Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

IL CIGNO DI PORPORA.

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Constantin
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
" IL CIGNO DI PORPORA"

Il vecchio capo di una tribù di indiani Irochesi stava per morire.
Chiamò i suoi tre figli e parlò loro per l'ultima volta, seduto sul suo giaciglio di pelli, con il viso rivolto verso il Sole che tramontava.
Disse: - Tra poco partirò, seguendo Deganawidah il profeta immortale, per le Praterie Senza Fine, ma prima di cominciare il mio lungo viaggio senza ritorno, voglio farvi un dono. - Frugò tra le pelli, prese una grande faretra decorata con aculei di porcospino e la porse al figlio maggiore con queste parole: - Qui dentro ci sono tre frecce magiche.
Riportate dalle grandi praterie da Ayonwentah, lo sciamano, che ne fece dono a mio padre; che al momento della sua morte le donò a me, come ora io le dono a voi. Prendetele e custoditele con cura. E ora lasciatemi, voglio restare solo.
Il giorno dopo il vecchio capo morì, e venne sepolto con tutti gli onori perchè era stato un uomo coraggioso e saggio.
I tre fratelli lo piansero a lungo e, ricordando le sue ultime parole, custodirono con cura la faretra e le frecce magiche che avevano ereditato.
Un giorno il fratello più giovane, Ojwa, uscito per la caccia, vide nella foresta una traccia fresca di orso, la seguì, e siccome era un bravo corridore, riuscì a raggiungere l'animale e ad ucciderlo prima che il sole tramontasse.
Aveva appena cominciato a scuoiarlo quando il cielo diventò color porpora e uno strano, malinconico canto, salì dal punto in cui il colore era più acceso.
Lasciò cadere il coltello e si inoltrò nella foresta, guidato da quello splendore.
Corri e corri, alla fine si trovò sulle rive di un grande lago. E là dove la superficie azzurra dell'acqua sembrava toccare il cielo in fiamme, gli apparve un meraviglioso cigno color porpora, dal lungo collo. Era il cigno a cantare e la sua voce era così triste e suggestiva che dava i brividi.
Ojwa sentì nascergli nel cuore un desiderio prepotente di impadronirsi di quell'uccello stupendo. Imbracciò l'arco e tirò diverse frecce. Ma come per incantesimo nessuna raggiunse il bersaglio. E intanto, la voglia di prendere il cigno, cresceva, cresceva. Che fare?
D'un tratto Ojwa si ricordò dell'eredità del padre. Tornò al villaggio, afferrò le tre frecce magiche e riprese di nuovo la strada del lago.
Il cigno di porpora era sempre là, immobile, come in attesa, e il suo canto continuava a diffondersi nell'aria. Ojwa lanciò la prima delle frecce magiche e la vide cadere molto lontano dalla preda. Provò con la seconda e andò un pò meglio: la terza, finalmente raggiunse il bersaglio, ma lo sfiorò appena.
Il cigno sbattè le ali, si alzò in volo e scomparve tra le nubi incendiate del tramonto. Il suo canto svanì e sul lago piombò un gran silenzio.
Ojwa non riusciva a credere di aver sbagliato la mira, lui un cacciatore così esperto! Doveva esserci sotto qualcosa. Era arrabbiatissimo, ma la sua rabbia si spense quando si rese conto di aver perduto, per colpa del cigno, la preziose frecce magiche che appartenevano anche ai suoi fratelli.
E si sentì invadere da un forte rimorso.
-Devo ritrovarle - disse - Nostro padre le aveva lasciate in eredità a tutti e tre.
Senza esitare si tuffò nelle acque fredde del lago, e dopo lunghe ricerche, trovò due frecce soltanto. Su una era rimasta attaccata una delle piume purpuree. Le prese, le ripose nella faretra e si incamminò alla ricerca dell'inafferrabile uccello, chiedendosi dove fosse andata a finire l'ultima freccia.
Camminò tutta la notte e per tutto il giorno seguente, finchè giunse ad un villaggio. Il capo in persona gli dette il benvenuto, gli offrì del cibo caldo e un alloggio per la notte; la mattina dopo gli regalò un paio di mocassini nuovi perchè quelli che aveva erano ormai consumati, e poi sua figlia, una fanciulla bella come la luna, accompagnò il viaggiatore per un tratto di strada.
Cammina e cammina, al calar della notte Ojwa giunse ad un altro villaggio.
Anche  qui ebbe cibo, alloggio e un paio di mocassini nuovi e, quando fu il momento di ripartire, la figlia del capo, bella come il sole, accompagnò il viaggiatore per un tratto di strada.
Era di nuovo notte fonda quando Ojwa, stanchissimo, vide una luce brillare, lontano, lontano e si affrettò da quella parte.
Il lume brillava in una tenda solitaria, Ojwa entrò-
Dentro c'era un vecchio che lo salutò amichevolmente e gli disse: - Ti ho atteso a lungo. Io so chi sei e dove vai. Cerchi il cigno di porpora, vero?
- Si - rispose Ojwa, stupito.
- Quel cigno- riprese il vecchio - vive a molte ore di cammino da qui, insieme a suo fratello, un mago molto potente. Tanto tempo fa, il mago perse lo scalpo combattendo contro dei nemici e, da quel giorno, deve sopportare terribili sofferenze che cesseranno solo quando un giovane coraggioso glielo restituirà. Sappi che il cigno canta malinconicamente perchè ha pietà del povero fratello.
Ojwa ascoltava, senza perdere una parola. - E sappi che tutti coloro che prima di te sono stati affascinati da quel canto ed hanno cercato di recuperare lo scalpo, sono morti.
-Io non ho paura - disse Ojwa - Troverò lo scalpo del mago con l'aiuto degli spiriti buoni che mi proteggono.
Ci riuscirai solo se, una volta alla presenza del mago, non guarderai la sua testa calva alla luce del giorno - lo avvertì il vecchio - Aspetta la notte, altrimenti impazziresti per la paura.
- Me ne ricorderò.
-E quando tenterai di portare via lo scalpo a coloro che lo hanno tolto al mago, non dimenticarti della piuma color porpora che hai trovato attaccata alla freccia: ti aiuterà. Ora dormi, riposati e domattina ti indicherò la strada giusta.
Quella notte Ojwa dormì profondamente; all'alba il vecchio lo svegliò e lo accompagnò per un tratto di strada attraverso la foresta. Si fermarono quando sentirono echeggiare nell'aria i lamenti del mago. Allora disse a Ojwa: - da qui in avanti devi proseguire da solo. E non dimenticare i miei consigli.
Ojwa, ringraziò il vecchio e si nascose tra i cespugli, in attesa che si facesse notte. Solo quando il buio fu fitto entrò nella capanna del mago e vide un uomo che si lamentava seduto vicino al fuoco. La sua testa senza scalpo aveva un aspetto così orribile che, per un momento, Ojwa sentì una gran voglia di fuggire via. Poi ripensò al cigno di porpora, riprese coraggio, si avvicinò al mago e gli disse: - Voglio ritrovare il tuo scalpo : dove si trova?
- Devi avere un gran coraggio se osi guardarmi, ridotto come sono - rispose il mago - Bene, accetto l'aiuto che mi offri. Il mio scalpo si trova nell'accampamento di una tribù indiana a tre giorni e tre notti di cammino da qui in direzione del sole che tramonta. Se me lo restituisci, avrai la freccia magica che hai perduto e, in più, un bellissimo dono.
- Riavrai il tuo scalpo - promise Ojwa.
E, senza neanche riposarsi un poco, si mise in cammino in direzione del Sole che tramonta.
Camminò tre giorni e tre notti e finalmente vide un grande accampamento con tante tende disposte in cerchio intorno a una radura. In mezzo alla radura c'era un palo e, appeso al palo c'era lo scalpo del mago.
Qjwa si fermò a riflettere. C'erano centinaia di guerrieri armati in giro: come arrivare fino al palo e impadronirsi dello scalpo senza scatenare battaglia che, per lui, sarebbe stata morte sicura?
Pensa e ripensa, ricordò i consigli del vecchio, tirò fuori la piuma del cigno e la accarezzò piano. Essa lo trasformò in un martin pescatore dai colori splendenti e volò verso il palo, con la piuma nel becco.
Alla luce dei fuochi, gli indiani videro quell'uccello così bello e gli lanciarono addosso una nube di frecce, ma nessuna lo colpì.
Il martin pescatore si posò sul palo, prese tra le zampette lo scalpo e volò via velocissimo lontano dall'accampamento. Quando si sentì al sicuro si posò a terra, lasciò cadere la piuma purpurea e, riprese sembianze umane, corse alla capanna del mago.
Il mago aspettava Ojwa con ansia; non appena ebbe lo scalpo, se lo mise e subito si trasformò in un uomo alto e bello, sorridente e gentile.
- Hai compiuto una buona azione disse ad Ojwa - ed io ho ripreso il mio vero aspetto. Eccoti la freccia magica, e anche il dono che ti avevo promesso.
Il mago battè le mani e da un angolo buio della capanna si fece avanti la più bella fanciulla che mai si fosse vista nel paese degli indiani. Aveva labbra rosse come le bacche del bosco, occhi grandi come una cerbiatta e capelli color della notte.
- Io sono il cigno di porpora - disse. - E anche per me l'incantesimo è finito. Se vuoi diventerò tua moglie.
- Lo voglio, lo voglio! - gridò Ojwa, al settimo cielo.
Così il giorno seguente, salutarono il mago, Ojwa e la bella fanciulla partirono. Avevano un lungo cammino da fare per raggiungere il villaggio dello sposo, dove avrebbero vissuto, insieme, felici, per tutta la vita.





Vedi il profilo dell'utente
2
Lady Joan Marie
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Bellissima storia! Morale del racconto: fai del bene e verrai ricompensato. amorebandiera

Vedi il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum