Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Aesthetica

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
altamarea
altamarea
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Il modo di raccontare la storia dell’arte è cambiato nei secoli. Per molto tempo ci sono state due modalità: la narrazione biografica degli artisti e le descrizioni delle opere d’arte.

A fine ‘700 si cominciò a raccontare la storia dell’arte anche raggruppando gli artisti e le loro realizzazioni in “scuole” nazionali, regionali o locali.

Altro cambiamento avvenne con l’affermazione della fotografia.

La storia dell’arte che abbiamo imparato si basa su questa evoluzione, con approfondimenti nell’interpretazione delle immagini, nelle ricerche documentarie, nei restauri e le nuove tecnologie applicate all’arte.

Nel nostro tempo la didattica artistica è arricchita da manuali riguardanti l’ambiente e il paesaggio per sensibilizzare le persone anche all’amore e la tutela del bello naturale, dei beni paesaggistici.

Un bel paesaggio naturale suscita ammirazione, dà emozioni, induce alla contemplazione, perciò  deve essere considerato come un’opera d’arte diffusa che va protetta e valorizzata.

Un paesaggio è patrimonio di un luogo, di una comunità, va tutelato, invece, specie  nell’ultimo mezzo secolo,  il paesaggio italiano è stato devastato, consumato il suolo, cementificate le coste. Il dissesto ambientale  coinvolge l’intera penisola.

L’elevata antropizzazione e la pianificazione territoriale trasformano continuamente  i paesaggi di qualità.

Siamo il Paese dei disastri ambientali, delle edificazioni in aree protette e a rischio ambientale, dalla montagna ai litorali, della mancanza di prevenzione; dall’altro ci troviamo a fare fronte alle cosiddette calamità con alti costi, non solo economici.

Aesthetica Programma_RRN_A4_Paesaggio_Rurale_ISMEA_3_10

Il paesaggio italiano non è eterno: è vittima delle trasformazioni drammatiche dell’antropizzazione, della speculazione edilizia.

Visualizza il profilo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum