Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

"Gli amanti"

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
altamarea
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Il pittore veneto Pàris Bordón (1500 – 1571), noto anche come Paris Bordone, perché firmava i suoi quadri con il disegno del bordone, il bastone del pellegrino, lavorò anche con Tiziano.

Nel 1525 circa dipinse su tela questo noto quadro titolato “Gli amanti” o “Amanti veneziani”, conservato a Milano nella Pinacoteca di Brera.


Raffigura il momento centrale del patto nuziale, secondo la prassi dell’epoca. Il terzo personaggio, che si vede sullo sfondo, sarebbe il testimone delle nozze, che guarda verso lo spettatore anziché verso i due.

Il promesso sposo tocca con le dita della mano destra  la spalla della donna; lei poggia la sua fronte sullo zigomo dell’amato e guarda avanti in modo distratto.

In basso,  lui con la mano sinistra  le porge una catena d’oro, simbolo di unione,  simbolo ribadito dalla cintura con grani dorati  indossata dalla donna.  

La figura della donna evoca alcuni ritratti femminili di Tiziano; invece i colori e la gestualità rimandano a Giorgione.

Visualizza il profilo
2
tiziana
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato

@altamarea ha scritto:Il pittore veneto Pàris Bordón (1500 – 1571), noto anche come Paris Bordone, perché firmava i suoi quadri con il disegno del bordone, il bastone del pellegrino, lavorò anche con Tiziano.

Nel 1525 circa dipinse su tela questo noto quadro titolato “Gli amanti” o “Amanti veneziani”, conservato a Milano nella Pinacoteca di Brera.


Raffigura il momento centrale del patto nuziale, secondo la prassi dell’epoca. Il terzo personaggio, che si vede sullo sfondo, sarebbe il testimone delle nozze, che guarda verso lo spettatore anziché verso i due.

Il promesso sposo tocca con le dita della mano destra  la spalla della donna; lei poggia la sua fronte sullo zigomo dell’amato e guarda avanti in modo distratto.

In basso,  lui con la mano sinistra  le porge una catena d’oro, simbolo di unione,  simbolo ribadito dalla cintura con grani dorati  indossata dalla donna.  

La figura della donna evoca alcuni ritratti femminili di Tiziano; invece i colori e la gestualità rimandano a Giorgione.

@Altamarea.

Caro Altamarea,
non so perchè tu abbia scelto questo dipinto per il tuo post
sugli "amanti", io avrei postato " La sposa del vento", celeberrimo
quadro che Oskar Kokoscha nel 1914 dedicò ad Alma Mahler.
Tutti sanno che Alma Mahler era la ragazza più bella di Vienna
e creò rivalità e gelosie tra i grandissimi dell'epoca, che lì
risiedevano, fece innamorare Klimt, poi sposò Gustav Mahler, il grande compositore,
ma conobbe anche Gropius, della Bauhaus, e se ne invaghi',
al che Mahler andò
a piangere da Freud che lo cacciò dicendogli che in ogni donna cercava
la madre e che il suo complesso edipico era disastroso.
Alfine Alma Mahler incontrò anche Oskar Kokoscha esponente dell'espressio-
nismo che vestiva con abiti stracciati e rattoppati e che si innamorò
pazzamente di lei e le dedicò questo quadro superbo "La sposa del vento",-
se tu puoi postarlo perchè il mio pc da un po' fa i capricci per inviare immagini, -
e alla fine lei lo lasciò per sposare uno scrittore e Oskar Kokoscha
impazzì e si fece costruire un fantoccio delle fattezze di Alma e se lo trascinava
ovunque dietro anche in carrozza, al caffè e all'Opera, ma era un genio
e poteva farlo.
Con l'avvento del nazismo dovette fuggire in Francia e poi a Londra, ma
la sua "Sposa del vento" rimarrà imperitura tra i più grandi quadri che siano mai stai dipinti.
Ciao.

Visualizza il profilo
3
altamarea
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente

Oskar Kokoschka, La sposa del vento, 1914

Ecco il noto dipinto titolato “La sposa del vento”, anche denominato “La tempesta”: quest’altro titolo mi sembra più confacente alla mia percezione.

La donna raffigurata ha l’aspetto sereno sia del volto sia del corpo rilassato. Invece l’uomo ha gli occhi aperti, quali pensieri preoccupano la sua mente ? Pensieri che gli impediscono di rilassarsi.
Comunque l’autore è un ottimo artista.

Lei, Alma Maria Schindler, nota anche come Alma Mahler, compositrice musicale e pittrice, era una bella donna, ancella di Eros, come tale ebbe numerosi amanti e vari mariti.


Alma Schindler (1899)

Visualizza il profilo
4
tiziana
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato

@altamarea ha scritto:
Oskar Kokoschka, La sposa del vento, 1914

Ecco il noto dipinto titolato “La sposa del vento”, anche denominato “La tempesta”: quest’altro titolo mi sembra più confacente alla mia percezione.

La donna raffigurata ha l’aspetto sereno sia del volto sia del corpo rilassato. Invece l’uomo ha gli occhi aperti, quali pensieri preoccupano la sua mente ? Pensieri che gli impediscono di rilassarsi.
Comunque l’autore è un ottimo artista.

Lei, Alma Maria Schindler, nota anche come Alma Mahler, compositrice musicale e pittrice, era una bella donna, ancella di Eros, come tale ebbe numerosi amanti e vari mariti.


Alma Schindler (1899)

@Altamarea.

Grazie per il dipinto. Chissà perchè la Moderazione non mi ha avvertito di questa tua risposta, ho chiesto tra le preferenze di essere avvertita sempre per ogni risposta, l'ho trovata per caso, girando in forum.
Beh, diciamo che Alma Schindler in Mahler ebbe gli uomini miglori di allora. Solo Elias Canetti, Nobel 2000, che però la conobbe quando aveva più di 80 anni, la trovo' viscida, e
squallida, e come un uccello rapace.
Ciao.
Ancora grazie.

Visualizza il profilo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum