Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Perchè ci si innamora del terapeuta ?

Condividere 

Vai alla pagina : 1, 2, 3, 4  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 4]

1
Zingara
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Perché molte persone si innamorano del loro terapeuta (uomo o donna che sia)?

So che la teoria psicodinamica spiega il fenomeno attraverso il transfert, cioè quella condizione emotiva che caratterizza la relazione del paziente nei confronti dell’analista.
Freud conosceva già il problema, per averlo vissuto indirettamente attraverso l’esperienza di Breuer con Anna O. , oltre che su sé stesso: ritenne tuttavia che questi sentimenti  dovessero essere considerati come ulteriori dati scientifici forniti dai pazienti, che andavano integrati e capiti dal terapeuta, allo scopo di facilitare il processo di guarigione del paziente.
Per Freud infatti, il transfert era un processo che permetteva al paziente di rivivere, e di far rivivere, antichi sentimenti sessualizzati, associati con la nevrosi originaria. In un certo senso essi funzionavano come una resistenza, dal momento che, durante l’analisi, questi prendevano il posto dei precedenti sintomi nevrotici, in una forma nuova e mascherata della nevrosi originaria.
Non sempre i sentimenti provati dal paziente nei confronti dell’analista sono di tipo romantico: spesso essi possono ricordare la relazione padre-figlio, dove il terapeuta assume un ruolo genitoriale nella mente del paziente, con il/la quale rivivere il rapporto, più o meno traumatico, dell’infanzia e dell’adolescenza.
Erich Fromm invece diceva che questo fenomeno dipendeva dalla normale attrazione che, di fronte alle difficoltà date da un cammino di individuazione, l’essere umano potesse sentirsi attratto da una figura onnipotente come quella del terapeuta, cui affidarsi e perfino sottomettersi.  

Insomma perché sorgono questi amori durante la relazione terapeutica?

Vedi il profilo dell'utente
2
Yale
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
Non capisco. Stai facendo la domanda a noi?
Le risposte di Freud e Fromm non ti soddisfano?

Vedi il profilo dell'utente
3
paolo iovine
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
perché sa mentire bene.

Vedi il profilo dell'utente
4
Yale
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
Paolo, Paolo...non cogli mai l'occasione per fare bella figura eh?

Vedi il profilo dell'utente
5
paolo iovine
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
è la verità.

Vedi il profilo dell'utente
6
Yale
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
La verità secondo Paolo Iovine?
E sentiamo un po'...
Perché mai dovrebbe mentire, un terapeuta? E su cosa?

Vedi il profilo dell'utente
7
paolo iovine
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
sull' idea che ha di chi ha di fronte, il perché è ovvio.

Vedi il profilo dell'utente
8
Yale
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
@paolo iovine ha scritto:sull' idea che ha di chi ha di fronte, il perché è ovvio.

Il perché è ovvio solo per te.
Esplicitalo.

Vedi il profilo dell'utente
9
Kakkadura
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Io mi sono innamorato perché è bella.

Vedi il profilo dell'utente
10
Zingara
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Non capisco il tono polemico.
Ho rivolto una domanda perchè vorrei sentire il parere delle persone. Che c'è di strano? Perchè domandare questo vorrebbe dire che non mi soddisfano le teorie citate? Anzi, se oltre a dirmi cosa ne pensate mi dite altre spiegazioni del fenomeno che eventualmente conoscete mi fa piacere saperle.
Spero che per tutti qui ci sia libertà di chiedere e di rispondere.

Vedi il profilo dell'utente
11
euvitt
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
direi che la domanda andrebbe rivolta alle donne perché questo è un meccanismo tutto femminile
...non che io non potrei innamorarmi della mia terapeuta (se solo ne avessi una) ma di certo non perché è la mia terapeuta
come maschio tendo a proteggere piuttosto che farmi proteggere e "una figura onnipotente come quella del terapeuta, cui affidarsi e perfino sottomettersi" mi fa venir voglia di metterla alla prova sputandogli senza motivo in un occhio per saggiarne la disciplina la calma e l'autocontrollo

Vedi il profilo dell'utente
12
Zingara
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Quella è la spiegazione di Fromm, se ti basi sulla spiegazione di Freud che è diversa, potresti non essere immune.
Perchè credi che il maschio non cerchi protezione?

Vedi il profilo dell'utente
13
euvitt
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Zingara ha scritto:Quella è la spiegazione di Fromm, se ti basi sulla spiegazione di Freud che è diversa, potresti non essere immune.
Perchè credi che il maschio non cerchi protezione?
non esiste un solo maschio ovviamente e poi come saprai i principi maschili e femminili si miscelano (più o meno armooniosamente) in ogni essere
il principio maschile chiede di penetrare e non di essere penetrato....e non solo in senso sessuale
non fraintendermi...non esiste una qualche superiorità in uno dei due principi ma certe meccaniche appartengono alla donna e non all'uomo
per me è sintomo di debolezza cercare protezione e se anche potrei accettare una protezione fisica mai e poi mai accetterei una protezione mentale

Vedi il profilo dell'utente
14
Candido
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Zingara ha scritto:Non capisco il tono polemico.
Ho rivolto una domanda perchè vorrei sentire il parere delle persone. Che c'è di strano? Perchè domandare questo vorrebbe dire che non mi soddisfano le teorie citate? Anzi, se oltre a dirmi cosa ne pensate mi dite altre spiegazioni del fenomeno che eventualmente conoscete mi fa piacere saperle.
Spero che per tutti qui ci sia libertà di chiedere e di rispondere.

Beh, mi pare che tu abbia già fornito le risposte giuste. A me è sempre sembrata una cosa del tutto normale, qualsiasi figura carismatica, che sia analista, guru, capo religioso, politico, attore o cantante famoso, viene adorata, tanto più l'analista dal quale si recano persone per lo più bisognose di affetto, protezione, suggerimenti, veri e propri ordini! Mi chiederei solo perché questo accade al 90% alle donne, qui il discorso si allarga...Probabilmente la donna considera di più il RUOLO rispetto all'uomo, che è invece più attento al lato puramente legato all'attrazione fisica...

Vedi il profilo dell'utente
15
Zingara
avatar
Viandante Residente
Viandante Residente
Euvitt:
Non avevo equivocato pensando che ritenessi l'uomo superiore.
Se mi dici che dipende da uomo a uomo, sono più vicina alla tua posizione. 

Candido:
Io non ho risposto. Ho riportato due risposte importanti.
La questione però è aperta visto che ci sono molte interpretazioni possibili e per quel poco che conosco, già ne scopro due o tre.
Inoltre tutti abbiamo diritto/dovere di esercitare il nostro pensiero critico.
Tu cosa ne pensi?

Vedi il profilo dell'utente
16
Candido
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Sono assolutamente d'accordo con Fromm, Freud metteva il sesso dappertutto perché la lingua batte dove il dente duole. Veramente non ho capito il discorso sul diritto di esercitare il nostro pensiero critico...
Ripeto, il punto che mi pare interessante è invece la grande predisposizione delle donne all'adorazione della figura carismatica, il carisma in quei casi si estende al lato dell'attrazione sessuale, ritengo come ulteriore aspetto dei problemi vissuti. Per l'uomo è assai più difficile che accada una cosa simile, questa almeno è la mia esperienza personale, e non sarei mai attratto da una Rosy Bindi neanche al tempo del suo massimo potere politico...  rotolarsi dal ridere

Vedi il profilo dell'utente
17
Yale
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
@Zingara ha scritto:Non capisco il tono polemico.
Ho rivolto una domanda perchè vorrei sentire il parere delle persone. Che c'è di strano? Perchè domandare questo vorrebbe dire che non mi soddisfano le teorie citate? Anzi, se oltre a dirmi cosa ne pensate mi dite altre spiegazioni del fenomeno che eventualmente conoscete mi fa piacere saperle.
Spero che per tutti qui ci sia libertà di chiedere e di rispondere.

Come sei libera tu di fare domande, sono libera anch'io di esprimere il mio parere sulla loro vacuità.
Se poi la vuoi chiamare polemica...

Comunque sto ancora aspettando la spiegazione di Paolo.

Vedi il profilo dell'utente
18
Yale
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
@euvitt ha scritto:direi che la domanda andrebbe rivolta alle donne perché questo è un meccanismo tutto femminile

Direi di no.

Vedi il profilo dell'utente
19
euvitt
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
Possiamo azzardare un'altra spiegazione
Nella donna il collegamento tra affettività e sessualità è più aperto, più potente più comune che non nell'uomo
Facendo breccia in qualche modo nel cuore di una donna attraverso un rapporto dialettico intimo puoi arrivare al sesso diciamo così dall'alto
Un uomo apprezzerà sicuramente un rapporto affettivo ma il richiamo sessuale non gli parte da li

Vedi il profilo dell'utente
20
Yale
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
@euvitt ha scritto:Possiamo azzardare un'altra spiegazione
Nella donna il collegamento tra affettività e sessualità è più aperto, più potente più comune che non nell'uomo
Facendo breccia in qualche modo nel cuore di una donna attraverso un rapporto dialettico intimo puoi arrivare al sesso diciamo così dall'alto
Un uomo apprezzerà sicuramente un rapporto affettivo ma il richiamo sessuale non gli parte da li

Stai cercando una spiegazione ad una differenza uomo/donna che non esiste.
Oltretutto di un fenomeno alquanto raro.



Ultima modifica di Yale il Ven 2 Mag 2014 - 20:17, modificato 1 volta

Vedi il profilo dell'utente
21
Yale
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
@ Zingara:
Che poi non capisco perché ti indispettisci tanto: non è nemmeno farina del tuo sacco.
Di nuovo.

http://www.psicolinea.it/innamorarsi-del-terapeuta-leffetto-collaterale-della-psicoterapia/

Vedi il profilo dell'utente
22
euvitt
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
ne sei certa Yale?
(Che non esista questa differenza)

Vedi il profilo dell'utente
23
Yale
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
@euvitt ha scritto:ne sei certa Yale?
(Che non esista questa differenza)


Sì, per la definizione stessa di Transfert.

Vedi il profilo dell'utente
24
euvitt
avatar
Viandante Storico
Viandante Storico
@Yale ha scritto:
@euvitt ha scritto:ne sei certa Yale?
(Che non esista questa differenza)


Sì, per la definizione stessa di Transfert.
Che è solo una definizione, anche datata, e non racchiude tutto quello che può avvenire tra una persona che si vede problematica a cospetto di una persona vista come saggia e dispensatrice di ....cose buone che ci servono per vivere

Vedi il profilo dell'utente
25
biba
avatar
Viandante Mitico
Viandante Mitico
Non che....sicura di se...che non è poco.

Vedi il profilo dell'utente
26
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 4]

Vai alla pagina : 1, 2, 3, 4  Seguente

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum