Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Perdono da cani

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
ziosam
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Se gli uomini avessero la metà della capacità di perdono dei cani, il mondo sarebbe migliore.
Perdonare è difficile, a volte impossibile. Da parte mia mi sforzo di esercitare questo sentimento, ma alcune ingiustizie subite non sono ancora riuscito a perdonarle. Di certo se non perdoni sei preda del sentimento di vendetta, non certo simbolo dello stare bene.
Quale dovrebbe essere il rapporto con il perdono? Bisogna perdonare tutto a prescindere o è giusto farsi giustizia?

Vedi il profilo dell'utente
2
paolo iovine
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
non esistono unicamente due opzioni, perdono o vendetta.

Vedi il profilo dell'utente
3
luci62
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
ho spesso pensato alla vendetta,ma non l'ho mai messo in atto.

Vedi il profilo dell'utente
4
Constantin
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Diceva don Juan a Carlos Castaneda "Dopo aver visto il modo in cui i tuoi pensieri e le tue emozioni influenzino la realtà materiale (e non si tratta di crederci a priori, ma di verificare con la propria esperienza) è il momento di approfondire e mettere alla prova il concetto dell'autoresponsabilità attraverso la pratica del perdono. Se puoi. adesso o in seguito, concordare con questo nuovo paradigma della realtà, allora il perdono diventa la cosa più logica che esista! Tutto questo non vuol dire che sarai sempre in grado applicarlo, almeno non subito, ma avrai gli strumenti per riflettere sulle situazioni di vita in un modo completamente nuovo e sano"-
La superlativa intelligenza e sapienza dello Shamano.
Io così cerco, credo di poterla  interpretare :possiamo perdonare chi ci ha fatto un torto e molto serenamente scegliere di non ristabilire una relazione, si essa affettiva, lavorativa o di altra natura. In particolare quando sentiamo che non siamo più in grado di dare fiducia a questa persona. Questo però dovrebbe avvenire senza coltivare rancore, come una valutazione di ordine più logico che emotivo.



Ultima modifica di Constantin il Gio 17 Set 2015 - 18:40, modificato 1 volta

Vedi il profilo dell'utente
5
ziosam
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente

luci62 ha scritto:ho spesso pensato alla vendetta,ma non l'ho mai messo in atto.

paolo iovine ha scritto:non esistono unicamente due opzioni, perdono o vendetta.
Anch'io non mi sono mai vendicato, forse perchè non considero la vendetta un'opzione.
Ma se non perdoni, quando pensi ad un'ingiustizia subita, il pensiero scatta automaticamente a come farsi giustizia, in un certo modo, a vendicarsi.

Vedi il profilo dell'utente
6
paolo iovine
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
i pensieri 'a caldo' sono naturali; l' esperienza però mi dice che è sempre meglio controllarli; e ragionare su come sfruttare a proprio vantaggio la situazione.

Vedi il profilo dell'utente
7
ziosam
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente

paolo iovine ha scritto:i pensieri 'a caldo' sono naturali; l' esperienza però mi dice che è sempre meglio controllarli; e ragionare su come sfruttare a proprio vantaggio la situazione.
No no, anche a freddo. Nel thread scrivevo che alcune ingiustizie non sono riuscito a perdonarle; completamente a freddo, quando ci penso scatta automatico il pensiero self-giustizialista. Poi non lo ascolto, lo scaccio, ma non lo supero, in breve, non perdono. Non so neppure come potrei trarre vantaggio.

Vedi il profilo dell'utente
8
ziosam
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente

Constantin ha scritto:Diceva don Juan a Carlos Castaneda "Dopo aver visto il modo in cui i tuoi pensieri e le tue emozioni influenzino la realtà materiale (e non si tratta di crederci a priori, ma di verificare con la propria esperienza) è il momento di approfondire e mettere alla prova il concetto dell'autoresponsabilità attraverso la pratica del perdono. Se puoi. adesso o in seguito, concordare con questo nuovo paradigma della realtà, allora il perdono diventa la cosa più logica che esista! Tutto questo non vuol dire che sarai sempre in grado applicarlo, almeno non subito, ma avrai gli strumenti per riflettere sulle situazioni di vita in un modo completamente nuovo e sano"-
La superlativa intelligenza e sapienza dello Shamano.
Io così cerco, credo di poterla  interpretare :possiamo perdonare chi ci ha fatto un torto e molto serenamente scegliere di non ristabilire una relazione, si essa affettiva, lavorativa o di altra natura. In particolare quando sentiamo che non siamo più in grado di dare fiducia a questa persona. Questo però dovrebbe avvenire senza coltivare rancore, come una valutazione di ordine più logico che emotivo.
Molte volte sono riuscito a comportarmi come descrivi, ma alcune cose, fra l'altro neppure importantissime, non riesco proprio a perdonarle.

Vedi il profilo dell'utente
9
paolo iovine
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico

Vedi il profilo dell'utente
10
ziosam
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Bella colonna sonora, mi piaceva da bambino sciòn sciòn

Vedi il profilo dell'utente
11
Constantin
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
succede che una volta ho una diatriba, una discussione in merito a cose di varia natura, sul come e sul perché, da discussione si è elevata a voce alterata da parte di entrambi, sino a che il tipo mi ha preso per il collo della camicia e mi ha scosso violentemente un paio di volte guardandomi fisso negli occhi a 3 centimetri di distanza. Volto contro volto. Non siamo arrivati alle mani, ma ci siamo andati molto vicino.
Quel tizio era un mio carissimo amico, ci conoscevamo dalle medie, ma quella sera è andata così.
Io nei giorni, mesi a venire usai una tecnica che giunse da sola. Lo ignorai nel modo più assoluto. Sul lavoro, a casa, telefono e altro (non è facile). Ha iniziato a cercarmi, per lui era diventata un'ossessione, credo una cosa primaria, mi telefonava sua moglie, pure il bambino, suo figlio. Non so cosa volesse da me se scusarsi o tagliarmi la gola. Ma con il tempo non l'ho più rivisto.
Io ancora lo odio.

Vedi il profilo dell'utente
12
paolo iovine
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico

ziosam ha scritto:Bella colonna sonora, mi piaceva da bambino sciòn sciòn

era l' epoca delle grandi utopie; poi sono arrivati i commercianti, alla faccia di Israele.

Vedi il profilo dell'utente
13
Lady Joan Marie
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
A volte farsi "giustizia" da soli in un primo momento ti fa sentire "bene", ma poi ti accorgi di essere rimasto solo con il tuo rancore.

Vedi il profilo dell'utente
14
Constantin
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem

Lady Joan Marie ha scritto:A volte farsi "giustizia" da soli in un primo momento ti fa sentire "bene", ma poi ti accorgi di essere rimasto solo con il tuo rancore.

Alle volte sembri un alito d'autunno, spirito etereo, Lady, come fai a non farti giustizia da solo, se leggi l'argomento del topic?
Non c'è altra possibilità, è un sentimento solo tuo.
Concordo con il risultato, è vero, rimani con il tuo rancore, ma siamo fatti d'ossa,carne e sangue. Un risultato come tanti altri per noi esseri umani.

Vedi il profilo dell'utente
15
Lady Joan Marie
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico

Constantin ha scritto:
Lady Joan Marie ha scritto:A volte farsi "giustizia" da soli in un primo momento ti fa sentire "bene", ma poi ti accorgi di essere rimasto solo con il tuo rancore.

Alle volte sembri un alito d'autunno, spirito etereo, Lady, come fai a non farti giustizia da solo, se leggi l'argomento del topic?
Non c'è altra possibilità, è un sentimento solo tuo.
Concordo con il risultato, è vero, rimani con il tuo rancore, ma siamo fatti d'ossa,carne e sangue. Un risultato come tanti altri per noi esseri umani.
Un risultato negativo direi, perchè il più delle volte resti solo.

Vedi il profilo dell'utente
16
Constantin
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
riporto e rispondo


Se gli uomini avessero la metà della capacità di perdono dei cani, il mondo sarebbe migliore.
Il mondo non sarà mai migliore perchè non siamo dei cani.

Un risultato negativo direi, perchè il più delle volte resti solo.
Noi siamo soli nel perdono (libero arbitrio).

La solitudine è consuetudine nel perdono come nella morte.

Vedi il profilo dell'utente
17
emma55
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
url=http://www.servimg.com/view/19084548/300][/url]

Vedi il profilo dell'utente
18
Raggiodiluna
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico


E poi le chiamano "bestie"!
Hanno più sentimento loro che "alcuni" esseri umani!



Ultima modifica di Raggiodiluna il Lun 5 Ott 2015 - 19:29, modificato 1 volta

Vedi il profilo dell'utente
19
emma55
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
Questo video e' bellissimo felice1 Esultare

Vedi il profilo dell'utente
20
Constantin
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
concordo con te, emma, è raro che raggio posti video, notizie, assiomi o poesie "brutte", almeno un po' di luce e serenità, ne abbiamo bisogno tutti...
non è certo rabbia e rancore che ci aiutano.

Vedi il profilo dell'utente
21
Raggiodiluna
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico

Constantin ha scritto:concordo con te, emma, è raro che raggio posti video, notizie, assiomi o poesie "brutte", almeno un po' di luce e serenità, ne abbiamo bisogno tutti...
non è certo rabbia e rancore che ci aiutano.

Concordo con te caro Constantin, rabbia, odio e rancore non portano da nessuna parte...
servono solo a farci ammalare... quando si sta in pace con se stessi, si riesce a stare in
pace con il mondo intero.
Quando a volte "pensiamo" che il mondo ce l'abbia con noi... è solo perchè in fondo
in fondo, siamo in disaccordo con noi stessi!
Un caro saluto...  sorriso

Raggiodiluna

Vedi il profilo dell'utente
22
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum