Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Il Rapporto tra Madre e Bambino: Seno e Fantasia

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Secondo Winnicott, ciascuno di noi vivrebbe in una condizione iniziale di indistinzione con la propria madre.
Le risposte della madre in questa fase devono essere appropriate ai bisogni del bambino,
il che significa presenti ma non invasive.
La cura fornita in altri termine deve sempore essere proporzionale in modo reciproco
alla capacità del bambino di tollerare la frustrazione dell'assenza.
La presenza di queste cure alimenta l'llusione nel bambino di essere in grado di creare
il seno ( l'appagamento) nel momento in cui lo desidera e ciò
sarebbe alla base dello sviluppo della creatività intesa in senso lato.
Poi però il fatto che "la madre sia buona ma non troppo" ridimensionerà questa illusione di onnipotenza,
consentendo la distinzione tra se ed il pargolo.
Senza addentrarmi nel come questo avvenga,
mi sorgono due domande a riguardo.
Non vorrei risposte tecniche, perchè anche io so poco o nulla.
Ci rifletto e basta.
Non so se voi disegnate o fate cose del genere, ma è evidente che aprescindere da risultato si tratta di creare.
Davvero si è come Dio rispetto a ciò che si inventa,
che significa essere esattamente come un bimbo che gioca:
si da vita alle cose e si crea un mondo.
Mi chiedo se l'eccessiva presenza del seno non possa favorire tutti l'assunzione
dio atteggiamenti non equilibrati rispetto a questa risorsa potenziale, come la sovrastima delle proprie fantasie,
l'incapacità di accetare la realtà, la tossicodipendenza ( che per me è ricerca della pace perduta della fusione), il narcisismo,
la nevrosi... o altro.
Viceversa invece mi chiedo cosa generi l'assoluta assenza di cure. Un soggetto assolutamente non creativo?
i fatti lo smentirebbero. E allora a quale risorsa attinge quel bambino?
..e che effetti producono le cure scoordinate e disfunzionali?

Vedi il profilo dell'utente
2
IlDucaBianco
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Sto cercando tra le vecchie discussioni, e ho notato questa ed un'altra che upperò. Non è difficile capire perch non ha avuto seguito: rispondere è difficile e si possono solo fare ipotesi.
Io credo sia ragionevole ipotizzare che un holding non ottimale ingeneri disfunzionalità a prescindere dal suo essere eccessivo sul versante dell'amore o del disamore, per il solo fatto di mancare di equilibrio.
Gli effetti della trascuratezza sembrano statisticamente coincidere con un'assenza di spirito di iniziativa, viceversa l'eccesso di cure sembra generare una sorta di delirio del bambino tiranno che permane nell'età adulta.
In ambedue i casi, il genitore attraverso l'amore non ha instillato un senso di realtà ottimale.
Però queste sono solo mie opinioni.

Vedi il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum