Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

L'intrinseca influenza socio-familiare nello sviluppo individuale

Condividere 

Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 4 di 4]

76
doctor faust
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
@purplebunny ha scritto:
Il punto che cercavo di sollevare è quella stessa distinzione tra il "siamo determinati" e il "margine di cambiamento". Nella tua lettura, ... c'è questa separazione tra il dato genetico e l'ambiente. Quello che tu dici è "il codice genetico è una programmazione data all'interno di cui l'ambiente può muovere qualche tassello".

Quello che cercavo di dirti io è che si tratta di un processo interconnesso. Non esiste un codice genetico estrapolato da un ambiente . La determinazione data dal codice genetico è un processo che avviene di per sé nell'ambiente, e che quindi è influenzato dall'ambiente stesso .

OK. Ci siamo.

La statura media degli italiani negli ultimi vent'anni e' crescita di qualche centimento[meno che per qualche sfigato], e cio' e' dovuto in particolare alla modifica dell'alimentazione, e alla stimolazione fisico-chimica delle ghiandole endocrine.

Ma quel soggetto mantiene tutte le caratteristiche insite al suo programma genetico, anche se e' un po' piu' alto e magari un po' piu' sano [forse].

Ti piace?

Sull'arte, poesia, musica e simili si puo' fare un discorso a parte.
Magari ti intono anche una lirica bucolica, se mi viene.



Vedi il profilo dell'utente
77
Magonzo
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@doctor faust ha scritto:La statura media degli italiani negli ultimi vent'anni e' crescita di qualche centimento[meno che per qualche sfigato], e cio' e' dovuto in particolare alla modifica dell'alimentazione, e alla stimolazione fisico-chimica delle ghiandole endocrine.

Ma quel soggetto mantiene tutte le caratteristiche insite al suo programma genetico, anche se e' un po' piu' alto e magari un po' piu' sano [forse].

continui a fare confusione tra probabilimo e determinismo; un conto è la statura media degli italiani, altro l'eventualità che un determinato soggetto sia in un certo modo o meno, un dato che rispetto a quella media di cui fa parte va soggetto a variabilità molto più ampie;
se parliamo dell'altezza, potrei riportarti variazioni apparentemente inspiegabili propro in entrambi i rami della mia famiglia; e comunque si tratta dell'altezza, che è un, tratto morfologico relativamente semplice;

nei tuoi post precedenti però avevi messo in relazione l'eredità genetica (contrapposta al dato culturale) con tratti caratteriali complessi come il "coraggio" o la "viltà", e addirittura attribuendoli ad interi gruppi, al che io ti avevo segnalato che la ricerca al più ha documentato una maggiore o minore predisposizione genetica a percepire il pericolo fisico, che può determinare quello che noi chiamiamo di volta in volta temerarietà, incoscienza, idiozia, pavidità, prudenza, abilità...

Vedi il profilo dell'utente
78
doctor faust
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
@Magonzo ha scritto:

continui a fare confusione tra probabilimo e determinismo; un conto è la statura media degli italiani, altro l'eventualità che un determinato soggetto sia in un certo modo o meno, un dato che rispetto a quella media di cui fa parte va soggetto a variabilità molto più ampie;
se parliamo dell'altezza, potrei riportarti variazioni apparentemente inspiegabili propro in entrambi i rami della mia famiglia; e comunque si tratta dell'altezza, che è un, tratto morfologico relativamente semplice;

Ma non mi pare che ci sia confusione. Lo dici tu stesso. Un fatto e' la caratteristica individuale, valutata di per se, che dipende dal patrimonio genetico ereditato, prevalentemente.

Un sistema semplice per misurare preventivamente l'altezza di un singolo e' quello di sommare l'altezza dei genitori, dividere per due e aggiungere dieci cm se maschio, o toglierli se femmina.
E' un metodo empirico ma abbastanza indicativo.

Cio' non toglie che anche l'individuo sia sottoposto a stimoli ambientali, e le sue ghiandole rispondano alla nutrizione di un certo tipo, variando la previsione di qualche cm.

Altro invece e' una media statistica, che valuta percio' le influenze ambientali, in particolare alimentari, per parametri come l'altezza o il peso.

Se oggi la popolazione e' un po' poi alta in media, e un po' più grassa, in media, e' perche' ci sono influenze ambientali [alimentari e comportamentali] diverse da venti anni fa.

Cio' comporta un discostamento dal prevedibile, perche' i geni che determinano i caratteri fenotipici, hanno una gamma di tolleranza e flessibilita'.

nei tuoi post precedenti però avevi messo in relazione l'eredità genetica (contrapposta al dato culturale) con tratti caratteriali complessi come il "coraggio" o la "viltà", e addirittura attribuendoli ad interi gruppi, al che io ti avevo segnalato che la ricerca al più ha documentato una maggiore o minore predisposizione genetica a percepire il pericolo fisico, che può determinare quello che noi chiamiamo di volta in volta temerarietà, incoscienza, idiozia, pavidità, prudenza, abilità...

Infatti.
Partendo dal presupposto che la mente e' il prodotto del cervello, prima di tutto[ma non solo], la costituzione del cervello determinerà il tipo di mente prodotta, così come il tipo di fegato determinera' i caratteri della bile prodotta, o il tipo di catena di montaggio determinera' il tipo di auto prodotta.

Tutte le caratteristiche della mente, percio', sono relative alla costituzione della fabbrica della mente, a cui l'ambiente puo' solo fornire gli elementi che gli servono per creare quel tipo di istinti, sentimenti, emozioni, pensieri, memoria, associazione, ecc.

Se sei nato con un cervello da vigliacco non diventerai mai un temerario, e se sei nato con un cervello da irresponsabile, non diventerai mai una persona affidabile.

Ogni posa, dovuta ad addomesticamento e condizionamento, saltera' nel momento in cui lo stress farà la sua apparizione, riportando tutto alla natura stessa del soggetto.

Questo e' anche il motivo del perche' le psicoterapie servono a ben poco.

"Dove non c'e', non ci si mette", diceva un vecchio professore di liceo. Lo diceva in toscano.





Vedi il profilo dell'utente
79
hakimsanai43
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Chiunque tu sia,da bambino ti hanno detto di obbedire alla mamma,giusto? Ma alla mamma avevano detto che doveva obbedire alla nonna e alla nonna avevano detto di obbedire alla bisnonna e così indietro fino ad Adamo ed Eva.
Obbedienza cieca nei confronti dei "grandi" i quali sono ciechi obbedienti al potere politico e religioso della Nazione in cui vivono.

Io invece ero famoso in paese in quanto,se mia madre osava lavarmi,io mi rotolavo nel fango per sporcarmi di nuovo al grido di"I bambini sono belli sporchi!!"
E oggi?
E oggi sono diventato un Avatar,totalmente estraneo a quella catena di bravi bambini obbedienti.

Vedi il profilo dell'utente
80
doctor faust
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Bravo.

Vedi il profilo dell'utente
81
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 4 di 4]

Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum