Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

IV TURNO - 5 giro - Romazi autori stranieri sondaggio DUE PREFERENZE

Condividere 

due preferenze

43% 43% [ 3 ]
29% 29% [ 2 ]
0% 0% [ 0 ]
28% 28% [ 2 ]
Totale dei voti : 7

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Miss.Stanislavskij
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
26.04.2017

Ciao a tutti,
abbiamo 6 giorni di tempo per votare il romanzo che andremo a leggere.
Mi raccomando DUE PREFERENZE

Vonnegut, Kurt -Buon compleanno Wanda June

All'apice della sua carriera di romanziere, Vonnegut decide di scrivere questa commedia. Buon compleanno Wanda June va in scena a New York tra la fine del 1970 e l'inizio del 1971. I personaggi sono: Harold, una specie di Ulisse che torna a casa dopo essere stato dato per disperso in Amazzonia; la sua terza moglie Penelope; il figlio dodicenne, Telemaco; due pretendenti: un medico suonatore di violino ed un piazzista di aspirapolveri; un colonnello americano che ha partecipato al bombardamento atomico di Nagasaki; tre fantasmi: un criminale di guerra nazista, la seconda moglie di Harold e una bambina, Wanda June, morta in un incidente stradale

"La mappa del destino" dello scrittore statunitense Glenn Cooper.

Luc Simard, professore di archeologia e esperto archeologo, viene convocato dal suo amico Hugo Pineau nel Périgord, per un mistero riguardante un antico manoscritto rinvenuto durante un incendio nell'abbazia di Ruac, piccolo paesino situato nella valle del Vézère. Questo manoscritto è in codice e al suo interno viene trovata anche una mappa e dei misteriosi disegni che sembrano risalenti al Paleolitico. Incuriositi, mentre un amico di Hugo tenta di decifrare il manoscritto, i due amici seguono la misteriosa mappa, che li porterà sulle tracce di un enorme caverna situata a pochi chilometri da Ruac. Da quel momento, la loro vita non sarà più la stessa: addentrandosi nella caverna, Luc e Hugo scopriranno dieci camere colleganti e disegni preistorici straordinariamente elaborati, ma non sanno che un segreto tremendo si nasconde nell'ultima camera, la decima, occupata da disegni di piante e da un graffito raffigurante uno strano uomo-uccello...


La tredicesima storia-Diane Setterfield
Margaret Lea è una giovane libraia antiquaria che negli anni trascorsi con il padre tra pagine immortali e volumi sepolti dall'oblio, ha coltivato una quieta passione per le biografie letterarie in cui di tanto in tanto si cimenta. La sua prevedibile esistenza viene sconvolta un giorno da una lettera tanto enigmatica quanto perentoria: "L'ora è giunta. Venga lunedì con il treno delle quattro e mezzo. Manderò una macchina a prenderla alla stazione di Harrogate. Vida Winter". È questo l'invito con cui Vida Winter, sfuggente e carismatica scrittrice alla fine dei suoi giorni, informa Margaret della sua investitura a propria biografa ufficiale. Dopo mille esitazioni - perché proprio lei? sarà all'altezza delle aspettative di una delle più grandi scrittrici viventi? - la giovane parte alla volta dell'isolata magione dell'anziana autrice. Superate non solo le proprie resistenze ma anche le spigolosità della sua difficile interlocutrice, Margaret si accinge finalmente all'opera, rimanendo immediatamente stregata dalle vicende della famiglia Angelfield e dalla sorte di un misterioso racconto che Vida Winter non ha mai voluto pubblicare...

Elisabeth Brundage, L'apparenza delle cose
In questo appassionante noir ricco di riferimenti artistici e filosofici, la storia di due famiglie, il ritratto complesso di un matrimonio e uno studio delle ferite che segnano un'intera comunità. Una scrittura semplice e suggestiva, un romanzo dai tocchi gotici.

"Fantasmi, omicidi, un terrificante psicotico all'apparenza normale e una scrittura straordinaria. Mi è piaciuto moltissimo". - Stephen King

«Un matrimonio, un sociopatico, una famiglia distrutta, le cose che facciamo per amore… Tutti i personaggi sono empatici e sospetti in egual misura, e la Brundage è bravissima nel togliere uno a uno gli strati dell’emozione che definisce ogni rapporto». - The New York Times Book Review

«Una scrittura straordinaria, spesso cioccante e commovente… una sola frase di questo libro può farti trasalire per la sorpresa, oppure spezzarti il cuore». - The Wall Street Journal

«Mi ha ricordato il Mr Ripley di Patricia Highsmith... La Brundage ci trascina nelle perverse macchinazioni di una mente violentemente narcisistica... e traccia il Brutale ritratto di due coniugi ai lati opposti di un abisso». - Time

«Un romanzo che rappresenta il meglio del genere thriller letterario, e ci regala una trama avvincente insieme ad ambientazione e personaggi impeccabili». - Publishers Weekly

«Un thriller letterario superbo». - Vogue

Un tardo pomeriggio d'inverno nello Stato di New York, George Clare torna a casa e trova la moglie assassinata e la figlia di tre anni sola - da quante ore? - in camera sua. Da poco, con riluttanza, George ha accettato un posto in un college locale come insegnante di Storia dell'arte, e si è trasferito con la famiglia nella vicina cittadina. George diventa subito il sospettato numero uno, e mentre i genitori cercano di salvarlo dalle accuse, un implacabile poliziotto si incaponisce nel dimostrare che Clare è un crudele assassino...

Vedi il profilo dell'utente
2
Constantin
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
Oggi è il 2 quindi l'ultimo giorno per esprimere la seconda preferenza visto che aprile ne ha 30, di giorni. La mia seconda preferenza va a: L'apparenza delle cose di Elisabeth Brundage.
Mi scuso per il metodo non ortodosso e di non aver attribuito subito la seconda ma ero incerto e Stanilavskij so che in fondo al tuo cuore cè una scintilla che brilla anche per me ... bocca giù (forse)

Vedi il profilo dell'utente
3
Miss.Stanislavskij
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico

@Constantin ha scritto:Oggi è il 2 quindi l'ultimo giorno per esprimere la seconda preferenza visto che aprile ne ha 30, di giorni. La  mia seconda preferenza va a: L'apparenza delle cose di Elisabeth Brundage.
Mi scuso per il metodo non ortodosso  e di non aver attribuito subito la seconda ma ero incerto e Stanilavskij so che in fondo al tuo cuore cè una scintilla che brilla anche per me ... bocca giù (forse)


Non approfittare della mia pazienza.
Il tuo metodo non ortodosso ci porta al ballottaggio.
La buona fede si presume, ma non una volta di troppo; la prossima volta, nel dubbio, aspetta l'ultimo giorno per votare, DUE PREFERENZE.

Questa è l'ultima volta che accetto una scelta esterna allo strumento votazioni.

Vedi il profilo dell'utente
4
Miss.Stanislavskij
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Vonnegut, Kurt -Buon compleanno Wanda June
All'apice della sua carriera di romanziere, Vonnegut decide di scrivere questa commedia. Buon compleanno Wanda June va in scena a New York tra la fine del 1970 e l'inizio del 1971. I personaggi sono: Harold, una specie di Ulisse che torna a casa dopo essere stato dato per disperso in Amazzonia; la sua terza moglie Penelope; il figlio dodicenne, Telemaco; due pretendenti: un medico suonatore di violino ed un piazzista di aspirapolveri; un colonnello americano che ha partecipato al bombardamento atomico di Nagasaki; tre fantasmi: un criminale di guerra nazista, la seconda moglie di Harold e una bambina, Wanda June, morta in un incidente stradale

e

Elisabeth Brundage, L'apparenza delle cose
In questo appassionante noir ricco di riferimenti artistici e filosofici, la storia di due famiglie, il ritratto complesso di un matrimonio e uno studio delle ferite che segnano un'intera comunità. Una scrittura semplice e suggestiva, un romanzo dai tocchi gotici.

"Fantasmi, omicidi, un terrificante psicotico all'apparenza normale e una scrittura straordinaria. Mi è piaciuto moltissimo". - Stephen King

«Un matrimonio, un sociopatico, una famiglia distrutta, le cose che facciamo per amore… Tutti i personaggi sono empatici e sospetti in egual misura, e la Brundage è bravissima nel togliere uno a uno gli strati dell’emozione che definisce ogni rapporto». - The New York Times Book Review

«Una scrittura straordinaria, spesso cioccante e commovente… una sola frase di questo libro può farti trasalire per la sorpresa, oppure spezzarti il cuore». - The Wall Street Journal

«Mi ha ricordato il Mr Ripley di Patricia Highsmith... La Brundage ci trascina nelle perverse macchinazioni di una mente violentemente narcisistica... e traccia il Brutale ritratto di due coniugi ai lati opposti di un abisso». - Time

«Un romanzo che rappresenta il meglio del genere thriller letterario, e ci regala una trama avvincente insieme ad ambientazione e personaggi impeccabili». - Publishers Weekly

«Un thriller letterario superbo». - Vogue

Un tardo pomeriggio d'inverno nello Stato di New York, George Clare torna a casa e trova la moglie assassinata e la figlia di tre anni sola - da quante ore? - in camera sua. Da poco, con riluttanza, George ha accettato un posto in un college locale come insegnante di Storia dell'arte, e si è trasferito con la famiglia nella vicina cittadina. George diventa subito il sospettato numero uno, e mentre i genitori cercano di salvarlo dalle accuse, un implacabile poliziotto si incaponisce nel dimostrare che Clare è un crudele assassino...


vanno in ballottaggio

Vedi il profilo dell'utente
5
Constantin
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico

@Miss.Stanislavskij ha scritto:
@Constantin ha scritto:Oggi è il 2 quindi l'ultimo giorno per esprimere la seconda preferenza visto che aprile ne ha 30, di giorni. La  mia seconda preferenza va a: L'apparenza delle cose di Elisabeth Brundage.
Mi scuso per il metodo non ortodosso  e di non aver attribuito subito la seconda ma ero incerto e Stanilavskij so che in fondo al tuo cuore cè una scintilla che brilla anche per me ... bocca giù (forse)


Non approfittare della mia pazienza.
Il tuo metodo non ortodosso ci porta al ballottaggio.
La buona fede si presume, ma non una volta di troppo; la prossima volta, nel dubbio, aspetta l'ultimo giorno per votare, DUE PREFERENZE.

Questa è l'ultima volta che accetto una scelta esterna allo strumento votazioni.


Ok, ne prendo atto.
Mi scuso con Miss. Stanilavskij del mio metodo non ortodosso di espressione delle preferenze.
Per questa volta mi astengo dal partecipare al gruppo di lettura del "IV turno, 5° giro, romanzi autori  stranieri". Sono già abbondantemente immerso nella lettura di un libro" i ribelli di Treason"  di Orson Scott Card ".
Mi scuso ancora, per questa notizia che giunge in ritardo, e auguro a tutti una buona lettura.

Vedi il profilo dell'utente
6
Arwen
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Constantin, abbandonare così la "nave" e lasciarci soli! facepalm
Saresti da fustigare! inizio a sorridere

Vedi il profilo dell'utente
7
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum