Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

YANN ar YOUD

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Constantin
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
YANN ar YOUD

C'era una volta... si inizia sempre così quando si vuole raccontare una storia senza tanto divagare...
c'era una volta un buon contadino che viveva in un penn-ti, una capanna con il tetto di paglia.
La casetta aveva solo una stanza e muri bianchi di gesso. Accanto c'era una minuscola stalla, davanti un pozzo a carrucola cigolante, dietro un pezzo di terra e un giardino.
Yann Dévézour, aveva come unici beni una moglie ( ? ), una mucca e un maiale. La moglie si chiamava Margodig, la mucca Lourenn, e il maiale... già, se il maiale aveva un nome l'ho dimenticato.
Un giorno, dopo aver arato i campi del suo signore dalla parte opposta della collina, oltre il bosco di castagni, Yann arrivò tardi a cena e la minestra sul tavolo era già raffreddata.
Margodig era fuori di sé e aggredì il marito- ma non ti vergogni? Vai in giro a bighellonare e perdi tempo! Chi me l'ha fatto fare di sposare un buono a nulla come te? E' una vergogna! Evidentemente non ti interessa niente che io sfacchini per te. Tu fai quello che ti pare e piace. Fannullone! Ubriacone! Buono a nulla! ho fatto di tutto per preparare la cena in tempo e cosa fa il signorino? Si fa aspettare finchè la minestra si raffredda! Meriteresti che ti rompessi la schiena col manico della scopa. -
-Calmati Margodig- rispose Yann intimidito. - Lo sai che i campi di Mein' ar Vein si trovano dopo la collina. E' un bel pezzo di strada e non potevo tornare prima di aver finito il lavoro.-
-Avresti potuto lavorare più in fretta, asino patentato. Non conosco nessun altro che sia lento come te-
- Eh.. no, non è colpa mia. Ricordati che sei stata tu a rompermi una gamba con il mestolo, dieci anni fa-
-Te l'eri meritato, stupido. Non sei forse andato a fare il giro delle osterie con gentaglia della tua risma quando in paese era giorno di mercato?-
-Può darsi, però da allora trascino una gamba e faccio fatica a lavorare.-
-Non hai mai avuto difficoltà ad inventare scuse... Quest'uomo è una vera piaga. Ce ne vorrebbero dieci di lui per farne uno buono-
La litania continuò, una litania che non stava scritta in alcun libro di preghiere, e alla fine Yann perse la pazienza-
-Adesso ne ho abbastanza! Mi ammazzo per guadagnare un tozzo di pane e in più devo farmi anche insultare. Ne ho le tasche piene dei tuoi stupidi rimproveri perchè io faccio il mio lavoro come meglio posso. Se pensi che sia così facile arrivare puntuale a casa, proprio quando levi la minestra dal fuoco, prova a fare il mio lavoro e io farò il tuo-.
-Va bene, d'accordo, da domani faremo così-.
-Bisogna tagliare il trifoglio nel parco di Tri-C'horn-
-Lo farò. Però tu devi scopare la stanza, andare a prendere l'acqua, fare la polvere, dar da mangiare al maiale, mungere la mucca, fare il burro e preparare il pranzo.-
-Tutto qua? Sciocchezze! -
Il mattino seguente al primo cantar del gallo, Yann indossò il grembiule della moglie, accese il fuoco e preparò l'orzo. Margodig s'infilò la giacca del suo beneamato marito e si mise il suo vecchio cappello. Dopo aver trangugiato la colazione, se ne uscì di casa dicendo con fare altezzoso - e voglio che il pranzo sia pronto quando torno a casa.
Prese un falcetto che stava appeso al muro e si avviò verso il parco di Tri-C'horn.
Se voi per caso ve ne intendete di lavori dei campi mi direte che per tagliare il trifoglio non bisogna prendere il falcetto. Lo so, non posso farci niente, Margodig, non prese la falce perchè non sapeva come usarla.
Nel frattempo Yann intraprese fiducioso la pulizia dell'unica stanza. Non sapeva cosa fare della sporcizia raccolta e decise infine di usarla come cibo per il maiale. Proprio in quel momento la povera bestia fece un baccano del diavolo perchè Margodid di solito, a quell'ora, gli aveva già riempito il trogolo e aperto la porta per farlo rotolare nel fango, davanti casa.
Yann si affrettò a compiere il proprio dovere, poi pensò a cosa doveva fare.
-Margodig ha detto qualcosa a proposito del burro. Ecco quello che farò adesso! Le farò vedere quello di cui sono capace.-
Versò della panna nella zangola, prese il pestello e via!!! Quando non riusciva a trovare il ritmo giusto compensava questa mancanza con la forza. Nessuno aveva mai montato la panna con tale forza. Grosse gocce di sudore gli scesero sul viso.
-per la miseria... che caldo! E che sete! Un bicchierino di sidro mi farà certo bene-
Appoggiò la zangola al muro e scese in cantina per rinfrescarsi la gola.
Ma quando risalì, che spettacolo lo attendeva! La zangola si era rovesciata e tutta la panna era uscita. Gioia del maiale che era entrato e se ne stava seduto nel mezzo e grufolava felice.
Quando vide la scena Yann colto da giusta ira afferrò uno sgabello e lo ruppe sulla testa del maiale. L'animale cadde a terra senza emettere un suono, come morto. Non si muoveva più: era così morto come solo un maiale può essere morto.
Yann osservò pensieroso quello spettacolo. Era facile trarne un bilancio : niente burro, niente maiale, niente sgabello.
Margodig non avrebbe certamente avuto parole di elogio una volta tornata a casa,
In quel momento dalla stalla, risuonò un lungo, lamentoso muggito.
- al diavolo!- disse Yann - avevo quasi dimenticato la povera Lourenn. Muggisce perchè ha fame! Devo darle da mangiare-
Andò nella stalla e slegò la mucca ma ormai era troppo tardi per portarla al pascolo.
-Ecco quello che farò- Si disse Yann - Sul nostro tetto cresce erba in abbondanza spunta fuori dalla paglia. Farò pascolare Lourenn sul tetto-
Non fu difficile issare la mucca sul tetto poichè sul lato del giardino, il tetto toccava terra. Alla mucca stessa non spiaceva pascolare li, quindi cominciò subito a mangiare l'erba. Probabilmente tra i suoi avi c'erano mucche dei Pirenei e delle Alpi, abituate a stare sui pendii così ripidi. Di tanto in tanto emetteva un triste muggito, ma Yann si era completamente dimenticato che doveva anche mungerla. Pensava invece che la mucca potesse fuggire. E disse fra sè:
-Ci mancherebbe che ti perdessi. Calma! So come poterti controllare mentre preparo la minestra. Non sono nato ieri. Prenderò una corda, la farò passare dalla cappa del camino e me la legherò alla gamba, così potrò sentire ogni tuo movimento. Se Cercherai di fuggire me ne accorgerò e ti tirerò con la corda.-
Detto, fatto. Fece scorrere la corda attraverso la cappa del camino, la tirò per la stanza e  mise sul fuoco la pentola della minestra d'avena.
Prima di mettersi a mescolare la minestra si legò un'estremità della corda alla caviglia.
-Che volpone che sono- si disse mescolando con zelo la minestra - a Margodig non sarebbe mai venuta in mente una cosa del genere-
Continuò a mescolare e la minestra cominciò a bollire. Un gradevole profumo usciva dal pentolone.
Improvvisamente dal tetto venne un baccano infernale e Yann venne sollevato da terra senza nemmeno accorgersene.
L'istante successivo penzolava a testa in giù proprio sopra la minestra bollente.
Cos'era successo?
Dopo aver pascolato su un lato del tetto la buona Lourenn sentì il desiderio di passare sull'altro lato superando la sommità del tetto. Nel fare ciò, però era scivolata e, con il proprio peso, aveva sollevato il suo padrone attaccato all'altra estremità della corda. E se non ci fosse stato il gancio del camino Yann sarebbe stato trascinato su per tutta la cappa.
Adesso ad ogni estremità era appeso un essere spaventato e urlante.
Yann, il sangue che gli andava alla testa, capiva bene ciò che sarebbe accaduto se la corda si fosse rotta. La prospettiva di cadere nella minestra bollente non lo risollevava affatto.
Fortunatamente, poco dopo, Margodig, tornò a casa. Quando vide la sua mucca in cima al tetto si sentì svenire. Si fece forza e corse in casa per vedere dove era fissata la corda. Dopo molta fatica riuscì a liberare Yann da quella posizione spiacevole e ciò permise anche alla mucca di toccare nuovamente il suolo.
Per non spaventare nessuno rinuncerò a riportare l'elenco delle imprecazioni di Margodig aveva preparato per il marito. Di tutte le bestemmie che dovette stare a sentire una non lo abbandonò  mai più finchè visse: Yann ar Youd, Yann della minestra. Anche Margodig, però, ricevette la sua parte, da quel giorno in poi tutti la chiamarono Margodig ar Yann ar Youd,  Margodig di Yann della minestra.
Forse vorreste sapere se Margodig avesse fatto il lavoro dei campi meglio del marito.. Beh.., a lei non capitò tutta quella serie di catastrofi.
Però per quanto riguarda il trifoglio, lavorò tutta la mattina ma non riuscì a raccoglierne nemmeno mezza carriola. E non fu nemmeno proprio... colpa sua. Non aveva preso nessuna cote per il falcetto, perchè non avrebbe saputo come usarla.







Vedi il profilo dell'utente
2
silena
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
Simpatica!

Vedi il profilo dell'utente
3
Lady Joan Marie
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Tra moglie e marito...è meglio non mettere dito!

Vedi il profilo dell'utente
4
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum