Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

CDP - Er diario de Sora Lella

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
sora lella
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Ao', me presento. So' a sora Lella, la cuggina de quell'impunito de Manlio, lo possino... M'è capitato de passà de qquà, e cio' vvisto quell'annuncio der Manlio, tutto pieno de sgramatichature. E mme so' ddetta: che solo lui po' parlà a sto forumme, che sse sa quante fregnacce sta a ddì? Ce dovete sapè che abbito ar piano de sopra suo der Manlio e de quella trucidona de su' moje... ce n'avrebbi da ddì... Nzomma, allora puro io vorebbi na rubbrica in sto ggiornale de la Pera. Se la sora Rimba, Caramba, come cacchio se chiama, e l'amici sui me volessino fà pparlà, ce ammazzamo da le risate...

Mo scusate, che ciò l'abbacchio ar forno, che se stà a brucià... Se sentimo.

Vedi il profilo dell'utente
2
sora lella
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente


Ospedale S.Giovanni, settore Ortopedia stanza 109
Cioè. Aho, che ve devo dì. Me so' risvejata in sto letto, più mmorta che vviva, e manco cio sò come ce sò ffinita. Co un male a la capoccia che pare che me ce ballino drento er roccherolle. Me ricordo però che stavo ar pianerottolo de casa mia a cojonà quer truzzo de mi cuggino pa figura c'ha fatto a Roma sua... fosse ca fosse ch'è corpa sua, a li mortacciacci de su nonno? non se po' ddì che sì è mbufalito paa storia daa sconfitta daa Roma, che tanto cià fatto er callo a pijasselo in quer posto. Sarà perchè jo riccontato che a moje sua, a Cesira, quaa cinghiala, l'ho vvista sortì da a casa der tassinaro del primo piano, Cesere, sì, come Giulio Cesere, quello daa storia romana. Che se sà che li tassinari cianno i orari strani, che parono fatti apposta pe potè fa e corna a i artri che a quell'ora stanno a faticà.

Che però nun posso riccontà che è corpa sua der Manlio, se so' a l'ospedale. Nun ze sa mmai che me sta a llegge quarche ggiudice, e je manneno le guardie che se lo porteno ar gabbio, così poi passo da nfame che cio fatto a spiata. Certo che se c'era ancora er por Sallustio, er marito mio, mica se permetteva de famme fà na bozza nella capoccia e un gambone che paro lo zampone de Natale. A Sallustio, però me potevi protegge de lassù. O de laggiù, ch'è più probabbile.
Ce dovete sapè che er Sallustio ar Manlio je menava tutti i sabbati, per via ch' era de la sezzione der Piccì daa Garbatella, bei tempi. Eccetto quando annavano assieme a mmenà li froci, che po' pure esse ch'è ggiusto. Anche se ora dicheno che è politicamente scoretto....

Ma me sto a perde er filo. Dicevo che a spia ar Manlio nun je a fo. Aspetto de ritornà a ccasa, che poi se o chiappo, je faccio na cravatta co e budella sue, je faccio, quant'è vvero Baffone, come diceva er mi Sallustio.
Se vedemo.



Ultima modifica di sora lella il Mar 18 Gen 2011 - 11:47, modificato 1 volta

Vedi il profilo dell'utente
3
sora lella
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente


SORA LELLA E LE VELONE
Sera a ttutti. Me rifaccio viva da sti pizzi perchè ve dovrebbi riccontà de na storia che m'è capitata l'antra settimana.
Ce dovete sapè che ce sta na fija de n'amica mia, la sora Argia der quarto piano, che cià na "relazzione" (inzomma se sta a fregà) co un tizzio che cià n'incarico de prestiggio a TeleFrascatiLibbera, un televisionaro, nzomma. Combinazzione, proprio la tivvì ch'è la passione mia. Ce trasmettono sempre quee sceneggiate frignone bbrasiliane, che me fanno quasi piagnè pe ste storie de corna e zzozzerie. Poi ce sta er mago de Velletri, un fenomeno, je dici quanno sei nata e quello te fa tutto lo roscopico zzodiacale con tanto de ascennenti e trascennenti e equinozzi che nun se capisce n ciufolo, ma se vede che è uno che cià studiato e è diventato intelliggente. E ogni tanto ce chiappa pure... Nun parlamo de quello che venne diamanti e brillocchi, chè tutto no sbrilluccicamento da fassene na scorpacciata, non fosse che strilla come n'aquila e te rincojonisce de parole.

Mentre stavo a pijà er tè cor caciocavallo (mbè?) co a sora Argia, sarta fori sta storia che er Nando, er televisionaro, ja detto che quelli daa tivvì stanno a cercà dee signore pe faje fa' er varietà, come la lepdens, o quei balletti co e chiappe de fori che je piaceveno ar por Sallustio, er marito mio, sto mpunito che er signore o perdoni che io nun ciò tempo. Pe' falla breve, jo ddetto, ma perchè nn ce manni Priscilla, a fija tua? Figurete, me fa quella, già ce stanno e antre che so' nvidiose, se je capita innanzi quer fiore de Priscilla se rosicherebbero... e poi nun ce la manno a zompà mezza nuda pe' fa' arrapa' qui burini...
Sarà, ma seconno me nun cià er fisico, cor culo come na capanna che s'aritrova a fija sua, che je dovrebbino da' er premio Nobbel pe' e mongorfiere...
E ppoi, continua a sora Argia, ora co' tutto sto parlà de veline e de minorenni, e sciacquette nun so' più de moda. Ora cercheno e signore de na certa età, pe' fa' e Velone... Ce potrebbi annà tu, me fa sta scimunita.
IOOO? je faccio. E come no, ciai ancora un sessappil, me fa co no sguardo luciferino. Che, me stai a cojonà? No, me possino, t'o giuro su san Pancrazzio, che o sai che ce so' devota...
Beh, jo devo riconosce. D'antra parte, vent'anni fa (diciamo puro trenta), mica pe' gnente me chiamaveno a Sofia Lorene der Tormarancio, che a piazza Lante faceveno a fila pe'.. beh, pe' parlamme, nzomma.

V'o dovrebbi figurà, come m'ero emozzionata er giorno da selezzione. Ce staveno un mare de carampane, che modestamente io ce risartavo come na rosa n'mezzo ai carciofi, modestamente. Me fanno ndossà na carzamaja ntegrale stretta stretta accidenti a loro, che c'era da sudà a facce entrà er trippone mio, cio sapevo che me dovevo trattenè co i agnolotti. Pure e zinne me esciveno da tutte e parti, ma quelli diceveno ch'è mejo così, che fa più odiens. Poi na gonnellina ca chiamaveno er tutù, che in effetti nasconneva un pochetto e chiappazze mia. Poi me fanno girà de quà, girà de llà, co na musica moderna de quelle da rincojonisse dar casino. Nun ce mmale, me fanno. Madonnina de Ladispoli, che emozzione, sto' a ddiventà na misse, penzavo. Poi chiameno tutte l'antre carampane ch'aveveno selezzionato, e me fanno danzà in mezzo a queste, che pareva er ballo di zombi ner firm de dracula. Tutto co' e luci, e telecamere, cristi e mmadonne, eccetto er pubbrico che nun ce stava ma nun ce se n'accorgeva perchè ce staveno i apprausi farlocchi, reggistrati ar festival de Sarremo, puro co e ovazzioni.

Quanno stavo ner camerino mio a cambiamme, tutta sudata per friccico, ecco però che sarta dentro un tizzio, ch'avevo visto naa giuria come uno der Consorzio der Provolone de li Colli, sponsore da trasmissione. Tutto ingrifato questo me dice "Abbella, sei stata divina", poi me s'abbrancica addosso come na cozza. Aho, che stai affà, je dico cercanno de scrollammelo d'addosso. Bbella, bbella, fa quello mentre me zompava sopra a cavacecio sur sofà. Se vede ch'è de moda zompà co' e ballerine...
Te possino ammansì. J'ammollo na pappina ner grugno da attaccallo ar muro che je ce vorebbe er sorvente pe' scrostallo de lì. Jo ddetto, che cc'e vedi ancora? Sì, me fa tutto tumefatto. Mbè, allora vedi d'annattene a mmorì ammazzato tu e tutti li provoloni tua.
Poi me so' ricomposta e sise, e so' venuta via co na faccia da dignità offesa che ma riesce sempre bene.

Aho, comunque nun perdete la puntata co er ballo mio, me riccomanno. Quella coo sponsore der Provolone de li Colli, che so' er testimonial, dicheno.
Se vedemo.

Vedi il profilo dell'utente
4
sora lella
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Saluto ad un viandante
Aho. Me dicheno che per educazzione te devo salutà. Mbo. Anche er Sallustio mio, che er signore o consoli ne e fiamme de l'inferno, era un pochetto ventriloquo, specie dopo che je cucinavo i sartimbocca co i peperoni e l'ajo co er lardo de Colonnata, che je piaceveno un sacco. Vedi però de limitatte ar ventre, che nun se sà mmai.
Ah, benvenuto, va.

Vedi il profilo dell'utente
5
sora lella
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
CHE CANZONE STATE SENTENDO?
MMazza. Ma che stanno tutti a cantà en straniero, da sti pizzi? Ma che nun le conoscete le canzoni nazzionali? Che sso, Li magnaccioni, Nannì, Er barcarolo...
Mo ve la canto io:
Er barcarolo va, contro corenteeee
se je lo piazzi dietro, s'a risenteeee.
S'è vvero fiume che tu dai la paceeeeee
monno bojaccia dammene un po' a mmeeeee...

Vedi il profilo dell'utente
6
sora lella
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Risposta a Leda
Aho, a fija mia. Finchè ce starò qui io, nun te manna via nessuno, ce provassero. Ciai più diritto tu de quarche fijendrocchia che cià la capoccia vota e vole pure parlà. Tu ciai invece un grande core, e se sente. Daje retta a a sora Lella che ste cose e sente. Finchè ciai voja de ride, o de piagne o de ncazzatte, nun devi fà ste domanne. E de piagne se capisce che ce n'hai voja. Piagne qui, su la spallona mia. Che tanto spazzio ce ne sta...
T'abbraccio, fija mia.

Vedi il profilo dell'utente
7
sora lella
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente

SORA LELLA E I MAGNACCIONI
Aho, mmazza che testata sfizziosa ca m'avete fatto, da lustrasse...

Oggi ve devo riccontà de la domenica passata, che in vista daa ricorenza der santo Natale ce semo riuniti co' tutti i ex de la sezzione der Partito.
Semo iti a un ristorante de li Castelli, Er Rutto, che sarebbe come Cencio la Parolaccia de Trestevere, co a differenza che qui te senti più libbero de manifestà a soddisfazzione de avè magnato bbene, tanto che ce stanno a fà e gare de rutti. Uno di qui posti co e tavolate, che a la domenica ce stanno tremila persone, a magnà e ruttà a perdifiato.
So' venuti tutti i amici del por Sallustio, er Baffone mio: Straccio, Er Secco, Er Piolo, Pagnottella, Mandrache, Er Fracico, Er Piagnone, Prugnasecca, Er Casanova, Er Rospo, Er Secchione, Ceciombocca, Piterpanne, Cacasotto, Er Pinguino, A Pasionaria, Pièvveloce, Franchestain, Zanzara, Bakuninne, Mezzapiotta, e pe' urtimo Garibbardi, co na barba e er gremur da revoluzzionario, cià centodu' anni e gira co e stampelle, ma li porta bene che nu je ne dai più de novantotto. Dicheno ch'avesse parlato co' Stalinne in persona, mitico... Ce staveno puro e amiche mia, a Sciantosa, a Vipera, Mammarosa, Marronglassè, Bella Mia, Ginetta de Trestevere, Vispateresa, a sor'Argia, Bignè, a Sciampista...

Pe' pranzo se semo tenuti sobbri: Agnolotti ar lardo, Bucatini aa Matriciana, Fettuccine aa Papalina, Tajatelle cor ragù, Gnocchi aa Romana, Pasta e Ceci, Rigatoni co a Pajata, Spaghetti Cacio e Pepe, Strozzapreti co li porcini...
E DOPO ER PRIMO... SCEJITE N'ARTRO PIATTO E A' PIETANZA, CHE E' ORA DE CONTINUASSE A RIEMPI' A PANZA, ce stava scritto in der menù. E vvai!!! Abbacchio alla Cacciatora, Coda alla Vaccinara, Cotolette d'Abbacchio a Scottadito, Fagioli co e Cotiche, Frittata co a Sarciccia, Polenta ar Tartufo, Saltimbocca aa Romana, Trippa co li carciofi... Poi ce staveno e coppiette de cavallo, la corallina romana, la porchetta, la mortadella spianata, le fragoline di Nemi, er salame cotto, er pan giallo, er panpepato, e pupazze frascatane, i biscotti daa sposa…
Nzomma, pe' stà leggeri.

Ner mentre che ce stavamo a strafocà, butto l'occhio su n'antra tavolata li' appresso. Li mortacci stracci der camposanto der Verano!!! Me pozzino cecà se qui ceffi nun ereno li fasci da sezzione der Misse da Garbatella, qui che vent'anni fa (famo trenta) annavamo a mmenà er sabbato sera: Er Trucido, Er Chiavica, Caccolone, Nembokidde, Er Sorcio, AdorfHitrer, Gambastorta, Puzzoletta, Er Pecora, Giggetto er Bullo, Tontodemamma, Dracula, co e moji loro tutte mbellettate e strinate dar lifting peggio de Maicher Gecson, pace all'animaccia sua, che da negro se voleva travestì da bbianco, ma questi sempre neri resteno. Ce stava puro Er Bonanima, pe' via ch'era la fotocoppia sputata der Duce, un redduce da guera d'Abissinia, ma mo' gira co a sedia co e rote, ciavrà ducent'anni. Minimo.

Boccaccia mia statte zzittazzitta, che ce o sapevo che se l'amici mia sa n'accorgevano scoppiava er finimonno, ma a un certo punto er Secco abbozza che pare ch'abbia ngurgitato un sorcio, poi se fa tutto rosso co' i occhi de fora.
- Cesùsantissimo! Ma quelli so' i fasci!!!
Addio, ce o sapevo. E subbito attaccano a canzonasse.
- Anvedi quelli! Li sopravvissuti dii borscevichi!
- Aho, e che siete venuti a mpestà l'aria?
- Nun ce n'è bbisogno, che ggià ce state voi! Basta ch'arzate e ascelle!!!
- Se è pe' questo, voi basta ch'aperite qua fogna de bocca ce cciavete!
- Ah, sì? Domannace aa signora tua, se nun je piaceva quaa fogna!
- Li mortacci!!! A lazziale!

De fronte a quaa ingiuria sanguinosa, s'arzeno tutti i cammerati.
- Lazziali a cchi? Ripetilo, che ve spaccamo er grugno!
Pe' reazzione s'arzeno pure tutti li amici mia, e in quattro e quattr'otto sorte fora un quarantotto. O un sessantotto, ch'è più ggiusto. Voleno prima i insurti, poi e tajatelle, alla fine e sedie.
- A mpasticcati!!!
- A troggloditi!!!
- A bbrachicefali!!!
- A celebbrolesi!!!

Ar Piolo j'arriva addosso un piatto de tajatelle ciancicate che je faceveno i bboccoli su a capoccia, che pareva er Davidde de MIchelagnolo. Er Bonanima era partito brannenno er mestolo dii agnolotti che pareva er general Cadorna che guidava co a sciabola a carica di centouno, o di seicento, nun me ricordo, scorazzando su e ggiù co sta sedia a rotelle motorizzata, come si fosse na Ferari, menanno a destra e a manca, tanto cha menava pure li sua. Cacasotto se stava a cacà sotto, e finisce sotto un tavolo, AdorfHitrer se becca na pizza in faccia che aa fine pareva un quadro de Picasso, quer pittore strambo, Garribbardi menava co e stampelle, inzomma, un macello, na vaterlù.
Quanno tutti se so ritrovati pe' tera cha no ja faceveno più, er Chiavica tira su na copia der Secolo, er giornale dii fasci.
- Aho. Qui dice che noi der FLI se dovemo aprì a e esperienze e a li contribbuti de l'opposizzione...
Er Secco grugnisce, co n'occhio nero, poi chiappa l'Unità che je spunta sempre fora daa saccoccia.
- Anvedi. Qui dice che er Partito se doverebbe alleà co' sto Terzo polo, che ora ce sarebbero drento pure li fasci...
- Mbo.
- Mbè.
- Bah.
- Sarà.

Sta de fatto che ce semo riarzati a fatica, e guidati da Garibbardi co e stampelle e dar Bonanima cor mestolo e e rote, semo iti via senza pagà, ntonando tutti nzieme quello che doverebbe diventà l'inno nazzionale, che unisce i proretari e i signori, i bboni e i meno bboni:

Ce piacciono li polli,
l'abbacchio e le galline
perchè so' senza spine
nun so' ccome er baccalà!

za za za zza zarazza zà, perepeppeppè!!!



Vedi il profilo dell'utente
8
sora lella
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente

ER CONFRITTO DE 'NTERESSI

Me scuseretei se nun ce riesco
ma mmo' provo a poetà cor romanesco:

Piu' ch'un confritto me pare un soffritto.
Non s'e' risorto, comme l'abborto.

Troppo interessi, nun ce riesci,
piu' rreti c'hai, piu' piji pesci.

Co sti confritti, de sordi e ppotere
ce stanno a prenne per er sedere

A ste portrone ce stanno ttaccati
nnassero tutti a mori' ammazzati.

***

Ce potrebbimo fida' der Padreterno
li manna di sicuro giu' all'Inferno

ma sti zozzoni, quando so' laggiu'
comandassero perzino a Bberzebu'!!

Abbituati a rrompe li cojoni
je 'nstallano un paro de televisioni!

Vedi il profilo dell'utente
9
Leda

Viandante Storico
Viandante Storico
@sora lella ha scritto:
Risposta a Leda
Aho, a fija mia. Finchè ce starò qui io, nun te manna via nessuno, ce provassero. Ciai più diritto tu de quarche fijendrocchia che cià la capoccia vota e vole pure parlà. Tu ciai invece un grande core, e se sente. Daje retta a a sora Lella che ste cose e sente. Finchè ciai voja de ride, o de piagne o de ncazzatte, nun devi fà ste domanne. E de piagne se capisce che ce n'hai voja. Piagne qui, su la spallona mia. Che tanto spazzio ce ne sta...
T'abbraccio, fija mia.

Sora Lela, mi so qua, ma no so par quant, ancora. Ti sa: calche ota 'sta Al a xe 'na Al de lagrime che par dirla duta dapo' me par de esserme pisada soto da cant che hai piant. Che po' miga duda sta zent xe brava int come i Furlans...
Sasto cos che fon? Femo che mi te verse a ti dute le mi lagreme e ti te me le verse a mi.
Così nessun arà pì nia da dit. Asto capi? Mi no parché go scrito in tre dialet che manco mi che capisse... imbarazzo

Gramazè e Mandi, Sora Lela...

Vedi il profilo dell'utente
10
sora lella
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente

LA CONFESSIONE DE MANLIO
Sera a tutti. Questa che ve devo riccontà è propio na chicca. L'artro giorno stavo a riordinà er cassetto der por Sallustio mio, che Satanasso o perdoni, che pe' rispetto nun l'avevo più toccato, che frugà le cose de li morti porta pure male, quanno sarta fori na lettera. Nun ce posso crede, leggo tutto co i occhi come un gufo, e se capisce ch'era una confessione der Manlio, quell'infame der mi cuggino, che raccontava li cazzi sua a mi marito da giovine che stava a fa er militare nun zo ddove, e quello je scriveva pe' tenello allegro. Figurasse. Me possino... E figurasse pure se nun ve la faccio lègge, a la faccia de la praivasi. Ecco che te scriveva l'impunito.

----------------------------------------------------------------------------------------------------------
Vojio na donna. Eccheccazzo. Cio' quasi ventitrè anni, e ncora nun m'è riuscito de fammene una, ma se pò? E nun è che sso' bbrutto, o che nun ce so' ffà, è che sso' ESIGGENTE. Nun m'accontento, nzomma. Certo, m'è capitato de avvicinà quarche mignotta, ma pe' n verso o pe' quell'artro nun me chiappaveno pe' gnente.
Beh? Mignotte, certo. Pecchè se cce stanno donne che fottono gratisse, diteme voi ndo se nasconneno, che io nun ce o sò. Ce vorebbe na legge che tutte le donne dovrebbino trombà gratisse armeno na vorta ar mese co' quarcuno, pe' beneficenza...

Nzomma. La prima che ho alluccato stava sull'Appia antica, in mezzo a li ruderi. Pareva un rudere pure lei, ma se sà, quanno te pijia la fregola... Se semo 'nfrattati in un fosso, sotto li pini... pareva puro na cosa romantica, ciavevo er ciufolo come na colonna de marmo de quelle llì.... Me so' avvicinato mentre lei trafficava co' la gonna, stavo pe' combina'... Quanno sta trucida ha esalato na fiatata, ma na fiatata che pareva na chiavica. Como s'avesse un sorcio morto in bocca. Te possino! ciò ddetto. A bbella, la prossima vorta, lavete le zzanne cor risoformio! E me ne so annato.

Pe' n'po' me so' arrangiato da ssolo, ch'a vvorte è ppuro mejo. Nun è che ciò l'obbi der "faidatè", è che se tte chiappa la libiddine, e nun ciai na zzoccola a portata de mano, te devi accontentà de la santa mano destra. Che sempre sia lodata.
Ce stava un giorno però che stavo proppio assatanato, e so' annato a cercà de broccolà dietro la stazione, ndo ce stanno certe fregne... N'ho vvista una, un pezzo de gnocca, co' na coda de cavallo che pareva na cavalla pure lei.
- A puledrona, j'ho detto. Quanto ce vo' pe' fa' na cavarcata?
- Ducento, ha risposto la sguardrina.
- Te possino, ma cche te credi d'esse, Sciaro Ston?
- E ttu, che tte credi d'esse, Ricciar Gir? m'a arisposto st'impunita.
Gnente, nun era aria. Tornamo ar "faidatè".

Certo, quella era na romana Docche, come se dice. Pe' rrisparmià ce sarebbino li prodotti d'importazione. E ce ne stanno puro d'abbordabbili... L'africane no, me fanno mpressione, tutte nere nere. Le russe, so' superfighe, ma lavoreno co' sti papponi che cianno 'n grugno che te lo raccomanno, se sgari, quelli te sotterano...
Mo' ce stanno puro ste orientali, nun so se so' ccinesi o ggiapponesi o tailendesi, pe' mme so' ttuttuguali. Carine, tranquille... Però, ciò sentito de una de ste zoccole esotiche, che pe' faje un dispetto a n'amante suo, s'era infilata na lametta ne la sorca, e quello, je s'è tajiato er pisello in due, poraccio! E ppoi, che nne sai, che t'attaccheno la malattia de li polli, o macari l'Aiddese, li mortacci...
No, no, lassamo perde.

Un giorno però, mentre stavo a cercà de rimorchià n'antra stallona fracica, te vedo de lontano na tipa che me faceva morì.
Un pezzo de gnoccolona mai vista, arta, bbella, abbronzata... Du' zzinne che pareveno un capolavoro de Michelagnolo! E du' cosce, du' gambe, artro che quell'artre scartellate de la circonvallazzione! Questa era robba fina, pe' ssignori!

E quindi nun era robba pe' mme, penzo sconzolato.
Però, pe' ppuro sfizio, m'avvicino. Mica pe' rimedià, su quello già ciavevo messo su la croce. Pe' la soddisfazione d'ave' pparlato armeno na vorta co' na bbella donna. Quasi me ntimidiva, però, e nun je a facevo a trattalla come na zoccola quarsiasi.
- Ciao, je faccio.
- Ciao, m'arisponne. E sorideva pure, mica come l'artre trucide tutte ngrufate. Da nnamorasse, de una così, puro se mignotta.
- Nun te chiedo manco quanto voi, nun ciavrei abbastanza sordi, pe' una come tte..., je confesso paro paro.
Quella soride ancora, e me s'allarga er core.
- E allora, cosa vuoi?
- Gnente, parlà. Se nun te rubo tempo...
Soride sempre, co' na chiostra de denti bianchi bianchi che pareva la sponsore del Corgate. Già m'ero sciorto.
- No, è che... sai, nzomma, sei troppo bella pe' mme.
- Perchè dici così? Non sei mica brutto.
- Sì, ma, nzomma... io co' le donne nun ce chiappo.
- Davvero? Forse sei solo timido.
Me piaceva la parlata sua, morbida, profonna, da mette li' brividi... Eppure, me metteva a mi' aggio, me rassicurava.
- Nun zo... forze sì... E' che...
- Con me non devi essere timido, sai?
Me la sarei magnata, tanto era caruccia e ggentile.
- Sì. E' che... con una come te nun ce so' mmai stato...
- Davvero? Ma allora sei fortunato!
- Perchè?
- Se vuoi, per questa volta è gratis.
- Gratisse? Ma che sei, mpasticcata? Na bonazza come tte... Ma com'à?
- Vedi, io sono nuova del giro, devo farmi i clienti. E' un'offerta promozionale. Ma solo per quelli simpatici...
- Promozzionale? Ma allora, puro io...
- Dai, che ormai è tardi, non arriva più nessuno. Vieni, ho la casa qui vicino...
Mmazza che ffortuna... che fosse la vorta bbona?

Me se bblocca er respiro. La prima vorta, e poi, co' na supergnoccona così, da fa' girà la capoccia.
Figurete quanno se mette sur letto, co' sta minigonna.... e se leva er pulloverino... sartano fori du' poppe sode sode, abbronzate... Nun era possibbile che ce potessi affondà er grugno mio, in quella latteria...
- Dai, vieni qui... ti piacciono?
- Eccome... te posso toje er reggipetto?
- Certo. Ma sai che sei carino?
Ce mancaveno li comprimenti pe' famme confonne... Che schiena, ragazzi... Du' spalle morbide, e na spina dorzale che finiva ggiù, ne li slippe che spuntaveno fori de la gonna... Traffico un po', e finarmente riesco a lliberalla da la costrizzione. Zompeno fori sti mappamondi, pareveno de velluto. E du' piccioli dritti dritti...
Torno davanti, e quasi nun ce credevo. Lei me guarda, co' sti occhi bboni e comprenzivi, pareva na mamma.
- Dai, sono per te... mi dice.
Nun me l'avesse mai detto. Sprofonno arapato come un mandrillo, e comincio a bbacià e a ttocca' ste meraviglie der creato. Ma lei 'aresta. Ch'avesse cambiato idea?
- Non mi baci sulla bocca?
Nun m'era mai venuto in mente de bacià na mignottta. ma quella era speciale. Anzi, manco la conzideravo na mignotta, ma n'amica, na santa, na benefattrice... E pareva puro dorce, quasi come nnamorata...

Nun ce penzo du' vorte. e davvero nun pareva vero. Senza rossetto, labbra rosa, tenere... e na lingua, che me s'infilava dentro, ma no sfacciata, ma quasi timida pure lei. La bacio, e la ribacio, e me pareva come se fosse la donna mia... Quanno ce stacchiamo la guardo, e lei era seria seria che faceva mpressione.
- Me piaci... je dico.
- Anche tu.
Ncredibbile. E lo sentivo che nun era buciarda. M'avvento sulle tette, che lei me tiene come na balia, pe' fasse ciuccià mejo. Je succhio e je risucchio sti corbezzoli, e lei me guardava languida...
- Mettite nuda, je faccio, quanno nun ce vedo più. Lei se gira a pancia in giù, soridente, s'ammolla la cintura e me guarda invitante. Je tiro giù sta minigonna, e sarteno fori du' cosce, e un culo da favola, che pareva quasi nudo, tanto er perizzoma je s'era nfilato ne la fessa de le chiappe. Ma a quer punto, nudo pe' nudo, mejo che je levi pure le mutanne...

Ecco, pe' la prima vorta, na donna nuda, tutta per me, che me guardava come pe' dimme fotteme, un sogno... e che donna! Da calendario, direbbi. Je bacio la schiena, er collo, e lei pareva che ciaveva i brividi. Scenno ggiu', ner posto più grandioso del quer corpo, sto culo da esposizzione, da famme girà la testa...
Ma a questo punto nun ce la facevo a sopportà er pilastro de granito che m'era cresciuto fra le gambe. Dovevo fregà.
- Girete, dai. la imploro co' la bava a la bbocca.
Se ggira, e quasi me pijia un corpo.

Ahò, ma quello e' un ciufolo!

Ammazza! Possibbile? Mica me n'ero accorto che quello lì era un omo! Ma io mica so' n'omo sessuale. Un frocio, inzomma.
Lei, anzi, lui, me guarda tenero. Ma quella era la faccia de na donna, che pareva pure triste pe' la mia reazzione. Li mortacci sui. Che ddovevo fa'? L'avevo pure baciata, mica m'aveva fatto schifo.
Vabbè. Nessuno è perfetto, come diceveno in quer firme co' Marilì Morrò.

Sì, ma se questo nun cià la fregna, ndo j'o metto?

Sì, sì, ho ccapito, vabbè. Me devo rassegnà.





da un racconto di MM

Vedi il profilo dell'utente
11
marimba
avatar
Direttore del Corriere della Pera
Direttore del Corriere della Pera


Nuova testata


_________________
***
Vedi il profilo dell'utente
12
sora lella
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente



Er Pennellone: "ZZZZ.... Daje de tacco, daje de punta, quant'è bbona la sora Assunta... zzzzz!
Er Tirapiedi: "Mmazza come ronfa... ce dovrebbino diminuì er Viagra... "
Er Firmatutto da Repubbrica: "Nun c'è storia. Mo' st'impunito se n'ha da ì.
Er Fascio Rabbonito: "Me' cojoni. Questo ce sta a seppellì tutti quanti!"

Vedi il profilo dell'utente
13
sora lella
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente

Chi pecora se fa, lupo lo magna

Sarà er cuggino mio cha m'a spirato
co tutti sti discorsi de magnate
ce provo cor mi verso scarcagnato
d'arzà er su livello de vaccate!

***
Chi pecora se fa, lupo lo magna
nun perde er pelo er lupo, manco er vizzio
carezza' er caimano, no, nun se guadagna

Er Gatto se invento' mo questo sfizzio
de nfinocchià la Volpe. Bbonasera!
che quello puro er giorno der Giudizzio

fa er trucco de cambia' faccia e bandiera,
tante n'ha combinate e ntorcinate
pur d'evita' de fasse la galera.

Gia' n'amo viste poche, de vaccate
vallette, nani, maghi e mignottone
stallieri, bballerine smandrappate

tutti belli sdraiati a ppecorone...
Ma se po' sopporta' sta situazione?
Popolo, svejate, dai, nun fa' er cojone.


Vedi il profilo dell'utente
14
sora lella
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente

Ahò! Che avete visto che manno dato er timbro docche de bibbiografia?
Certo, ce l'hanno dato pure a quell'impunito der Manlio, che manco cià la terza alimentare e scrive co n'ortoggrafia da narfabbeta... Mica come a me, che ciò er diploma de sciampista da a scola serale da Reggione Lazzio (a reggione, mica la squadra, li possino...)

Nzomma, che ve volevo dì... ah, si, stava cucinà i borlotti co er grasso de maiale e li sarciccioni, che ho comprato a la norcineria de Orazzio detto er Lumaca (lui crede perchè è fremmatico, lento inzomma, ma è pe' via de le corna), quanno te leggo che un tizzio qui der forum quello co' a doppia Icchese, se a stà a pijà cor Vendola, quer politico che pare vestito come un carciatore quanno se deve vestì en borghese, co sto cravattone burino... Che stavo a ddì? Ah, dice, che sta a sfruttà li negri pe' faticà come un negro...
Mbo. M'avesse detto che bisogna menaje perchè è frocio, je darebbi pure ragione, che ste zozzerie nun se fanno. E che è sto orecchino, che pare a sora Rosanna, a socera mia... fortuna che mo' sta sottotera... E sta zazzera che pare Geppetto, er papà de Pinocchio...
Ma dije che rubba a li poveracci, questo no. Ce fosse Sallustio, er Baffone mio, ce penzava lui a daje na regolata a sto Icchese. Me vengono i lucciconi a penzà quanno anno' in pensione, faceva er capotreno de ferovie, je dettero er Bullone d'Oro perchè nun aveva mai derajato un treno in vita sua, un mito!
Che ve devo dì? Che me n'ho da ì, che se stanno a brucià i sarciccioni, ve saluto, abbellli!!!

Vedi il profilo dell'utente
15
cinzia
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
divertente... SGHIGNAZZARE 

Vedi il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum