Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

senza dio

Condividere 

Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3 ... 10, 11, 12, 13  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 11 di 13]

251
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@BIGbossSTIGAZZI ha scritto:E' da molto tempo che mi sono accorto che colei o colui che molti umani chiamano dio, non c'è.
Molto semplicemente l'uomo l'ha desiderato da sempre, identificandolo con le manifestazioni della natura, il sole, le pioggie, chiamando dio tutto quello a cui non sapeva dare una risposta razionale, aumentando le conoscenze umane l'idea di dio si rimpiccioliva o aumentava fino a dimensioni altre, ponendolo di fatto al di fuori della sfera dell'esistenza umana.
Che dio ci sia davvero o meno lo ignoro, certo ogni libro sacro ed ogni religione non è stata che un modo umanissimo per dare delle risposte a delle domande umane.
Sarebbe ora di leggere cosa c'è scritto davvero chiamando le cose con il loro nome.

All'inizio l'uomo creò dio.
Per comandare gli altri uomini mise in bocca a dio le parole del potere e dell'obbedienza ai suoi autoproclamatisi sacerdoti.
Essi dovevano essere obbediti e riveriti essendo emissari di dio, suoi rappresentanti in terra e iniziarono a raccontare la storia dal punto di vista di dio, dicendo che lui dettava agli scribi le parole e non il contrario.
Dissero che dio creò l'uomo e dall'uomo la donna, ossia il contrario di quello che accade in natura, negando la maternità.
Li mise in un giardino perfetto proibendogli di mangiare i frutti dell'albero della conoscenza, per cui l'ignoranza è sacra e perfetta, meglio non conoscere, volendo conoscere (la donna ovviamente) scoprì il dolore e la morte.
Perchè non impedire all'uomo di mangiare dell'albero della violenza?
Perchè la colpa nasce dal volersi elevare, come prometeo rubando il fuoco che era prerogativa divina....

riprendiamo il racconto:

la donna traviata dal serpente disobbedisce e porta l'uomo sulla sua cattiva strada e scoprono di essere nudi e che i saldi sono finiti.
Si vergognano (ma vergognarsi dio che li ha fatti nudi no?) e vengono scacciati dal paradiso terrestre per aver commesso IL PECCATO ORIGINALE grande invenzione questa, così spieghi il battesimo, la unica chiesa che è la via la verità e la vita che sola ti può portare lontano dalle tenebre di cui nasci macchiato per portarti alla vita eterna di cui godrai ..dopo morto: minchia!

Allora il mito cui si rifà questo racconto si può ricostruire così, visto che esistono tuttora delle tribù vissute in isolamento che non hanno connesso l'atto sessuale alla nascita dei nuovi membri si può supporre che sia esistita una preistoria umana dove l'uomo molto animalescamente abbia vissuto e sia morto senza dare valore nè all'individualità, per cui restando viva la tribù nessuno moriva, nè alla sessualità, vissuta istintivamente nè alla riproduzione, avveniva e basta, non c'era caccia o agricoltura, solo raccolta di bacche e vermi, niente fuoco, niente ruota e tutti vivevano in armonia nel senso che i predatori predavano ed i deboli soccombevano, allora un fungo allucinogeno, lievemente velenoso, sufficente da sognare ma non da morire, un peyote, un muffa su un cereale hanno fatto partire l'immaginazione umana, c'è stata la prima danza, c'è stata la prima idea, forse piantare uno dei semi raccolti, forse lavare una patata nell'acqua di mare salandola, poi uno aveva una idea e un'altro un'altra, così quando morì il primo tutti se ne accorsero perchè se ne era andato quello strano, quello che danzava, quello che dipingeva sui muri, quello che staccava la pelle dagli animali e la usava per coprirsi... dall'evento eccezzionale (arte) naque l'idea di vita quotidiana da essa la consapevolezza della caducità delle singole vite, allora qualcuno disse invece di cacciare o pescare io mi invento che gli altri devono farlo e darmi le offerte per il dio della caccia e il dio della pesca, e io sacerdote, ho svoltato!

Vedi il profilo dell'utente
252
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
ho ripostato l'incipit così si può riprendere il discorso dal suo binario come si può leggere dico chiaramente che "che dio ci sia davvero lo ignoro" per cui si tratta di un discorso su scritture fatte da uomini per uomini che rispondono all'esigenza di spiritualità umana con chiari fini speculativi e strumentalizzanti, di questo parlavo all'inizio, su questo se ci sono dubbi risponderò a chiunque.

Vedi il profilo dell'utente
253
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
La spiritualità è affermare che "Che dio ci sia davvero o meno lo ignoro"
questa è luce?






Edit: le scritture non sono la Spiritualità, semmai sono un mezzo per domandarsi un perché, questo secondo me.



Ultima modifica di Top-man il Gio 3 Mag 2012 - 22:30, modificato 1 volta

Vedi il profilo dell'utente
254
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
il topic si chiama "senza dio" non "spiritualità" sei OT

ps: comunque sì è molto più illuminante ignorare e saperlo che vivere nelle tenebre della propria idea di luce convinti di "avere Risposte"

Vedi il profilo dell'utente
255
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Infatti se ignori che ci sia un Dio sei nelle tenebre e tra l'altro sei anche fuori tema, parla di politica religiosa in altri post, qui quello che dici non corrisponde a nulla

Vedi il profilo dell'utente
256
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
terre di confine: religione e spiritualità, tu parli di spiritualità io in questo topic parlavo di religione, per cui di "sacre" scritture e di umano desiderio di altro da sè, per legare tutto ciò che vede e che prova. Quindi CVD sei un cazzone fuori tema

Vedi il profilo dell'utente
257
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
E ci hai impiegato tutto questo tempo a capirlo? Certo parlavi di politica religiosa esprimendo un giudizio di parte ma soprattutto volendo far credere che la spiritualità sia qualcosa di cui un ateo parli tutti i giorni e condannando attraverso i testi sacri tutta la massa di persone che consideri degli idioti. rimani fuori soltanto tu e qualcun'altro.

Vedi il profilo dell'utente
258
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
che tu e pochi altri siate degli idioti è fuori di dubbio, io non voglio far credere nulla a nessuno, se tu non riesci a vedere come un ateo possa essere spirituale o vivere una sua spiritualità è un problema tuo che per valorizzare la tua soggettiva visione del mondo hai bisogno che tutto sia a posto nel tuo settario e dualistico mondo aristotelico, sei molto limitato e la misura del tuo limite è nel limitare gli altri: IO NON POSSO ESSERE SPIRITUALE ESSENDO ATEO, così poco vale la tua fede? Hai bisogno di muri e steccati per difendere la tua fragile visione? Hai bisogno di deliminare il TERRITORIO SPIRITUALE? Faresti ridere se tu non fossi così patetico.

Vedi il profilo dell'utente
259
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Non si può avere tutto e come conseguenza un ateo non può essere spirituale, non perché sia ateo ma perché la spiritualità non è cosa del mondo, di cui se ne può parlare. Se non capisci questo semplice concetto è del tutto inutile proseguire. Vorresti non credere a Dio ma allo stesso tempo essere annoverato tra persone spirituali, e va bene, sia pure, di certo non si rilasciano licenze di spiritualità ma sei molto fuori, di tutto. Tutto quello che è del mondo e di cui si parla non è spiritualità, ma forse quella che intendi è altro, e allora. La religione e i testi sacri sono un modo per avvicinarsi al mondo dello spirito ma non è detto che siano spirituali, tutt'altro. Però non possiamo fare un cerchio e metterci dentro tutti quelli che gravitano intorno al mondo della religione e che leggono testi sacri e dire di loro le peggiori cose. Non mi sembra il modo giusto di procedere. E d'altro canto chi è manifestamente contro Dio non può rientrare nel cerchio spirituale, a meno che la sua non sia una maschera, cosa di cui dubito fortemente. Ma se ti vuoi far sentir dire che un ateo è più spirituale di qualcuno che sta sotto una religione o legge testi sacri non c'è alcun male, di illusi ce ne sono tanti e uno in più non fa la differenza.Non mi degnerei mai di fare affermazioni sulla spiritualità, e di tracciare delle categorie, eccetto per chi si professa ateo. Chi sta sotto una religione non è possibile giudicarlo, potremmo giudicare le azioni che compie nel mondo ma non avremo la capacità di entrare nella sua anima. Sarebbe peccare di presunzione e questo post è tutto all'insegna della presuzione e del dire "io sono un ateo ed ho molta più spiritualità di un credente", "botte piena e moglie ubriaca", troppo comodo.Se poi è tutta una barzelletta, allora ok, ridiamo pure.

Vedi il profilo dell'utente
260
Candido
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Il termine generico "spiritualità" avrebbe bisogno di essere meglio specificato. Ci sono certo molti atei che si comportano in modo altruista e, secondo me, inconsciamente "spirituale" rispetto a molti supposti "credenti".
Personalmente sono da sempre alla ricerca dell'Assoluto e nel contempo fuori da ogni religione formalizzata, spesso si continua a identificare il concetto di Dio con quello di culti precostituiti che nei secoli hanno dato vita a forme di potere...

Vedi il profilo dell'utente
261
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
il riso abbonda sulla bocca degli stolti

vediamo quante sciocchezze si possono dire in così poche righe:

@Top-man ha scritto:Non si può avere tutto

e chi l'ha detto? Dove stà scritto? Hai mai provato ad essere qualcosa in più se non tutto?

e come conseguenza un ateo non può essere spirituale,

una dimensione spirituale è una dimensione umana e rifiutare uno o più o tutti gli dei non significa non avere una dimensione spirituale e se non capisci questo sei ancora in una grotta senza bastone

non perché sia ateo ma perché la spiritualità non è cosa del mondo, di cui se ne può parlare.

allora taci



Se non capisci questo semplice concetto è del tutto inutile proseguire.

allora non proseguire, nessuno ti ha chiamato ma molti ti hanno mandato

Vorresti non credere a Dio ma allo stesso tempo essere annoverato tra persone spirituali,

non è che vorrei è che non ci credo proprio e non mi interessa essere "annoverato" dell'immagine di me che hanno gli stupidi mi pregio solo se è negativa

e va bene, sia pure, di certo non si rilasciano licenze di spiritualità ma sei molto fuori, di tutto.

sono molto fuori di tutto? ma come scrivi? ma come parli? chi parla male e scrive male vive male, le parole sono importanti! Comunque se tu sei un esempio di chi è "molto dentro, di tutto" preferisco restare fuori

Tutto quello che è del mondo e di cui si parla non è spiritualità, ma forse quella che intendi è altro, e allora. La religione e i testi sacri sono un modo per avvicinarsi al mondo dello spirito ma non è detto che siano spirituali, tutt'altro. Però non possiamo fare un cerchio e metterci dentro tutti quelli che gravitano intorno al mondo della religione e che leggono testi sacri e dire di loro le peggiori cose.

Ho detto le peggiori cose? Ho detto che SECONDO ME i testi cosiddetti sacri sono stati scritti da uomini per soddisfare esigenze umane, ma chiaro se tu credi al fulmine divino che incide nella roccia le tavole della legge, non puoi concepire un semplice dato di fatto

Non mi sembra il modo giusto di procedere.

e sai quanto me ne frega del modo che TU ritieni giusto di procedere? Usalo tu, ma non imporlo agli altri

E d'altro canto chi è manifestamente contro Dio non può rientrare nel cerchio spirituale,

io non sono contro dio perchè per essere contro, dovrebbe esserci, io non sono contro dio, io sono contro a chi ha convinto la gente a sognare in un giardino incantato per non farci scoprire che siamo già in un giardino incantato (parafrasando il blasfesmo di Faber)

a meno che la sua non sia una maschera, cosa di cui dubito fortemente.

allora perchè lo dici se lo dubiti? Fai una affermazione e poi la neghi? Ma come parli? come ragioni?

Ma se ti vuoi far sentir dire

io sono contento solo se mi offendi come hai fatto perchè da un senza bastone come te ogni insulto è la dimostrazione che non sono come te, cosa che mi terrorizza

che un ateo è più spirituale di qualcuno che sta sotto una religione o legge testi sacri non c'è alcun male, di illusi ce ne sono tanti e uno in più non fa la differenza.

infatti tu non fai nessuna differenza

Non mi degnerei mai di fare affermazioni sulla spiritualità, e di tracciare delle categorie, eccetto per chi si professa ateo.

chiaro, non sono io razzista è lui che è un negro!



Chi sta sotto una religione non è possibile giudicarlo,

chi non stà sotto ad una religione (emblematico il tuo uso delle parole) invece sì? Giudichiamolo pure? mavaff

potremmo giudicare le azioni che compie nel mondo ma non avremo la capacità di entrare nella sua anima. Sarebbe peccare di presunzione e questo post è tutto all'insegna della presuzione e del dire "io sono un ateo ed ho molta più spiritualità di un credente", "botte piena e moglie ubriaca", troppo comodo.Se poi è tutta una barzelletta, allora ok, ridiamo pure.

ahahah ridiamo pure vai avanti coglione che mi diverti...ahahah peccare di presunzione ahahah

Vedi il profilo dell'utente
262
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Candido ha scritto:Il termine generico "spiritualità" avrebbe bisogno di essere meglio specificato. Ci sono certo molti atei che si comportano in modo altruista e, secondo me, inconsciamente "spirituale" rispetto a molti supposti "credenti".
Personalmente sono da sempre alla ricerca dell'Assoluto e nel contempo fuori da ogni religione formalizzata, spesso si continua a identificare il concetto di Dio con quello di culti precostituiti che nei secoli hanno dato vita a forme di potere...
cool
Per la mentalità occidentale,la parola "spiritualità" è sinonimo di "Emotività"
"Sentimentalismo"e sensibilità.
Cose che non hanno niente a che vedere con la spiritualità la quale trascende
il cervello e pertanto non è definibile a parole.
Si può dire che la spiritualità si trova nella 9° sinfonia di Beethoven e nei quadri di van Gogh,ma non è definibile a parole.

Vedi il profilo dell'utente
263
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
@BIGbossSTIGAZZI ha scritto:il riso abbonda sulla bocca degli stolti

vediamo quante sciocchezze si possono dire in così poche righe:

@Top-man ha scritto:Non si può avere tutto

e chi l'ha detto? Dove stà scritto? Hai mai provato ad essere qualcosa in più se non tutto?

e come conseguenza un ateo non può essere spirituale,

una dimensione spirituale è una dimensione umana e rifiutare uno o più o tutti gli dei non significa non avere una dimensione spirituale e se non capisci questo sei ancora in una grotta senza bastone

non perché sia ateo ma perché la spiritualità non è cosa del mondo, di cui se ne può parlare.

allora taci



Se non capisci questo semplice concetto è del tutto inutile proseguire.

allora non proseguire, nessuno ti ha chiamato ma molti ti hanno mandato

Vorresti non credere a Dio ma allo stesso tempo essere annoverato tra persone spirituali,

non è che vorrei è che non ci credo proprio e non mi interessa essere "annoverato" dell'immagine di me che hanno gli stupidi mi pregio solo se è negativa

e va bene, sia pure, di certo non si rilasciano licenze di spiritualità ma sei molto fuori, di tutto.

sono molto fuori di tutto? ma come scrivi? ma come parli? chi parla male e scrive male vive male, le parole sono importanti! Comunque se tu sei un esempio di chi è "molto dentro, di tutto" preferisco restare fuori

Tutto quello che è del mondo e di cui si parla non è spiritualità, ma forse quella che intendi è altro, e allora. La religione e i testi sacri sono un modo per avvicinarsi al mondo dello spirito ma non è detto che siano spirituali, tutt'altro. Però non possiamo fare un cerchio e metterci dentro tutti quelli che gravitano intorno al mondo della religione e che leggono testi sacri e dire di loro le peggiori cose.

Ho detto le peggiori cose? Ho detto che SECONDO ME i testi cosiddetti sacri sono stati scritti da uomini per soddisfare esigenze umane, ma chiaro se tu credi al fulmine divino che incide nella roccia le tavole della legge, non puoi concepire un semplice dato di fatto

Non mi sembra il modo giusto di procedere.

e sai quanto me ne frega del modo che TU ritieni giusto di procedere? Usalo tu, ma non imporlo agli altri

E d'altro canto chi è manifestamente contro Dio non può rientrare nel cerchio spirituale,

io non sono contro dio perchè per essere contro, dovrebbe esserci, io non sono contro dio, io sono contro a chi ha convinto la gente a sognare in un giardino incantato per non farci scoprire che siamo già in un giardino incantato (parafrasando il blasfesmo di Faber)

a meno che la sua non sia una maschera, cosa di cui dubito fortemente.

allora perchè lo dici se lo dubiti? Fai una affermazione e poi la neghi? Ma come parli? come ragioni?

Ma se ti vuoi far sentir dire

io sono contento solo se mi offendi come hai fatto perchè da un senza bastone come te ogni insulto è la dimostrazione che non sono come te, cosa che mi terrorizza

che un ateo è più spirituale di qualcuno che sta sotto una religione o legge testi sacri non c'è alcun male, di illusi ce ne sono tanti e uno in più non fa la differenza.

infatti tu non fai nessuna differenza

Non mi degnerei mai di fare affermazioni sulla spiritualità, e di tracciare delle categorie, eccetto per chi si professa ateo.

chiaro, non sono io razzista è lui che è un negro!



Chi sta sotto una religione non è possibile giudicarlo,

chi non stà sotto ad una religione (emblematico il tuo uso delle parole) invece sì? Giudichiamolo pure? mavaff

potremmo giudicare le azioni che compie nel mondo ma non avremo la capacità di entrare nella sua anima. Sarebbe peccare di presunzione e questo post è tutto all'insegna della presuzione e del dire "io sono un ateo ed ho molta più spiritualità di un credente", "botte piena e moglie ubriaca", troppo comodo.Se poi è tutta una barzelletta, allora ok, ridiamo pure.

ahahah ridiamo pure vai avanti coglione che mi diverti...ahahah peccare di presunzione ahahah

Rileggiti e capisci cosa sei o cosa traspare di te. Non ti rispondo, in questo caso, non volendo ti ha già risposto hakim. ahahahahaha
Non ho letto una frase che abbia un senso, tutte stupidate. Il saper scrivere bene, l'essere intelligente e quanto altro non è indice di spiriutalità, anzi se hai ricevuto dippiù dovresti dimostrare di esserne all'altezza. Non ci sono menti superiori ma ci sono menti differenti e modi di ragionare diversi e questo a volte spaventa. Non rivedere la stessa testa di kazzo riflessa su un altro a volte può fare paura, eppure ci sta.(per chi non capisce "può succedere o accadere")

Vedi il profilo dell'utente
264
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
e non rispondermi guarda che non è obbligatorio, ognuno dovrebbe rileggersi sempre, io lo faccio, tu? Comunque ti conviene non parlare con chi consideri che scriva solo stupidate, perdi tempo, come stò facendo io con te ma si sà: io sono un cazzone!

Vedi il profilo dell'utente
265
euvitt
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
un ateo potrebbe essere un individuo che ha già fatto lo sforzo di eliminare dalla propria vita un dio inesistente cosa che un credente at minchiam deve ancora fare, pertanto almeno dal punto di vista intellettuale è meritevole di rispetto

e comunque Dio non è obbligato alle limitazioni umane quindi è in grado di esserci e non esserci pertanto i sostenitori dell'esistenza e della non esistenza hanno ragione entrambi

Vedi il profilo dell'utente
266
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
@euvitt ha scritto:un ateo potrebbe essere un individuo che ha già fatto lo sforzo di eliminare dalla propria vita un dio inesistente cosa che un credente at minchiam deve ancora fare, pertanto almeno dal punto di vista intellettuale è meritevole di rispetto

e comunque Dio non è obbligato alle limitazioni umane quindi è in grado di esserci e non esserci pertanto i sostenitori dell'esistenza e della non esistenza hanno ragione entrambi

Esatto, entrame implicano una scelta ma chi sceglie e dice "no" non può poi epitettare gli altri come degli idioti, altirmenti quegli altri o chi per loro potrebbe indicarlo come un "nulla". Nel momento che lanci un sasso contro qualcuno hai già oltrepassato la tua legittimità di scelta. Scegli ma non rompere il k..o agli altri. Vorresti aver capito tutto tu? (impersonale ovviamente)



Ultima modifica di Top-man il Ven 4 Mag 2012 - 11:42, modificato 1 volta

Vedi il profilo dell'utente
267
doctor faust
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Per fortuna che io sono stato richiamato al tema...

Vedi il profilo dell'utente
268
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
...intendi quel che ho scritto io? io l'ho scritto dopo topo gigio ed era una risposta a lui, che comunque continua a trolleggiare, ma sai a me và bene anche l'ot se resta spazio di discussione, quando si cerca solo di rompere i coglioni invece...spero solo di vedere prima o poi questi soggetti per vedere se lombroso aveva ragione

Vedi il profilo dell'utente
269
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Il topic si era esaurito un anno fa, tu l'hai riesumato per rompere il cazzo:

@Top-man ha scritto:E' giusto, non per tutti Dio c'è ma soltanto per chi lo "vede".
Coloro che si esprimono dicendo "Dio non c'è", ed è una loro legittima scelta, hanno reciso alla radici la vera essenza umana, quella che distingue un uomo o una donna dagli animali.
Ovviamente questa scelta comporta delle grosse limitazioni una delle quali è una visione annebbiata della realtà.

mi hai dato dell'animale (cosa che mi pregio di essere) e di avere una visione annebbiata dalla realtà, questo fa un troll, riesuma vecchie discussioni per rompere il cazzo a qualcuno, quindi con questo io richiudo il topic (per quello che mi riguarda) blatera pure da solo che è la cosa che ti viene meglio .

Vedi il profilo dell'utente
270
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@doctor faust ha scritto:quello che più mi sconforta sono le parole usate senza conoscerne il significato, e mescolando parole vuote con parole che hanno un senso concreto.

E' una situazione grottesca da cui l'umanità non vuole assolutamente affrancarsi.
Puoi fare la prova:
chiedi a un Musulmano ciò che significa Islam.
Chiedi a un Ebreo come si chiama il Dio del Monoteismo Ebraico.
Chiedi a un Cristiano cosa significa:Spirito Santo
e noterai che o non sanno rispondere o rispondono ripetendo luoghi comuni
che hanno udito quando avevano 8 anni.

scratch

Vedi il profilo dell'utente
271
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
E' giusto chiudere qui, come potrei competere con uno spirituale?



Ultima modifica di Top-man il Dom 6 Mag 2012 - 21:48, modificato 2 volte

Vedi il profilo dell'utente
272
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
compere?

comprare?

competere?

Vedi il profilo dell'utente
273
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
corrompere?

Vedi il profilo dell'utente
274
Top-man
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
@euvitt ha scritto:...non chi mi dice Signore Signore ma chi fa la volontà del Padre mio che è nei cieli...

Esatto, forse mi era sfuggita tra le raffiche di buona spiritualità
Il tema della volontà sembra semplice ma è davvero molto interessante da una parte e di difficile soluzione ma in questo post troppo tutto, sarebbe davvero superfluo parlarne.
Lo si potrebbe fare qui: La Volontà del Padre dei Cieli

Vedi il profilo dell'utente
275
Candido
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@euvitt ha scritto:un ateo potrebbe essere un individuo che ha già fatto lo sforzo di eliminare dalla propria vita un dio inesistente cosa che un credente at minchiam deve ancora fare, pertanto almeno dal punto di vista intellettuale è meritevole di rispetto

e comunque Dio non è obbligato alle limitazioni umane quindi è in grado di esserci e non esserci pertanto i sostenitori dell'esistenza e della non esistenza hanno ragione entrambi

In effetti io direi che Dio esiste o non esiste a seconda di ciò che pensiamo di Dio...ad esempio, non pensando io che esista il caso cieco, ritenendo probabile esista un insieme di leggi ben precise che regolano gli infiniti universi, potrei affermare "Dio esiste", ma pensando ad un Dio che non possiede alcuna forma spiegabile e definibile dall'essere umano, un cattolico potrebbe rilevare che sono un ateo, ed io gli darei ragione, perché il suo punto di vista vale quanto il mio.

Vedi il profilo dell'utente
276
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 11 di 13]

Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3 ... 10, 11, 12, 13  Seguente

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum