Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Essere se stessi

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
altamarea
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
150 anni fa, il 28 giugno 1867, Luigi Pirandello nasceva nella contrada “Caos”, “in una campagna d'olivi saraceni  / affacciata agli orli d'un altipiano / di argille azzurre sul mare africano...”, alla periferia di Girgenti, l’attuale Agrigento, denominata  Akragas dagli antichi coloni greci ed Agrigentum dai conquistatori Romani,  Nel Medioevo la Sicilia fu dominata dagli Arabi e questa città la chiamarono Kerkent (fortezza musulmana dall’826), col tempo modificato in “Gergent”, da cui Girgenti. Questo toponimo nel 1927 fu sostituito  con Agrigento, che evoca l’Agrigentum romana.
La giunta comunale di questa città nell’aprile del 2016 per non far dimenticare alle nuove generazioni l’antico toponimo, ha deliberato che il centro storico venga denominato “Girgenti”, descritto e citato in alcune novelle e romanzi da Luigi Pirandello, premio Nobel per la letteratura nel 1934 e morto a Roma nel 1936.


Pirandello nel 1934 nel suo studio

Nel romanzo “Uno, nessuno centomila”, Pirandello scrisse: “Imparerai a tue spese che nel lungo tragitto della vita incontrerai tante maschere e pochi volti”.  Lo scrittore spiega come una persona possa indossare centomila maschere nella vita ed apparire agli altri diversa da come è realmente. Il comportamento influenza la scelta fra l'essere e l'apparire. Ma essere se stessi non è facile quando le circostanze esterne inducono ad "apparire".

Nella commedia “Pensaci, Giacomino !”, Pirandello fa emergere  i paradossi esistenziali dell’individuo (crisi di identità, doppi ruoli, la maschera sociale e il  vero volto),  i dilemmi della vita quotidiana.

Anche nella commedia “Ma non è una cosa seria” Pirandello esplica la morale del personaggio “Memmo Speranza”:  la vita non è una cosa seria che si possa risolvere con la logica. I nostri ragionamenti la vita spesso ce li ribalta contro.

Ne “Il piacere dell’onestà” lo scrittore propone un principio etico indiscutibile: “E’ molto più facile essere un eroe che un galantuomo. Eroi si può essere una volta tanto; galantuomini si deve essere sempre”.

Sin dall’antichità il tema dell’essere e dell’apparire fa parte della riflessione filosofica, perché  rappresenta una parte di ciò che cerchiamo di perseguire.
Essere se stessi significa possedere la forza psicologica della libertà dal condizionamento dei giudizi altrui.
Essere se stessi ci spaventa, perché abbiamo paura di non essere accettati .....meglio essere libero con qualche problema in più che prigioniero.
Essere se stessi è toglierci la maschera e mostrarci come siamo... anche se ne abbiamo paura è la miglior soluzione per noi....
Perchè molte volte non si riesce ad essere se stessi? Perché temiamo di non piacere agli altri, di non essere accettati per ciò che siamo.

Essere se stessi significa far convivere pacificamente il proprio Io con il Me. L'Io in questo caso si riferisce alla reazione dell'individuo nell'interazione con l'ambiente sociale; il "Me", invece, indica l'assorbimento psicologico degli atteggiamenti degli altri da parte di un soggetto.

Per la filosofia esistenzialista l’autenticità rispecchia la vera realtà interiore dell’individuo, è “autentico” chi persegue l’autenticità come conquista e significato della sua esistenza.  
“Autentico” deriva dal tardo latino “authentìcus”: parola composta da  “autòs” (= autore; che fa da sé) + “en-tòs” (=in,  dentro) si riferisce alla nostra vera interiorità, al di là di quello che vogliamo apparire o crediamo di essere. In senso lato significa “avere autorità su se stessi”.

Si sente sempre più spesso, ai nostri giorni, parlare di “etica dell’autenticità”, basata sull’idea che il solo metro valido per le scelte del singolo sia la fedeltà/corrispondenza tra le proprie scelte o azioni e le proprie aspirazioni più profonde. Una tale … “etica della responsabilità” è frutto della lotta ingaggiata contro i condizionamenti esteriori ed è frutto dell’aver posto il proprio centro nell’obbedienza al comando della ragione. Ma quale ragione? Non certo la ragione universale che Kant ha posto a base dell’”imperativo categorico” che, proprio per questo, impegna il soggetto ad agire come vorrebbe agisse chiunque altro, al posto suo. A differenza del fondamento della “regola d’oro” kantiana, la cosiddetta “etica dell’autenticità” è insofferente nei confronti di ogni parametro prestabilito e di ogni regola positiva di comportamento in nome della spontaneità con cui ciascuno tende ad esprimere la propria identità, i propri stati d’animo, i propri desideri. In questa prospettiva, essere autentici significa essere se stessi fino in fondo; significa essere fedeli a quel mondo intimo e rigorosamente individuale che si sottrae a ogni valutazione da parte di altri. Non si fa fatica a rilevare i limiti di una simile concezione di autenticità, esposta al soggettivismo e al relativismo più evidenti. Essa mette tra parentesi il carattere sociale e quindi relazionale dell’uomo che rende più complesso e, per ciò stesso, più faticoso il vivere nell’autenticità.

Il filosofo e moralista  colombiano Nicolás Gómez Dávila scrisse: “La nostra verità raggiunge la sua piena autenticità soltanto nella solitudine del nostro pensiero, perché è lì che il dubbio corrode e attenua la durezza dei suoi contorni”.

Il filosofo tedesco Arthur Schopenhauer  metteva in guardia dal “perdere tre quarti di se stessi per essere come le altre persone”
.

E’ vero la patente di autenticità non possiamo darcela sa soli:  l’autenticità è il risultato della propria capacità di fare delle scelte e di realizzarle con coraggio.

Vedi il profilo dell'utente
2
Constantin
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico

@altamarea ha scritto:
E’ vero la patente di autenticità non possiamo darcela sa soli:  l’autenticità è il risultato della propria capacità di fare delle scelte e di realizzarle con coraggio.
Essere sè stessi, certo, la maschera, il viso scoperto, la  "paura".
Riprendo l'ultima parte del tuo topic per azzardarmi (senza incorrere nelle tue ire funeste) a porre una piccola deviazione. Hai parlato della propria capacità di fare delle scelte e di realizzarle con coraggio. Sono scelte ottimali? sono scelte permanenti?
Cos'è che definiamo permanente? Cos'è che stiamo cercando, che ci darà o, piuttosto, che speriamo ci dia, permanenza? Non stiamo forse cercando essendo o apparendo una felicità durevole, una gratificazione durevole, una certezza durevole?
Io, tu, tutti, qualcosa che duri per sempre... che ci gratifichi in eterno.Se ci spogliamo di tutte le parole e le frasi fatte e consideriamo le cose come sono, è questo che vogliamo. Vogliamo il piacere permanente, la gratificazione permanente che dovrebbe essere il risultato della propria capacità di fare scelte personali, con coraggio.
Benissimo, allora, vogliamo il piacere. Forse questo è un modo molto crudo per porre la questione, ma è questo che vogliamo: conoscenze che ci diano piacere, esperienze che ci diano piacere,gratificazioni che non spariscano nell'arco di ventiquatt'ore. Probabilmente abbiamo sperimentato varie gratiicazioni, e tutte si sono dileguate; e adesso speriamo di trovare gratificazione permanente nella realtà. Questo tutti cerchiamo, intelligenti e stupidi, teorici e pragmatici che lottano per ottenere qualcosa. Ma ci si è mai chiesti se la sicurezza o felicità permanente esistono davvero? In effetti non potrebbero esistere affatto. Quante uno, nessuno o centomila maschere, dovrei inutilmente indossare , apparire un essere diverso o uguale a come sono se non esiste alcun obiettivo da raggiungere?
E' un autoconoscenza che credo si ottenga attraverso la ricerca, leggendo libri, entrando in particolari associazioni e così via?
Dopo tutto, il problema principale è che se non comprendo mè stesso, non ho una base su cui fondare la riflessione e tutta la mia ricerca sarà vana.Posso trovare rifugio nelle illusioni, posso sottrarmi alla competizione, al conflitto, alla lotta; posso chiedere aiuto e credere a qualcosa sopra il mio essere spirituale. Ma se ignoro me stesso, se non sono consapevole del processo totale di me stesso, non ho una base su cui fondare la riflessione, i miei affetti la mia azione.
Ma questa è l'ultima cosa al mondo che desideriamo: conoscere noi stessi. E tuttavia è proprio da li che dobbiamo partire. Prima di poter costruire, prima di poter condannare o distruggere, dobbiamo conoscere ciò che siamo. Prima di levarci o tenerci la maschera.

Vedi il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum