Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

V TURNO - 5 giro - Romazi autori stranieri

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Miss.Stanislavskij
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
26.02.2018

C'è tempo fino al 04/03/2018 per proporre i titoli.

Un titolo a persona.

Aggiungete per favore una piccola recensione.

Si possono riproporre i titoli che non sono passati al primo turno.
Possibilmente libri di facile reperibilità.

Casomai venissero proposti solo due titolI verrà ripescato il primo titolo proposto e non letto del primo giro

Visualizza il profilo dell'utente
2
Constantin
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem

Il libro parla della morte di Dio, ma non si tratta di un paradosso mitologico: il cadavere, alto tre chilometri, precipita in mare,nell'Atlantico, al largo delle coste africane. L'arcangelo Raffaele scende sulla terra e incarica il capitano della superpetroliera Valparaiso, il cinquantenne Anthony Van Horn, di trainare l'immenso corpo verso l'Artico, dove gli angeli hanno scavato in un iceberg una degna sepoltura. Nel corso dell'impresa, Van Horn dovrà fare i conti con una fidanzata militante ecologista, il padre che si rifiuta di rivolgergli la parola, sabotaggi di vario genere, una ciurma sempre sull'orlo dell'ammutinamento, e, soprattutto, con i dubbi che lo tormentano fino all'apocalittico finale.

Visualizza il profilo dell'utente
3
Arwen
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Ripropongo un titolo già proposto nel precedente giro.
Elisabeth Brundage-L'apparenza delle cose



In questo appassionante noir ricco di riferimenti artistici e filosofici, la storia di due famiglie, il ritratto complesso di un matrimonio e uno studio delle ferite che segnano un'intera comunità. Una scrittura semplice e suggestiva, un romanzo dai tocchi gotici.

"Fantasmi, omicidi, un terrificante psicotico all'apparenza normale e una scrittura straordinaria. Mi è piaciuto moltissimo". - Stephen King

«Un matrimonio, un sociopatico, una famiglia distrutta, le cose che facciamo per amore… Tutti i personaggi sono empatici e sospetti in egual misura, e la Brundage è bravissima nel togliere uno a uno gli strati dell’emozione che definisce ogni rapporto». - The New York Times Book Review

«Una scrittura straordinaria, spesso cioccante e commovente… una sola frase di questo libro può farti trasalire per la sorpresa, oppure spezzarti il cuore». - The Wall Street Journal

«Mi ha ricordato il Mr Ripley di Patricia Highsmith... La Brundage ci trascina nelle perverse macchinazioni di una mente violentemente narcisistica... e traccia il Brutale ritratto di due coniugi ai lati opposti di un abisso». - Time

«Un romanzo che rappresenta il meglio del genere thriller letterario, e ci regala una trama avvincente insieme ad ambientazione e personaggi impeccabili». - Publishers Weekly

«Un thriller letterario superbo». - Vogue

Un tardo pomeriggio d'inverno nello Stato di New York, George Clare torna a casa e trova la moglie assassinata e la figlia di tre anni sola - da quante ore? - in camera sua. Da poco, con riluttanza, George ha accettato un posto in un college locale come insegnante di Storia dell'arte, e si è trasferito con la famiglia nella vicina cittadina. George diventa subito il sospettato numero uno, e mentre i genitori cercano di salvarlo dalle accuse, un implacabile poliziotto si incaponisce nel dimostrare che Clare è un crudele assassino...

Visualizza il profilo dell'utente
4
Miss.Stanislavskij
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
Il canto di Penelope di Margaret Atwood

Dall'Ade, dove può finalmente dire la verità senza temere la vendetta degli dèi, Penelope, moglie di Ulisse, racconta la sua storia. Figlia di una ninfa e del re di Sparta, da bambina rischia di essere affogata dal padre, turbato da una profezia. Sposa di Ulisse, subisce le angherie dei suoceri, vede scoppiare la guerra di Troia a causa della sciocca cugina Elena, e dopo anni di solitudine deve respingere l'assalto dei Proci. Al ritorno di Ulisse, assiste angosciata alla vendetta che colpisce le ancelle infedeli e perciò impiccate; e la morte di quelle fanciulle che le erano amiche la perseguita anche nell'Ade. Margaret Atwood riscrive il mito greco attingendo a versioni diverse sa quelle confluite nell'Odissea e, soprattutto, secondo le prospettive tipiche della sua narrativa: il punto di vista femminile, la sottolineatura dei soprusi subiti dalle donne, un'ironia sottile e una raffinata analisi psicologica.

Visualizza il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum