Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Il volto del colpevole

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
ReLear
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Anche se spesso ci sono dimostrazioni del contrario, a molte persone piace pensare che il sistema giudiziario americano funzioni bene. Specialmente quando si parla di pena di morte, che (a parte le considerazioni etiche che si possono fare) è indubbiamente una punizione definitiva da riservare a chi è indubbiamente colpevole.

Il punto è che però nei processi entrerebbero in gioco una serie di preconcetti e pregiudizi innati che distorcono l’esito del processo, anche in modo sostanziale.

Un gruppo di ricercatori ha compiuto un esperimento facendo valutare ad una serie di volontari la “affidabilità” di volti di persone. In realtà le foto riguardavano persone condannate all’ergastolo o alla pena di morte, comprese persone condannate e poi rilasciate in seguito ad una revisione del processo.

E’ emerso che una minore affidabilità del volto era correlata ad una maggiore probabilità di condanna alla pena di morte, compresa nel caso di persone poi assolte nella revisione del processo, e quindi indipendentemente dall’effettiva colpevolezza. Questo dato (che peraltro fa il paio con una precedente ricerca che mostrava una maggiore probabilità di condanna per i soggetti “stereotipicamente neri”) fa lanciare l’allarme ai ricercatori che evidenziano come preconcetti e pregiudizi giochino un ruolo fondamentale nei processi, portando a condannare innocenti ed assolvere ingiustamentecolpevoli.

Vedi il profilo dell'utente
2
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
La Pazza è colpevole

Vedi il profilo dell'utente
3
Pazza_di_Acerra
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Colpevole di conoscere te sicuramente... Che ci fai qui a quest'ora?

Vedi il profilo dell'utente
4
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Modulo il mio stato d'animo utilizzando le nuove tecnologie. Tu ?

Vedi il profilo dell'utente
5
Pazza_di_Acerra
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Pure io.

Vedi il profilo dell'utente
6
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Uhm. A te funziona?
A me mica tanto. Devo aver intasato il filtro ADSL.
C'ha da fare il Marco?

Vedi il profilo dell'utente
7
Pazza_di_Acerra
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Sta lavorando, come me del resto... facepalm

Vedi il profilo dell'utente
8
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Però lui non è una pippa  rolleyss rotolarsi dal ridere

Vedi il profilo dell'utente
9
Constantin
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem

@ReLear ha scritto:Anche se spesso ci sono dimostrazioni del contrario, a molte persone piace pensare che il sistema giudiziario americano funzioni bene. Specialmente quando si parla di pena di morte, che (a parte le considerazioni etiche che si possono fare) è indubbiamente una punizione definitiva da riservare a chi è indubbiamente colpevole.

Il punto è che però nei processi entrerebbero in gioco una serie di preconcetti e pregiudizi innati che distorcono l’esito del processo, anche in modo sostanziale.

Un gruppo di ricercatori ha compiuto un esperimento facendo valutare ad una serie di volontari la “affidabilità” di volti di persone. In realtà le foto riguardavano persone condannate all’ergastolo o alla pena di morte, comprese persone condannate e poi rilasciate in seguito ad una revisione del processo.

E’ emerso che una minore affidabilità del volto era correlata ad una maggiore probabilità di condanna alla pena di morte, compresa nel caso di persone poi assolte nella revisione del processo, e quindi indipendentemente dall’effettiva colpevolezza. Questo dato (che peraltro fa il paio con una precedente ricerca che mostrava una maggiore probabilità di condanna per i soggetti “stereotipicamente neri”) fa lanciare l’allarme ai ricercatori che evidenziano come preconcetti e pregiudizi giochino un ruolo fondamentale nei processi, portando a condannare innocenti ed assolvere ingiustamentecolpevoli.

Tutto aiuta per condannare un uomo a morte, su testimonianze ritenute attendibili, o se colto sul luogo del delitto o in attinenza all'oggetto del processo. Indubbiamente il volto, tantopiù se brutto o nero,(ovvio non solo quello, ma anche quello) spinge e rassicura il giudice a emettere condanna a morte.
Fatti che indubbiamente sono successi e continueranno a succedere.
Nessuno è mai tornato dopo un'iniezione letale a ribadire i propri diritti a discolpa.
E se la condanna viene commutata in ergastolo, il "colpevole" la sconterà sino alla fine, specie in assenza di mezzi economici indispensabili per contrastare la sentenza.

Vedi il profilo dell'utente
10
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum