vecchia veste

Basto’ che nà vignetta coltivasse
Noè, er fijo Tuo moriggerato
Pe’ comincià a dì frasi sconnesse
Che cor Frascati suo s‘era ‘mbriacato

Perché, Signore Iddio, tu ce lo sai:
A cambià l’Omo nun ce riesci mai




Copyright La Valle dell'Eco (traduzione: CHI CE COPIA LO POSSINO CECA')


_________________
***
Visualizza il profilo dell'utente
9
marimba
avatar
Direttore del Corriere della Pera
Direttore del Corriere della Pera


MOSE'



Però sti Faraoni erono fichi
tutti che camminaveno sghimbesci
come se vede ne li affreschi antichi
tra disegni de corvi uccelli e pesci.

La manodopera nun era cara
bastaven du' frustate e un carcio in culo
la sorte pe' un giudìo era assai amara
a faticà coatto come un mulo.

Mosè, che era adottivo ma giudio
a sta situazzione nun s'arrese
e co' superpoteri der su Dio
de piaghe appestò tutto er paese.

Er Faraone co gli occhi de fora
gli schiavi liberò tutto de corsa
poi se pentì che già stava in malora
e parte p'acchiappalli alla rincorsa.

Quanno Mosè giungette a quer Mar Rosso
cor Faraone dietro assai incazzato
disse bisogna mo' che sarto er fosso
prima che qui finisco infirzato.

Mò se movemo sennò famo notte
de annà de là era ormai giunta l'ora
ce sarebbe voluto er ferribotte,
petroliere nun ne passava ancora.

Nun c'era verso de scappà co un ponte
manco de traversallo tutti a noto.
Du' raggi je sortiron da la fronte
Mosè arzò er bastone, e fece er vòto.

Maggìa! Se retirarono le acque
come na granne onnata, ma a l'indietro
che er popolo giudìo ntontito tacque
poi se buttò senza guardasse dietro.

Sur Sinai Dio chiamò poi er capoggita
pe' daje sta pietrona de la legge
cor raggio lasere parea scorpita
"Imparaje ste regole ar tu gregge".

Intanto er gregge suo se la spassava
facenno na bardoria e assai schiamazzi
approfittando che lui nun ce stava
ma quanno ritorno', disse "so' cazzi."

A traversà er deserto fu no strazio
magnanno manna co le cavallette
pe' arrivà in Palestina e pagà er dazio
come l'Onnipotente decidette.

Non zo divve er perchè ne manco er come
sta Terasanta mica santa era:
da che Domineddio je diede er nome
fu er posto più sfigato de la Tera.

Diceveno che è er popolo eletto
figurete se fosse er più rejetto...




Copyright La Valle dell'Eco (traduzione: CHI CE COPIA LO POSSINO CECA')


_________________
***
Visualizza il profilo dell'utente
10
marimba
avatar
Direttore del Corriere della Pera
Direttore del Corriere della Pera


EPILOGO



Ar fine de ste peregrinazzioni
se sparpajaro per er monno intero
subiro le peggior persecuzzioni
non fu na cosa allegra, pe' davero.

Gli eletti dar Signore Padreterno
ch'aspetteno l'arivo der Messia
patirono le pene de l'Inferno
de la Tera promessa ìn su la via.

I artri fedeli, de quer Cristo in croce
spezzanno er pane e poi bevenno er vino
ai poveracci dettero la voce
Ma a Roma Dio fu poi trino e quattrino.

Nun zo se er desiderio der Signore
fosse de accènne roghi o conti in banca
fà buone azioni, quelle ar portatore
spillando sordi ar centro, a destra e a mmanca.

Dite la vostra ch'ho detto la mia
Annate pure in pace, e così sia.


CONGEDO

Gli autori salutano il cortese lettore

Finito sto poema colleggiale
ce scusino li preti e li rabbini
che nun se n'abbino davero a male
se avemo superati li confini.

Aspettanno er dì daa Apocalisse,
sto scritto ch'è più empio che ddivino
te devo dì chi fu che ce lo scrisse:
Stigazzi, Sora Lella e su cuggino.

Ar fine sto racconto è terminato.
Nun te piace? Ma va' mmorì ammazzato!




Copyright La Valle dell'Eco (traduzione: CHI CE COPIA LO POSSINO CECA')


_________________
***
Visualizza il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum