Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Amore e super Amore "Il maestro E Margherita"

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Constantin
Constantin
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Amore e super Amore "Il maestro e Margherita"

Non so chi di voi abbia letto questo stupendo libro di Michail Bulgakov, io lo giuro, penso di averlo letto almeno una decina di volte.
Credo sia l'apologia dell'amore con la A super maiuscola. E non solo ovviamente.
Un Satana buonissimo, 3 demoni balordi ed esilaranti, una strega bellissima ed un poeta dell'antica scapigliatura, con storie di presente e passato che si intrecciano e anche un Gesù che più uomo di così non poteva essere.
La figura del maestro alle volte viene messa in ombra dagli eventi, ma resta un libro bellissimo.
Se qualcuno l'ha letto mi piacerebbe sapere cosa ne pensa.

Visualizza il profilo
2
Pazza_di_Acerra
Pazza_di_Acerra
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
E' il miglior romanzo del Novecento. L'ho già scritto un paio di volte qui dentro.

Visualizza il profilo
3
silena
silena
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Io vi ho colto anche la satira sociale e politica e quella nei confronti della casta letteraria dell'epoca, ma la dimensione mistico- religiosa mi è rimasta estranea.

Un gran bel libro.

Visualizza il profilo
4
Miss.Stanislavskij
Miss.Stanislavskij
Viandante Mitico
Viandante Mitico
Letto qualche anno fa:



- Scacco al re, - disse Woland.

- Prego, prego, - rispose il gatto, e si mise a guardare col binocolo la scacchiera. (…)



Sulla scacchiera, intanto, regnava lo scompiglio. Del tutto sconcertato, il re dal bianco manto scalpicciava nella sua casa, alzando le braccia per la disperazione. Tre bianchi pedoni-lanzichenecchi, con le alabarde, guardavano sgomenti un ufficiale che brandiva la sciabola e indicava un punto davanti a loro dove in due case contigue, una bianca e una nera, si vedevano i cavalieri neri di Woland, su due cavalli focosi che scavavano le case con gli zoccoli.

Margherita fu estremamente interessata e colpita dal fatto che i pezzi del gioco fossero vivi.

Il gatto allontanò il binocolo dagli occhi e diede al suo re una spintarella nella schiena. Costui, disperato, si nascose il viso fra le mani.

- Andiamo maluccio, caro Behemoth, - disse piano Korov'ev, con voce maligna.

- La situazione è grave, ma tutt'altro che disperata, replicò Behemoth, - anzi, dirò di piú: sono pienamente sicuro della vittoria finale. Basta analizzare ben bene la situazione.

E cominciò a eseguire quest'analisi in modo piuttosto strano, Sl mise cioè a fare certe smorfie e ad ammiccare al suo re.

- Non serve a niente, - osservò Korov'ev.

- Ahi! - gridò Behemoth, - i pappagalli sono volati via, come avevo predetto!

Infatti, da un punto lontano giunse un frusciare di numerose ali. Korov'ev e Azazello uscirono a precipizio dalla stanza.

- Il diavolo vi porti, voi e le vostre strambe invenzioni per il ballo, - bofonchiò Woland senza staccare gli occhi dal suo globo.

Non appena Korov'ev e Azazello furono scomparsi, Behemoth intensificò il suo ammiccare. Il re bianco, alla fine, indovinò quel che si voleva da lui. Improvvisamente si tolse il manto, lo gettò sulla casa e scappò via dalla scacchiera. L'ufficiale si buttò sulle spalle il regale indumento e prese il posto del re.

Ritornarono Korov'ev e Azazello.

- Bugie, come al solito, - brontolò Azazello, guardando di sbieco Behemoth.

- M'era parso di sentire, - rispose il gatto.

- Be', dico, durerà ancora molto questa storia? - chiese Woland. - Scacco al re.

- Probabilmente ho sentito male, maestro, - rispose il gatto, - lo scacco al re non c'è né ci può essere.

- Scacco al re, ripeto.

- Messere, - replicò il gatto con voce falsamente preoccupata, - lei si è sovraffaticato, non c'è scacco al re!

- Il re è nella casa G 2, - disse Woland, senza guardare la scacchiera.

- Messere, sono atterrito! - gemette il gatto, atteggiando il viso allo spavento, - su quella casa non c'è il re!

- Cosa? - chiese Woland, perplesso, e guardò la scacchiera, dove l'ufficiale che stava sulla casa del re s'era voltato dall'altra parte, coprendosi col braccio.

- Ah, furfante, - disse Woland, pensoso.

- Messere! Faccio di nuovo appello alla logica! - prese a dire il gatto, stringendosi le zampe al petto. - Quando un giocatore dichiara scacco al re mentre sulla scacchiera non c'è piú traccia di re, lo scacco è inesistente.

- Ti arrendi o no? - gridò Woland con voce terribile.

- Mi permetta di pensarci un poco, - rispose umilmente il gatto; appoggiò i gomiti sulla tavola, nascose i baffi tra le zampe e cominciò a pensare. Pensò a lungo, e alla fine disse: - Mi arrendo.



Visualizza il profilo
5
Constantin
Constantin
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
beh... mi aspettavo qualcosina in più, ma tre buone risposte mi vanno bene.
Quoto il terzetto e un ringraziamento speciale ( senza toglier niente a nessuno) a Silena per il suo non aver colto quella "dimensione mistico-religiosa" sorriso , cosa che aveva lasciato un piccolo vuoto nella formidabilità del romanzo. (tra le io non sono monoteista).

Visualizza il profilo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum