Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

l'eco della valle

Condividi 

Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 8 di 9]

176
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Così come si provocano o si esagerano i dolori dando loro importanza,
nello stesso modo questi scompaiono quando se ne distoglie l'attenzione
Sigmund Freud



froid ha detto tante cazzate questa è una delle migliori, prova a non fare caso al cancro e vediamo se sparisce...ma và.........

Visualizza il profilo
177
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
......ma se io avessi previsto tutto questo,
dati causa e pretesto,
le attuali conclusioni....
...credete che per questi quattro soldi,
questa gloria da stronzi
avrei scritto canzoni,
vabbè lo ammetto che mi son sbagliato
e accetto il cricifige e così sia,
chiedo venia son della razza mia
per quanto grande sia
il primo che ha studiato

Visualizza il profilo
178
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
niente da dire sulla nuova eco se non: vero!

Visualizza il profilo
179
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@BIGbossSTIGAZZI ha scritto:niente da dire sulla nuova eco se non: vero!

Speriamo hug tenderly

Visualizza il profilo
180
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Caaaaapoooooo.... ti voglio vedere proprio alle prese con il commento dell'ultimo eco

Oso quasi dire che che lo stato di riflessione è uno stato contro natura, e che l'uomo che medita è un animale depravato.

Jean-Jacques Rousseau, Discorso sulle scienze e le arti, 1750


Dove sei????? Sorriso Scemo

Visualizza il profilo
181
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
che dire, è vero, se l'uomo è un animale è un animale depravato, se l'uomo che riflette (ultimamente medita si presta a troppe confusioni di senso) non riflette il mondo da cui deriva ma riflette se stesso come separato dal regno animale e padrone del mondo può essere solo il massimo predatore senza la SAZIETà dei grandi predatori, infatti non sa fermarsi, consuma e consumando, consuma se stesso ed il proprio mondo, la trovo di una notevole attualità, ..che fai ninfa ...cerchi di prendermi in castagna?

Visualizza il profilo
182
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@BIGbossSTIGAZZI ha scritto: ..che fai ninfa ...cerchi di prendermi in castagna?

No... è che adoro vederti dibattere nel mare della logica... Sorriso Scemo

.... e poi salvarti come farebbe Pamela Anderson ai tempi di Bay Watch...
ma... mi trovo impossibilitata nonvolevo

se l'uomo è un animale è un animale depravato, se l'uomo che riflette (ultimamente medita si presta a troppe confusioni di senso) non riflette il mondo da cui deriva ma riflette se stesso come separato dal regno animale e padrone del mondo può essere solo il massimo predatore senza la SAZIETà dei grandi predatori, infatti non sa fermarsi, consuma e consumando, consuma se stesso ed il proprio mondo, la trovo di una notevole attualità

L'uomo per me non è necessariamente un animale depravato.
E' una bestia come tante, con vantaggi e deficit biologici, il più grave dei quali è la coscienza di secondo grado (ovvero la coscienza di possedere una coscienza) o autocoscienza. Essendo cosciente di sè l'uomo moltiplica i propri bisogni perchè possiede il meccanismo dell'anticipazione, ovvero la capacità di porre innanzi a se non solo il presente, ma anche il futuro come problema. Il futuro è poco sondabile e la trasposizione in esso di un bisogno forte nel presente genera insicurezza perchè i termini della soddisfazione devono essere anticipati nella stessa misura. Questo fa sentire l'uomo minacciato e lo porta a minacciare nel presente gli altri uomini, ponendo nel contempo la premessa per minacce future.
Per questo ogni uomo è a rischio di depravazione ma depravato non è ogni uomo, ma lo è l'uomo che più controlla se stesso e il proprio mondo. Il controllo genera il dolore in se e il male al di fuori.
Il termine depravazione lo intendo come innaturalità, e il termine riflessione come costante rimuginio su ciò che si vive.


Riguardo al neretto: sei ossessionato da Hakim. Ammettilo. gattina

Visualizza il profilo
183
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
guarda sinceramente, io con o contro hakim non ho nulla, e non è solo lui che parla di meditazione e di percezioni o spiritualità o tutte stè fregnacce, mi infastidisce la sua disonestà intellettuale e la sua supponenza, non entro nel merito dei suoi deliri (o magari dice anche cose giuste, non entro nel merito!) sono i suoi modi che mi disturbano, mi disturba quando si definisce eretico solo per offendere chi crede, io sono ateo e cerco di non offendere nessuno, è un pò come quella gente che si dice comunista poi si comporta da fascio, dice male del cristian-cattolicesimo per dire bene degli altri monoteismi che (vedi ebraismo ed islamismo) hanno fatto i loro danni anch'essi... sai ninfa, i disonesti mi danno fastidio, non gli stronzi, quelli che lo dicono "io sono stronzo se posso ti inculo", ma quelli che fanno i buoni i dotti e i sapienti ed invece non sono nulla di tutto questo, io non sono buono nè sapiente, io sono uno stronzo pigro che non cerco di inculare nessuno perchè è troppa fatica, tutto lì...troppo lunga come risposta ad una battuta? Beh sai io son sintetico quando non importa e prolisso quando non devo, sbaglio tutto

Visualizza il profilo
184
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@BIGbossSTIGAZZI ha scritto:guarda sinceramente, io con o contro hakim non ho nulla, e non è solo lui che parla di meditazione e di percezioni o spiritualità o tutte stè fregnacce, mi infastidisce la sua disonestà intellettuale e la sua supponenza, non entro nel merito dei suoi deliri (o magari dice anche cose giuste, non entro nel merito!) sono i suoi modi che mi disturbano, mi disturba quando si definisce eretico solo per offendere chi crede, io sono ateo e cerco di non offendere nessuno, è un pò come quella gente che si dice comunista poi si comporta da fascio, dice male del cristian-cattolicesimo per dire bene degli altri monoteismi che (vedi ebraismo ed islamismo) hanno fatto i loro danni anch'essi... sai ninfa, i disonesti mi danno fastidio, non gli stronzi, quelli che lo dicono "io sono stronzo se posso ti inculo", ma quelli che fanno i buoni i dotti e i sapienti ed invece non sono nulla di tutto questo, io non sono buono nè sapiente, io sono uno stronzo pigro che non cerco di inculare nessuno perchè è troppa fatica, tutto lì...troppo lunga come risposta ad una battuta? Beh sai io son sintetico quando non importa e prolisso quando non devo, sbaglio tutto

A me invece affascina perchè non lo capisco del tutto sempre.
Però ho notato che quando ci riesco trovo delle belle cose nelle sue parole.
Poi certo, ha una fede forte.
Ma infondo anche io: si chiama dubbio.
Ed è un credo sincretico e politeista, quindi non mi crea grossi problemi di integrazione del nuovo e della differenza.

Il resto delle cose di te le so, e sei bello così perchè ti infervori e combatti onestamente. Sei un cuore pulito Capo. In caso contrario non avrei chiesto di essere assunta. hug tenderly

Visualizza il profilo
185
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
volevo fare bene il mio lavoro, ma dai riferimenti che hai dato non ho trovato il punto da cui hai estratto l'eco dell'orlando furioso, mi sembra comunque che una frase del genere in un poema in cui viene usato un anello che conferisce l'invisibilità sia qualcosa di diverso da una metafora.

Quel che l'uom vede, Amor gli fa invisibile,
e l'invisibil fa vedere Amore.





Comunque è opinabile, interpretando nell'unico modo che mi sembra sensato (ossia che l'apparenza nasconde l'amore mentre l'interiorità lo svela) direi che non sono daccordo ossia per essere così si parla di un tipo di amore idealizzato in cui io non credo, non sostengo neppure la bassa macelleria, ma l'amor cortese del tempo dell'ariosto non corrisponde alla mia idea di amore che si può vedere (anche).

Visualizza il profilo
186
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Meno male che me l'hai commentata... era un ottimo pretesto per parlare un po' a vuoto quell'eco Capo.

Io ci vedo un altra cosa, ovvero che l'amore rende visibili cose che normalmente non si vedrebbero, come potenzialità inespresse o qualità nascoste, ma che cela anche molte verità, come gli inganni dell'altro o peggio.

Oh capo mio, capo mio... che faccende incasinate

Visualizza il profilo
187
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
l'amore? certo che l'amore è incasinato, è come un grande cassonetto e tutti ci buttano tutto dentro, è una parola per

-mamma

-papà

-morosa

-moglie

-amante

-figli

-amici

-parenti

-cani, gatti & animali da compagnia in genere

-dio?!

-hobbies e passioni

-sports





....e poi? per fortuna che esiste l'odio così si può non amare qualcuno, ma no, chi disprezza compra, per cui se odi, odi solo quel che ami e quindi

TUTTO!

Visualizza il profilo
188
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Già che fatica immane.

Capo, a te è facile sentire qualcuno vicino?

Visualizza il profilo
189
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
in che senso? Qualcuno che lo è vicino (fisicamente o meno) o no? nun capisk la dumand:scratch:

Visualizza il profilo
190
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Oddio quanto sei uomo rotolarsi dal ridere
Che c'entra la spazialità fisica?
Sentire qualcuno vicino in senso metaforico.

E' un dubbio amletico che mi è venuto oggi.
Cosa lo fa succedere e cosa no?
cosa può ostacolarlo?

Visualizza il profilo
191
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@NinfaEco ha scritto:Oddio quanto sei uomo
Che c'entra la spazialità fisica?
Sentire qualcuno vicino in senso metaforico.

E' un dubbio amletico che mi è venuto oggi.
Cosa lo fa succedere e cosa no?
cosa può ostacolarlo?

sento col mio sesto senso che dovrei offendermi

ma sai io non riesco a sentire qualcunA vicinA metaforicamente ...

solo metadentricamente!

no a parte gli scherzi si può sentire qualcuno vicino anche se lontano, ma ci vuole una amicizia o altro profonda e non basta, ci vuole anche una maturità ed una serenità tali da sapere che quando si rivedrà la persona sarà come se fossero passati cinque minuti anche se son passati sei mesi... a me è successo solo con un amico

Visualizza il profilo
192
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@BIGbossSTIGAZZI ha scritto:

sento col mio sesto senso che dovrei offendermi

No, senti male.
Mi ha fatto tenerezza e il gap comunicativo la dice lunga su quanto io sono contorta.

ma sai io non riesco a sentire qualcunA vicinA metaforicamente ...

solo metadentricamente!

Cosa vuole dire metadentricamente? E' una cosa sconcia?

no a parte gli scherzi si può sentire qualcuno vicino anche se lontano, ma ci vuole una amicizia o altro profonda e non basta, ci vuole anche una maturità ed una serenità tali da sapere che quando si rivedrà la persona sarà come se fossero passati cinque minuti anche se son passati sei mesi... a me è successo solo con un amico

E questa serenità da cosa dipende per te? scratch

Visualizza il profilo
193
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
dal potersi fidare dell'altro, che sarà sempre vicino a prescindere,

.... metadentricamente è un giocaccio di parole:

metaforicamente= metà fuori

metadentricamente= metà dentro

Visualizza il profilo
194
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Capisco.
La chiave è sempre quella.
E pure la serratura.
Anzi no...
... quella una volta che cambiarla sempre sadness

Visualizza il profilo
195
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
ma allora

decidetevi

se non credi al diavolo non credi neanche a dio,

se hai paura del diavolo allora non credi in dio,

allora credi in dio, credi nel diavolo ma non averne paura,

INFATTI DOVRESTI AVER PIù PAURA DI DIO VISTO COME HA TRATTATO IL SUO ISTESSO FIGLIO

Visualizza il profilo
196
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Io la leggo in senso generale...........
se temi che il male agisca su di te, allora non riesci ad avere fiducia nell'azione del bene...
se credi nelle forza cose brutte, allora non riesci a dare forza alle cose belle

Visualizza il profilo
197
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
vedi che belo essere tutti diversi?

Io sono un pessottimista, sono pessimista e vedo tutto nero così quando vedo anche solo una piccolissima cosa bella tutto diventa come il mondo dorato di caramelle edi candy candy o dei teletubbies!

Visualizza il profilo
198
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Ci vuole tutta una vita per capire
che non è necessario capire tutto.

Proverbio cinese


che dire? parafrasando priapo:

"Mi ci volle pochissimo tempo per capire

che non avrei mai capito un cazzo"

Visualizza il profilo
199
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
ieri esperienza? di ieri quindi a che serve?

domani speranza? speranza de chè?

l'oggi diventa il passaggio fra qualcosa che non c'è più e comunque non serve se non a volte a se stessi, e qualcosa di là da venire che ancora non c'è e quindi non ci sarà mai, perchè domani è sempre domani, domani mi sposo, domani comincio la dieta, domani farò quello che non ho fatto oggi...baf per me grandi enormi yarballe

oggi, anzi, in questo momento, o mi penso, o ci penso a me nel mondo, al mio impatto su di esso e vivo nella mia vita di relazioni anche oziando, camminando, apparentemente non facendo nulla oppure semplicemente mi lascio vivere e sopravvivo come un pezzo di carne deambulante.

di ieri direi che non mi lascio abbattere dai ricordi o ostacolare dall'esperienza e se è il caso che io possa scazzare ancora,

di domani che non voglio farmi aspettative ed arrivarci al momento mi basta tranquillamente vivermi l'adesso, come somma e stratificazione di attimi positivi, come traguardo temporaneo e passo del mio percorso

Visualizza il profilo
200
BigBossStigazzi
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
morale ...uhmmmm un tema difficile

difficile dar torto ad hemingway ma lui parla solo di morale

e quindi si può intendere come morale personale

googleggiando si trova questa distinzione fra etica e morale

"Una delle domande più frequenti quando si parla di etica, è quale sia la differenza tra etica e morale. In accordo con le definizioni dei rispettivi termini fornite dal glossario, possiamo spiegare la differenza come segue.

Innanzitutto bisogna dire che i due termini possono essere usati come sinonimi, cosa che fa la maggior parte della gente, comprese le persone più istruite.

Tuttavia, specialmente negli ambienti intellettuali e scientifici, i due termini sono normalmente usati con accezioni diverse, intendendo per "morale" l'insieme delle consuetudini sociali legate ad una certa tradizione culturale o gruppo sociale o individuo particolare, e per "etica" lo studio filosofico universale del bene e del male e quindi della morale. In tal modo, "etica" ha un livello di astrazione più alto rispetto a "morale"."

due parole ma ne servirebbero tre:

morale personale,

morale condivisa,

etica.

Ovviamente H. fa riferimento alla prima ma spero non intendesse escludere la seconda e la terza perchè in tal senso, la morale di un serial killer avrebbe la medesima dignità della morale di una persona qualsiasi:

ammazzare mi fa sentire bene e dopo mi sento ancora meglio, allora è morale uccidere gli altri.

forse è un pò troppo semplice così, forse le cose ci fanno stare bene a prescindere dal fatto che siano morali o meno e stiamo male o bene dopo a prescindere dalla moralità di quello che abbiamo fatto, forse (dico forse perchè H. resta difficile da contestare) per me è così...sono altri fattori, la cultura di provenienza, il concetto di senso di colpa ed anche la stratificazione di SENSO DELLA MORALITà dentro di noi che ci consente di STARE MALE infatti penso che al mondo ci siano tante persone che fanno male pensando di fare del bene e che non siano in grado di cogliere la differenza, ad esempio per non fare nomi io penso che s.b. sia uno che crede davvero di essere il salvatore redivivo, penso che non si renda conto del danno che ha provocato alla MORALITà degli italiani più che all'Italia tutta.

Visualizza il profilo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 8 di 9]

Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum