Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

II TURNO - 1 giro - Horror : si legge Il gioco di Gerald -S.King

Condividere 

Vai alla pagina : 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 3]

1
Miss.Stanislavskij
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
Il gioco di Gerald -S.King
Jessie e Gerald sono una coppia in cerca di nuovi stimoli alla loro vita sessuale. Così si recano in una casa isolata in riva a un lago e lì incominciano un gioco erotico. Gerald ammanetta la compagna al letto e inizia a fare sesso con lei, finché un infarto lo stronca.
Jessie si trova quindi sola, nuda, in una casa isolata, ammanettata a un letto, senza la possibilità di chiedere aiuto.
La storia, in pratica, inizia qui. Dopo i primi tentativi (falliti) di liberarsi, Jessie scivola in uno stato di abbandono psicologico, durante il quale riaffiorano alla sua memoria episodi inquietanti del suo passato, mescolati con immagini e sensazioni del presente, forse neppure reali.

"Il gioco di Gerald" è un romanzo claustrofobico, allucinato. La cronaca di una sorta di autoipnosi involontaria, condotta con sapienza sul filo di una tensione sempre crescente. La semplicità della vicenda è solo apparente. La maestria di Stephen King sta proprio nel riuscire a tenere il lettore incollato alla pagina, senza colpi di scena, soltanto scavando sempre più a fondo nella psiche di una donna che sa di essere in una trappola dalla quale non ha possibilità di uscire.
Uno dei migliori King. Geniale.

Vedi il profilo dell'utente
2
Arwen
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Prenotato! Dalla trama sembrerebbe interessante.

Vedi il profilo dell'utente
3
Miss.Stanislavskij
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
Io l'ho prenotato, dovrei ritirarlo oggi o domani, però avviso, se mi impressiona troppo mi ritiro.

Vedi il profilo dell'utente
4
Yale
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
L'ho letto. Carino. E a mio parere non impressiona così tanto, diversamente da Cujo, dello stesso autore. Buona lettura!

Vedi il profilo dell'utente
5
il pilota
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
L'ho letto anni fa. Tanto entusiasmante... che non mi ricordo quasi nulla. nascondersi Yale ha detto giusto, non impressiona.

Avevo preso un "quasi tutto" di King su una bancarella, ma ho letto solo Il gioco di Gerald e di Stagioni diverse, Rita Hayworth o la redenzione di Shawshank (quello che fu "adattato" per ottenere il film Le ali della libertà).

Vedi il profilo dell'utente
6
Miss.Stanislavskij
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
Io ho letto "Il miglio verde"

Vedi il profilo dell'utente
7
Yale
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
In prima liceo ero una King-dipendente e di libri suoi ne ho divorati parecchi: i miei preferiti sono "La lunga marcia" e "L'ombra dello scorpione".

Vedi il profilo dell'utente
8
paolo iovine
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
King, King; ode a Wilbur Smith quando descrive Riccardo Monterro, ammalato terminale di tumore al cervello, durante le sua ultima caccia ne L' ultima preda; un volume di una velocità impressionante; amore, amicizia, coraggio e avventura, che fa riflettere sulla banalità del nostro vivere quotidiano.

Vedi il profilo dell'utente
9
Yale
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
Per quello che mi riguarda tra S.King e W.Smith non c'è gara.

Vedi il profilo dell'utente
10
paolo iovine
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
a livello di evasione, Smith, per me, non ha rivali; King si muove troppo attraverso i canoni della quotidianità; Smith, nelle situazioni proposte da King, ti scriverebbe almeno dieci pagine in cui se ne cava fuori con rinnovata energia; è un Africa che non esiste più, ma che ancor' oggi può pretendere di fare scuola.

Vedi il profilo dell'utente
11
Yale
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
@paolo iovine ha scritto:a livello di evasione, Smith, per me, non ha rivali; King si muove troppo attraverso i canoni della quotidianità; Smith, nelle situazioni proposte da King, ti scriverebbe almeno dieci pagine in cui se ne cava fuori con rinnovata energia; è un Africa che non esiste più, ma che ancor' oggi può pretendere di fare scuola.

Come al solito, Paolo, quando scrivi dimostri di farlo senza cognizione di causa: libero di preferire altri autori, ma questa frase dimostra che di King hai letto forse solo i titoli.

Vedi il profilo dell'utente
12
Arwen
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Miss.Stanislavskij ha scritto:Io l'ho prenotato, dovrei ritirarlo oggi o domani, però avviso, se mi impressiona troppo mi ritiro.
Vabbè ma non lasciarmi sola!  Cerca di farti coraggio, in due ci sosteniamo sorriso

Io di S. King ho letto solo Shining-Una splendida festa di morte  tantissimi anni fa e mi è piaciuto.
Oggi lo ritiro.

Vedi il profilo dell'utente
13
silena
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Se lo trovo presto, lo leggo insieme a voi.

Vedi il profilo dell'utente
14
Miss.Stanislavskij
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
@Arwen ha scritto:
@Miss.Stanislavskij ha scritto:Io l'ho prenotato, dovrei ritirarlo oggi o domani, però avviso, se mi impressiona troppo mi ritiro.
Vabbè ma non lasciarmi sola!  Cerca di farti coraggio, in due ci sosteniamo sorriso

Io di S. King ho letto solo Shining-Una splendida festa di morte  tantissimi anni fa e mi è piaciuto.
Oggi lo ritiro.

@silena ha scritto:Se lo trovo presto, lo leggo insieme a voi.

prenotato, ma non è ancora arrivato aspetto

Vedi il profilo dell'utente
15
Miss.Stanislavskij
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
@Yale ha scritto:
@paolo iovine ha scritto:a livello di evasione, Smith, per me, non ha rivali; King si muove troppo attraverso i canoni della quotidianità; Smith, nelle situazioni proposte da King, ti scriverebbe almeno dieci pagine in cui se ne cava fuori con rinnovata energia; è un Africa che non esiste più, ma che ancor' oggi può pretendere di fare scuola.

Come al solito, Paolo, quando scrivi dimostri di farlo senza cognizione di causa: libero di preferire altri autori, ma questa frase dimostra che di King hai letto forse solo i titoli.

Di W.Smith ho letto diversi titoli Monsone, quello dell'aviatore, uno del filone egizio... e poi però non me li ricordo, trattandosi di lettura di evasione . Poi dovevo liberare la libreria e li ho regalati in biblioteca.

Smith è un furbacchione, ci mette dentro tutto nei romanzi, il noir, l'erotico, il giallo, il macabro, il sado, il morboso... non può non piacere.

Vedi il profilo dell'utente
16
laura18

Viandante Mitico
Viandante Mitico
Io trovo che tutti e due seppure in maniere diverse, adottino uno stile "leggero"...come hai ben detto Miss -"lettura di evasione "

Vedi il profilo dell'utente
17
Arwen
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Miss.Stanislavskij ha scritto:

prenotato, ma non è ancora arrivato aspetto
Allora facciamo il tifo affinchè arrivi inizio a sorridere
Fai di tutto perchè a mio parere è veramente interessante, S. King è un maestro anche della suspance e fin dalle prima pagine il libro prende, ieri sera strano a dirsi mi sono letta d'un fiato oltre sessanta pagine, cosa rarissima per me che di solito mi addormento sui libri sorriso

La storia non è incentrata tanto sul gioco sadomaso ma i risvolti psicologici della protagonista trovatasi controvoglia, anche se all'inizio consenziente, in un gioco apparentemente banale essere amanettata ad un letto dal suo  stesso compagno-marito, pensando   di poter interrompere il gioco finito nel momento in cui è iniziato ma scoprirà che non è così, non ha il potere di fermarlo,  e questo le  può costare la vita.
Quindi i risvolti psicologici che portano a galla anche un rapporto con il marito che ormai era logoro, incubi del passato che si risvegliano e che forse spiegano la reazione violenta di lei che ha causato l'inizio dell'incubo reale che sta vivendo in quella stanza.

Appena posso riporto delle citazioni.

Vedi il profilo dell'utente
18
Yale
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
@Miss.Stanislavskij ha scritto:
@Yale ha scritto:
@paolo iovine ha scritto:a livello di evasione, Smith, per me, non ha rivali; King si muove troppo attraverso i canoni della quotidianità; Smith, nelle situazioni proposte da King, ti scriverebbe almeno dieci pagine in cui se ne cava fuori con rinnovata energia; è un Africa che non esiste più, ma che ancor' oggi può pretendere di fare scuola.

Come al solito, Paolo, quando scrivi dimostri di farlo senza cognizione di causa: libero di preferire altri autori, ma questa frase dimostra che di King hai letto forse solo i titoli.

Di W.Smith ho letto diversi titoli Monsone, quello dell'aviatore, uno del filone egizio... e poi però non me li ricordo, trattandosi di lettura di evasione . Poi dovevo liberare la libreria e li ho regalati in biblioteca.

Smith è un furbacchione, ci mette dentro tutto nei romanzi, il noir, l'erotico, il giallo, il macabro, il sado, il morboso... non può non piacere.

Fedele al motto, non discuto i gusti personali.
Rigetto semplicemente la descrizione fatta di S. King.

Vedi il profilo dell'utente
19
paolo iovine
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
rigettare è lecito; contrapporre una propria recensione è onesto.

A me, in prima liceo, piaceva molto Kierkegaard; ma non penso abbia bisogno di essere difeso da me.

Vedi il profilo dell'utente
20
Yale
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
@paolo iovine ha scritto:rigettare è lecito; contrapporre una propria recensione è onesto.

A me, in prima liceo, piaceva molto Kierkegaard; ma non penso abbia bisogno di essere difeso da me.

Ah scusa. Credevo che la mia "recensione" (come la chiami tu) fosse chiara. Ma rimedio immantinente: "S.King non si muove mai attraverso i canoni della quotidianità".
E, sempre per chiarezza, io non difendo nessuno: critico solo chi parla a vanvera. E' diverso.

Vedi il profilo dell'utente
21
paolo iovine
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
sei peggio di un rabbino scozzese.

Vedi il profilo dell'utente
22
Yale
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
Pure le metafore le fai a casaccio!
Grandioso.

Vedi il profilo dell'utente
23
paolo iovine
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
posso invitarti a cena ? Tranquilla, pago io.

Vedi il profilo dell'utente
24
Yale
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
Sarei tentata di chiederti da dove deduci la mia tirchieria, ma in fondo le associazioni libere non sono mai state di mio interesse.
E no, grazie: durante le cene io adoro comunicare.

Vedi il profilo dell'utente
25
paolo iovine
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
pensare che avevo in mente per te una terrazza sul mare, seguita da un dancing latino americano..

Vedi il profilo dell'utente
26
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 3]

Vai alla pagina : 1, 2, 3  Seguente

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum