Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

... e fu così che nacquero gli elfi.

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Constantin
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
... e fu così che nacquero gli elfi.

Nelle terre del Nord vivono dei piccoli geni o folletti che la gente di quei paesi chiama Elfi o anche il Popolo Nascosto.
Essi abitano infatti nel cavo degli alberi o dentro i fianchi dei poggi e delle colline e non amano farsi vedere dagli uomini, verso i quali agiscono in modo assai capriccioso.
A volte si mostrano amichevoli e regalano a piene mani l'oro e le gemme di cui è ricco il loro regno sotterraneo, altre volte invece sono maligni e dispettosi, e puniscono severamente chiunque tenti di derubarli o penetri nel loro mondo.
Meglio dunque non disturbarli e non avventurarsi da soli nei boschi o nelle caverne, raccomandano le mamme ai propri bambini.
E se poi i più curiosi vogliono sapere chi sono questi Elfi e perché se ne stanno così appartati dagli uomini, esse hanno pronta per loro questa storia.
Un giorno il Dio dei cieli decise di riconciliarsi con Adamo ed Eva che avevano mangiato il frutto proibito nel giardino dell'Eden, e mandò un suo angelo ad annunciare che l'indomani avrebbe fatto loro visita sulla terra.
Nessuna notizia poteva giungere più gradita, e Adamo ed Eva si misero subito in gran faccende.
L'uno ramazzò l'aia con scrupolosa cura, strigliò i buoi e lucidò gli arnesi dei campi fino a farli diventare splendenti; l'altra, si spaccò la schiena a lavar pareti e pavimenti e a far sparire dalle stanze anche il più piccolo granello di polvere.
Come ultimo tocco gentile, Eva intrecciò ghirlande di fiori scegliendoli tra i più freschi e profumati del giardino, e poi le venne in mente di infornare delle focaccine al miele che erano la sua specialità, caso mai il Creatore si fosse degnato di assaggiarle.
Il buon Dio fu dunque accolto con ogni onore, e se non toccò i pasticcini al miele, visitò con estremo piacere la casa, i campi e le stalle, e non mancò di complimentarsi con Adamo ed Eva per quanto avevano saputo creare con il loro duro lavoro.
Al momento di congedarsi per tornare in Paradiso, Dio volle però sapere perchè non gli avessero mostrato anche i figli.
-Non ci sono- si affrettò a rispondere Eva, prima che Adamo avesse il tempo di parlare. - Li ho mandati nel bosco perchè non disturbassero con il loro chiasso-.
-Come potrebbero infastidirmi i giochi innocenti dei bambini!- protestò il buon Dio- Va a chiamarli, Eva. Voglio vederli-.
In realtà, con tutte le cose che aveva avuto da fare per accoglierlo degnamente, Eva non aveva proprio trovato il tempo di occuparsi dei suoi turbolenti marmocchi. Li aveva però pregati di provvedere da soli a se stessi e di presentarsi lavati e pettinati, e con indosso tuniche pulite.
Ma si sa come sono i bambini quando si tratta di usare l'acqua ed il sapone: alcuni avevano ubbidito e altri no.
La povera Eva li aveva passati in rassegna, che il Creatore era già alla porta e, piena di vergogna che egli potesse vedere i suoi figli in uno stato poco decoroso, li aveva spinti tutti quanti in gran fretta fuori casa dalla parte dei boschi, con la raccomandazione di starsene buoni e tranquilli, e, soprattutto, lontani dalla vista di Dio.
La sua richiesta di vederli la metteva ora in grande imbarazzo, ma non potendosi rifiutare andò a cercarli nel bosco. Al ritorno, però, portò con se solo quelli che si erano lavati a dovere almeno il viso, le mani, le ginocchia e il collo.
-Sono bei bambini, e hanno un aspetto vispo e a modo- si complimentò il Creatore, regalando ad ognuno una carezza sui capelli ben pettinati.
Tutto andava per il meglio, pensò Eva, e trattenne a fatica un sospiro di sollievo. Ma proprio in quel momento il buon Dio si volgeva nuovamente verso di lei e la fissava con i suoi occhi di fiamma.
-Dimmi, Eva- le chiese - sono davvero tutti qui i tuoi bambini? -
-Si, mio signore- balbettò un pò confusa la donna. - Non ve ne sono altri, lo giuro!-
Il buon Dio, che naturalmente conosceva la verità, scosse tristemente il capo e sentenziò: - I bambini che hanno dovuto, per loro disubbidienza, essere sottratti alla mia vista, siano d'ora in poi celati anche agli occhi dei mortali. Non vivranno mai più nelle loro case!-
E così, da quel giorno, i figli di Eva che avevano disubbidito, vissero appartati dagli uomini, nel folto dei boschi o nelle viscere della terra.
E fu così che nacquero gli Elfi.

Vedi il profilo dell'utente
2
silena
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Che bella!

Vedi il profilo dell'utente
3
Lady Joan Marie
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Una storia tanto carina quanto significativa: agli occhi di Dio non sfugge niente! saint

Vedi il profilo dell'utente
4
Arwen
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Una bella leggenda sorriso .
Elfi un po' diversi dall'immaginario di Tolkien

Vedi il profilo dell'utente
5
Constantin
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem

[quote="Arwen"]Una bella leggenda sorriso .
Elfi un po' diversi dall'immaginario di Tolkien


Se vuoi sapere tutto dello splendido universo di Tolkien devi assolutamente leggere "il Silmarillion" opera postuma scritta da Tolkien e pubblicata dal figlio. Lì capirai tutto su elfi uomini hobbit, il mondo di Arda e la terra di mezzo-



è edito in Italia da "la Feltrinelli " mi pare 12 euro.


se vuoi spaziare nel fantasy ti consiglio una trilogia bellissima di Jack Vance "Lyonesse",




°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
oppure la Trilogia del sole Nero della Celia S. Friedman
Il Cavaliere del Sole Nero (Black Sun Rising), 1991
L'Oceano del Sole Nero (When True Night Falls), 1993
La Corona Nascosta (Crown of Shadows), 1995 con il mio eroe Gerald Tarrant

Vedi il profilo dell'utente
6
Arwen
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Ce l'ho già Il Silmarillion, edizione Bompiani.
E' di mia figlia appassionata più di me di Talkien e la saga dell'anello mai letto finora, ci farò il pensiero. sorriso

Gli altri prendo nota, grazie.

Vedi il profilo dell'utente
7
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum