Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Quale poesia vi ispira di più su voi stessi?

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Lady Joan Marie
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
A me personalmente questa:

LO SDEGNO NEL BIANCO VOLTO
Corteggiata da l'aure e dagli amori,
siede sul trono de la siepe ombrosa,
bella regina dè fioriti odori,
in colorita maestà la rosa.

Superbo anch'ei per gli odorati onori,
mirasi il giglio al piè turbe odorosa
d'ossequiosi e di devoti fiori,
e lo scettro ne vuole e non ha posa.

S'arman di spine e d'archi, e dànno segno
fra lor di guerra; alfin prendon consiglio
d'esser consorti a la corona, al regno.

Così nel volto tuo bianco e vermiglio,
Filli, cangiato in imeneo lo sdegno,
veggio la rosa maritarsi al giglio.
CLAUDIO ACHILLINI fiore

E' la metafora di una donna apparentemente altezzosa e superba come una rosa, che alla fine sceglie il più candido dei suoi pretendenti: un giglio, simbolo di purezza. Mi ci rivedo pienamente! KleanaInfoiata

Visualizza il profilo
2
Constantin
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
IL MALE

Mentre gli sputi rossi della mitraglia
sibilano senza posa nel cielo blu infinito;
scarlatti o verdi, accanto al re che li schernisce
crollano i battaglioni in massa in mezzo al fuoco,

mentre un'orrenda follia, una poltiglia
fumante fa di centomila uomini,
- Poveri morti! Nell'estate, nell'erba e nella gioia
tua, o natura! tu che santamente li creasti!

- C'è un dio che ride sulle tovaglie di damasco
degli altari, nell'incenso e nei grandi calici d'oro,
che s'addormenta cullato dagli Osanna,

- e si risveglia, quando madri chine
sulla loro angoscia, piangendo sotto i vecchi cappelli neri
gli danno un soldo legato nel loro fazzoletto.

(A. Rimbaud)




Visualizza il profilo
3
Lady Joan Marie
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Ciao Constantin, ti ringrazio di aver scritto, ma dovresti anche specificare perchè questa poesia ti ispira su te stesso...

Visualizza il profilo
4
Constantin
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem

@Lady Joan Marie ha scritto:Ciao Constantin, ti ringrazio di aver scritto, ma dovresti anche specificare perchè questa poesia ti ispira su te stesso...

Certo Lady..., vedi, la mia cultura è ricompresa in quella categoria che definisco imprudentemente alternativa.
Amo in genere gli eccessi, mi soddisfano anima e corpo.

Una poesia ispirata, scritta o declamata da questi due (ad esempio) è un episodio che mi entra nel cervello.

Per questo sono innamorato degli eccessi, scuotono i miei nervi, è come fare l'amore.
"Il Male" di Rimbaud, è solo un emblema provocatorio... c'è tanto tempo tra lui e me.



Però se fossi nato a Parigi in quel secolo, sarei stato uno di loro. Sicuro come l'oro.

Visualizza il profilo
5
Lady Joan Marie
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Ti capisco...
Anche io quando ho portato Balla e Marinetti agli esami di maturità sembrava anche a me di farne parte di quella schiera di artisti geniali!
Esultare

Visualizza il profilo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum