Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Il Forum atomico

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Massimo Vaj
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Fuori la guerra imperversava placida, come una rabbia diventata cronica. Dentro ci si aspettava che quella cronicità dovesse risolversi nella fatalità in cui tutti i mali, prima o dopo, depongono le armi. Con o senza onore importava a pochi, perché in un rifugio atomico ci si sta malvolentieri e solo coltivando desideri di vendetta. Lì dentro si erano dati nomignoli come quelli dei partigiani che combattevano fuori, e dei repubblichini che, fuori, si erano asserragliati in una micro società che avrebbe dovuto lanciare le basi a che l'orrore continuasse anche in tempo di pace.
Il Rifugio era organizzato in modo che nessuno potesse toccare qualcuno. Un dedalo di piccole celle autosufficienti si dipanava, mantenendole collegate elettronicamente tra loro. In ogni celletta vegetava un profugo, col suo frigorifero, un computer di rete, un pagliericcio commestibile, attrezzi per disegnare, un ventilatore, dieci preservativi, uno scatolone di pannolini sintetici che provocavano pruriti che le femmine non distinguevano più dagli stati d'eccitazione sessuale, una pistola non commestibile a un solo colpo, per le emergenze e un rosario, commestibile anch'esso.
La responsabilità di un coordinamento posticcio era stata inferta all'Admin, personaggio oscuro e tetro che gestiva l'infelicità di quel luogo attraverso la sua tristezza congenita. Il triste risultato di quella funerea affinità non fu mai messo in discussione da nessuno. Due schiave con potere di veto occupavano le due cellette attigue: Ninfaeco e Cigno nero erano i loro nomignoli in rete e avevano l'aria di essere due donne, ma nessuno ci avrebbe messo la mano sul reattore nucleare che forniva energia al Rifugio. Dell'Admin si ipotizzava non avesse sesso né per dare né per prendere.
Da quelle tre nicchie privilegiate e trinitarie si irradiavano a raggiera tutte le altre, ordinate senza gerarchia d'importanza perché importanza non ne avevano. Dovevano servire alla sussistenza della Trinità una volta che il cibo fosse terminato prima della guerra là fuori.
Nella ressa che si era accalcata per entrare nel rifugio, ai primi scoppi atomici, c'era un estratto di tipologie che, più o meno, ricalcava la società dei tempi che non sarebbero, e per fortuna, tornati più.
Anche l'età dei rifugiati era all'altezza di quella disperata situazione, con i due anziani, Lucio e Royal che ormai ritenevano essere quel buco la loro dimora eterna.
Questa loro certezza non aiutava a sollevare l'umore di quel luogo infernale, ma neppure lo deprimeva a causa del fatto che tutti erano consapevoli che sarebbero morti prima degli altri.
A completare quel corteo di disgrazie la parte repubblichina di malfattori che non si rassegnavano di quel non poter più far danni consistenti c'erano Peppaccio, Zadig, Xmanx, Bumblebee, quest'ultimo, completamente folle, invitava tutti ad addentare il suo pagliericcio, in una cella che aveva abbigliato come fosse un ristorante biologico.
Sull'ala opposta di quel volo sotterraneo sputavano rabbia i componenti la fazione opposta a quella: Blasel, Spaitek, Don Chisciotte 83 (per il numero di masturbazioni effettuate in una sola nottata folle); erano chiamati "gli irriducibili" e capeggiavano la reazione virtuale all'infamia di quella condizione deprivante dignità e orgoglio esistenziale. A questi seguivano i centristi tiepidi, con un piede in una trincea e l'altro in un fossa: Magonzo, Falansterio e suo nipotino Superciuk, il quale preferiva farsi chiamare PorceDi in ragione del suo pisello a coda di maiale (e non solo la coda), Silentio, con la sua amara constatazione dei fatti, Halak (che odorava di caramella alla mou), Nick, Il piccolo mugnaio, Jester il lamentoso e Sogno infranto che rappresentava il livello massimo di ottimismo di quel ridente luogo di villeggiatura.
Ma la parte più rigogliosa in termini di avventura destinata a fallire era rappresentata dall'universo femminile.
Chi volesse chiedersi il perché sia stato necessario dividere la realtà in due generi (più le sfumature a questi correlate) distinti, quali sono i maschi e le femmine ecco che la sua curiosità avrebbe trovato soddisfazione: La perversione, l'irrequietezza, la disinformazione, la spensieratezza incosciente, l'imponente sessualità mai sazia, la crudeltà, la flessibilità di un sentimentalismo capace di tutto, trovavano nel femminile la giusta e amorevole collocazione.
Il membro femminile (mi si perdoni il pasticcio) che esaltava, deprimendolo, l'intellettualismo di facciata che nasconde la facciata fisica era stato pressato, a fatica, nella figura inquietante della Pazza di Acerra, un donnone demoniaco della quale si temevano cose che nessuno aveva il coraggio di nominare.
Un soldatino di stagno, sgherro femmineo armato di tanta pazienza quanta era la libertà di cui godeva, era l'ala armata dell'orda spaventosa di estrogeni impazziti che circolavano in una rete web che, con le calze a giarrettiera, nulla condivideva. Due ali di amazzoni, ogni componente delle quali aveva difetti ineguagliabili, sorreggevano destini squallidi e maniaci che battevano (si fa per dire) l'aria pesante del luogo senza mortificarne i contenuti.
Ciao Silvia era la trasformista che mostrava buon viso e cattiva sorte, Galadriel, direttamente dalle Terre di Mezzo, ostentava pensieri che, fuori di lì, avrebbero scatenato una forsennata e nuova corsa ai rifugi, Leda, che per non essere da meno ventilava che la sofferenza imperante all'esterno fosse nulla in confronto a quella che dormicchiava dentro di lei, Penelope, che ogni volta che diceva qualcosa Xmanx doveva cambiarsi il pannolone, Geca, una serpeggiante femmina che avesse avuto un fisico capace di sopportare il suo orgoglio sarebbe dovuta essere una star del basket, Lalabel leggera come un cartone, sfrontata come il sesso adolescenziale e, infine, per ultima ma non ultima Marimba, eclettica e cerbera femminista autoritaria, con un bazooka al posto dell'utero, e una selvaggia propensione all'indagine sull'insensatezza della modica quantità nel desiderio di rivalsa femminile.
Nascosto, in un anfratto scavato a mano, nella discarica dove confluivano i liquami di quel mondo sommerso, era impiantata una bellissima statua, che ricordava il Cristo Redentore di São Paulo du Brazil, Massimo Vaj era il suo nome, massime la sua santità e misericordia, Vaj perché avrebbe voluto essere fuori da lì… ma la propria santità glielo proibiva risoluta…


Continuerà?...



Ultima modifica di Massimo Vaj il Lun 25 Ott 2010 - 11:06, modificato 4 volte

Vedi il profilo dell'utente
2
Il_Soldatino_di_Stagno
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Avvincente... BeautyfulSuina

(..e poi, ho apprezzato, c'è anche Superciùk!)

Vedi il profilo dell'utente
3
Ospite
avatar
Ospite
Ok, aspetta che effettuo il controllino giornaliero sulla mia sessualità, che ogni tanto effettivamente il dubbio viene anche a me.

4
The Royal
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Massimo Vaj ha scritto:

Royal che ormai ritenevano essere quel buco la loro dimora eterna.


Potresti aver detto il vero e ti ringrazio per avermelo detto.

Vedi il profilo dell'utente
5
Massimo Vaj
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Da quando il ritenere è applicabile a ciò che accadrà?
Non t'illudere, desiderare una vita migliore nell'aldilà non può altro che prolungare la sofferenza nell'aldiqua... pietra

Vedi il profilo dell'utente
6
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Guarda, qualche personaggio lo vedo in modo diverso...
del resto ognuno coglie le persone a suo modo e noi per primi possiamo essere padroni di noi stessi, ma non del modo in cui siamo recepiti.
Detto questo... il racconto è bellissimo.
Mi piace molto chi comprende per immagini e le sa raccontare. hug tenderly

Si possono fare domande all'autore?

Vedi il profilo dell'utente
7
Massimo Vaj
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Perché no? Conosco ancora poco di tutti e il mio amore per lo scherzo m'impedisce di dire la verità su ciò che penso, tanto più che non sono un estimatore del mio pensato, quando è mio

Vedi il profilo dell'utente
8
The Royal
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Massimo Vaj ha scritto:

Non t'illudere, desiderare una vita migliore nell'aldilà non può altro che prolungare la sofferenza nell'aldiqua... pietra


Nell'ipotesi che tu ti sia riferendo a me, coglierei l'occasione per evidenziare che io intenderei una permanenza eterna senza per questo dover ricercare una vita migliore nell'aldila'. Anzi non la cerco affatto e sono soddisfattissimo di quella di qua anche se con qualche mio personale appuntino operativo. Ben ritrovati dunque. BeautyfulSuina

Vedi il profilo dell'utente
9
Massimo Vaj
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
La mancanza di secondi fini quando si ama è uno dei segni del tocco divino.

Vedi il profilo dell'utente
10
nick
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
... ma tu lasciami pure lì.

Vedi il profilo dell'utente
11
marimba
avatar
Direttore del Corriere della Pera
Direttore del Corriere della Pera
Massimo Vaj ha scritto:La mancanza di secondi fini quando si ama è uno dei segni del tocco divino.
Basta che i primi fini vengano salvaguardati. BeautyfulSuina


_________________
***
Vedi il profilo dell'utente
12
Massimo Vaj
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Nick... mioddio... sei una femmina? Avevo pensato a un trentenne maschio. Devo riscrivere tutto sadness
Sei del toro come me, il più amabile segno dello Zodiaco, questo mi fa sperare in un perdono senza riti di sangue nel mezzo. BeautyfulSuina
Avrei avuto più giustificazioni a credere che Marimba fosse un Lagunare guastatore della Marina...

Vedi il profilo dell'utente
13
marimba
avatar
Direttore del Corriere della Pera
Direttore del Corriere della Pera
Massimo Vaj ha scritto:Nick... mioddio... sei una femmina? Avevo pensato a un trentenne maschio. Devo riscrivere tutto
Avrei avuto più giustificazioni a credere che Marimba fosse un Lagunare guastatore della Marina...
Marina Civile, se permetti. Non Marina Militare. Perchè qui di militari, entrati in Marina , non ce n'è manco uno.
Marina la precisina


_________________
***
Vedi il profilo dell'utente
14
Silentio

Viandante Storico
Viandante Storico
Non è vero che dico solo amare costatazione dei fatti.

E' un'amara costatazione, ma la funzione trova nella pagina sapessi quanto aiuta, fa credere di riservare pure interesse per le altrui scritte.

Vedi il profilo dell'utente
15
Massimo Vaj
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Ho dovuto sorvolare su alcune indagini che svolgerò poi, quando tutti sarete distratti. Credo che l'aver attribuito il genere maschile a Nick sia stato errore più grave.

Vedi il profilo dell'utente
16
Silentio

Viandante Storico
Viandante Storico
ma che dice? sono masculo...

Vedi il profilo dell'utente
17
nick
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
trovo più appropriato dire che sì, ho sembianze femminili.

Vedi il profilo dell'utente
18
Massimo Vaj
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Penserai mica che è una fortuna vero? Sorriso Scemo

Vedi il profilo dell'utente
19
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum