Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

I nostri diritti

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Dream memories
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Ritenete che ognuno di noi possegga sin dalla nascita dei diritti inviolabili e inalienabili, oppure credete che il diritto sia una costruzione culturale?
Quali ritenete siano questi diritti? Quale diritto vi attribuite e ritenete giusto difendere?


Inizio io

Il diritto allla mia autorealizzazione



Vedi il profilo dell'utente
2
lunantica

Viandante Residente
Viandante Residente
Un diritto fin dalla nascita? Essere amati.

L'amore è fondamentale, nessuno dovrebbe trovarsene privo, invece c'è chi nasce già non essendo amato...e dev'essere terribile.

Vedi il profilo dell'utente
3
Lucio Musto
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Io pregiudizialmente direi che il "diritto" è solo il polo di una calamita che dall'altra parte si chiama "dovere"

e SOTTOLINEEREI che non esiste diritto senza dovere.

Vedi il profilo dell'utente
4
paolo iovine
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
sin dalla nascita pare che ciascuno abbia diritto a un bue e un asinello; il resto è storia...

Vedi il profilo dell'utente
5
Lucio Musto
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Infatti. Li pagherai con una croce.

Vedi il profilo dell'utente
6
Magonzo
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Lucio Musto ha scritto:Io pregiudizialmente direi che il "diritto" è solo il polo di una calamita che dall'altra parte si chiama "dovere"

e SOTTOLINEEREI che non esiste diritto senza dovere.
beh, sottolinei male, e te lo dimostro subito:

quali "doveri" attribuisci ad un bambino di due anni, ad un soggetto in coma, a persona incapace di intendere e volere ?
eppure, si tratta di soggetti inequivocabilmente titolari di diritti, almeno nel sistema convenzionale che quei diritti prevede;

solo come spunto di riflessione sulla complessità della questione, eh...SGHIGNAZZARE

perché è evidente che in generale un sistema di regole che preveda garanzie (diritti), implica che la generalità dei soggetti titolari di piena facoltà si attengano anche a quelle stesse regole; ma questo è ovvio;

il punto però è che, siccome le regole sono convenzionali e quindi mutevoli, l'esercizio della forza può istituire un sistema per cui sarebbe "diritto" di Magonzo comandare e "dovere" di Lucio Musto di obbedire, in cambio del diritto di Lucio Musto ad un pugno di riso e dell'obbligo di Magonzo di fornirglielo;
il saldo, ovviamente è opinabile Sorriso Scemo

Vedi il profilo dell'utente
7
Lucio Musto
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
evidentemente non sono stato capace di spiegarmi bene, o potrebbe darsi che tu non abbia inteso capirmi.
Non è un discorso di do ut des, sarebbe troppo facile e banale, come un baratto.
Ma ad ogni diritto corrisponde un dovere, nell'economia globale.

E se il bambino ha diritto ad essere accudito questo smuove automaticamente l'obbligo di un altro ad accudirlo. Diciamo esattamente come nei due poli di una calamita trascurando per semplicità di discorso il piccolo, inevitabile ed onnipresente spreco di energia.

Nella globalità quindi, diritti e doveri si equilibrano, e l'amore che oggi il bimbo pretende (apparentemente gratis) domani dovrà pagarlo restituirlo senza contraccambio.

Naturalmente poi ci stanno i furbi, che prendono senza dare, i furbetti che credono di farlo anche loro rimettendoci sistematicamente, i generosi che danno con gioia, gli imbecilli che sprecano solamente.

Dici molto bene. Lucio paga e Magonzo incassa. Ci può stare, in un momento ed in un luogo.
Ma il sistema è chiuso, ed il saldo è inequivocabimente sempre zero!

Solo gli stupidi pensano di poter accedere per sempre a riserve inesauribili... o i sindacalisti che però investono sul lungo termine per mangiare nel loro breve, o quelli convinti che tutti possano vincere la lotteria, e lo pigliano a quel servizio.

Vedi il profilo dell'utente
8
Magonzo
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Lucio Musto ha scritto:evidentemente non sono stato capace di spiegarmi bene, o potrebbe darsi che tu non abbia inteso capirmi.
Non è un discorso di do ut des, sarebbe troppo facile e banale, come un baratto.
Ma ad ogni diritto corrisponde un dovere, nell'economia globale.

E se il bambino ha diritto ad essere accudito questo smuove automaticamente l'obbligo di un altro ad accudirlo.   Diciamo esattamente come nei due poli di una calamita trascurando  per semplicità di discorso il piccolo, inevitabile ed onnipresente spreco di energia.
beh, l'affermazione che hai postato era molto sintetica e generica che si prestava per forza ad interrogativi;
ho solo voluto evidenziare che le nozioni di "diritto" e "dovere" possono essere meno intuitive e simmetriche - in diritto si direbbe sinallagmatiche - di quanto si creda, dato che, se l'obbligo a fronte del diritto è una mera evidenza dialettica, oneri e benefici non sono affatto scontati quanto ai soggetti interessati;
infatti:

Nella globalità quindi, diritti e doveri si equilibrano, e l'amore che oggi il bimbo pretende (apparentemente gratis) domani dovrà pagarlo restituirlo senza contraccambio.
sei propri sicuro di quello che scrivi ?

il bimbo non è in grado di "pretendere", non nel senso del diritto nell'accezione concettuale non giuridica come lo può concepire un adulto, perciò difficilmente può essergli imputabile alcun obbligo che non abbia contratto, se non nell'intenzione unilaterale dell'adulto, il quale educherà quel bambino unilateralmente a quel codice;
questo è già un po' diverso dall'idea contrattualistica cui normalmente ci riferiamo, concepita tra individui adulti;

se si cura un anziano malato e privo di prospettive di recupero si adempie ad un dovere, ma questo prescinde dall'effettivo merito e contributo della persona in oggetto, che potrebbe anche "non meritare";

Naturalmente poi ci stanno i furbi, che prendono senza dare, i furbetti che credono di farlo anche loro rimettendoci sistematicamente, i generosi che danno con gioia, gli imbecilli che sprecano solamente.

Dici molto bene.  Lucio paga e Magonzo incassa.   Ci può stare, in un momento ed in un luogo.
Ma il sistema è chiuso, ed il saldo è inequivocabimente sempre zero!
mah... dici che il saldo è zero ?

se io sono il conte e tu il servo, ti sfrutto tutta la vita in cambio di un pugno di riso, forse tu puoi convincerti che ciò sia giusto ed equo;
ma la valutazione del saldo dipende, appunto, dal sistema di valori in cui ci muoviamo, che è discutibile per definizione;

se io cresco in un ambiente mafioso e sono osservante del relativo sistema di diritti e doveri, dominante nel mio ambiente, posso nutrire l'aspettativa di far carriera nella cosca;
poi però, un bel giorno la DIA sgomina la cosca, lo stato si riappropria inopinatamente della sovranità, e mi arrestano, mentre il boss scappa ai Caraibi;

io ho adempiuto fedelmente a ciò a cui sono stato educato come dovere, ma l'ho preso in tasca, perché il sistema di regole non è garanzia assoluta;
l'esempio più lampante è quello degli imputati di Norimberga, i quali, ritenendosi protetti dall'obbedienza, si sono ritrovati "nudi" di fronte alla dimostrazione che quella stessa obbedienza presentasse profili impliciti e diversi, responsabilità implicitamente ammesse ma non formalizzate;

quali diritti e doveri potevano essere attribuiti a quegli imputati, e sulla base di cosa ?

Vedi il profilo dell'utente
9
Lucio Musto
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
io normalmente mi rivolgo a persone capaci di raziocinio, non a detrattori a tempo perso.

Vedi il profilo dell'utente
10
Magonzo
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Lucio Musto ha scritto:io normalmente mi rivolgo a persone capaci di raziocinio, non a detrattori a tempo perso.
io normalmente invece discuto solo delle idee, quali scritte nero su bianco e confutabili mediante quello stesso raziocinio;

ma, per educazione, evito di esprimere commenti e giudizi sulle persone, che esulano dalla discussione sulle idee che eventualmente quelle persone possono esprimere.

Vedi il profilo dell'utente
11
Lucio Musto
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Magonzo ha scritto:
Lucio Musto ha scritto:io normalmente mi rivolgo a persone capaci di raziocinio, non a detrattori a tempo perso.
io normalmente invece discuto solo delle idee, quali scritte nero su bianco e confutabili mediante quello stesso raziocinio;

ma, per educazione, evito di esprimere commenti e giudizi sulle persone, che esulano dalla discussione sulle idee che eventualmente quelle persone possono esprimere.

ok ok

Vedi il profilo dell'utente
12
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum