Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

C'era una Volta ( anzi due) un Serial Kiler

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Cosa vi raccontava mentre eravate sotto le copertine la vostra nonna?
Cappuccetto rosso?
Cenerentola?
La bella addormentata?
Nel mio caso le alternative erano due : la sua vita di privazione e gli ultimi pruriginosi eventi di cronaca nera. Tra l'altro gran gnocca mia nonna.
Comunque, forse per questo hanno iniziato ad affasconarmi certe figure come Chikatilo ( non so se scrive cosi), il comunmista che i bambini li mangiava davvero e altri.
Ho lettomolte storie e il dissociarmi da ciò che avevano fatto, il temerli non mi portava ad odiarli in alcuni casi, ma a provare dolore. Ricordo un caso ad esempio, il nome no purtroppo, in cui questo giovane omosessuale che proveniva da una storia di abbandoni, colpì per impedirgli di andarsene il compagno occasionale. Questo svenne e così il serial killer potè trattenerlo ancora. Quando si svegliò voleva andare, allora lo uccise per non restare solo e tenne il corpo con se finchè potè. Quando il corpo si decompose troppo uccise ancora e così via. Ad un certo punto però per impedirsi di uccidere, decise di trasferirsi in appartamento. In questo modo non avrebbe più potuto occultare i corpi. Non servì. Uccise ancora e eliminò la vittima attraverso il WC. Dopo poco venne preso.
Mi colpisce il bisogno d'amore frustrato, la sofferenza profonda per la solitudine, il tentativo di fermarsi, la spirale compulsiva che porta infine al collasso e all'essere scoperti.
Ovviamente non in tutti i casi noto elementi simili. A volte provo soltanto paura e rabbia.
Cosa può portare una persona a questo? cosa provate voi verso queste persone?

Vedi il profilo dell'utente
2
Mago_Merlino
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
L’elemento di fantasia, è nella storia personale dei serial killer, assai importante. Fantasticare è uno strumento che permette al bambino traumatizzato
( e nella loro storia ci sono spesso traumi e privazioni) di tentare una fuga e una rivincita sui suoi carnefici, con essa realizza una forma di controllo della situazione e reindirizza fuori da sé la violenza di cui invece è vittima e bersaglio.
Sovente è un nuovo trauma, il fattore scatenante, trauma che tende a riaccendere i vissuti umilianti e abbandonici dell’infanzia e la drammaticità di quegli stati d’animo si riaffaccia minacciosa e virulenta. La sensazione di completa vulnerabilità spinge con forza all’azione nel tentativo di riprendere il controllo della propria vita, delle proprie emozioni, della propria autostima. Uccidere sembra essere, nella mente sconvolta di costoro, l’unico mezzo per dominare paure antiche ed inesprimibili.

Vedi il profilo dell'utente
3
^Sick_Boy
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Anche io sono sempre stato profondamente affascinato dalla figura del Serial Killer. Andrei Romanovic Chikatilo, Bundy, Dhamer (credo sia l'omosessuale cui ti riferivi, Ninfa), Gacy, Berkowitz...e questo solo per citare i nomi più recenti, perchè quella dell'assassino seriale è una figura che affonda le sue radici storiche nel passato.

Inizialmente, e in riguardo ai SK moderni, mi colpiva il fatto che queste persone riuscissero ad eludere le indagini e la caccia della polizia per mesi, a volte per anni, prima di essere presi. Individui soli contro decine, a volte centinaia di poliziotti. E, qualche volta (è il caso del serial killer USA noto solo come Zodiaco) riuscivano a sfuggire per sempre.

Poi la fase di questa "idealizzazione" è finita e il mio interesse si è spostato soprattutto sulle origini, le cause, il perchè e il che cosa spinge una persona in certe direzioni. Considerato soprattutto che, se una persona è in grado di fare qualcosa (ad esempio uccidere, violentare e divorare i corpi di decine di persone), allora tutti possiamo farlo, con le "giuste" spinte e motivazioni.

Per quel che ho potuto riscontrare io, leggendo, cercando, studiando, non esiste un insieme univoco di situazioni e circostanze che "forgiano un serial killer", è vero però che nella maggior parte dei casi sembrerebbe dipende da fenomeni fortemente correlati al sociale.
Di certo, un buon numero di SK "made in USA" condivide una rigida e repressiva educazione cristiana e una condizione socio-economica bassa o bassissima.

Aggiungo un'ultima considerazione: per un buon 50% il Serial Killer è un prodotto mediatico.
Il più famoso di questa terribile categoria è, probabilmente, Charles Manson, tutt'ora detenuto per vari omicidi tra cui quello di Sharon Tate, attrice e moglie del regista Roman Polanski. Il punto, è che Charles Manson non ha mai ucciso nessuno: aveva un gruppo di accoliti, la cosìddetta "Manson Family" e mandava loro "in missione".
Se il profilo del Serial Killer è quello di chi colpisce vittime in qualche modo accomunate (o accomunabili) con un modus operandi più o meno simile, e vale estendere questa categoria anche a chi agisce per interposta persona, allora ne discende che anche Hitler era un serial killer (e -come lui- tanti altri governanti).

Vedi il profilo dell'utente
4
xmanx
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Cosa può portare a questo? E' una domanda difficile....non saprei proprio cosa rispondere. Probabilmente la follia. La follia che determina delle reazioni disumane. E la follia è una condizione già esistente....cioè non è frutto delle sofferenze e delle privazioni vissute.
Cosa provo per queste persone? Paura e pena.

Vedi il profilo dell'utente
5
ReLear
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Quello che più affascina del fenomeno è probabilmente
l'incontro con la personificazione del male, la violenza
perpetrata su di un altro essere umano senza altri fini.
L'assassino seriale con l'eliminazione di un essere umano
appaga i suoi fantasmi di morte e distruzione, concretizza e
ritualizza questo fantasma di rivalsa sull'aggressore di un
tempo, questa "sensazione di onnipotenza", di aver
avuto cioè pieno dominio e arbitrio dell'altrui vita gli dà
quel tantum di eccitazione, di trasgressione, di conquista
che lo fa sentire vivo, porta l'omicida a ripetere
l'esperienza più volte, rendendolo così un serial killer,
vampiro della vita degli altri.

Vedi il profilo dell'utente
6
Faust
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Questo racconto è molto esplicativo



E.A.POE

Il Cuore Rivelatore


E' vero! Sono e sono sempre stato nervoso, molto, spaventosamente nervoso; ma perche' dite che sono pazzo? La malattia ha acuito i miei sensi, ma non li hadistrutti, non li ha soffocati. Particolarmente affinato era in me il senso dell'udito. Udivo tutte le cose del cielo e della terra. E udivo anche molte cose dell'inferno. Come puo' essere dunque che io sia pazzo?Ascoltatemi! E osservate con quanta lucidita', con quanta calma io posso narrarvi per filo per segno tutto cio' che accadde. E' impossibile dire come l'idea mi siaentrata per la prima volta nel cervello.Ma non appena l'ebbi concepita mi ossessiono' notte e giorno. Scopo non ne avevo. Odio neppure. Volevo bene al vecchio. Non mi aveva mai fatto del male.Non mi aveva mai insultato. Non desideravo il suo oro. Credo fosse il suo occhio! Si', fu proprio cosi'! Aveva l'occhio di un avvoltoio, un occhio pallido, azzurro, coperto di una pellicola. Ogni volta che esso si posava su di me il mio sangue si raggelava, e cosi' per gradi, oh, per gradi molto lenti, io decisi di togliere la vita al vecchio, e sbarazzarmi cosi' per sempre di quell'occhio. Ora questo e' il punto. Voi mi credete pazzo, ma i pazzi non capiscono nulla,mentre avreste dovuto vedere ME. Avreste dovuto vedere con quanta accortezza procedetti, con quanta cautela, con quanta preveggenza, con quanta dissimulazione mi misi all'opera! Mai fui cosi' gentile col vecchio come durante la settimana prima che io l'uccidessi. E ogni sera, verso mezzanotte,giravo il paletto della sua porta e aprivo l'uscio... oh, come piano! E poi, una volta ottenuta un'apertura sufficiente perche' la mia testa potesse passarvi, mettevo dentro una lanterna cieca, tutta chiusa, ben chiusa, in modo che non ne uscisse nessuna luce, e poi spingevo innanzi il capo. Oh, avreste riso nel vedere con quanta furberia lo insinuavo nell'apertura! Lo muovevo lentamente, in modo da non disturbare il sonno del vecchio. Mi ci voleva un'ora intiera per far passare tutta quanta la testa entro la fessura in modo da poterlo vedere mentre giaceva sul letto. Ah! Un pazzo avrebbe agito con altrettanta avvedutezza? Poi, quando tutta la mia testa era entrata nella stanza, scoprivo la lanterna cautamente, oh, quanto cautamente, cautissimamente (poiche' i cardini scricchiolavano) la scoprivo giusto quel tanto che mi permetteva di far cadere un unico sottile raggio sull'occhio d'avvoltoio. E questo feci per sette lunghe notti, esattamente ogni notte a mezzanotte, ma trovavo l'occhio sempre chiuso, cosicche' mi era impossibile compiere la mia opera, poiche' non era il vecchio che mi irritava ma il suo Occhio Maligno. E ogni mattina, quando il giorno spuntava, entravo baldanzosamente nella stanza egli parlavo con audacia, chiamandolo per nome in tono cordiale, e gli chiedevo come avesse trascorso la notte. Percio' capirete che avrebbe dovuto essere unvecchio molto astuto per sospettare che ogni notte, a mezzanotte in punto, io lo spiavo mentre egli dormiva. L'ottava sera fui piu' cauto del solito nell'aprire la porta. Una lancetta da orologio dei minuti si muove piu' rapidamente di quel che si muovesse la mia mano. Mai prima di quella sera avevoSENTITO con tanta intensita' tutta la somma dei miei poteri e della mia sagacia. Stentavo a trattenere la mia sensazione di trionfo. Pensare che io ero li', ad aprire la porta a poco a poco, senza che egli neppure lontanamente sospettasse le mie azioni o i miei pensieri segreti. Per poco non mi misi a sogghignare, e forse egli mi intese, poiche' ad un tratto si mosse sul letto,quasi risvegliato di soprassalto. Ma forse ora crederete che io arretrassi...ma non fu cosi'. La sua stanza fittamente immersa nelle tenebre era neracome la pece (poiche' le imposte erano saldamente chiuse e sprangate per timore dei ladri): percio' ero certo che non mi potesse vedere nell'atto di aprire l'uscio, e seguitai quindi a spingere la maniglia in avanti, sempre piu' in avanti, senza esitazioni. Gia' avevo messo dentro la testa, e stavo per aprire la lanterna, quando il mio pollice scivolo' sul gancetto di metallo, e il vecchio balzo' a sedere sul letto gridando: - Chi e' la'? Rimasi perfettamente immobile e non proferii sillaba: durante un'ora intera nonmossi un solo muscolo, eppure in tutto quel tempo non lo intesi riadagiarsi. Era sempre a sedere sul letto in ascolto... esattamente come avevo fatto io, notte per notte, mentre ascoltavo gli orologi della morte rintoccare sulla parete. Infine avvertii un gemito sommesso, e compresi che era un gemito di terrore mortale. Non era ne' un gemito di sofferenza ne' un gemito di dolore, oh, no!Era l'ansito soffocato, contenuto, che si leva dal fondo dell'anima allorche' questa e' sopraffatta dalla paura. Conoscevo bene quell'ansito. Piu' di una volta, a mezzanotte in punto, quando l'universo intiero giaceva addormantato,esso si e' levato dal mio petto, incupendo con i suoi echi spaventosi i terrori che mi dilaniavano. Ripeto che lo conoscevo bene. Capivo quel che il vecchio sentiva, e avevo pieta' di lui, benche' dentro di me sghignazzassi. Sapevo che si era svegliato sin dal primo leggero rumore, allorche' si era rigirato nel letto. Da quel momento i suoi timori non avevano fatto che crescere entro di lui. Doveva aver tentato di giudicarli senza motivo, ma non gli era stato possibile. Certo si era detto: "Deve essere semplicemente il vento nel camino... oppure un topo che attraversa il pavimento", oppure: "forse soltanto un grillo che ha trillato un'unica volta". Si', certo doveva essersi confortato con queste supposizioni, ma doveva averle trovate tutte inutili. TUTTE INUTILI:perche' la Morte, avvicinandosi a lui, era venuta avanzando entro la sua nera ombra e aveva avviluppato la sua vittima. Ed era il lugubre influsso dell'ombra invisibile che gli faceva sentire, benche' non potesse ne' udire ne' vedere, che gli faceva SENTIRE la presenza della mia testa all'interno della stanza. Dopo aver aspettato a lungo, con infinita pazienza, senza averlo udito riadagiarsi, decisi di socchiudere, oh, appena appena, una sottilissima fenditura nella lanterna. L'aprii dunque, non potete immaginare con quanta cautela, sinche' un sottilissimo tenuissimo raggio, simile al filo di un ragno,balzo' fuor della fenditura e cadde in pieno sull'occhio d'avvoltoio. Era aperto, tutto aperto, completamente spalancato, e nel fissarlo la furia miinvase. Lo vedevo distintamente, tutto di un azzurro opaco, con quell'odioso velo che lo ricopriva e che faceva raggelare persino il midollo delle mie ossa;ma non potevo vedere altro del vecchio, ne' della sua faccia, ne' del suo corpo, poiche' avevo rivolto il raggio come per istinto proprio su quell'unico maledetto punto. E non vi ho forse detto che cio' che voi scambiate per pazzia altro non era che una esasperazione dei miei sensi? Ebbene: ecco che ora le mie orecchie percepirono un rumore sommesso, soffocato, veloce, simile a quello che fa un orologio quando e' avvolto nel cotone. Anche QUEL suono, conoscevo. Era il battito del cuore del vecchio. Questo aumento' il mio furore, allo stesso modo che il rullare di un tamburo stimola il coraggio del soldato. Ma anche allora mi trattenni e rimasi immobile. Respiravo appena. Tenevo la lanterna ferma. Cercavo di vedere sino a che punto sarei riuscito a mantenere immobile sull'occhio il raggio. Frattanto il tam-tam infernale del cuore aumentava. Si faceva sempre piu' rapido e sempre piu' forte a ogni attimo. Il terrore del vecchio DEVE essere stato infinito! Aumentava, ripeto, a ogni istante! Mi seguite bene? Vi ho detto che sono nervoso: e' vero. E adesso in quell'ora spenta e morta della notte, nel silenzio inverosimile di quella vecchia casa, l'irreale rumore suscito' in me un terrore incontrollabile. E tuttavia per altri lunghi minuti mi trattenni e restai immobile. Ma il battito cresceva, cresceva! Mi parve che il cuore dovesse scoppiare. Ed ecco che una nuova angoscia mi strinse: il rumore sarebbe stato inteso da qualche vicino! L'ora del vecchio era giunta! Con un urlo insano feci scattare lo schermo dellalanterna e balzai nella stanza. Egli grido' una sola volta, una volta soltanto. Immediatamente lo buttai a terra e gli gettai addosso il letto pesante. Allora presi a sorridere lietamente, accorgendomi di averla fatta finita cosi' in fretta. Ma per molti miuti il cuore seguito' a battere con un rumore soffocato.Cio' pero' non mi turbava; nessuno poteva intenderlo di la' dalla parete. Infine il rumore cesso'. Il vecchio era morto. Sollevai il letto ed esaminai il cadavere. Si', era morto, morto stecchito. Posai una mano sul cuore e vela tenni per lunghi minuti. Non avvertii pulsazione alcuna. Il vecchio era morto stecchito. Il suo occhio non mi avrebbe piu' ossessionato. Se ancora mi giudicate pazzo, piu' non mi giudicherete tale quando vi avro' descritto tutti gli accorgimenti e le precauzioni da me presi per occultare il cadavere.La notte trascolorava rapidamente e io lavoravo in fretta e in silenzio. Per primacosa smembrai il corpo, gli spiccai il capo, le braccia e le gambe. Divelsi quindi tre assi del pavimento della stanza e posai ogni cosa frai travicelli. Rimisi quindi a posto le tavole con tanta accuratezza, con tanta astuzia, che nessun occhio umano, neppure il SUO, avrebbe potuto scorgere alcunche' di sospetto. Non c'era da lavar via nulla, nessuna macchia di nessungenere, nessuna traccia di sangue. Ero stato troppo guardingo per cadere in un simile errore. Avevo raccolto tutto in un mastello... Ah! ah! Quando ebbi sbrigata la mia bisogna, erano le quattro del mattino; ma ogni cosa era ancora avvolta nelle tenebre come a mezzanotte. Non appena la campana cesso' i suoi rintocchi intesi bussare all'uscio di strada. Scesi ad aprire col cuore leggero: infatti che cosa avevo da temere, ORMAI? Entrarono tre uomini che sipresentarono con perfetta gentilezza come funzionari di polizia. Un vicino aveva inteso un urlo durante la notte; aveva sospettato qualcosa di losco, aveva riferito i propri sospetti alla questura locale, ed essi (i funzionari) avevanoavuto l'ordine di perquisire l'abitazione. Sorrisi: CHE COSA avevo da temere, infatti? Pregai gli uomini di accomodarsi.L'urlo, spiegai, era stato lanciato da me nel sonno. In quanto al vecchio erapartito per la campagna. Feci fare ai poliziotti il giro della casa. Li esortai a cercare, a cercare BENE. Infine li condussi nela sua stanza. Mostrai loro i suoi tesori, che erano in ordine e al sicuro. Nell'entusiasmo della mia sicurezza portai nella stanza alcune seggiole e insistetti perche' sedessero LI'a riposarsi dalle loro fatiche, mentre io, nella folle audacia del mio completo trionfo, posai la mia seggiola proprio sul punto esatto sotto cui riposava il cadavere della vittima. I funzionari erano soddisfatti. I miei MODI li avevano convinti. Io ero straordinariamente calmo. Gli uomini sedevano, e mentre io rispondevo animatamente, essi discorrevano di argomenti familiari. Ma in breve mi sentiiimpallidire e cominciai a desiderare in cuor mio che se ne andassero. La testa mi doleva e mi sembrava che le orecchie mi rintronassero. Ma gli uomini seguitarono a sedere e a chiacchierare. Il ronzio delle orecchie si fece piu' distinto... Diveniva sempre piu' intenso, sempre piu' distinto: ripresi a discorrere ancor piu' animatamente per sbarazzarmi di quella sensazione sgradevole, ma essa continuava, e diventava anzi sempre piu' definita, finche'mi accorsi che il rumore NON risuonava entro le mie orecchie. Senza dubbio dovevo essere diventato PALLIDISSIMO, ma seguitavo a discorrere sempre piu' animatamente, e alzando il tono della mia voce. Nondimeno il rumore aumentava, e cosa potevo fare? ERA UN RUMORE SOMMESSO, SOFFOCATO, VELOCE; ASSOMIGLIAVA MOLTISSIMO AL RUMORE CHE FA UN OROLOGIO QUANDO E'AVVOLTO NEL COTONE. Ansimai: mi sentivo il fiato mozzo; e tuttavia i poliziotti non lo avevano avvertito. Parlai ancora piu' in fretta, con irruenza ancora maggiore, ma il rumore aumentava inesorabilmente. Mi alzai e presi a discutere di sciocchezze, in tono di voce altissimo e gesticolando violentemente, ma il rumore cresceva implacabile. Perche' non se ne andavano? Incominciai a passeggiare innanzi e indietro a lunghi passi, quasiche' i discorsi di quegliuomini mi avessero infuriato, ma il rumore cresceva, cresceva sempre. Oh, Dio!Che cosa POTEVO fare? Schiumavo, vaneggiavo, bestemmiavo! Volsi di scatto la seggiola su cui mi ero messo a sedere, la trascinai sulle tavole, ma il rumorecopriva ogni cosa aumentando continuamente. Si faceva sempre piu' forte,sempre piu' forte, SEMPRE PIU' FORTE! E tuttavia gli uomini seguitavano a discorrerepiacevolmente, e sorridevano. Era mai possibile che non udissero? Dio onnipotente! No, no! Certo che lo udivano! Sospettavano! Sapevano! Si beffavanodella mia disperazione! Questo pensai, e questo penso. Ma qualsiasi cosa era meglio dell'angoscia mortale che mi attanagliava! Qualsiasi cosa era piu' tollerabile di quella derisione! Non potevo piu' sopportare quei sorrisi ipocriti! Compresi che dovevo urlare o altrimenti sarei morto! Ed ecco, ancora!Ascoltate! Piu' forte! Piu' forte! Piu' forte! PIU' FORTE! - Mascalzoni!- urlai, - smettetela di fingere! Confesso il delitto! Toglietequelle tavole! Qui, qui! E' il battito del suo odioso cuore! [/size]

Vedi il profilo dell'utente
7
Il_Soldatino_di_Stagno
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
@NinfaEco ha scritto:Cosa vi raccontava mentre eravate sotto le copertine la vostra nonna?
Cappuccetto rosso?
Cenerentola?
La bella addormentata?
Nel mio caso le alternative erano due : la sua vita di privazione e gli ultimi pruriginosi eventi di cronaca nera. Tra l'altro gran gnocca mia nonna.
Comunque, forse per questo hanno iniziato ad affasconarmi certe figure come Chikatilo ( non so se scrive cosi), il comunmista che i bambini li mangiava davvero e altri.
Ho lettomolte storie e il dissociarmi da ciò che avevano fatto, il temerli non mi portava ad odiarli in alcuni casi, ma a provare dolore. Ricordo un caso ad esempio, il nome no purtroppo, in cui questo giovane omosessuale che proveniva da una storia di abbandoni, colpì per impedirgli di andarsene il compagno occasionale. Questo svenne e così il serial killer potè trattenerlo ancora. Quando si svegliò voleva andare, allora lo uccise per non restare solo e tenne il corpo con se finchè potè. Quando il corpo si decompose troppo uccise ancora e così via. Ad un certo punto però per impedirsi di uccidere, decise di trasferirsi in appartamento. In questo modo non avrebbe più potuto occultare i corpi. Non servì. Uccise ancora e eliminò la vittima attraverso il WC. Dopo poco venne preso.
Mi colpisce il bisogno d'amore frustrato, la sofferenza profonda per la solitudine, il tentativo di fermarsi, la spirale compulsiva che porta infine al collasso e all'essere scoperti.
Ovviamente non in tutti i casi noto elementi simili. A volte provo soltanto paura e rabbia.
Cosa può portare una persona a questo? cosa provate voi verso queste persone?


Riesci ad esprimere molto bene quello che sono stati e sono, spesso, i miei pensieri al riguardo.

Vedi il profilo dell'utente
8
Il_Soldatino_di_Stagno
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
"Il cuore rivelatore" : non conoscevo questo racconto.

Notevole.

Edgar docet!

Vedi il profilo dell'utente
9
Silentio

Viandante Storico
Viandante Storico
Soppressione!

Vedi il profilo dell'utente
10
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@Silentio ha scritto:Soppressione!

De che?

Vedi il profilo dell'utente
11
Silentio

Viandante Storico
Viandante Storico
Per i soggetti su indicati.
Odio le deviazioni, ma temo di farne parte, quindi non mi escludo.

Vedi il profilo dell'utente
12
victorinox
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
@^Sick_Boy ha scritto:
Aggiungo un'ultima considerazione: per un buon 50% il Serial Killer è un prodotto mediatico.

Non mi trovi d'accordo.

Vedi il profilo dell'utente
13
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum