Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Maggioranza e Individuo

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Shri_Radha
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Quando, in psicologia sociale, si analizza il conformismo, si tende a descriverlo anzitutto come l'influenza originata da una fonte maggioritaria.Nella concretezza della vita sociale gli individui si trovano a subire delle pressioni provenienti da altri individui o gruppi che spingono a conformarsi ad alcune idee o a certi modelli di comportamento.Ora, se in taluni casi l'influenza è reciproca, dando luogo così ad una molteplicità di fonti e di bersagli influenzabili, altre volte, invece, può verificarsi che l'influenza si manifesti in una sola direzione: quella espressa dalla maggioranza.
Se in un gruppo diversità di vedute, è probabile che nasca al suo interno un conflitto; esso spinge a cercare un compromesso sul modo di pensare o di agire tra i suoi elementi. Può tuttavia accadere anche l'ipotesi di scontrarsi con idee o stili di vita "omologati" . E' qui che si riscontra il potere della maggioranza.

Il potere della maggioranza è la forza che le da il fatto che chi la contrasta è in minoranza?
Se i molti dovessero sempre vincere i pochi niente cambierebbe mai.
Fose nemmeno potremmo fare questo discorso.
Quandi i pochi vincono i molti? quando no?
Perchè poi questa regarietà?

Vedi il profilo dell'utente
2
xmanx
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Non è corretto - per me - impostare il discorso in termini di vincere o perdere. Maggioranza e minoranza coesistono e si affrontano in un conflitto dialettico perenne. Come è giusto che sia.
Questo almeno fino a quando la "diversità" è universalmente considerata un valore da salvaguardare.
La minoranza ha sempre un suo spazio nel quale coltivare le proprie ambizioni, e questo dovrebbe esserle sufficiente. Poichè uno vive in base a ciò che ritiene giusto...e non per dimostrare agli altri che il proprio modello è più bello oppure per imporlo ad altri.
Cosa diversa è se la maggioranza si pone come obiettivo quello di estirpare le minoranze. In questo caso il conflitto non è più dialettico, ma diventa sopravvivenza e quindi inevitabilmente si radicalizza.

Vedi il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum