Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Mille modi di dire Mengolino e Cutrettola

Condividi 

Vai alla pagina : 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 2]

1
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
L'idea di questo dotto thread sorge dall'interessante lettura dell'intervento di Euvitt che riporto sotto.
In questa sede è possibile disquisire amabilmente sul significato recondito di tali nomignoli amorosi con cui le genti italiche sono use chiamare i celati organi che tutto muovono, rintracciandone in tal modo l'origine antropologica, la valenza socio comunicativa e ricostruendone la genesi linguistica.

Amen.

P.s.
Chiaramente potete postarne altri anche... la Bernardina ad esempio è assente.



@euvitt ha scritto:ho trovato questi sinonimi in rete

A
Abbacchio; Acello; Adamo; Adolf; Aggeggio; Aguzzapaperi; Alabarda; Alberello; Albero della cuccagna; Alosio; Alzabandiera (si riferisce più propriamente all'erezione mattutina o semplicemente all'erezione); Amendola; Ammennicolo; Anaconda; Arma; Armando; Arnese; Articolo per signora; Asciugamano delle serve; Asperge; Asso; Asso di bastoni; Asta; Atlascopco; Attaccapanni; Attrezzo; Augello; Avvoltoio; Azzittamonache

B
Biri (Nord Italia); Baba; Babbacammello; Babblione; Bacchioloscopio;Bachiono; Badile; Badurlo; Bagara (trapanese);Bagiano; Bagigio; Baldassarre; Banana; Bananone; Baobab; Barbagianni; Barracuda; Bartolo; Barzo; Barzotto; Basano; Bastone; Batacchio; Batanga; Battagliùn (termine in uso in Calabria); Battocchio; Bazzo; Bazzuca; Becca; Bega; Belin (o Belàn o Belino, espressione in uso in Liguria); Bello; Benbenbigolo; Benigno (periferia di Catania);Bestia; Biberone; Bicchio, Bicio (in Veneto); Bietta; Biff; Bigatto; Big Bang; Big Bamboo; Bighe; Bignamone; Bigol; Bìgul, (termine in uso in Friuli); Bigolo; Billo; Bindolùn (termine in uso in Piemonte); Birello; Birillo; Birimbobirambo; Bischero (termine in uso in Toscana); Biscotto; Biscottone; Bisdiffo; Bisquit; Bitti; Blekedeker; Bocchettone; Branda; Brando; Branzino; Brittola; Brocca; Brufolo; Brustolone; Bruzzo; Busceddu; Bimbin (termine del dialetto triestino); Bau; Biscio.

C
Cacchio (il cacchio è il germoglio di una pianta, il termine è usato come eufemismo al posto di cazzo); Cagnolu (espressione catanzarese); Calandra; Calomba; Canna; Capitano; Capitone senz'e recchie (termine napoletano); Cece (denominazione dialettale paganese); Cefalo sguarramazzo (termine volgare napoletano); Cedda (termine tipico catanese); Cella (denominazione Abruzzese/Marchigiana); Cello (centro-marchigiano); Chichillitta (termine cagliaritano per indicare il pene dei bambini); Chiccadroxia (termine cagliaritano per indicare il pene dei bambini); Chillitone (termine cagliaritano per indicare un pene grande); Chigno; Ciaramita o Ciaramedda (messinese); Ciavarello; Cicciallegra; Ciccio (espressione veneta); Cicella (riferito al membro dei bambini delle dimensioni di un piccolo legume); Ciddone (termine foggiano); Cidduzza (dialetto catanese, usato per indicare il membro dei bambini o in tono sfottente un uomo con pene piccolo); Cillone; Cincio; Ciola (denominazione barese); Ciocca (da ciocco di legno); Ciolla (termine reggino); Ciollazza; Ciollone (sinonimo di minchione); Ciota (Nicotera), crotonese, savonese e siciliano); Cippa (da "ceppo", anche "ceppa"); Cioppa; Ciuccio; Ciufello (espressione abruzzese); Coa (bassanese); Coda (bellunese); Comarello/Gomarello (cetriolo); Cosetta; Creapopolo (denominazione dialettale del gallaratese, peraltro ormai quasi totalmente in disuso); Creapopoli (denominazione dialettale toscana dell'empolese); Crescinmano; Cucco; Cumpagn mij (termine campano, "il mio amico").

D
Daga, Dindolino, Dondolino; Dami(Toscana);

E
Egli; Esso; Estensibile

F
Flauto di pelle; Fava; Fratello; Fratellino (Dipende dalle dimensioni); Fringuello; Fallo; Fava; First; Flamberga; Fungia; Fratimo (espressione usata a Salento); Fravaglio (espressione napoletana); Finferlo (espressione veneta); Fusbana; Funchia; Fucile

G
Gingillo; Gioiello; Gigio; Grillo; Gemello siamese ; gommone ; Gelato; Gio; Gruengo (dialetto Tarantino)

I
Incursore calvo, Immane dardo, Ignobile fardello (nel caso in cui non ti si drizzi), Irtam (nome originario della cultura sannita), iomato

K
Klinz (altro termine del dialetto triestino)

L
Lui; Liben (forma dialettale bergamasca); Lucertolone

M
Marra (calabrese); Manfano (termine livornese); Manganello; Mangusta; Mastino; Mazza; Mazzarello ("O' mazzarello" termine in dialetto napoletano); Mazzuolo; Mella (in Ticino); Meregola; Mentula (latino); Micciu (dialetto calabrese); Minchia; Minca (sardo campidanese); Mincia (dialetto sassarese); Mìncie (dialetto gaetano); Mincra (sardo nuorese); Micciu; Membro; Mastellone; Minella; Manico/manego (Veneto); Manico di Carne; Marruggio (termine messinese); Minipimer; Mitulo (dialetto perugino); Mago; Manübri (manubrio, in dialetto milanese); Mastazzolu; Merlo.

N
Nerchia; Nerbiu (termine sardo campidanese); Nerbu (termine calabrese); Nerv (termine sanseverese); Nervo

O
Osel (termine bergamasco); Oseo (termine veneto); Osillu (termine sardo); Organo;

P
Pacco; Il Padre (termine sannita); Padùlo; Palo; Papagno; Pascàl (termine napoletano, traduzione di Pasquale); Pendolo; Pene (termine proprio della lingua italiana); Pepe (termine avellinese); Perna; Pesce; Pesciolino; Pezzeo; Pialla; Pica (termine teramano); Picca (termine chietino); Picchio; Piciu o Picio (termine piemontese); Piciollu (termine calabrese); Pidicone; Pillòscia (tipico termine rossanese); Pilloni, Pillona o Pillone (cagliaritano); Pimperlo (termine altoatesino); Pinga o Pingone (termine proprio del foggiano); Pinguino; Pipì; Pipistrello; Pipo; Pippo; Pirillo; Pirla (termine del dialetto milanese); Pisarello (dialetto piacentino); Piscia (termine calabrese); Pisciòlo; Pisello; Piso; Pistello; Pistocchio; Pistola; Pistolino; Pistulìn (milanese); Pistulo; Pitone; Pitùlu (termine piemontese); Pittàforo; Pizza (termine in dialetto tarantino e dialetto salentino); Pozzollo; Propaina (dal dialetto di Spigno Saturnia: propaggine); Pupo; Pupparuolo; Puzzone (uccello, termine Logudorese);

Q
Quaglia; Quaccherone;

R
Randa; Randello; Ramazza; Renga; Righello

S
Salame; Salsiccia; Sasicce (usato nel napoletano); Scansapelo; Sciavarra; Scorticaculo; Sdavarra; Serpente con un occhio solo; Sferra; Sfondaranocchie; Sfondasfinteri; Siluro; Sleppa; Smanfro; Spaccafiche; Spaccasfinteri; Spaccatutto; Spada de foco (Mario Brega); Spaventapassere; Sperru (calabro ionico, gran coltellaccio); Spoderu (calabrese ionico reggino, specie di pesce); Stanga; Straffagghione (tarantino); Strione (usato nel foggiano, specie di pesce); Stroncafica; Suscella (dal dialetto di Spigno Saturnia: carruba); Svangafiche; Svangapapere; Svangapassere; Sventrapapere (Roberto Benigni); Sventrapassere.

T
Tarello; Terza gamba; Tega; Tomahawk; Totem; Tregghia; Traulo(termine in dialetto tarantino); Tamoco; Tamberlon (Trentino); Trapano; Trivella; Tronco; Troncocionco

U
Uccello, Ugello, Usèl (dialetto Emiliano e veneto occidentale);

V
Varra (dal pescarese); Verga; Verru; Vertula o Vertuluna; Verza; Vicilla (termine foggiano); Vignu; Vijozzu; Vulvometro; Vurpilu

W
Willy (espressione in origine di lingua inglese); Würstel

Z
Zibibbone; Zizì; Zazzà



....qualcuno è grazioso

Visualizza il profilo dell'utente
2
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@euvitt ha scritto:ho trovato questi sinonimi in rete

A
Albero della cuccagna

rotolarsi dal ridere Cosa vince chi si arrampica?


Articolo per signora;

Molto professionale questa

Avvoltoio

Cioè il pipino di chi deve accontentarsi degli avanzi?

B
Baobab;

sono sempre più dell'idea che il pipino vi dia alla testa

Barbagianni

Perchè si suppone si tratti di un volatile notturno?

Barracuda


Nuotano sempre in branco.... si può essere


Bega

Il pene porta guai e mai consiglio.
Chi ce l'ha è poi litigioso.
Approvo.


Bestia

Se... almeno

Brufolo

Presumo il possessore sia differente da quello del baobab

C
Coda ;

Come la coda, si tiene tra le gambe.
Si, trovo profonde affinità tra l'uomo e il cane in questo senso.


Crescinmano;


Ecco, iniziammo a riconoscere i meriti

Gemello siamese

Suppongo valga solo per le teste di.....

I
Incursore calvo

Questa è grandiosa

Pirla

E' beh..... a volte sì


Puzzone

Eh... può capitare


R
Righello

La precisione innanzitutto

S
Scansapelo

Questo deve essere un picio pauroso


Scorticaculo ; Sfondasfinteri; Spaccafiche; Spaccasfinteri; Spaccatutto;

Distruggo ergo sum

Eh prendevi meno sul serio.... ammappete



Spada de foco ;

Alabarda spazialeeeeeeeeeeeeee!
Dio mio.....
si certo
pietra



Mi chiedo come vi ridurreste se aveste la bernardina per un giorno sadness

Visualizza il profilo dell'utente
3
RobyM
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Tutti zoccole a quanto dicono Ninfa..
Io gliela farei provare, ed in fase premestruale e mestruale (per godere appieno dell'esperienza).

Visualizza il profilo dell'utente
4
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@RobyM ha scritto:Tutti zoccole a quanto dicono Ninfa..

Di legno e di tre numeri in meno... si..si



Io gliela farei provare, ed in fase premestruale e mestruale (per godere appieno dell'esperienza).



Questa devastante esperienza, che effetti avrebbe secondo te sulla loro psiche?
Tutto ciò come si ripercuoterebbe sul destino della specie umana?

Visualizza il profilo dell'utente
5
RobyM
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Capace che se provano ad avere gli ormoni impazziti che ti fanno fare cose idiote, capiscono qualche cosa dalla vita.
Considerato che la quasi totalita' degli uomini conosciuti erano dei gran fifoni, me li vedo tutti a letto a contorcesi, sai?
La specie umana rischierebbe l'estinzione, fidati (se provassero il parto, di sicuro!)
rotolarsi dal ridere

Visualizza il profilo dell'utente
6
RobyM
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@RobyM ha scritto: Capace che se provano ad avere gli ormoni impazziti che ti fanno fare cose idiote, capiscono qualche cosa dalla vita.
Considerato che la quasi totalita' degli uomini conosciuti erano dei gran fifoni, me li vedo tutti a letto a contorcesi.
La specie umana rischierebbe l'estinzione, fidati (se provassero il parto, di sicuro!)
rotolarsi dal ridere

Visualizza il profilo dell'utente
7
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@RobyM ha scritto: Capace che se provano ad avere gli ormoni impazziti che ti fanno fare cose idiote, capiscono qualche cosa dalla vita.

Guarda che questo già lo sanno Sorriso Scemo

Considerato che la quasi totalita' degli uomini conosciuti erano dei gran fifoni, me li vedo tutti a letto a contorcesi, sai?

Acuta osservazione.
Senza dubbio un analisi statisca di impostazione descrittiva, non può che confermare tale dato.
Tentiamone un'analisi.
Perchè l'uomo è fifone?
Si può ipotizzare una stretta correlazione di questo assetto di personalità e il possesso di un pene?
Che so... il timore del ratto del pene o cose simili?

Visualizza il profilo dell'utente
8
RobyM
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Secondo me ne temono la perdita (ci sono esemplari che se lo toccano spesso infatti).
Hum.. perche' l'uomo e' fifone non lo so, ma ho visto scene della malavita per un 37,2 di febbre.
E non solo sono fifoni per quello che riguarda le malattie, ma anche per quello che riguarda l'assunzione dei farmaci!
Na palla sta cosa..

Visualizza il profilo dell'utente
9
euvitt
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
mi sia consentita una difesa d'ufficio del sinonimo "SPADA DE FOCO"



vedere Verdone al minuto 5 10" e Brega al 9 07"

Visualizza il profilo dell'utente
10
euvitt
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@NinfaEco ha scritto:
Tentiamone un'analisi.
Perchè l'uomo è fifone?
Si può ipotizzare una stretta correlazione di questo assetto di personalità e il possesso di un pene?
Che so... il timore del ratto del pene o cose simili?
uhmmmmm

mai sentito parlare di yin e yang?
come cavolo te lo spiego? scratch

allora mettiamola così... la normale costituzione sia fisica che mentale del maschio è più duro esternamente più morbido internamente

la femmina normalmente è più morbida esternamente ma più dura internamente


essere duro o morbido di per se non comporta nulla di male,l'importante è che i due siano armonici

il problema nasce quando c'è un esagerazione dei due

esempio, l'uomo troppo duro esternamente, di certo all'interno ha una eccessiva morbidezza da proteggere
esempio la mela e la noce di cocco
la mela ha un interno duro rivestito da una buccia sottile
la noce di cocco deve avere un esterno molto duro per proteggere l'interno


Visualizza il profilo dell'utente
11
RobyM
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Posso? Mi sto ammazzando dalle risate.
Non so se piu' per Verdone, o per la tua descrizione poetica.
Ma vafffffaaaaaaaaa..!!!
"Duro fuori, morbido dentro", non si puo' sentire!!

Visualizza il profilo dell'utente
12
euvitt
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@RobyM ha scritto:Posso? Mi sto ammazzando dalle risate.
Non so se piu' per Verdone, o per la tua descrizione poetica.
Ma vafffffaaaaaaaaa..!!!
"Duro fuori, morbido dentro", non si puo' sentire!!

ero serissimo!
infatti avrei dovuto dire yang esterno e yin interno...ma supponendo che vi avrei potuto mettere in difficoltà ho approssimato con duro e morbido con risultati pessimi vedo


:_-_:

Visualizza il profilo dell'utente
13
RobyM
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Ormai e' andata.
Pensa che mi ha illuminata Liqui paragonando il gingillo ad un marshmellow.

Visualizza il profilo dell'utente
14
euvitt
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@RobyM ha scritto:Ormai e' andata.
Pensa che mi ha illuminata Liqui paragonando il gingillo ad un marshmellow.

visto che nun so' compreso ritorno coatto
abbasso il livello
elimino la poetica
e cito nociclopedia su cazzi et similia


È dove riesco a ritrovare lo sguardo del mio ragazzo.
~ Qualunque donna sul proprio uomo

Ho provato a fumarmelo, ma non ci sono riuscito.
~ Keith Richards sul suo cazzo

Ma fumati qualcos'altro!!!!!
~ Il cazzo a Keith Richards

Io non posso vivere senza cazzo.
~ Antonella Clerici

Io sì.
~ Maria De Filippi

Io ce l'ho lungo 24 cm!!
~ Qualsiasi preadolescente ancor prima di raggiungere la pubertà su Yahoo Answer

Non mi sento in buone mani...!
~ Pensiero di un cazzo mentre viene masturbato da Lorena Bobbitt

Per trovare l'area di un cazzo bisogna usare la formula Altezza relativa al lato per lato fratto due,se è un cazzo rettangolo con lato da 90°.
~ Erone su formula di Erone.

Qua non si riesce a capire un Cazzo!
~ Germano Mosconi sul Cazzo.

Visualizza il profilo dell'utente
15
euvitt
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Il termine Cazzo è anche usato come esclamazione liberatoria, come intercalare e al posto di altri termini per aumentare l'impatto di molte frasi. Eccone alcuni esempi:

"Non che mi importi più di tanto di ciò che vai narrandomi!"
"Sti cazzi!"
"La risposta era scontata"
"E allora grazie al cazzo!"
"Adesso le circostanze si fanno drammatiche..."
"Mò so' cazzi!"
"Mi fai cadere le braccia..."
"E che cazzo!"
"Sono molto preoccupato."
"C'ho tanti de quei cazzi!"
" Lei è una persona riservata"
"Si fa i cazzi suoi"
"Non siete stati capaci di assolvere al vostro facile compito."
"Non avete combinato un cazzo!"
"La sua antipatia mi induce a vedere la sua scatola cranica di forma fallica"
"Ah testa de cazzo!!"
"Ti ringrazio per ciò che vai dicendomi ma sono cose che sapevo già."
"E grazie ar cazzo!"
"Sei e ti presenti con fastidiosa invadenza!"
"È arrivato 'sto cazzo!"
"Ma chi è costui che si presenta dinnanzi a me con fare spavaldo?"
Chi cazzo è questo?"
"Cosa desideri?"
"Cazzo vòi?"
"Non dovresti interessarti della vita privata delle altre persone!"
"E Fatti i cazzi tua!"
"Mi indisponi con il tuo atteggiamento!"
"Hai cagato il cazzo!"
"Il mio concetto, alquanto palese, non ti è chiaro."
"Cazzo, no?"

Visualizza il profilo dell'utente
16
euvitt
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
I sinonimi di Lei: BeautyfulSuina

A

Acquasantiera; afflosciapertiche (Benigni); albicocca; america; amichetta da una storia d'amore; anonima sequestri (Benigni); antro tetro (Benigni); astuccio; azzittapreti (Benigni)

B

Badubaia (Pordenone??); baffa; bafiona; bagerda (bassa pavese); bagiana; balusa (Romagna); barbana; barbiciola (Lodi); barbisa Lecco; Il nome deriva dal fatto che la zona è in genere molto pelosa e ricorda la barba; baretta (Verona); bartana; bartòca (dal maschile bartòk (dialetto bolognese) cappello floscio in uso nella prima metà del 1900); barza (Ticino, Svizzera); barzìgola (Ticino, Svizzera); basagna (Romagna); bernarda (Benigni); bestia; bigioia (segnalazione monegasca); bignè; Bistecca col pelo; boatta (Napoli); boschetto; boschiva; braciola; bresaola; bresaolona (da (Bergamo e dal Canton Ticino); bricia (zona di Arezzo e ,in genere, della Valdichiana); brioche; brisca (Casale); brodosa (dal sonetto del Belli); brögna o brigna (termine lombardo piemontese per prugna o susina); buco (dal sonetto del Belli); budello (Toscana); bug d'la piscia (Carpegna (PS)); burrino;

C

Canappa (usato alle porte di Roma , localita' Civitacastellana, Sacrofano e dintorni); cancello di giada (dal kamasutra); cappello russo (Pisa); casa delle delizie; castagna; caverna; cavità; cecca (Napoli); cella (dal sonetto del Belli); centrillo; centro dell'universo; cestunia (letteralmente, nel napoletano antico "tartaruga". Questo vocabolo è stato assimilato alla vagina poichè quest'ultima è anche detta "Chella ca guarda 'nterra" [it:quella che guarda a terra], nella terminologia della tombola e del lotto. Dall'attitudine della testuggine a guardare a terra..., il passo è breve); chiavica (dal sonetto del Belli); chitarrina (dal sonetto del Belli); ciabatta (dal sonetto del Belli); ciacchera (voce forse onomatopeica, intraducibile derivante, a parere di chi l'ha segnalata, dal rumore provocato dalla collisione fra un oggetto solido e uno, come la nostra, umido e ricoperto di sostanza mucosa e vischiosa; Vezzeggiativo: ciaccarella); ciambella; cianno (Foggia); cicala (segnalazione monegasca); cicciabaffa; ciccia spaccata; cicedda (Bagnoli Irpino); cicito (usato nel paese di Bosa (NU)); cimosa; ciola (Basilicata); cionna (Irpinia, ma anche Porto Santo Stefano (GR)); ciorcila; ciorciola (Trentino Alto Adige); ciorgna; ciprea (la ciprea e' una conchiglia dei mari caldi, la cui apertura a fessura zigrinata ha uno spiccato aspetto di vulva; la conchiglia e' oggetto di culto presso le popolazioni tropicali. Il nome deriva dall'isola di Cipro, dove sarebbe nata la dea Afrodite); ciscia (dal sonetto del Belli); ciuccia (Chieti); ciuetta (Marche, in particolare Ascoli Piceno); ciufeca (dal sonetto del Belli); ciunna (Ciociaria); cocchia (Ancona, Numana, Sirolo, Camerano); coca o cocona (Venezia, sestiere di Cannaregio); conno (dal latino "cunnus"); conto in banca (Benigni); cosa pelosa; cosina; coteca co lo pilo (Marche, con riferimento all'aspetto della cotica di maiale); cozza (per la spiccata somiglianza con il mollusco interno alla conchiglia, e anche per il gioco di parole: "cazzo" maschile e "cozza" femminile); cozzapesca (forma di una cozza, pelle di una pesca (Brescia)); crepaccia (Benigni); crosara (in dialetto veronese: incrocio a 4 strade con riferimento all'incrocio degli arti principali); cudda; culina (molto usato da Francesca); cunna (dal sonetto del Belli); cunnu (Sardegna); curciu (Lecce);

D

Delta di Venere (figurativo: il "triangolo" pubico che copre il Monte di Venere; vedi il noto romanzo di Anais Nin: Il delta di Venere);

E

Effetto Serra (Benigni)

F

Fagiana; fagiolina; farfallina; farsora (Veneto: padella che serve per friggere); favo di miele; fasulara; ferita (Benigni); fessa (dal sonetto del Belli); fessura (dal sonetto del Belli); fia (Livorno e Pisa: dove la "c" non è aspirata ma proprio mangiata); fica (dal sonetto del Belli); ficussècca (Anacapri: fico secco); fidec (Bergamo); figa (dal sonetto del Belli); figa smaneda (San Marino: letteralmente "figa manomessa, disordinata, ecc." insomma una che "si è data da fare". E' usato anche, in tono scherzoso, nei confronti di una ragazzina un po' ruffiana che vuole ottenere qualcosa dai genitori o dai nonni); filettina (Benigni); finestrella (dal sonetto del Belli); fiocca (Cremona); fiora (Verona: fiore al femminile, con significato figurato di fiore che sboccia pregno di rugiadosa freschezza); fiore (poetico: vedi anche film: "il fiore di carne"); fiore purpureo; firillacchera; fisarmonica (Benigni); fischiarola (dal sonetto del Belli); fissa; foca (eufemismo per "fica"; film "Viva la foca, che Dio la benedoca! con E. Fenech"); fodero (dal sonetto del Belli); fontana; fonte; forno (in quanto luogo chiuso ben caldo in cui si "inforna" Lui a cuocere...; anche, con il parto: "sfornare un bambino"); fortuna (detto proverbiale: "la donna si siede sulla sua fortuna..."); fracoscio (dal sonetto del Belli); fragolina; fregna (dal sonetto del Belli); fresca (romanesco; eufemismo per "fregna"); frittella (dal sonetto del Belli); fritola o frittola (Trentino Alto Adige: termine dialettale per frittella); frize - frice (Friuli); fru fru (da Brescia); frutto; fufina (bassa pavese); fuinera (dialettale milanese dalle canzoni delle osterie di Nanni Svampa..."slunghi la man per tuca' la fuinera..o porcu can , la tra' gio' la dentera!!!"); fungia;

G

Gabbia del pipino (dal sonetto del Belli); galleria; el garage del me piciu; gata (mora veneto: gatta mora); gattaiuola (dal sonetto del Belli); gattina (Benigni); gioia (per la gioia che porta; si dice anche: una "bella gioia"); gioiello (poetico, specie orientale; vedi anche: Diderot, I gioielli indiscreti); gnacchera (Benigni); gnasse; Gneise (Emilia); gnocca (Benigni); grotta (dal sonetto del Belli); guersa (genovese dell'entroterra, letteralmente "guercia", come se si trattasse di un occhio ormai definitivamente chiuso...)

I

Il davanti immortale; inferno (dal Decamerone: terza giornata, decima novella); ingresso principale (eufemismo, per contrasto con l'ingresso secondario); intacca; intimità (l'intimita' della donna per eccellenza); iummenta (Foggia);

L

La fammela vedere (Benigni); l'amica che gira in pelliccia anche in pieno agosto; lei; le ragazze (Sinonimo Presidenziale: da un'intervista a Gennifer Flowers ex amante di Clinton: 'Non credo poi che Bill e Monica abbiano mai dato nomi alle loro parti del corpo come abbiamo fatto noi. Lui mi chiamava al telefono per chiedermi, ad esempio, come andavano "le ragazze" e io rispondevo chiedendogli come andavano "i ragazzi"'); loscia quella che la mamma tiene mmiezz'a la coscia (Bagnoli Irpino); luccio passetto (curioso e antico modo di dire: e' cosi' chiamata per il Suo odore, che per natura dev'essere simile al pesce un po' passato.); lumachella (dal sonetto del Belli);

M

Machineta (da un canto popolare del vercellese, cantato dalle mondine durante le lavorazioni in risaia); madre di tutte le battaglie; marianna la va in campagna (Benigni); micia; 'mboffa o ' mmoffa (Reggio Calabria); mona; monna (dal sonetto del Belli); mozza (antico termine abruzzese tuttora in uso sul litorale teramano); musina (in dialetto veronese: salvadanaio o posto ove si custodisce il danaro e, in genere, le cose preziose); mussa (genovese popolare, da pronunciarsi con una u non proprio padana (iu) ma leggermente calcata. La voce deriva probabilmente dal banale e abusato accostamento fica-gatta, pelosa e sorniona); muzza (usato nell'isola de La Maddalena (SS));

N

Natura (dal sonetto del Belli); n'doddi Sanluri (Sardegna); nicchia; nicchio (Calabria); nido; nocca (la nocca è, nella lingua napoletana - che non è un dialetto! -, il fiocco. Quello del grembiule o quello che adornava i capelli tempo fa. L'accostamento alla vagina è probabilmente dovuto alla grazia e all'eleganza della nostra. Questo termine indica un'idea della vagina lontana dal volgare pecoreccio dei maschi ed è, infatti, di uso tipicamente femminile);

O

Orchidea (per l'aspetto carnoso e membranoso del fiore; film "Orchidea selvaggia"); occhio che più piange quanto più è felice (una metafora usata da Shakespeare);

P

Pacca (San Marco in Lamis (FG)); pacchio (Sicilia, alcuni detti: u pacchiu è bellu e a' minchia fa buddellu, u pacchiu e' duci e a minchia jetta vuci (il pacchio e' dolce e la minchia grida), u pacchiu e' ghiautu e a minchia jetta 'n sautu (il pacchio e' alto e la minchia fa un salto); paccioccio (Sassari); pacianca (Pisa); paciocca; padonza; paffia; pantaschella (dialetto anacaprese. Le pantasche sono i pezzi di muschio che si raccolgono per fare il presepe ed hanno qualcosa in comune con i peli pubici femminili); paradiso; parpaglia (Langhirano (PR): "a ghè dla parpaja chi?"); parpagnacca (di origine non meglio specificata, ma quantomai esplicativo. Se Lei producesse dei suoni lo si potrebbe definire onomatopeico); parrucca (dal sonetto del Belli); passera (dal sonetto del Belli); patacca (dal sonetto del Belli); pataffiola; patana o patanella (Napoli): patata o patatina; patanona; patasgionfa; patata; patatina; patonza (Benigni); pecchia (Ciociaria); pecora (Cannara (PG); pelliccia; pelliccione ("scuotere il pelliccione"); pelosa; peluche; pennica (Dalla musicassetta 'Tocca l'albicocca' degli SQUALLOR); pepella (Avellino); pèrzeca (Anacapri: l'albicocca matura da mangiare subito); perzechèlla (Anacapri: albicocca acerba o appena colta); pertescia; pertugio; pesca; pescia; pesecchia (dialetto arcaico napoletano); pettinicchia; picchia (Benigni); piccica; picciola; piccione (Taranto); piciocca (addolcimento per il troppo volgare pucchiacca); pillittu (Sardegna); pilusera (Sicilia); pipa; pisciacchia (Monte Flavio); pisciòccla (quella che piscia (Bagnoli Irpino)); pisella; pissa; pitaci (Croce Pietro (RE)); poscia (utilizzato a Montecalvo Irpino); porta santa (Makko); potta (dal sonetto del Belli); pozzo; prica (Dalla musicassetta 'Tocca l'albicocca' degli SQUALLOR); primo canale (eufemismo, per contrasto con il "secondo canale" e il "terzo canale". Il modo di dire scherzoso fa riferimento ovviamente ai canali RAI TV!); proso (Sassari); prugna; ptocca (Basilicata); pucchiacca, purchiacca (Napoli); pussi pussi; purtusu, puttusu (Sicilia): pacchio e' pacchio, puttusu e' puttusu, cu s'arricacca e' figghi'i jarrusu, ma se u pacchiu e' fitusu cu sarricacca e' spacchiusu (il pacchio e' il pacchio, il buco e' il buco, chi si tira indietro e un figlio di frocio, ma se il pacchio e' sporco chi si tira indietro fa bene); putela (Cremona: con la "u" che richiama il verso delle scimmie); putturina (Bagnoli Irpino);

Q

Quel fatto (dal sonetto del Belli); quella che guarda in terra (dalla terminologia della tombola e del lotto); quella che non vede mai il sole (dalla terminologia della tombola e del lotto); quella cosa (dal sonetto del Belli); quella cosa là;

R

Rosa;

S

Sabongia; sacco a pelo; salata, salatina; sancta sanctorum; sartacena (Basilicata); sbarzifula (italianizzazione del termine derivante da un dialetto ossolano); sbrinzia; sbrodéinna (Bologna (la 'i' quasi non si pronuncia): letteralmente sarebbe "sbrodolosina" cioè che emette brodo, che si sporca di brodo...); scatola nera (riferito proprio all'aggeggio misterioso che registra le operazioni di volo sugli aerei. Dal film " è arrivato mio fratello" di Pozzetto : "....io son quasi arrivato con la mano sulla scatola nera, e tu dove sei?"); scavurla (goliardica: "che' quando lo prende, urla!!!"); scedduattla (pipistrella (Bagnoli Irpino)); schiocca (è abbastanza usato scherzosamente sull'isola di Capri. Esempio: à schiocca 'e soreta (la Lei di tua sorella); seccacetrioli (Benigni); selega (Vicenza); sepoltura (dal sonetto del Belli); seppia con pelo; serratura; sgàrzola; sgnacchera; sgnaula (italianizzazione del termine derivante da un dialetto ossolano); sorba; sorca (dal sonetto del Belli); sorriso verticale; spacca; spaccazza (Bagnoli Irpino); spacchiu (Calabria e Sicilia); spacco (dal sonetto del Belli); sporta (dal sonetto del Belli); sterea dalla "parlesia". (La parlesia è da quasi un secolo, con le dovute e prevedibili evoluzioni, il gergo segreto dei musicisti napoletani ed è ancora oggi utilizzato. Il segnalatore ha quindi commesso un piccolo tradimento nei confronti della categoria...); sticchiu (Sicilia); straccapipoli (Sicilia); susina (per l'aspetto del frutto, che presenta un solco simile a labbra);

T

Tabbacchera (Basilicata); tabernacolo (Benigni); tacchina (Benigni); taglio; tagliola (dal sonetto del Belli); tana; taratofola; tavola imbandita; tegame (usatissima espressione del dialetto livornese che significa "donna di facili costumi", non nel senso di prostituta, ma piuttosto di una a cui piace darla senza eccessive difficoltà (come un tegame da cucina nel quale puoi cucinare tante pietanze diverse); tesoro ("Le mie ragazze non sanno su quale tesoro stanno sedute" - madame Cocon); topa (Benigni); topola; toppa (Benigni); tragica ferita; tre centesimi (da "Tocaia grande" di Jorge Amado); trifola (campagne lodigiane di inizio secolo: trattasi della "fragranza" che proveniva dalle sottane delle neomamme che erano completamente depilate per il recente parto, soprattutto durante il periodo estivo in cui non si portavano i mutandoni); tunnel;

U

Udda (Sardegna); urinale (dal sonetto del Belli);

V

Vagina (dal sonetto del Belli); vagia (da strada: "viva la vagia e chi la sbarbagia!!"); valle delle rose (da letteratura classica giapponese); valpelosa o val pelosa: (dal sonetto del Belli); vaschetta (dal sonetto del Belli); vaso (specie nel linguaggio religioso antico: il credente deve porre il suo seme "in vaso debito", ovvero in vagina; (e non disperderlo "in vaso indebito", ovvero altrove...)); vergogna (dal sonetto del Belli); verza; vescicone; vongola; vulva (dal sonetto del Belli);

Z

Zampiffera (da "La soldatessa alle grandi manovre" Edwige Fenech - Alvaro Vitali); zergnapola (in veronese letteralmente pipistrello femmina; se s'impiglia nei capelli non li lascia più (con significato di oggetto del desiderio)); zunno o zunnu (Tempio (SS).

Visualizza il profilo dell'utente
17
euvitt
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
paese che vai, pene che trovi.....

Cazzo : il più usato nel mondo
Cellu: pene fermano-maceratese (FM-MC)
Piscitill: versione di San Severo (Foggia)
Piscitill' de Nonn: come i nonni chiamano i nipoti a San Severo (Foggia)
Pisello: versione ortofrutticola
PisellA: purtroppo esiste anche questa
Pannocchia: versione agricola-gastronomica
Flauto a pelle: versione musicale (strumento molto suonato)
Pesce: versione ittica (sperando che l'odore non sia lo stesso)
Bega: pene piemontese
Tega: pene veneto, per quelli che ce l'hanno duro!
cicciona: pene lungo e duro detto nel nuorese in Sardegna
bertuledda: pene che sta crescendo detto nella zona del Marghine Sardegna
Bit: altro pene veneto del Basso Piave, francesismo.
Battajon: versione napoletano-calabrese in caso di guerra
Baston: versione napoletana come strumento utile
Piciu: pene piemontese v.2
Minchia: pene siculo-calabro
Trunzu: pene siciliano di Paternò, grosso e duro
P'ngon: versione pugliese
Matranga: pene generalmente siculo
Uccello : versione zoologica
Colibrì: altra versione zoologica (detto di Pene di dimensioni esigue)
Picchio: versione zoologica dalla presenza più martellante (vd. Picchiarello)
Nerchia:versione usata per lo più da Jay & Silent Bob
Chicchìa: pene sassarese
Belin/ Belino: pene genovese (liguria)
Membro: dal film Austin Powers 3 Goldmember
Asta: da cui deriva l'alzabandiera
Sberla: tipica allocuzione "che sberla che ha quello!"
Fallo: termine sportivo (specialmente nel calcio)
Pistolino o Pistolone: a seconda di chi è il proprietario, per il primo mr. Lui per il secondo Rocco Siffredi
Pipino: vedi Pipino il Breve
Banana: versione ortofrutticola 2 (l'unico frutto de l'amor, è la banana, è la banana!)
Ciola: usasi nel barese (puglia)
Ciòll: milanese (anche se ormai in disuso)
Ciolla: usasi nel savonese (liguria)
Mazza: quella da golf (ovvio)
Fava: denominazione toscana per un pisello leguminoso
Cacchio: vedi Sigaro col mustacchio
Sigaro con mustacchio: vedi Cacchio
Pepe: versione avellinese. Attenzione, fa starnutire
Pendolo: pene che viene ogni ora
Batacchio: pene insistente
Salsiccia (o Salciccia): pene gustoso
Pirla : pene milanese
Verga: pene contadino
Canna: pene che si può anche fumare (da qui l'espressione Mi fai fare un tiro? usata per entrambi i casi)
Mrinca: traslazione fonetica sarda per la minchia siciliana;
Pissetta: pene sardo per l'utilizzo approvato dal Vaticano;
Sissennosse: Orune (Nu) pene durante i suoi movimenti alternati lungo un piano azimutale
Pirichitta: pene sardo in epoca prepuberale
Sventra-papere: il pene dei cacciatori
Spaventa passere: il pene contadino (versione 2°)
Braccio violento della legge: il pene di un poliziotto.
Fistione: il pene toscano
Fittone: il pene bolognese
Cick: pene piemontese v. 3
U Cefalu pene calabrese
A Pizza pene terrone
Sa Pitza versione sarda-campidanese
Minca: usato nel cagliaritano
Ciumarro: usato a Fragagnano
Salsicciotto o salsiccia: versione rustica
Tregghia: pene forzuto prevelentemente pugliese
Ciolla: Versione siciliana
Grillo: Versione toscana
Cinci : Versione toscana Bis
Pilledda: Utilizzato nell'entroterra sardo
Cioncia: Versione Crotonese
Ppppene: Versione balbuziente
Micciu : pene calabrese
Cilla : pene genovese (carlofortino)
Scricchiolla : pene studentesco (non capisci una "scricchiolla")
Piscitta : pene alghero-sassarese
Osèl : pene trentino
Bimbìn : pene triestino
Bighe : pene friulano
Bigul : pene ferrarese
Patagarro : pene leccese
Piru : Pene marchigiano v.1
Tanganella : Pene marchigiano sovradimensionato
Sht'rrpò : Pene marchigiano verace
Fusbana : Versione del pescatore marchigiano
Pischitte: Versione molisana di pene ridotto
Manico: Usato sopratutto dagli appaltatori arrapati
Gigi: Versione pisana
Bembero: Versione umbra
Trallalà: Versione guntheriana
Lillo: Per i più burloni. es.:vado a giocare con il Lillo
Pasquale: Il famoso membro centrale
PINGAS: Il dottor Ivo Robotnik ne sa qualcosa ma nessuno sa cosa
Casso o Osel: Pene veronese
Sventra papere:
Bligo: Pene romagnolo
Vertula: Pene Calabrese
Zurrun: Pene Calabro
Cippa:
Stummu cu n'occhiu:Cefalo con un occhio, versione ittica siciliana
Piral Pene Dornese
Biscotto: Versione pasticciera-napoletana
Pica : Pene di alcune zone del basso Salento
Patatino: La versione più "giovane" si trova chiuso in confezioni argentate ed è di solito molto salat[center]

Visualizza il profilo dell'utente
18
RobyM
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Ma quanto s'accalora sull'argomento pisello..

Visualizza il profilo dell'utente
19
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
...e STICAZZI!!!

Visualizza il profilo dell'utente
20
euvitt
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@RobyM ha scritto:Ma quanto s'accalora sull'argomento pisello..


dice il saggio: un grammo di pratica è preferibile a una tonnellata di teoria

...ma io non sono un massimalista e da qualche parte occorrerà pur cominciare
(e poi prenditela con Ninfa, io la sto solo assecondando ) BeautyfulSuina

Visualizza il profilo dell'utente
21
RobyM
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Hu, ma non volevo mica colpevolizzarti, e per cosa poi?
(si sa mai che ti crei qualche trauma: con voi uomini si deve stare sempre attentissime!)

Visualizza il profilo dell'utente
22
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@euvitt ha scritto:
allora mettiamola così... la normale costituzione sia fisica che mentale del maschio è più duro esternamente più morbido internamente

la femmina normalmente è più morbida esternamente ma più dura internamente





Euvitt ma con che donne sei stato?
mica ogni tanto dovevi cambiar loro le batterie, vero? Suspect


@euvitt ha scritto:Il termine Cazzo è anche usato come esclamazione liberatoria, come intercalare e al posto di altri termini per aumentare l'impatto di molte frasi.


Dimmi che vuoi una mia analisi del perchè....
.... ti prego dimmelo.... :§§:

Visualizza il profilo dell'utente
23
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@euvitt ha scritto:
I sinonimi di Lei: BeautyfulSuina


E già andiamo bene... una parte per il tutto....
abbiamo pure le orecchie sai? Sorriso Scemo

A

Acquasantiera;


Cavolo, che responsabilità....

afflosciapertiche

Nu... che tristessa
B

Bistecca col pelo;

Sto per vomitare

cella

Almeno


centro dell'universo

Ecco... qui iniziamo a ragionare


cozza

Oddio, non tutte


salvadanaio
Solo se si è un minimo furbe





sorriso verticale


Ciiiiiiissssssssssss


Visualizza il profilo dell'utente
24
euvitt
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@RobyM ha scritto:Hu, ma non volevo mica colpevolizzarti, e per cosa poi?
(si sa mai che ti crei qualche trauma: con voi uomini si deve stare sempre attentissime!)

troppo tardi! già mi hai causato molteplici traumi e non so quanto mi ci vorrà per riprendermi

sad

mi hai rifiutato come uomo
di fronte al mio dolore hai flirtato con Z.

scrivo cose profonde e ti ribalti dal ridere

addolorato mi butto sul cazzeggio e mi accusi di non avere altri pensieri se non quelli inerenti al mio povero triste malinconico attrezzo per la riproduzione

morte perché tardi? (cit) sadness :_-_:

Visualizza il profilo dell'utente
25
euvitt
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@NinfaEco ha scritto:
@euvitt ha scritto:
allora mettiamola così... la normale costituzione sia fisica che mentale del maschio è più duro esternamente più morbido internamente

la femmina normalmente è più morbida esternamente ma più dura internamente





Euvitt ma con che donne sei stato?
mica ogni tanto dovevi cambiar loro le batterie, vero? Suspect
uffaaaaa!!! i termini erano yin e yang......
leggasi che la donna è più yin esternamente (yin significa molte cose non solo morbido) e più yang internamente (idem, yang sta per durezza ma anche per forza decisione concentrazione)
e quindi se un uomo è TROPPO YANG esternamente (macho bullo arrogantello palestrato ecc) è possibile che dentro sia TROPPO YIN (debolezza paura dell'ignoto incapacità a concentrarsi indecisione ecc)


@NinfaEco ha scritto:
@euvitt ha scritto:Il termine Cazzo è anche usato come esclamazione liberatoria, come intercalare e al posto di altri termini per aumentare l'impatto di molte frasi.


Dimmi che vuoi una mia analisi del perchè....
.... ti prego dimmelo.... :§§:


SIIIIIIIIIIIIIII!!!!!!!!!! la vojooo!!! Sorriso Scemo

Visualizza il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 2]

Vai alla pagina : 1, 2  Seguente

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum