Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

La storia delle perline

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Lucio Musto
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
LA STORIA DELLE PERLINE

(fatto autobiografico)


Era domenica mattina, verso le otto, quando Alfonso ed io fummo fermati dai Finanzieri.

Trasportavamo le perline in legno di pino laccato ai poliesteri per rivestire le pareti della camera di Valentina da casa mia, dove le avevamo tagliate a misura, a casa sua, dove andavano montate.

Penso tutti sappiano che Valentina è la figlia di Alfonso, quella più grande.

Ci intimano lo stop, i due giovanottoni in grigioverde, col cipiglio di chi ha intercettato i capi dell'Anonima Sequestri, e Alfonso subito si agita:

«Mannaggia Lu’, te l'avevo detto che siamo troppo pesanti sul tetto con tutto questo legname... questi ci sequestrano doghe e macchina... e ce la dobbiamo pure fare a piedi...»

No, non ce l'hanno con i due quintali e passa di sovraccarico sul portabagagli; vogliono patente e libretto e i documenti di viaggio...

I… «che cosa??».

Pare che per portare le perline per la camera di Valentina ci volesse qualcosa come fattura, o scontrino o bolla... o roba del genere...

Noi, di queste cose non ne avevamo mai sentito parlare... al massimo le bolle ci erano venute alle mani per il non usuale gran lavoro fisico che avevamo fallo a tagliare tutte quelle strisce.

Gliele abbiamo fatte vedere, le bolle, ma pare non fossero quelle che volevano loro.

Chiacchiera chiacchiera non si cavava un ragno dal buco; ma poi, piano piano ci siamo resi conto che i due armigeri si erano convinti della nostra buona fede, e che noi non volevamo fregare né lo Stato né altri, ma che continuavano a trattenerci cercando di capire cosa fossero ed a che cosa servissero quelle strisce di legno sottile ruvide da una parte e cosi lucide dall'altro e con quella strana sezione con un dentino da un lato ed una scanalatura dall’altro.

E giustamente noi, sollevati per lo scampato pericolo, ché di multe e di sequestro non si parlava più, si sentimmo ben lieti di illustrare dettagliatamente funzione, tecniche di montaggio e prezzi di questi misteriosi oggetti.

E spiegammo loro dell'ordito di sostegno in listelli di abete, dei pannelli isolanti di polistirolo espanso per le pareti fredde o di poliuretano contro i rumori, dei chiodini invisibili per un perfetto fissaggio, dei trucchi di alternanza delle stecche per un miglior effetto estetico...

Spiegammo dei coprifilo e dei salvaspigoli, degli sgusci negativi e del battiscopa...

Offrimmo tutta, ma proprio tutta insomma la nostra conoscenza sull'argomento ed anche il nostro entusiasmo per una sì calda ed accogliente soluzione d'arredo.

«Sapete, mi avete convinto»
- sbotta ad un certo punto uno dei due, quello con la faccia meno da cretino –
«io ho il problema della camera di mio figlio che ha due pareti esposte a nord (due?!...) e ci fa un freddo cane… farò proprio come consigliate voi... ci metto queste cose qui, identiche, e col pollatirolo e tutto il resto…

Anzi, io farò ancora di più.

Dopo aver finito come avete detto voi, ci compro una bella carta da parati e ce l'incollo sopra……»

«Ma siete Carabinieri voi?»… Sbotta istintivamente Alfonso.

«No, finanzieri,... perché, non si vede?...»

«Affò,… fammi la carità, andiamocene, che s’è fatto tardi...»



Lucio Musto trascritta 30 maggio 2000 (parole 524)

Vedi il profilo dell'utente
2
paolo iovine Online
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
una ventina di anni fa, o poco più, mi fermò una pattuglia dei carabinieri intorno alle undici di sera. Senza neanche chiedermi i documenti, appena fermato, ci guardammo e il carabiniere con la paletta batte il tacco e mi salutò militarmente.

Vedi il profilo dell'utente
3
Lucio Musto
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
evidentemente ti scambiò per un......................

Vedi il profilo dell'utente
4
paolo iovine Online
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
...un servitore dello stato ? Indovinò.

Vedi il profilo dell'utente
5
Lucio Musto
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
ecco!... si!!! volevo dire proprio quello.... ma non mi veniva!!! rotolarsi dal ridere

Vedi il profilo dell'utente
6
emma55
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
Quando mi fermano esibisco la patente militare.... e risolvo prima e senza tante chiacchiere cool

Vedi il profilo dell'utente
7
Lucio Musto
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem

emma55 ha scritto:Quando mi fermano esibisco la patente militare.... e risolvo prima e senza tante chiacchiere cool

si, conosco il trucco. Lo usava un mio amico colonnello dei carristi (di complemento)
aveva sempre nella patente il tesserino militare... e li esibiva insieme. Mai presa una multa,
Viva l'Italia!

Vedi il profilo dell'utente
8
emma55
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
Non il tesserino...La patente militare ce l ho e sono una delle poche

Vedi il profilo dell'utente
9
emma55
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
Ma..non e' per le multe. In vita mia ne avro'prese 1 o 2..ma per essere sbrigativi nell espletare i controlli

Vedi il profilo dell'utente
10
paolo iovine Online
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
bah, di qualcosa bisognerà pur morire; la ragion di stato mi rasserena.

Vedi il profilo dell'utente
11
paolo iovine Online
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico

Lucio Musto ha scritto:ecco!... si!!! volevo dire proprio quello.... ma non mi veniva!!! rotolarsi dal ridere

vedi Lucio, io credo nello stato; ci credo fino alla morte; come tu, o qualche altra persona, credete nel vostro puzzolente dio.

Vedi il profilo dell'utente
12
Lucio Musto
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
anche io credo nello Stato, Paolo Iovine.
E continuerò a crederci, per quanto puzzolente possa diventare,
ancora più puzzolente di come si sia riusciti a farlo diventare oggi.
Perché vedi, amico mio, io ho in me la volontà, ed anche la speranza!

Vedi il profilo dell'utente
13
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum