Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Insofferenza

Condividere 

Vai alla pagina : Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 2 di 2]

26
Candido
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
In questo periodo mi riesce difficile sia stare da solo sia trovarmi con altre persone. La chiamano "depressione".

Vedi il profilo dell'utente
27
nikki66
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Sempre. Io sono l'unica persona che a malapena riesco a sopportare.

Vedi il profilo dell'utente
28
SergioAD

Viandante Storico
Viandante Storico
Tenendo presente che siamo degli animali sociali e che senza la nostra società non vivremmo nemmeno una generazione in più, la solitudine è una percezione di uno stato di coscienza, quella dell'abbandono o simile è un'altra cosa - forse, credo che sia percepibile quando si diventa inutili per la società.

Due giorni fa sono andato a fare un controllo per un piano terapeutico che era scaduto e mi sono sentito uno stronzo perché ho lasciato che le mie condizioni di salute si aggravassero - in quel momento mi sono sentito solo e mi sono comportato in modo da apparire conforme ma è la mia decadenza.

Siamo responsabili del mostro che si trova in questo modello sociale e che poi per chi ha letto la risposta che ho avuto ne "i-comunisti-sono-fuori-moda", proprio dalle società decadenti e qualunquistiche come la nostra si dovrebbe imparare la lezione delle cose da non fare per evitare la decadenza sociale.

Ecco, voglio solo sperare che sia qualcosa che abbia a che fare con l'intelletto e che non sia uno di quei deliri che sono delle malattie mentali, poi vai a capire la differenza tra follia sociale e follia individuale. Se non ci fossero stati i messaggi di Nikki e Paolo non sarei intervenuto per incompatibilità.

Vedi il profilo dell'utente
29
PaperMoon
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
Ciao Candì
In-sofferenza fatti spettatore, di te, degli altri
Osserva

Vedi il profilo dell'utente
30
matilde
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
nei momenti di stress preferisco isolarmi
e godermi la natura
ma senza ascoltare nemmeno me stessa
silenzio assoluto
voglio solo guardarmi intorno e meravigliarmi

purtroppo sono rari questi momenti...

Vedi il profilo dell'utente
31
nikki66
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente

matilde ha scritto:nei momenti di stress preferisco isolarmi
e godermi la natura
ma senza ascoltare nemmeno  me stessa
silenzio assoluto
voglio solo guardarmi intorno e meravigliarmi

purtroppo sono rari questi momenti...

Ecco...il rapporto diretto con la natura ha fatto sì che molti anni fa abbandonassi una grande città per trasferirmi in mezzo ai campi... trovo le città specie le megalopoli disumanizzanti, generatriici di stress e di nevrosi...l'equilibrio interiore si ha con il contatto con l'ambiente naturale...è una vera e propria terapia...

Vedi il profilo dell'utente
32
matilde
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente

nikki66 ha scritto:
matilde ha scritto:nei momenti di stress preferisco isolarmi
e godermi la natura
ma senza ascoltare nemmeno  me stessa
silenzio assoluto
voglio solo guardarmi intorno e meravigliarmi

purtroppo sono rari questi momenti...

Ecco...il rapporto diretto con la natura ha fatto sì che molti anni fa abbandonassi una grande città per trasferirmi in mezzo ai campi... trovo le città specie le megalopoli disumanizzanti, generatriici di stress e di nevrosi...l'equilibrio interiore si ha con il contatto con l'ambiente naturale...è una vera e propria terapia...

sai tante volte ho desiderato allontanarmi da dove vivo
per una casina in un piccolo paesino di mare
ma nn ho mai avuto il coraggio fino in fondo per farlo
ho pensato ai vantaggi della città
anzi se penso alle proposte culturali , a 360gradi, anche la mia città mi sta stretta
rispetto ad una grande città multi sfaccettata

il vero sogno sarebbe avere piccoli nidi ubicati in spazi cosi diversi tra loro e da vivere a seconda dello stato d'animo
ma è un sogno...appunto....

Vedi il profilo dell'utente
33
Candido
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico

PaperMoon ha scritto:Ciao Candì
In-sofferenza fatti spettatore, di te, degli altri
Osserva

Come è vero! E quanto amo quel meraviglioso distacco che non è affatto indifferenza, visione da lontano che allarga il campo visivo! Perché da tanto tempo basta un alito di vento a piegarmi?

Vedi il profilo dell'utente
34
SergioAD

Viandante Storico
Viandante Storico
Candido! Scusami, nel mio messaggio ho citato Paolo ed invece dovevo citare te! Sono i messaggi tuo e quello di Nikki che mi hanno fatto pensare alla solidarietà. Non ti sarà importato più di tanto però per quello che vale ti sono vicino.

Vedi il profilo dell'utente
35
Aleister
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico

Candido ha scritto:
PaperMoon ha scritto:Ciao Candì
In-sofferenza fatti spettatore, di te, degli altri
Osserva

Come è vero! E quanto amo quel meraviglioso distacco che non è affatto indifferenza, visione da lontano che allarga il campo visivo! Perché da tanto tempo basta un alito di vento a piegarmi?

Perchè era uno sguardo fondato sullo psicologico, aveva un soggetto...

Vedi il profilo dell'utente
36
PaperMoon
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico


Lo sguardo senza più identificazione si fa animale, non c'è più scollamento tra corpo e soggetto. Anzi non c'è più soggetto, il pensiero altrove.

A volte il soggetto fetente resiste ed è insofferenza.

Vedi il profilo dell'utente
37
PaperMoon
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
Certo che detta così, con lo sguardo animale, vien da pensare ad una lobotomia sadness

Vedi il profilo dell'utente
38
Candido
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico

Aleister ha scritto:
Candido ha scritto:
PaperMoon ha scritto:Ciao Candì
In-sofferenza fatti spettatore, di te, degli altri
Osserva

Come è vero! E quanto amo quel meraviglioso distacco che non è affatto indifferenza, visione da lontano che allarga il campo visivo! Perché da tanto tempo basta un alito di vento a piegarmi?

Perchè era uno sguardo fondato sullo psicologico, aveva un soggetto...

Certamente. Sono tanti anni che nel mio gruppo si disquisisce sugli inganni dell'io e per me quel pizzico di distacco oggettivo è ancora lontano...
Da quasi un anno soffro di vertigini continue, la testa vuota e come in barca, fior di medici, osteopati, chiropratici, ellettrostimolazioni, un nuovo sistema con palpazioni palatali...niente, mi sembra di stare peggio di prima e mi risulta pesante riuscire a concentrarmi su ogni cosa. E' subentrata una forte depressione. Sono certo che il problema è anzitutto psicologico, il mio distacco non è quello buono, positivo, ma si basa su un senso di estraneità rispetto agli altri. E se sto male forse è perché non rispetto il mio vero livello profondo...uno stato di squilibrio che mi colpisce alla testa con certi sintomi...infatti, nei rari momenti in cui sono più tranquillo ne risento di meno...

Vedi il profilo dell'utente
39
Candido
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico

SergioAD ha scritto:Candido! Scusami, nel mio messaggio ho citato Paolo ed invece dovevo citare te! Sono i messaggi tuo e quello di Nikki che mi hanno fatto pensare alla solidarietà. Non ti sarà importato più di tanto però per quello che vale ti sono vicino.

Ti ringrazio Sergio, forse hai vissuto qualcosa di simile a quello che vivo io...

Vedi il profilo dell'utente
40
Candido
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico

PaperMoon ha scritto:

Lo sguardo senza più identificazione si fa animale, non c'è più scollamento tra corpo e soggetto. Anzi non c'è più soggetto, il pensiero altrove.

A volte il soggetto fetente resiste ed è insofferenza.

Anche in sofferenza...

Vedi il profilo dell'utente
41
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 2 di 2]

Vai alla pagina : Precedente  1, 2

Argomenti simili

-

» Insofferenza

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum