Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Noi -> il Nostro Corpo -> gli Altri

Condividere 

Vai alla pagina : Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 2 di 2]

26
Aleister
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Ma torniamo al corpo...

Vedi il profilo dell'utente
27
ThanksGod
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Shri_Radha ha scritto:Noi dovremmo essere il nostro corpo, cioè dovremmo essere con esso in rapporto di appartenenza e identificazione. Guardarsi e percepirsi dovrebbe essere semplice. Altrettanto dovrebbe esserlo mostrarsi e comunicare con il nostro corpo.
Invece la faccenda è complessa. Spesso ci sembra che il nostro corpo sia brutto, a volte addirittura ci sentiamo differenti per peso, per età e anche per sesso da tale corpo.
Questo crea problemi a noi ed influenza la nostra relazione con gli altri.

Voi che rapporto avete con il vostro corpo?
Che ruolo ha avuto il rapporto con il vostro corpo nel vostro relazionarvi agli altri?

Questo discorso mi porta ad una doppia considerazione: il corpo vestito e quello nudo.

Il vostro modo di vestirvi è in relazione a come vi percepite?
E' in relazione con come vedete il vostro corpo nudo?

E riguardo alla nudità...
riuscite a guardarvi nudi? cosa provate in quel momento?
E se è un altro a guardarvi?
Come incide questo sulla vostra intimità?


Scusate se sono un fiume in piena

Prima lo odiavo perchè mi sembrava di essere troppo diverso dai miei coetanei.
Adesso ringrazio Dio perchè il mio corpo mi dona sicurezza soprattutto nei rapporti relazionari, infatti le ragazze mi vedono come un "bodyguard" e gli amici stanno lontani dal farmi ingrippare.
Tuuto sta in come lo si vede. Se terrei conto dei rotolini che si vedono, comincerei di nuovo ariodiarlo, mentre vedendo la parte positiva del mio corpo lo si adora.

Per quanto riguarda i vestiti, tengo molto al vestiario e ogni indumento è riflesso della sensazione del giorno. Infatti ogni mia emozione è condita da un diverso vestito e un diverso colore. I miei amici capiscono subito di che umore sono solo guardando i vestiti.
Per quanto riguarda la nudità non ho problemi a guardarmi nello specchio, se è presente qualcuno, la vergogna comincia a salire ma dopo passa.

Vedi il profilo dell'utente
28
Giglio Bianco
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
@Shri_Radha ha scritto:
Voi che rapporto avete con il vostro corpo?
Che ruolo ha avuto il rapporto con il vostro corpo nel vostro relazionarvi agli altri?

Brutto tasto.
Il mio corpo e' di base esteticamente bello nonostante presenti forti differenze rispetto a quello che comunemente viene percepito come "bello" secondo i canoni estetici comuni.
Eppure, ho sempre avuto difficolta' a percepirlo come mio, come se vivessi da 28 anni con un "costume di carnevale" appiccicato addosso, che fatico proprio a VEDERE nello specchio, come qualcosa che posso essere "io".
Sin da bambino, venir considerato e trattato per il mio aspetto esteriore mi ha sempre causato dei violenti scatti d'ira, e delle forti sensazioni di frustrazione.

Una volta realizzato il problema dove fosse, e dove ci fosse l'effettiva "non corrispondenza", mi sono attrezzato per risolvere questo inconveniente. Prima di quel momento, il mio corpo ha sempre contenuto qualcosa che non era "conforme" a quello che uno si aspettava di trovarci dentro, ergo creava fastidio e scarsa accettazione da parte del prossimo, e del suo stesso contenuto.

Il tutto si e' risolto serenamente negli ultimi anni.

Il vostro modo di vestirvi è in relazione a come vi percepite?
E' in relazione con come vedete il vostro corpo nudo?

No, e' in relazione ai miei gusti.

riuscite a guardarvi nudi? cosa provate in quel momento?

Riesco si. Non provo niente, ci vedo quasi attraverso.

E se è un altro a guardarvi?
Come incide questo sulla vostra intimità?

Dipende dal livello di confidenza che ho con questo qualcun altro. Se e' buono, non provo alcuna vergogna ne' niente, percio' non incide granche' sulla mia intimita'...

Se la confidenza e' poca, ho sempre il timore di venir percepito per quello che e' il mio corpo.
E questo mi porta a ritirarmi velocemente in maniera da non essere visto.
Nonostante io non sia affatto complessato.

Vedi il profilo dell'utente
29
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@Giglio Bianco ha scritto:

Brutto tasto.
Il mio corpo e' di base esteticamente bello nonostante presenti forti differenze rispetto a quello che comunemente viene percepito come "bello" secondo i canoni estetici comuni.

Cioè? cool

Eppure, ho sempre avuto difficolta' a percepirlo come mio, come se vivessi da 28 anni con un "costume di carnevale" appiccicato addosso, che fatico proprio a VEDERE nello specchio, come qualcosa che posso essere "io".

Capisco perfettamente quello che dici.
E' una cosa che provo anche io, e che mi ha portato a credere che i problemi corporei più seri siano infondo problemi di identità.

La sai la storia del Sè allo specchio di Lacan?

Vedi il profilo dell'utente
30
Giglio Bianco
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
@NinfaEco ha scritto:Cioè? cool

Sono obeso a causa di problemi ormonali molto seri.
Questo per molti significa automaticamente "brutto", ma posso garantire che non e' cosi'.

E' una cosa che provo anche io, e che mi ha portato a credere che i problemi corporei più seri siano infondo problemi di identità.

Nel mio caso e' proprio cosi'. Io ho una forma, fortunatamente piuttosto pacata rispetto al normale, di disturbo dell'identita'. Mi perdonerai se non saro' piu' specifico di cosi'.

Per quanto riguarda Lacan, sviluppa teorie di Freud, il che gia' di per se dovrebbe lasciare un po' perplessi.
Ma, nonostante le mille perplessita', si, so di che parli, lo scontro fra l'Io "immaginario", la visione che si ha di se prima di avere a che fare con il proprio "riflesso", e l'Io "simbolico", che e' quello che vedono gli altri, ma noi dall'interno, se non davanti a uno specchio, non vediamo.

Quando l'io immaginario non accetta, o piu' pacatamente non riesce a riconoscere l'io simbolico come "se", inizia ad esserci qualche problema. Ed e' esattamente li' che sono io, o meglio *ero* io, sin da piccolo, e lavoro attivamente per tirarmene fuori.

Vedi il profilo dell'utente
31
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Non sentirti in dovere di dire di più di quel che vorresti,
va benissimo così e non preoccuparti.

E' un lavoro lungo, lo so e il mondo esterno non aiuta.
Però quello che conta è riuscire a sentire che ci apparteniamo,
in qualche modo.

Nel mio caso non so da cosa sia dipeso,
di sicuro non mi ha aiutato diventare alta molto in fretta.
Infondo è l'idea di "diventare grande" e donna a non essermi mai piaciuta molto.
Pensa che addirittura lo sviluppo, quando si manifestò lo vissi come una sconfitta e una vergogna perchè io volevo fare tante cose e non essere come le donne che vedevo. Mi sembrava le trattassero in un certo modo per come erano fuori e a me angosciava la cosa. E sopratutto non volevo perdere la stima di mio padre. E qui in discorso sarebbe lungo.
Forse per questo non mi sono mai sentita abbastanza magra, e anche quel poco seno che avevo mi dava fastidio perchè "mi ingrossava".
Comunque ora le cose stanno decisamente cambiando per me.
Non ho ben chiaro il perchè, ma non avverto questa sensazione... pur non essendo tutt'ora soddisfatta di me.


Grazie e scusa se sono stata indiscreta.


Vedi il profilo dell'utente
32
Giglio Bianco
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Figurati!
L'importante e' che non siamo intrappolati in questo, e c'e' una fase di cambiamento/miglioramento rispetto a delle condizioni cosi' poco simpatiche.

Vedi il profilo dell'utente
33
LiQuiRizia91
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Giglio Bianco ha scritto: Sono obeso a causa di problemi ormonali molto seri.
Questo per molti significa automaticamente "brutto", ma posso garantire che non e' cosi'.

Io ti capisco.
Io mi sento brutta perchè esteticamente nessuno si volta a guardarmi, nessuno si complimenta con me in facoltà o tenta un approccio. E le mie turbe mi dicono che è perchè dal vivo il primo impatto di una persona è quello visivo e se fisicamente non è nello standard automaticamente viene considerato poco o non considerato proprio.
Infatti mi capita di riscuotere un grandissimo successo virtualmente perchè le persone prima di conoscermi fisicamente possono conoscermi interiormente e allora si instaura un feeling su una base diversa.
Non a caso le mie due uniche storie sono nate dal net.

Vedi il profilo dell'utente
34
Aleister
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
E' un falso problema. Non abbiamo un corpo ma siamo un corpo. E neppure questo è vero, perchè il corpo non è se non un'immagine costruita, un simulacro di identità che si poggia sul nulla, su una serie irrelata di percezioni e sensazioni sempre mutevoli. Il corpo è una convenzione-convinzione sociale. Deleuze accennava ad un corpo senza organi, non "organizzato", non unità, individuo ma dividuo, all'infinito....

Vedi il profilo dell'utente
35
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@Aleister ha scritto:E' un falso problema. Non abbiamo un corpo ma siamo un corpo. E neppure questo è vero, perchè il corpo non è se non un'immagine costruita, un simulacro di identità che si poggia sul nulla, su una serie irrelata di percezioni e sensazioni sempre mutevoli. Il corpo è una convenzione-convinzione sociale. Deleuze accennava ad un corpo senza organi, non "organizzato", non unità, individuo ma dividuo, all'infinito....

Appunto per le ragioni che tu adduci non è un falso problema cool

Vedi il profilo dell'utente
36
Giglio Bianco
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
@LiQuiRizia91 ha scritto:
@Giglio Bianco ha scritto: Sono obeso a causa di problemi ormonali molto seri.
Questo per molti significa automaticamente "brutto", ma posso garantire che non e' cosi'.

Io ti capisco.
Io mi sento brutta perchè esteticamente nessuno si volta a guardarmi, nessuno si complimenta con me in facoltà o tenta un approccio. E le mie turbe mi dicono che è perchè dal vivo il primo impatto di una persona è quello visivo e se fisicamente non è nello standard automaticamente viene considerato poco o non considerato proprio.
Infatti mi capita di riscuotere un grandissimo successo virtualmente perchè le persone prima di conoscermi fisicamente possono conoscermi interiormente e allora si instaura un feeling su una base diversa.
Non a caso le mie due uniche storie sono nate dal net.


Per me l'obesita' non e' un problema, come specificato, non e' cosi', non sono brutto nonostante questo.
Le persone in genere magari non si voltano a guardarmi per strada, ma non mi schifano, in genere le attraggo, e anche molto.
Credo sia il modo di fare, purtroppo quando per primo vieni portato (da certe gran brutte situazioni e persone a volte) a pensare che il tuo sovrappeso ti renda poco attraente, automaticamente ci credi cosi' tanto da diventarlo.
Un gran brutto circolo vizioso.
Io non ci credo, sono sicuro delle mie capacita', dei miei punti di forza.
Il mio stato di obesita' in fondo e' dovuto a seri problemi di salute... Non e' che posso spararmi un colpo in testa, tale sono e come tale mi tocca imparare a vivere, adattarmi, raggirare eventuali problemi. E l'ho fatto.

Il mio problema con il mio corpo, e' un altro, tanto intimo che non me la sento di condividerlo.
Non che sia tanto allegro ne' tanto meglio avere comunque un problema con il proprio corpo. Il tipo di disagio che vivo e' in parte simile (il mio corpo non riesce a rappresentare con sufficiente esattezza il proprio contenuto o il filone di pensiero, sessualita', seduttivita' e carattere che si porta appresso), in parte diverso (non c'e' ansia di non andar bene, solo di venir "presi per cose che non si e' " e di non poter dare libero sfogo ad alcune caratteristiche dominanti della propria identita' senza causare reazioni di disagio e sorpresa)

A volte citerei Rupa, un corpo sarebbe piu' semplice non averlo e basta.

Ma siccome c'e', ed e' ad esso che il pensiero e' legato, in qualche modo tocca rimboccarsi le maniche.

Vedi il profilo dell'utente
37
LiQuiRizia91
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Eh a me invece il mio corpo crea un disagio enorme.
E' un pensiero molto complesso, penso non interesserebbe a nessuno.
E appunto purtroppo mi rende difficili anche le relazioni con l'altro sesso.
Il tutto mixato ad una serie di problemi miei che mi porto dietro da sempre.
Forse è per questo che non mi caga nessuno. Dovrò farmene largamente una ragione.
Però io sono semi-certa che se perdessi quei chili plus, non dico diventare una 40/42 ma almeno una 46 o 44 abbondante al posto della mia 50 avrei dei miglioramenti notevoli nel rapporto con il mondo esterno.

Vedi il profilo dell'utente
38
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 2 di 2]

Vai alla pagina : Precedente  1, 2

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum