Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Verità e menzogne

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Constantin
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Verità e menzogne

Milioni di persone che aderiscono alla tradizione fideistica giudaico-cristiana credono in un solo Dio, creatore dell'universo.
Inoltre, credono che le donne e gli uomini di quello che il Nuovo Testamento chiama "il mondo" voltarono le spalle al loro Creatore.
In tal modo il peccato fece il suo ingresso nel mondo.
Dio, tuttavia, lo amava a tal punto da inviare il suo figlio unigenito. Questo figlio di Dio preesistente al creato entrò nella storia degli uomini divenendo di carne ed ossa.
E' interessante il fatto che i resoconti neotestamentari di questo evento non si aprano tutti con il medesimo tono nel riferire gli inizi della narrazione; solo Giovanni afferma a chiare lettere la preesistenza di Gesù.
Il vangelo di Marco non lascia intendere che Gesù fosse l'incarnazione di un figlio preesistente mentre Matteo e Luca parlano di nascita, come risultato comunque dell'intervento di Dio.
Quindi solo il vangelo di Giovanni presenta l'ingresso di Gesù nella storia dell'uomo come l'incarnazione della parola di Dio (il Verbo) che esisteva prima del tempo.
Per tutto il Nuovo Testamento, da Paolo a Marco, da Matteo a Luca, fino a Giovanni e a documenti meno noti come la prima lettera di Pietro e la lettera di Giacomo, un insieme convergente di narrazioni ci racconta come Gesù di Nazareth offrì all'umanità la possibilità di tornare in unione con dio, all'insegna della pace e dell'amore, alla fine della storia dell'uomo.
Nello sviluppare la concezione ebraica della storia, i cristiani credono che Dio in principio creò le cose in modo perfetto, e che quello stesso ordine e quella stessa bellezza verranno ripristinati alla fine dei tempi.
Ma il periodo "intermedio", tra la beatitudine originaria narrata nel libro della genesi e la promessa di futura beatitudine richiamata in tutto il vecchio ed il nuovo Testamento, è stato comunque trasformato.
Secondo il Nuovo Testamento ed il resto dei documenti successivi, la morte e la resurrezione di Gesù hanno generato una "nuova creazione".
Gli esseri umani non dovranno più attendere la fine dei tempi per vedere il "restaurarsi" dell'ordine divino. A causa della morte e della resurrezione di Gesù, una primizia di vita e di libertà la si può scorgere nella comunità cristiana. La sperimentazione del battesimo nel Cristo Gesù e l'adesione ad una comunità improntata alla fede precedono le "promesse" di Dio; i credenti, dunque, vivono nella gioiosa tensione tra il dono dell'adesso, generato dalla vita, dagli insegnamenti, dalla morte e dalla resurrezione di Gesù e la speranza imperitura riposa nella promessa divina di beatitudine finale.
Esistono, naturalmente, molte varianti a questa affermazione centrale della fede cristiana.
Nel senso migliore della parola "storia", questa storia cristiana è fonte di fede, amore e speranza per milioni di persone.
Ma non tutti la pensano così. Una schiera di seri studiosi, molti dei quali lavorano in importanti istituzioni accademiche, alcune delle quali nate sulla meditazione della storia del cristianesimo, si sono messi all'opera per demolirla.
Gli sforzi a minare la tradizione cristiana e dimostrarne la falsità non è una novità né una cosa facile ad applicarsi. Importante è la loro base accademica.
Da qualche decina d'anni (forse più) negli Stati Uniti d'America, il "Jesus Seminar" sta cercando di individuare un metodo scientifico che stabilisca, sulla base di rigorosi criteri accademici, una versione dei fatti sulla persona, sul messaggio, sulla morte e sulla resurrezione di Gesù.
La storia del cristianesimo si basa sui vangeli, secondo gli studiosi di cui sopra, tali documenti (i vangeli) sono stati così influenzati dalle costruzioni teologiche della chiesa delle origini che sono praticamente e totalmente inservibili ed inaffidabili.
Vi e' un vangelo del tutto diverso dagli altri noto come "fonte" ed è quello di Tomaso composto nel II secolo.
Dunque, i vangeli, come li conoscono i fedeli cristiani, dovrebbero essere messi da parte per individuare lo sviluppo storico del vangelo di Tomaso, le sue tendenze teologiche e la comunità che lo produsse.
Il vangelo di Tomaso, riflette le  tendenze gnostiche del II secolo, nondimeno viene ritenuto storicamente più fondato di Matteo, Marco, Luca e Giovanni, tutti composti tra il 70 ed il 100 d.C. e basati su tradizioni precedenti.
L'opera di Dio attraverso Gesù, così come viene riferita nella tradizione evangelica, va quindi accantonata.
Cosa fece veramente Gesù e cosa accadde veramente alla sua morte? Nel momento della sua morte ( ammettendo l'esistenza stessa di un uomo chiamato Gesù e figlio di Dio ).
Esiste addirittura una grandissima biblioteca degli gnostici nell'alto Egitto, in una località denominata Nag Hammadi.
Lo gnosticismo è comunque una varietà di cristianesimo che è fiorito in variegate forme dal II al IV secolo, quindi da li, una vasta gamma di interpretazioni della vicenda di Cristo, come è stata imposta dalla chiesa cristiana dalle autorità ecclesiastiche e  da quelle imperiali.
In poche parole, per almeno 2000 anni, i cristiani sono stati trattati come funghi coltivati in serra, al buio e alimentati con materiali di scarto.
Nonostante ogni cosa è comunque da ammettere che siano esistite diverse espressioni della fede cristiana che hanno dato vita a generazioni di credenti e dobbiamo infine accettare il fatto che nessun particolare "sistema" teologico o ecclesiale può esaurire la storia del cristianesimo (così come esiste).

Visualizza il profilo
2
anconastro
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Innanzitutto mi scuso e premetto che non ho scopi né polemici, né blasfemi (quale che sia, o possa essere, la forma di blasfemia): sono (nel senso che mi definisco) "un libero pensatore alla ricerca della verità" (ammesso e non concesso che "la verità" esista o possa esistere....come disse (o dicono che disse) Pilato).
Ho letto e riletto. 3 volte in tutto.
Non ho capito cosa tu voglia dire. Qual'é, concretamente (diciamo....in una frase di una ventina di parole ...più o meno), e, sopratutto, sinteticamente il tuo messaggio o argomentazione?
Infatti, il tema mi interesserebba e gradirei partecipare in maniera concreta e costruttiva.
Ma non friggendo aria
grazie

Visualizza il profilo
3
Constantin
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
... ad onor del vero ... non mi sono mai sentito un venditore di aria fritta.
Massimo - massimo, mi azzardo a dire la mia.
Senti questa in relazione al topic di più sopra: L'infimo ed il sublime sono le uniche due via di uscita dalla normalità.
Mi pare adeguatamente stringato... sintetico.

Visualizza il profilo
4
anconastro
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
se ti sei sentito offeso, mi scuso.
Intendevo dire, parlando aria fritta, che non é mia intenzione perdere tempo in chiacchiere inutiili. Nella maniera più assoluta, non intendevo col mio dire dare un giudizio nei confronti di chi scrive.
Spero di aver chiarito l'equivoco.
Cioi premesso.
Bella frase "'infimo ed il sublime sono le uniche due via di uscita dalla normalità"
Due sole domande:
1) che c'entra col thread?
2) a parte che "suona bene", che significa?
Domanda di riserva
é Flaubert? o quale altro romantico dell'ottocento francese? o , forse, la scuola tedesca ?
Comunque, non ha importanza l'autore. Bella frase per i baci perugina

Visualizza il profilo
5
Constantin
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
... semplicemente associare il sublime e l'infimo alla verità e alla menzogna.
E' una frase mia che non ho riciclato dall'involucro dei baci.
Odio quei baci alla nocciola. Il cioccolato mi piace fondente e nero-nero, quasi amaro.
Poi per il piacere della discussione si può restar qui a discutere.
La questione sulla verità è in tutta la storia della filosofia occidentale, tema fondante della ricerca filosofica.
E' con F. Nietzsche che la storia di quel pensiero subisce una forte scossa.
Leggiti ( se non l'hai già letto, se ne hai voglia ) "Su verità e menzogna fuori dal senso morale",  contiene già i nuclei fondamentali del suo pensiero rivoluzionario.
Per il resto, non ho alcuna intenzione di ritornare all'incipit, al topic.
Quello che mi andava di dire l'ho già detto.

Visualizza il profilo
6
anconastro
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
grazie

Visualizza il profilo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum