Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Il cervello e i discorsi dei politici

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Faust
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
La politica è un terreno scivoloso in cui tutto e il contrario di tutto viene detto e fatto. Come è possibile? Forse la psicologia ci spiega oggi il perchè: non ascoltiamo i discorsi dei politici o, meglio, se anche li ascoltiamo, non ne registriamo il contenuto. Lo afferma uno studio recentemente condotto da un team di psicologi delle università australiane di Monash, del Queensland e di Groningen che si è focalizzato su ciò che accade nel cervello dei votanti quando leggono i discorsi dei loro leader politici.
I ricercatori hanno formato un team di 40 volontari scelti tra persone fortemente di destra o di sinistra e hanno chiesto loro di leggere e valutare una serie di frasi attribuite a noti leader delle due parti politiche ma, in realtà, preparate a tavolino dagli scienziati stessi. Durante il test i volontari sono stati sottoposti a risonanza magnetica per immagini per verificare quanto e come ciascuna affermazione venisse elaborata dal cervello. Dall’analisi dei risultati è emerso che frasi identiche venivano valutate come fortemente ispirazionali solo se attribuite al leader della propria parte politica.
Non solo: le risonanze avrebbero confermato che le affermazioni del proprio politico attivano maggiormente il cervello di chi le legge. Le stesse aree si attiverebbero anche durante la lettura di frasi poco positive attribuite al leader della fazione opposta.
Insomma, sembra proprio che il nostro cervello si accenda in maniera selettiva per sottolineare gli aspetti positivi nei discorsi dei nostro politici preferiti e tutti quelli negativi nelle parole degli avversari

Vedi il profilo dell'utente
2
paolo iovine
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
embè ? E' ovvio. Hitler amava spesso dire il massimo è appena sufficiente; se la stessa frase la attribuisci a Gandhi, è chiaro che assume tutt' altro significato.

Vedi il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum