Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Quando i romani capitalizzavano cacca e pipì

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
ReLear
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato


La scienza ci dice che i batteri trasformano l’urea presente nell’urina in ammoniaca: il poeta romano Catullo (54 a.C.) non poteva saperlo, ma conosceva senz'altro il potere sbiancante dell'urina… sui denti, di cui parla espressamente in uno dei suoi Carmina, segno che era una prassi adottata dai suoi contemporanei.
L'ammoniaca nelle urine veniva usata anche per sbiancare le toghe, in verità: le toghe venivano raccolte in grandi tini colmi di urina e gli uomini vi saltavano sopra; poi usavano la cenere per contribuire a sciogliere lo sporco accumulato sui tessuti, realizzando, di fatto, una sorta di precursore della lavatrice.


L'urina contiene inoltre azoto e fosforo, entrambi utili alla coltivazione di piante. E Columella, scrittore romano esperto di agricoltura (4 - 70 d.C.) racconta come la pipì fosse particolarmente utile alla coltivazione dei melograni, fino a renderli più succosi e saporiti.
Sempre Columella consigliava l'uso di urina umana anche come terapia veterinaria: cura per le pecore con problemi biliari e polmonari, ma anche per le api malate.
Non è tutto. Sempre al tempo dei romani l'urina era così preziosa da essere raccolta dagli orinatoi pubblici e poi venduta.
Per far che? Bè, per esempio per lavorare le pelli: un lungo ammollo nelle urine pare che aiutasse a rimuovere i peli dalle pelle, che poi veniva passata in feci di animale in modo che i batteri la ammorbidissero, rendendola più… pregiata.


E poi naturalmente c'è l'uso fertilizzante delle feci: i romani le adoperavano volentieri per nutrire il terreno dei loro giardini.
E che le deiezioni fossero largamente utilizzate a quel tempo, lo dimostra la storia della celebre vectigal urinae, la tassa sull’urina, che i conciatori e i fullones (coloro che lavoravano la lana) furono costretti a pagare sulla pipì raccolta nelle latrine pubbliche.
La impose l'imperatore Vespasiano, che scelse di fare cassa, conscio del vasto utilizzo dell'urina come sbiancante. E al figlio Tito, che lo aveva rimproverato per la decisione, Vespasiano mostrò una moneta, riscossa proprio il primo giorno in cui era in vigore la tassa, pronunciando la ormai famosa frase Pecunia non olet, ovvero "il denaro non puzza".



Insomma, gli antichi romani al governo capitalizzavano piscio e cagate.....
.... gli attuali le cagate si limitano a farle facepalm

Vedi il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum