Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

I significati delle etichette della birra

Condividere 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
ReLear
avatar
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Vi siete mai interrogati sul significato delle etichette della birra?
Incredibilmente ne hanno uno.

   Il triangolino rosso che domina l’etichetta della Bass risulta essere il primo marchio registrato nel Regno Unito, per la precisione nel primo giorno dell’anno 1876. Fu scelto per la sua chiarezza, semplicità e capacità di attirare l’attenzione anche dei potenziali clienti più ubriachi.
   La chiave rovesciata che occupa la parte superiore dell’etichetta della Beck’s ha un significato molto semplice: altro non è se non l’immagine speculare dello stemma della città di Brema, dove tale birra è nata e viene attualmente prodotta.
   Quanti di voi hanno provato a decifrare la piccola scritta in corsivo sull’etichetta della Budweiser? Le tre righe recitano più o meno così: ‘Questa è la famosa birra Budweiser. Non conosciamo nessun altro marchio, prodotto da qualunque altro birraio, che risulti altrettanto costoso in termini di produzione e invecchiamento. Il nostro processo di invecchiamento in botti di faggio garantisce un gusto, una raffinatezza e una piacevolezza che non troverete in nessun’altra birra di qualsiasi altro prezzo’.
   La Dos Equis fu prodotta per la prima volta nel 1897 e venne chiamata ‘Siglo XX’, in onore del ventesimo secolo che stava per arrivare. Il nome venne poi accorciato in ‘XX’ o, appunto, ‘Dos Equis’. Tra le due X impresse sull’etichetta compare il volto dell’imperatore azteco Montezuma II, ucciso nel 1520 durante l’invasione degli Spagnoli in Messico.
   Sapete cosa indica la stella rossa sull’etichetta dell’Heineken? Tranquilli, nemmeno i suoi produttori ne sono a conoscenza. Il birrificio non è in grado di indicare con certezza cosa rappresenti quel disegno, ma l’opinione maggioritaria è che risalga a delle credenze medievali, come simbolo di potere mistico che conferiva protezione ai produttori di birra.
   Più facile decifrare l’arpa collocata sull’etichetta della Guinness. Lo strumento musicale è il simbolo per eccellenza dell’Irlanda, ma questo logo venne creato basandosi su uno in particolare, l’arpa di Brian Boru. Ad oggi, questa è l’arpa celtica più antica ancora esistente ed è conservata presso il Trinity College.
   Una stella blu è impressa sull’etichetta della Newcastle Brown Ale. Le sue cinque punte rappresentano i cinque birrifici originari della città e al suo interno si può distinguere il profilo di Newcastle, con il Tyne Bridge ben riconoscibile.
La  Stella Artois risale al 1366, quando venne prodotta dal birrificio Den Hoorn di Leuven, in Belgio. Deen Hoorn significa ‘corno’ ed è a questo che si deve il piccolo strumento musicale raffigurato sulla parte superiore dell’etichetta.

( tratto da haisentito.it)

Vedi il profilo dell'utente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum