Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Storia della chirurgia estetica

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Pazza_di_Acerra
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Le trincee della Prima Guerra Mondiale proteggevano i corpi, ma non le teste e i volti dei soldati che si sporgevano, ed erano il primo bersaglio del fuoco nemico. Molti sopravvivevano ai colpi di artiglieria, al prezzo però di rimanere orrendamente sfigurati al volto per tutta la vita. La chirurgia plastica moderna si può considerare nata in quelle circostanze atroci, proprio per tentare di ricostruire i volti  dei combattenti devastanti dalle schegge di granata.
All’inizio, l’unica possibilità  era ricucire alla meglio dove si poteva e poi coprire le parti del volto rimaste troppo sfigurate con una maschera di metallo. Nacquero dei veri e propri laboratori, a metà tra atélier artistico e studio medico, per creare degli artefatti che consentissero almeno un parziale ritorno  alla vita civile. In Inghilterra, lo scultore Francis Derwent Wood dette vita a un servizio specifico per i soldati, ricostruendo in maniera meticolosa il volto e la fisionomia originale.
Ben più difficile era però ricostruire chirurgicamente i volti devastati, e a questa attività si dedicò un medico di origini neozelandesi, Harold Gillies, considerato uno dei padri della chirurgia plastica. Aveva visto dei tentativi di trapianto di lembi di pelle svolti pionieristicamente a Berlino e a Parigi, ed era convinto che la tecnica potesse funzionare. La tecnica di Gillies consisteva nell’innestare lembi di pelle a forma tubolare dalle parti sane del corpo della stessa persona, che riducevano molto il rischio di infezioni e di rigetto. Per mantenere la vascolarizzazione, le parti di pelle rimanevano inizialmente attaccate al sito da cui venivano prelevate, per esempio la fronte o una spalla.

Visualizza il profilo
2
paolo iovine
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
storicamente la nascita della chirurgia viene fatta partire dai barbieri; e non solo quella estetica. Ma un evoluzione vera e propria ha cominciato ad averla con l' introduzione dell' anestesia.

Visualizza il profilo
3
Pazza_di_Acerra
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Dai barbieri?

Visualizza il profilo
4
paolo iovine

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum