Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

CDP - Li Mortacci della Sera

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
er cuggino
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente

Dal nostro corrispondente nella Capitale

PRESENTAZZIONE


Li mortacci.


Ve devo confessà na’ cosa: sta’ presentazzione m’ha messo l’ansia perché a’ direttrice der Corriere Marimba m’ha riccomannato de scrive bbene pe’ faje fà bella figura e io so’ uno che scrive come magna e siccome mi’ moje me fa’ magna facioli co’ le cotiche trippa co’ li facioli pasta e facioli bucatini all’amatriciana coda alla vaccinara abbacchio porchetta fettuccine co’ li ricagli de pollo tantè vvero che ciò er colesterolo a paletta… ahò, me sta a venì fame e me so’ scordato che ve dovevo da dì ah ecco ve stavo a dì che scrivo come magno e co’ quello che magno nun so’ capace de scrive cose come ossequi carissimi sono lieto di fare la vostra conoscenza e di sottoporre la mia candidatura come redattore alla vostra attenzione fiducioso in un benevolo accoglimento. Cioè me sento finto a fa’ tutti sti’ ghirigori e anche un po’ frocio a dì la verità.

Me chiamo Manlio Spertichini ma nel ueb so’ più famoso come er cuggino e mo’ ve spiego: fino a tre anni fa facevo er garzone dar Fettina de Burro ar secolo Armando Scavizzi er macellaio de Via Macinghi Strozzi ma poi me so’ stufato de scaricà quarti de bue e m’era venuta na’ depressione bestiale a vedè tutti quei polli capretti conigli e abbacchi squartati e allora me so’ licenziato. Poi però me so’ chiesto mo’ che faccio? Ce voleva n’idea gajarda de quelle come je capita a tutti st’omini der fare come er Mitico Sirvio che per fare fanno e se fanno n’sacco de sordi e allora me so’ preso du’ anni sabbatici e alla fine ciò avuto er colpo de ggenio: me metto a fa’ er cuggino dei forumisti quello che sta sempre dappertutto e che j’è successo tutto a lui e che serve a chiude le discussioni perché er forumista dice "mi’ cugggino abbita lì (che lì po’ esse a’ Francia come a’ Maddalena come Cagliari come er Tuscolano come Catanzaro come Gazza come Telavivve o come Curno che ho visto pure Di Pietro che se tirava su er capanno abbusivo de li attrezzi, nun c’è problema) e m’ha raccontato come so’ annate le cose che l’ha viste cogli occhi sua" oppure "a mi’ cuggino j’è capitata proprio sta’ cosa qui e allora c’ho raggione io e basta" e agli altri je’ tocca abbozzà perché ce so’ io a fa’ da testimone. E se quarcuno nun ce crede arrivo io e giuro su mi’ fijo (tanto nun ce n’ho de fiji) che è tutto vero. Oramai me so’ fatto un giro de clienti mica male però ho visto che anche qua ce sta’ quarcuno che ciavrebbe bisogno de me e allora me faccio reclame: scrivete a manlio.spertichini@cuggino.it e poi ve do’ er numero de conto corente pe’ spedimme er compenso che faccio pure l’abbonamenti annuali e poi se dite che ve manna a' direttrice Marimba ve faccio li prezzi boni, da amico.

Me riccomanno, nun fate complimenti: io ce stavo e a me m'è capitato, basta chiede. E pagà.

Visualizza il profilo
2
er cuggino
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente

Dal nostro corrispondente nella Capitale

IERI SERA HO MENATO MI' MOJE



Li mortacci.
Oh nun me state a dì che ‘e donne nun se meneno che quanno ce vole se pijano a mazzate no come li froci che se devono da menà a prescinne…

Mo’ ve racconto er fatto…

Lunedi sera so’ andato da li amici mia der clubbe giallorosso Sgozzaerlaziale che ciavevamo da preparà a’ partita da’a Maggica contro er Baiern pè fa na cosa mai vista tipo fochi d’artificio co’ li bengala li fumoggeni e quarche bomba carta poi la novità der secolo distribbuita a tutti li soci: er macete pa’a caccia ar tedesco dopo a’ partita. Gajardo. Ce stava Gigetto detto Strage che s’era portato dietro cinque bombe a mano ma l’avemo stoppato che quann’è troppo è troppo che anche noi ce sapemo moderà così l’avemo messe da parte pe’ er derbi ca’a Lazio.

Quanno so’ arrivato a casa ce stava mi’ moje Giusi che m’ha detto un sciaoooo propio strascicato inzomma tutto strano e poi quanno semo annati nell’ipotalamo nuzziale ho fatto come ogni sera er mio dovere d’omo ma durante er rapporto sensuale l’ho vista come dire strana come se pensava a chissacché o a chissaccosa o a chissacchì. Vabbè me so’ detto sarà un momento così come je capita alle donne e poi me so’ addormentato de botto co’ a’ retina in testa pe’ tenè a posto a’ pettinatura che so’ un po’ fissato e co’ a’ Marboro accesa in bocca che tanto ce pensa sempre lei a tirarmela via.

Dar giorno dopo però ha continuato a stà sempre svagata co’ a’ testa da n’antra parte e stà cosa m’ha insospettito mica poco allora ho cominciato a pensà se poteva essece de mezzo n’antro omo e intanto che pensavo a chi poteva esse st’infame ho preso la mola de mì nonno arotino che ciavevo in cantina e ho cominciato a arotà le lame dei coltellacci da macellaio de mì zio Spartaco Spertichini detto Mimosa.

Poi ogni vorta che ciavevo d’annà ar cesso o’ trovavo chiuso co’ lei drento in pratica ce passava le giornate e usciva solo quanno cominciavo a tirà calci alla porta. Dopo quattro giorni co’ st’andazzo nun ce l’ho fatta più che me stavo a magnà er fegato dalla gelosia e ho deciso de cojerla de sorpresa così ho preso l’accetta come nel firm gajardissimo Sciaining e ho spaccato la porta urlando GIUSI!!!!!! invece che Uendi come ner firm che ero mejo de Nicorson e quanno so’ spuntato co a’ testa tra li legni m’è pijato n’corpo apolpettico: STAVA A LEGGE N’LIBBRO!!!!!!!!!

Ve devo spiegà che la mia è na’ casa modesta ma onorata e che i libbri pe’ me so’ a farina der diavolo che te mettono li grilli na’a capoccia e allora a memoria d’omo qui drento so’ entrati solo Tex Viller e quarche Topolino a parte a’ Bibbia che sta n’sala sur buffè come na’ reliquia che è n’ricordo de mi’ nonna buonanima che guai a chi la tocca.

Torniamo ar fatto. Co’ du’ occhi fori dalle orbite me so’ precipitato su mì moje che tremava tutta e jò strappato er libbro da le mano pè legge er titolo: GOMORRA.
Senza daje er tempo de dì bè je dico Mignotta che nun sei antro te ne stai chiusa in cesso co li libbri zozzi de sodoma e gomorra ma io te carico de botte come un tir te tiro l’orecchie che diventi come Dumbo te faccio a pezzetti e poi te ricompongo come un puzzel.

Ar che lei me dice A’ Ma’ guarda che te sbaji quello è n’libbro su a’ camora napoletana de quello là Robberto Saviano (che pure n’ignorante come Vanna o’ dice giusto co’ la O e no co’ la I è solo n'amico mio che riesce a sbajasse) che lunedì sera quanno stavi ar clubbe invece der grande fratello me so guardata vieni via co’ me e ce stava sto’ scrittore che m’ha fatto pensà così a’ matina dopo ho comprato er libbro e me o sto a legge de nascosto perché ce lo so che poi te sturbi.

Cioè o’ capite che a’ moje de Manlio Spertichini cià avuto er coraggio de guardà n’programma de’ froci comunisti e de perdese dietro ar frocio massimo Saviano? Quann'è troppo è troppo...

Conclusione: so’ stato zitto senza fiatà e ho pijato a mozzichi er libbro fino a quanno ciò fatto li coriandoli pè carnevale e alla fine ho caricato de botte mì moje. Sempre senza dì na’ parola che nun ce n’era bisogno che quando Manlio mena basta la batosta.

Li mortacci.

Visualizza il profilo
3
er cuggino
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente

Dal nostro corrispondente nella Capitale

IERI S'E' FATTA MALE SORA LELLA


Li mortacci.

Poraccia nun potete manco immaginà come ce sto male io che sarà quel che sarà che nun se fa mai li cazzi sua e sta sempre a spià che a' chiameno a' Matta Ari de Tormarancio ma a sapella all'ospedale co' a' gambona appesa e a' commozzione cerberale me fa n'effetto...

Che poi è stato un accidente casuale de quelli che nun cià colpa nessuno anche si ce sta quarche lingua biforcuta che va n'giro dicendo che prima de fasse male Sora Lella stava a baccajà co' me sur pianerottolo pe' storie de calcio. Aò o' giuro sulla capoccia de Gasparri che so' innocente come n'bambino cioè a sto' punto è mejo che ve riconto com'è annata.

Ieri sera saranno state è dieci e quaranta ch'era appena finita a' partita d'aa Maggica cor Palermo e stavo co' l'occhio vitreo a pensà se pijà li barbiturici o tajamme le vene come me capita tutte e' vorte che perde a' Roma quanno guarda caso sona er campanello che so già che è a' Sora Lella ch'è daa Lazzio e trova na' scusa pe' famme a' faccetta da 'mpunita co' a' risatina sardochina tutte e' volte che sto disperato p'aa squadra mia. Apro e m'aa titrovo davanti che me guarda e ride che cazzo ciavrà da ride penso io comunque me chiede se ciavemo a' camomilla sognidoro che l'aveva finita allora prenno tutta a' scatola e jela do ma lei me fa Manlio tieni quarche bustina pe' te che te vedo nervoso e poi ride ancora e poi fa' pe scenne le scale.

O' giuro che nun l'ho spinta io ma quanno ho visto che s'inciampava e scivolava giù pe' la rampa ho cercato de prennella pelle spalle ma lei pesa quanto n'ippopotamo ciccione e e nun ce l'ho fatta così è rotolata e ha sbattuto na' gamba e pure la capoccia c'adesso sta ancora lì ar San Giovanni a' dormì.

Stè botte n'testa nun se sa mai che effetti lasceno e chissà che se ricorda quanno se sveja ma dovete sapè che qualunque cosa ve dice la verità è quella che v'ha riccontato Manlio. Capito?

Li mortacci

Visualizza il profilo
4
er cuggino
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente

Dal nostro corrispondente nella Capitale

SORA LELLA S'E' SVEJATA


Li mortacci.

Sora Lella s’è già svejata dallo stato soporifero e si po’ esse possibbile me pare più velenosa de prima che a’ botta n’testa jà fatto male jà. Si va avanti a fa a’ serpe assonagli me sa che a’ prossima vorta invece che dalle scale vola giù direttamente dar terazzino mentre stenne li panni ma sempre per una disgraziata casualità che nun ciò risentimento o’ giuro su la capoccia de Larussa.

Che poi o’ vedete anche voi cari e affezzionati lettori de Li Mortacci della Sera che nun ce prova nemmeno a portà un ramoscello d’ulivo ma s’aripresenta co’ nà sfilza de provocazzioni che farebbero incattivì anche San Sauro da Montecompatri che je so’ tanto devoto e vado sempre co’ mi moje a’a basilica de Zagarolo a chiedeje è’ grazzie tipo San Sauro famme guarì Totti che cià er menisco oppure fa venì le morroidi croniche a Zarate o in subbordine l'Ebbola.

A propposito de mì moje qua’a jena de mì cuggina che nun riesce a stà zitta manco co’ er gambone appeso e a’ commozzione cerberale ha inzinuato che s’ha fa cor tassista ma se deve da ricordà che Giusy è na’ santa mica come lei che a quer poraccio de Sallustio jà fatto vede li sorci verdi che ai tempi che ancora du’ corpetti veloci se potevano dajeli s’è passata mezza Tormarancio solo perché l’antra mezza erano femmine.

Poro Sallustio che me vengheno i lucciconi a ricordallo. Che poi nun era lui che me menava ma prenneva n’sacco de mazzate da tutti perché era l’unico lazziale da’a Garbatella che ce lo sanno pure li serci che è giallorossa e anche quanno s’annava a menà li froci quarche botta se la pijava pure lui che in quanto lazziale era sospettato de frociaggine. Però era un brav’omo che cià avuto la malasorte de sposà nà jena pure un po’ zoccola. Senza offesa.

Li mortacci

Visualizza il profilo
5
er cuggino
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente

Dal nostro corrispondente nella Capitale


Li mortacci.

Oggi m’hanno detto che devo da fa a’ persona seria così me sto a sforzà de scrive bene che mi’ moje Giusi ha fatto er corettore de bozzi che lei è annata a scola fino a’ seconda maggistrale mica come me che a 16 anni dopo a’ licenza elementare ho deciso che a’ curtura nun era pe’ me e ch’era mejo annà a lavorà co’ mì zio macellaro Spartaco Spertichini detto Mimosa.

Pure l’argomento è serio: ve parlo da’a satira.

Uno se chiede comè ca’a satira a’ fanno quasi sempre li comunisti come Sabbina Guzzanti cor fratello e Paolo Rossi e Michele Serra e Lelio Luttazzi no forse quello sonava er piano e cantava Er cane triste o quell’antra de Bevi l’acqua Vinicio dev’esse er fijo Daniele e poi ce sta quer mostriciattolo de Vergassola ( pe’ li nomi me so’ informato co’ Benitadolfo Scapacci der circolo Nerissimi Purissimi Pesimassimi de Torpignattara ch’è uno accurturato) e tanti ancora uno più rosso de l’antro.

Vo’o dico io perché: so’ tutti froci o frocie dar primo a lultimo senza eccezione che pe fa a’ satira ce vole a’ senzibbilità e a’ malizzia che solo li froci ponno avè. L’omo vero quello co li cojoni che scoppiano sotto li bluginz nun cià tempo né voja de stasse a fa li cazzi der prossimo inzomma quanno nun po’ vedè quarcheduno nun sta a parlà male ma je fà direttamente male cioè o’ mena.

Tantevv’ero che l’unico varietà de satira che me fà ammazzà de risate e che piaceva a tutti li destri compreso Gasparri ch’è na’ scheggia de cervello è quello der sabato sera c’adesso è n’po’ che nun lo fanno più cioè er Bagaglino. Gajardo. Poi quanno se tiravano tutte le torte n’faccia me scoppiava er gargarozzo dar ride e si ce fate caso se vestivano tutti da donna ma mica perché er buonanima de Lionello e Leo Gullotta erano froci no solo perché li pijavano n’giro.

E li froci o se pijano n’giro o mejo ancora se menano quanno ce l'hai a portata de mano pe li cazzotti de piede pe lì carci e de bocca pe lì mozzichi. Terzium non Darfur.

Li mortacci

Visualizza il profilo
6
er cuggino
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente

Dal nostro corrispondente nella Capitale

GOSSIPP SU SORA LELLA


Li mortacci.

Cià proprio raggione er Mitico Sirvio che nun se ne po’ più de stò paese dove nessuno rispetta più a’ privaci da’a ggente. Mò ce sé messa pure Sora Lella a mette n’piazza e’ debbolezze mie senza arcun rispetto pè li sentimenti e l’amarezze che ciò avuto come quarsiasi omo su a’ faccia der pianeta. Leggete un po’ qua st’infame cicciona che cià pure er sangue mio come cuggina che mo’ me vado a fa’ na’ trasfusione pè cambiallo tutto, o’ ggiuro, e diteme si è possibbile fa’ ste zozzerie a Manlio: http://www.lavalledelleco.net/t989p750-il-corriere-della-pera#36672

E allora o sapete che faccio? Je rendo pan per prociutto e ve rivelo n’segreto da’a disgrazziata buzzicona che purtroppo m’è parente.

Gossipp:

SORA LELLA S’E’ TROVATA ER FIDANZATO

Mò pare diventata nà moda dopo ch’er Mitico Sirvio ha detto che cià nà relazzione stabbile da du’ anni e così n’po’ de tempo fa mì moje Vanda che ogni mercoledì va a trovà Sora Lella a casa sua pè fa li gnocchi ‘nzieme ha ricevuto nà confidenza.

Voi dovete sapè che a’ Cetacea (Lella) è rimasta vedova de Sallustio 12 anni fa quann’era ancora quasi magra (87 chili). Intanto ve dico che l’annuncio mortorio diceva che er Pizzighetti ch’è er cognome de Sallustio era morto pè n’infarto ma nun è così semplice: ò scellerato è schiattato a l’improvviso a tavola coll’occhi e la lingua de fora dopo n’abbuffata delle sue che quanno se ritrovava ner piatto le sarciccie co’ le cotiche e li nervetti rifritti nello strutto e co’ li faggioli n’se fermava più. L’ultima ingozzata jè stata fatale, poraccio. Er giorno der funerale la vigliaccona aveva giurato su San Niccodemo (chissà perché sé fissata co’ quer santo) che mai più se saresse fatta sfiorà da n’omo finché campava. Io a dì la verità me domandavo come faceva a sfioralla Sallustio che doveva esse proprio de bocca bona e oggi ch’à messo su antri quaranta chili de ciccia tutto me po’ venì n’mente meno che quarcuno po’ guardà la massa ‘nforme che si la chiami Lella te risponne senza avecce no’ sturbo.

Ve stavo a dì che mentre facevano li gnocchi la zozzona ha rivelato n’segreto a mì moje e l’ha fatta ggiurà sui santi Protaso e Gervasio (chissà perché Vanda s’è fissata co’ sti due, bò). Poi dato che mì moje sa tenè li segreti come Sallustio teneva le scoregge cioè pè gnente è finita che mà detto tutto: la sciagurata da quanno sé pijata er compiuter nun sé limitata a scrive su stò forumme ma ha cominciato a girà pè le ciatt, quelle de cori solitari n’cerca de l’animella gemella. Dopo 35 incontri cò li sventurati c’abboccavano all’amo e appena a’ vedevano se mettevano a corre via che manco Bolt je poteva stà dietro, ha trovato uno che nun è scappato: n’certo Maurizzio Puricelli che sta a Cinecittà zona Piazza Bosco che de mestiere faceva er viggilante sino a quanno nun l’anno licenziato pe’ eccesso de ciccia che ormai ciaveva i riflessi da bradipo.

Mì moje sé appostata pè le scale n’giorno che quello è annato a trovà Lella a casa e l’ha visto: sembra n’lottatore de sumo messo a l’ingrasso. N’incubo d’omo inzomma. Er bello è che cià la Smart e nun vedo l’ora de beccallo quanno porta n’giro Lella cò a’ machina: si pure se riescono a incastrà me sa che devono chiamà li pompieri co’ a’ fiamma ossidrica pe’ falli scenne. Li mortacci…

Però nun vojo infierì e fa’ l’infame come ha fatto la scrofona e poi so’ n’tipo riservato perciò me fermo qui e nun ve ricconto le confidenze c’ha fatto a mì moje sui rapporti intimi che cià cor Puricelli, anche perché bisogna avecce né stomaco de fero e ve vojo risparmia er disgusto.

Li mortacci.

Visualizza il profilo
7
marimba
avatar
Direttore del Corriere della Pera
Direttore del Corriere della Pera


Nuova testata.


_________________
***
Visualizza il profilo
8
er cuggino
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente


LA PENNICHELLA


Guardo mi moje che sparecchia n’giro
Bevo n’antro goccetto e poi me stiro
Ammazza che magnata, so’ strapieno
Quanno ciò fame proprio nun me freno

E quanno nun ciò fame? Anche de notte
M’arzo p’annà n’cucina quattro vorte.
Il fatto è che nun sto più nella pelle
Se mì moje me fa le tajatelle

E poi me viè da piagne dar piacere
Co’ la pajata e er vino ner bicchiere
Pe’ nun parlà poi de l’amatriciana
Che me dà nà contentezza disumana

Scusate me sta pe’ venì er ruttino…
L’ho fatto, s’è svejato anche er vicino
Me sento l’occhio che pesa n’quintale
Ogni giorno me capita puntuale:

Dopo pranzato, caschi pure er monno
Devo famme tre o quattr’ore de sonno
Alla facciona de la Sora Lella
Me vado a fà la sacra pennichella

Visualizza il profilo
9
er cuggino
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente

SO' TUTTI UGUALI, SO'

Li mortacci.

Sò tutti uguali, sò! E cianno raggione Bel Piero e Sallustio (a’ Lella, ma quello der Giornale se chiama come a' bonanima de quer poraccio de tù marito... gajardo!) e a’ Santacché e tutti stì bravi cristi che sgobbano pe’ difenne Sirvio come li schiavi der Faraone quanno dovevano costruì e’ piramidi. Passano e’ giornate a dimostrà che er più sano cià la peste, e ce pijano!

Stì comunisti der caxxo stanno sempre a fà li santi ma a’ verità è quella: sò tutti uguali, sò. Capito?

Arzi la mano chi

1) nun ha mai fatto consijera reggionale na’ topolona che je procurava vagoni de mignotte pè svagasse un po’. Che poi ner caso de Sirvio cià ragione Ferara: poraccio, dopo che jera appena morta a’ madre a soli cent’anni un orfanello de 74 se deve pure trovà le distrazzioni

2) nun ha mai telefonato de notte ai questurini pè fa rilascià nà ladra marocchina cor trucco de ricontà che è nipote der Padreterno. Si poi fa pure la mignotta, è minorenne, l’hai tenuta a casa tua pè 15 giorni e jai fatto n’sacco de regali, te sarai pure affezzionato, e alora è normale che se sei de core bbono a’ voi aiutà

3) nun ha mai riempito casa sua de magnacci e zoccole. Ao’, a casa de Manlio ce po’ entrà chiunque, e poi ce sta Curzio Detolfa detto Paccottiglia che lavora ar mercatino de Porta Portese che vota Dilibberto e poi va co’ le zoccole niggeriane tutti li sabbati sera, quanno dice a sù moje che gioca a briscola coll’amici. So’ tutti uguali, sò

4) nun ha calato n’sacco de vorte le brache o tirato su a’ gonna pè fa cariera… Marimba, Adminne, Elena Rusvelt, Pazza Da Cerra, Blazer, Bumblè: dite à verità comunisti puzzoni che a’avete fatto anche voi, che ciavete un lavoro solo perché ve siete fatti ingroppà da chiunque. Sò tutti uguali, sò

5) cià avuto n’amica sua che stava inguaiata perché aveva prestato la machina a nà mignotta che l’aveva prestata ar fidanzato che l’avevano beccato co’ n’sacco de coca, e jà detto de core a fà a’ denuncia de furto. Zadigg, e dillo comunista fetente che l’hai fatto chissà quante vorte!


Sò tutti uguali, sò. Li mortacci

Visualizza il profilo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum