Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Rom, zingari, gitani - Emarginazione e stigma di un'etnia

Condividi 

Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5 ... 10 ... 16  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 4 di 16]

76
Hara2
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Meglio. Decisamente meglio. Che di cazzate odiose mi pare tu ne abbia scritte abbastanza

Vedi il profilo dell'utente
77
Hara2
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Poi con calma, dopo che hai preso la terapia, mi spieghi cos'è che urta tanto il tuo così sensibile spirito?
Perchè devi insultare chi la pensa diversamente da te?
Sei davvero razzista o stai solo trollando?
Sei cretino o ci fai?

Vedi il profilo dell'utente
78
FakeCollettivo
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Abito questa periferia da quasi vent'anni (prima abitavo in un'altra periferia più periferica ancora se possibile).
Il campo nomadi dista da casa mia circa 400 metri.
I ragazzini nomadi vanno  a scuola con i miei figli.
Ho visto genitori del campo portare i figli di peso a scuola e, per "di peso", intendo dire caricati sulle spalle e portati a forza, volenti o nolenti.
Dunque concludo che quelli sono genitori che vogliono che i figli vadano a scuola.
Per contro concludo che per un bambino abituato ad andare in giro mezzo nudo tutto il giorno fino all'età di sei anni e anche più, trovarsi a dover stare otto ore seduto in una classe di estranei e per lui, probabilmente, alienati, deve essere un grosso trauma.
Rubano? Sì rubano.

Avevo una compagna di classe alle medie cui volevo molto bene,  i suoi genitori mi hanno sempre accolta in casa loro in maniera gentilissima e generosa.
Ho saputo che erano zingari per deduzione, anni dopo, perché mentre stavo a casa loro, pure che i figli dormivano ammucchiati in una sola stanza, pure che alcuni vivevano in casa altri all'aperto in giardino, non avevo mai dedotto che ci fosse qualcosa di insolito, finché non sono stata in età adulta e sentendo parlare altre persone è venuto fuori che erano "zingari a metà" in qualche modo.
Io a casa loro ho passato tra i pomeriggi più belli della mia vita!
Mi ricordo che la mamma non voleva che la mia amica andasse in giro da sola perché temeva le facessero del male.
Rubavano? Non mi risulta, maneggiavano in motori e motorini, certo non mi sono mai posta troppe domande.

Qualche anno fa ero in montagna a passarmi una giornata in calma, fresco e tranquillità, ero lì che "massacravo" i figli sulla coperta e si avvicina una zingara che mi chiede se le do dei tovaglioli che lei li ha dimenticati, le dico "prendi, sono lì sul tavolino". Mi hanno poi offerto da bere, vino rosso, timidamente ho rifiutato, allora lo hanno lasciato nel torrente e se ne sono andati, non ho resistito, dovevo provarlo!Mai assaggiato un vino così, sapeva d'uva! Li ho poi rivisti altre volte quell'anno, poi non più.


Poi ci sono le due zingare che stazionano fuori dai market in quartiere, la giovane è bellissima, che solo a guardarla mi vien da piangere, la vecchia è malconcia, d'inverno mi si stringe il cuore a vederla al freddo.

Questa è la mia esperienza con zingari, generalmente, anche sse pure loro discriminano tra io sono sinti, quello è rom!

ps. Aggiungo solo una cosa, più passa il tempo e più comincio a pensare che i fessi siamo noi.

Vedi il profilo dell'utente
79
Magonzo
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
i sinti, poi, battono le punizioni benissimo; guarda Pirlo; mica come quel negro di Balo, che il più delle volte le sparacchia in tribuna o sulla barriera Sorriso Scemo

Vedi il profilo dell'utente
80
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Idealisti contro realisti.
Unico esito possibile la guerra totale?
Potrebbe anche non essere così se ci ricordassimo della complessità di piani e di dimensioni che entrano in gioco qui, e che vanno tutte considerate.
Innanzitutto parliamo di zingari. Ma quanti sono i gruppi che rientrano in questa macro categoria?
Ognuno di questi sotto gruppi ha una sua cultura. La conosciamo?
Non credo bene, e in ogni caso, come è inevitabile solo dal di fuori. E attraverso cosa la osserviamo dal di fuori? Attraverso il rapporto di questa cultura con la nostra.
Qui in realtà si sta parlando di un problema di relazione tra cultura e cultura. Il problema è reale, e ha risvolti pratici ( ricordati dai realisti) e implicazioni etiche ( ricordate dagli idealisti). Entrambi gli aspetti  dipendono da un problema di contatto, e cioè da entrambi.
Per cui sarebbe utile più che beatificare o demonizzare un gruppo a partire dalla nostra estraneità ad esso, capire come gestire il contatto. Per farlo occorre conoscere e capire, e non per bontà d'animo, ma perchè la soluzione pratica funzioni e ci conceda il lusso di poter essere gli uni per gli altri persone.

Intanto cultura Rom.
Interessante il paragrafo sull'economia.
http://www.operanomadimilano.org/viaggio/viaggioterza/cultura%20e%20tradizioni.htm

Vedi il profilo dell'utente
81
Hara2
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Ripropongo anche http://www.everyonegroup.com/downloads/ReportITA.pdf

Breve estratto
Relazione sulla situazione dei bambini e ragazzi Rrom in Italia. ha scritto:
Prima di scrivere o di parlare della situazione dei bambini e dei ragazzi Rrom in Italia, è necessario premettere che in Italia è in corso da anni una vera e propria persecuzione razziale contro la comunità Rrom, persecuzione che peggiora di mese in mese e che ha condotto migliaia di famiglie in una condizione di indigenza ed emarginazione tragica.
Si deve inoltre rilevare che se l’antiziganismo era fino a qualche anno fa ad appannaggio della destra, oggi riguarda tutte le forze politiche del nostro Paese ed
è sostenuto da una campagna mediatica che amplifica le ideologie razziali, trasmettendo alla cittadinanza stereotipi e calunnie il cui scopo è quello di presentare i Rrom come un’etnia criminale.[...]
Contemporaneamente, solo nel corso del 2007 e dall’inizio del 2008 si sono verificati in Italia numerosi attentati a sfondo razziale contro Rrom, con vittime, roghi di baracche, uso di bombe incendiarie e altre armi. [...]
La stampa ha minimizzato l’accaduto e, come sempre accade quando gruppi di razzisti aggrediscono o uccidono Rrom, le autorità non hanno identificato nessuno dei colpevoli
Altrettanto iniqui sono stati i provvedimenti di espulsione attuati dalle autorità contro i Rrom indigenti (espulsione per mancanza di mezzi di sostentamento). Abbiamo dimostrato l’illegittimità di tali provvedimenti, di cui si è parlato anche in sede di UE -

L’accanimento contro i servizi di strada (lavaggio vetri, spettacoli all’aperto ecc.) e ’elemosina hanno tolto alle famiglie Rrom anche le ultime possibilità di procurarsi mezzi di sostentamento. Tutte queste azioni messe in atto dalle Istituzioni italiane, supportate dai media, hanno sicuramente influito sulla popolazione Rrom in età infantile e rendono assai più drammatiche le necessità prime rispetto a problemi – anch’essi seri, ma non vitali – come la scolarizzazione.
Come è risaputo, le condizioni di vita cui è costretta la comunità Rrom in Italia – per l’enorme maggioranza senza casa né possibilità di
rifugio fisso, senza mezzi di sopravvivenza né assistenza – ha abbassato la loro speranza media di vita a soli 40 anni. E’ importante sottolineare questi dati, perché rendono l’idea di come ormai le autorità, gli agenti di forza pubblica, gli operatori sociali, la popolazione si siano abituati a scene da Olocausto, in cui sgomberi violenti e azioni punitive colpiscono per la maggior parte bambini indifesi. Abbiamo
assistito personalmente a scene [...


Non dico leggerlo, ma almeno dargli un occhiata

Vedi il profilo dell'utente
82
Hara2
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@NinfaEco ha scritto:Idealisti contro realisti.


In nome del realismo non si può giustificare il razzismo. Che di questo si tratta quando si affibbiano a una etnia dei "vizi" quando si discriminano persone per cultura, religione, etnia, sesso, sessualità

Vedi il profilo dell'utente
83
diamanda
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Sì, siamo razzisti, e te ne accorgi solo ora? Già siamo razzisti tra di noi, ricorda le idee su nord e sud italia e quello che ancora oggi pensano molte persone che hanno creato un confine da roma in sù. quindi di cosa ti meravigli? Se già tra persone "cittadini italiani" si fanno così tante differenze perchè ti aspetti che non si dovrebbero fare per gente che non è nemmeno italiana? L'ideologia in italia è sempre stata xenofoba, basti ricordare come vengono sfruttati gli africani per certi lavori umili o le badanti dell'est sottopagate,...devo farti altri esempi? Basta vedere per strada come si comporta la gente quando vede qualcuno che non è vestito bene, che non porta abiti firmati o ha i capelli fuori posto. Han fatto alcuni programmi su questo, per far vedere quanto gli italiani siano attenti alle apparenze e quindi se una persona già ha di questi pregiudizi vuoi che non ne abbia per ciò che ritiene " diverso" da sè?!

Vedi il profilo dell'utente
84
NinfaEco
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@Hara2 ha scritto:
@NinfaEco ha scritto:Idealisti contro realisti.


In nome del realismo non si può giustificare il razzismo. Che di questo si tratta quando si affibbiano a una etnia dei "vizi" quando si discriminano persone  per cultura, religione, etnia, sesso, sessualità


Grazie al cielo non ho il potere di giustificare o condannare nessuno. Sono una tra mille e la mia opinione è una tra mille.
Tenendo quindi presente che il peso della mia umana opinione è tendente al nulla, se ti va comunque di tenerne conto, ti dico che sinceramente non vedo razzismo. Vedo delle sparate dovute alla confusione di piani: il problema di gestire il rapporto con un altra cultura è diventato un giudizio su "ciò che lo zingaro è". Ora, sono d'accordo sul fatto che è una confusione pericolosa perchè potrebbe portare all'intolleranza, ma questa deriva la eviti identificando il reale problema e non cancellandolo con la gomma.
È reale il fatto che la presenza degli zingari sul nostro territorio è gestita malissimo e che quindi spesso crea problemi, ad esempio. Riconoscerlo e volerla gestire meglio, nel nostro e nel loro interesse per me è la cosa più importante.

Vedi il profilo dell'utente
85
Hara2
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@diamanda ha scritto:Sì, siamo razzisti, e te ne accorgi solo ora? Già siamo razzisti tra di noi, ricorda le idee su nord e sud italia e quello che ancora oggi pensano molte persone che hanno creato un confine da roma in sù. quindi di cosa ti meravigli? Se già tra persone "cittadini italiani" si fanno così tante differenze perchè ti aspetti che non si dovrebbero fare per gente che non è nemmeno italiana? L'ideologia in italia è sempre stata xenofoba, basti ricordare come vengono sfruttati gli africani per certi lavori umili o le badanti dell'est sottopagate,...devo farti altri esempi? Basta vedere per strada come si comporta la gente quando vede qualcuno che non è vestito bene, che non porta abiti firmati o ha i capelli fuori posto. Han fatto alcuni programmi su questo, per far vedere quanto gli italiani siano attenti alle apparenze e quindi se una persona già ha di questi pregiudizi vuoi che non ne abbia per ciò che ritiene " diverso" da sè?!

Sì, sono d'accordo, ma va anche detto che i pregiudizi tra nord e sud sono contrastati e, a occhio, sembrano un fenomeno in riduzione.
Questo non avviene per quanto riguarda le etnie nomadi, né istituzionalmente né, è evidente, a livello di informazione né a quello "personale" da parte dei più.
Forse parlarne serve, forse no.

@NinfaEco ha scritto:
@Hara2 ha scritto:
@NinfaEco ha scritto:Idealisti contro realisti.


In nome del realismo non si può giustificare il razzismo. Che di questo si tratta quando si affibbiano a una etnia dei "vizi" quando si discriminano persone  per cultura, religione, etnia, sesso, sessualità


Grazie al cielo non ho il potere di giustificare o condannare nessuno.  Sono una tra mille e la mia opinione è una tra mille.
Tenendo quindi presente che il peso della mia umana opinione è tendente al nulla, se ti va comunque di tenerne conto, ti dico che sinceramente non vedo razzismo. Vedo delle sparate dovute alla confusione di piani: il problema di gestire il rapporto con un altra cultura è diventato un giudizio su "ciò che lo zingaro è". Ora, sono d'accordo sul fatto che è una confusione pericolosa perchè potrebbe portare all'intolleranza, ma questa deriva la eviti identificando il reale problema e non cancellandolo con la gomma.
È reale il fatto che la presenza degli zingari sul nostro territorio è gestita malissimo e che quindi spesso crea problemi, ad esempio. Riconoscerlo e volerla gestire meglio, nel nostro e nel loro interesse per me è la cosa più importante.

Anche la mia è una umana opinione tendente al nulla, io vedo dietro alcune posizioni, anche qui espresse, gli stessi pregiudizi, le stesse dinamiche, gli stessi meccanismi di produzione del pensiero di tutti i razzismi "storici"

 hug tenderly 

Vedi il profilo dell'utente
86
Pazza_di_Acerra
avatar
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Il fatto che a me abbiano rubato tre volte in casa, e che ogni volta fossero nomadi è dovuto sicuramente al caso. Forse il fatto che ora, ogni volta che incrocio dei nomadi, tendo a tenere stretta la borsa, è dovuto al mio innato razzismo, e non al fatto che il furto è una delle voci base della loro economia. Ma per piacere. .

Vedi il profilo dell'utente
87
Automaalox
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
"E' stato li zingheri!"

Cit. Katherine J. Junior

Vedi il profilo dell'utente
88
euvitt
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@NinfaEco ha scritto:
@Hara2 ha scritto:
@NinfaEco ha scritto:Idealisti contro realisti.


In nome del realismo non si può giustificare il razzismo. Che di questo si tratta quando si affibbiano a una etnia dei "vizi" quando si discriminano persone  per cultura, religione, etnia, sesso, sessualità


Grazie al cielo non ho il potere di giustificare o condannare nessuno.  Sono una tra mille e la mia opinione è una tra mille.
Tenendo quindi presente che il peso della mia umana opinione è tendente al nulla, se ti va comunque di tenerne conto, ti dico che sinceramente non vedo razzismo. Vedo delle sparate dovute alla confusione di piani: il problema di gestire il rapporto con un altra cultura è diventato un giudizio su "ciò che lo zingaro è". Ora, sono d'accordo sul fatto che è una confusione pericolosa perchè potrebbe portare all'intolleranza, ma questa deriva la eviti identificando il reale problema e non cancellandolo con la gomma.
È reale il fatto che la presenza degli zingari sul nostro territorio è gestita malissimo e che quindi spesso crea problemi, ad esempio. Riconoscerlo e volerla gestire meglio, nel nostro e nel loro interesse per me è la cosa più importante.
Gestire meglio la presenza zingaresca nel territorio implica semplicemente applicare a loro le leggi del territorio....e non arrecargli favore alcuno rispetto ai locali...
Mi pare che il PD ovviamente foraggiato abbia proposto una legge secondo la quale se gli zingari rubano piccole cifre non bisogna punirli perché questo fa parte della loro coltura
Li mortacci loro! E de sti fiji de na mignotta
Mi stai dicendo in pratica che devo fare spedizioni punitive al campo zingari perché tu li autorizzi a rubare
E poi se mi incazzo sono razzista?
Non sarai tu che sei un venduto?

Vedi il profilo dell'utente
89
Hara2
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Pazza_di_Acerra ha scritto:Il fatto che a me abbiano rubato tre volte in casa, e che ogni volta fossero nomadi è dovuto sicuramente al caso. Forse il fatto che ora, ogni volta che incrocio dei nomadi, tendo a tenere stretta la borsa, è dovuto al mio innato razzismo, e non al fatto che il furto è una delle voci base della loro economia. Ma per piacere. .

A me i tossici,  ma quello che tu dici mi pare una cosa diversa: non implica necessariamente che tu abbia pregiudizi contro una etnia ma contro i ladri, usi prudenza verso chi sai o supponi possa più facilmente derubati.  Se fossero solo coloro che si chiamano Mario faresti lo stesso.
Diverso è qualora tu pensi che tale incidenza non derivi da miseria emarginazione o ignoranza ma dal fatto che sono zingari.  (I quali tra l'altro sono davvero restii alla violenza) poi c'è l'influenza dei media.. sono i rumeni i molestatori,  le ucraine le sciupafamiglie...
A me pare singolare che non si voglia vedere il razzismo di cui siamo portatori, magari sarebbe utile farlo che chissa, visto mai, con un po di onesta intellettuale certe questioni che riguardano tutti si possano anche risolvere o quantomeno provarci

Vedi il profilo dell'utente
90
Hara2
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico

Vedi il profilo dell'utente
91
paolo iovine
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
stacchetto

Vedi il profilo dell'utente
92
Candido
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Pazza_di_Acerra ha scritto:Il fatto che a me abbiano rubato tre volte in casa, e che ogni volta fossero nomadi è dovuto sicuramente al caso. Forse il fatto che ora, ogni volta che incrocio dei nomadi, tendo a tenere stretta la borsa, è dovuto al mio innato razzismo, e non al fatto che il furto è una delle voci base della loro economia. Ma per piacere. .

Ma poi, oltretutto, se dico che uno ruba, vuol dire che lo considero come appartenente ad una razza inferiore? Cosa c'entra?

Vedi il profilo dell'utente
93
Hara2
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Se dico che jamal puzza e fa schifo e che non lo prenderei neanche cameriere che tanto non è buono neanche a lavorare è una cosa, se dico che Jamal è un Negro e perciò puzza e mi fa schifo ecc a me suona diverso. Caio ruba, Caio è rom quindi.
Non è una differenza da poco

Vedi il profilo dell'utente
94
Candido
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Hara2 ha scritto:Se dico che jamal puzza e fa schifo e che non lo prenderei neanche cameriere che tanto non è buono neanche a lavorare è una cosa,  se dico che Jamal è un Negro e perciò puzza e mi fa schifo ecc a me suona diverso. Caio ruba, Caio è rom quindi.
Non è una differenza da poco

Sì, ma il dato di fatto è che un'alta percentuale di zingari ruba. Il che, ripeto, non equivale però a sostenere che gli zingari rappresentino una razza inferiore.

Vedi il profilo dell'utente
95
db_cooper
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Post hoc ergo propter hoc
 wc 

Vedi il profilo dell'utente
96
Candido
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Un articolo esagerato, razzista? Comunque dà da discutere... http://www.ilgiornale.it/news/interni/tutelano-pi-loro-noi-due-1035496.html

Vedi il profilo dell'utente
97
Hara2
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
La domanda ovvia è perché vi sia una maggiore percentuale di microdelinquenza? E la risposta mi sembrerebbe altrettanto ovvia
E se la compariamo(la percentuale) a un gruppo d persone italiane o quel che vuoi che vivono nelle stesse condizioni?
Cosa avrebbero dovuto fare negli usa quando una minoranza degli immigrati italiani dette vita alla più potente e nefasta organizzazione criminale dell'universo mondo?

Vedi il profilo dell'utente
98
Magonzo
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Hara2 ha scritto:Se dico che jamal puzza e fa schifo e che non lo prenderei neanche cameriere che tanto non è buono neanche a lavorare è una cosa,  se dico che Jamal è un Negro e perciò puzza e mi fa schifo ecc a me suona diverso. Caio ruba, Caio è rom quindi.
Non è una differenza da poco
onestamente, non credo che questo tipo di razzismo diffuso, almeno in Italia e Occidente industrializzato di oggi;

c'è una postura mentale e ideologica di recupero del "politicamente scorretto" in cui confluisce anche una specie di razzismo di seconda mano, accanto a tante altre affermazioni reattive;
ma non sono sentimenti "genuini", non nell'accezione in cui li abbiamo appresi e codificati;
di genuino c'è, appunto, l'insofferenza per la retorica del politicamente corretto e il desiderio di affermare "me ne frego", "nun me rompete er cazzo", che è un po' l'assimilazione postuma del punk di 40 anni fa;
roba vecchia, insomma;

un po' Johnny Rotten, un po' Nietzsche, un po' Howard Stein e Giulianone Ferrara, col brividino da orsolina in vacanza di sentirsi "contro" e fuori le righe, perché si è stanchi del pout pourri massificato, de presunto pensiero unico, ecc...
in fondo, è gente che si annoia se non fa polemica.

Vedi il profilo dell'utente
99
Candido
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Unire Johnny Rotten con Giulianone Ferrara mi pare un tuffo con salto mortale triplo carpiato e ricarpiato... e poi non credo che la penserebbero allo stesso modo sugli zingari...  SGHIGNAZZARE 

Vedi il profilo dell'utente
100
Magonzo
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Candido ha scritto:Unire Johnny Rotten con Giulianone Ferrara mi pare un tuffo con salto mortale triplo carpiato e ricarpiato... e poi non credo che la penserebbero allo stesso modo sugli zingari...  SGHIGNAZZARE 
in un certo senso, hai centrato il punto;

le idee non c'entrano un tubo, è la postura umorale che costituisce il fil-rouge;

se leggo i post di tanti utenti, qui come altrove, emerge proprio un tipo umano comunissimo che ha una gran voglia di alzare la voce, fare strame degli interlocutori, più che delle idee, liberarsi delle contraddizioni, rovesciare la scacchiera di una partita complicata;
gente che perde la pazienza o si annoia, che ha l'impulso di affermare un pensiero "forte", in genere limitato ad uno slogan da stadio o al m'importasega;
appunto, il me ne frego, l'I don't care di Rotten, che però era fondativo e liberatorio all'epoca;

quello che noto, è il tono generale dell'umore, che è comune a tantissimi, dominato all'insofferenza anche - tra le persone che conosco e frequento - nei casi in cui non sembrerebbe particolarmente giustificata da condizioni oggettive;
insofferenza per ogni vincolo o regola originaria e scarsa curiosità e diffidenza nei confronti di qualunque idea diversa dalla propria.

Vedi il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 4 di 16]

Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5 ... 10 ... 16  Seguente

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum